Snowden atterrato a Mosca

La 'talpa' resta in aeroporto. Prossima rotta: forse Venezuela. Ma prima una tappa a Cuba. Si inaspriscono i rapporti tra Usa e Hong Kong

La 'talpa' su cui gli Stati Uniti vogliono mettere le mani è atterrata a Mosca. Lì, nell'aeroporto della capitale russa, dovrebbe restare per varie ore in attesa di un volo che - via Havana, Cuba - lo porterà forse in Venezuela. E' questa la probabile rotta che Edward Snowden sta per imboccare. E con la quale punta a sfuggire all'arresto ordinato dagli Stati Uniti. Secondo il South China Morning Post, altre possibili mete sono Islanda o Ecuador - lo stesso Paese che ospita nell'ambasciata a Londra il fondatore di WikiLeaks Julian Assange.

Il ragazzo, grazie anche all'aiuto dei legali di WikiLeaks, è riuscito ha lasciare Hong Kong, dove si nascondeva dallo scorso maggio e da dove ha rivelato le attività segrete della National Security Agency che hanno finito per far paragonare l'America al Grande Fratello orwelliano. I documenti, affidati nell'ordine al The Guardian, The Washington Post e al South China Morning, hanno descritto la raccolta di tabulati telefonici di milioni di americani e l'intromissione nei server dei giganti tecnologici per monitorare stranieri.

Mentre Snowden resta presumibilmente all'interno dell'aeroporto di Mosca per non entrare ufficialmente nel territorio russo ed essere così soggetto all'arresto, si profila un'altra ipotesi: che la 'talpa' chieda asilo politico all'ombra del Cremlino. Lo scorso 11 luglio, il portavoce del presidente Vladimir Putin, Dmitry Peskov, aveva detto che Mosca potrebbe "considerare" una tale richiesta. Ma al momento, riferiscono i media locali, nessuna domanda di asilo è arrivata. Certo è che le tensioni tra Russia e Stati Uniti, già divisi sulla gestione del conflitto siriano, si complicherebbero ulteriormente.

La diplomazia americana è al lavoro per cercare di trovare una soluzione dopo che Hong Kong ha di fatto sbattuto la porta in faccia a Washington DC. Ieri gli Stati Uniti avevano chiesto l'intervento del territorio cinese con un ordine di arresto. In base all'Espionage Act, Snowden è stato accusato di furto, "comunicazione non autorizzata di informazioni riguardanti la difesa nazionale" e "comunicazione intenzionale di informazioni di intelligence a una persona non autorizzata". Ma oggi Hong Kong ha risposto dicendo che il ragazzo, ex dipendente della Booz Allen Hamilton (società privata che fornisce servizi d'intelligence al governo statunitense), ha lasciato il Paese "attraverso un canale legale e normale". La domanda di estradizione avanzata da Washington è, secondo Hong Kong, incompleta. Solo poche ore prima dagli Stati Uniti una persona coinvolta nel caso Snowden aveva detto: se Hong Kong non agisce velocemente "complicherà le nostre relazioni bilaterali e solleverà dubbi sull'impegno a rispettare la legge".

Altri Servizi

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha incontrato i suoi massimi consiglieri per valutare un possibile accordo con i talebani, che potrebbe permettere agli Stati Uniti di mettere fine alla loro presenza in Afghanistan. All'incontro hanno partecipato, tra gli altri, il vicepresidente Mike Pence, il segretario di Stato, Mike Pompeo, la direttrice della Cia, Gina Haspel, e il consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton. In un tweet dopo l'incontro, che si è tenuto nel suo golf club in New Jersey, Trump ha scritto che gli Stati Uniti "stanno cercando di fare un accordo, se possibile".

Suicidio in carcere per il finanziere Epstein

Stava aspettando l'inizio del processo. Era accusato di avere reclutato e sfruttato sessualmente una "rete di vittime" giovanissime. Fbi e Giustizia indagano. Focus sulle procedure di sicurezza nel centro di detenzione

Probabilmente suicidio. Il finanziere newyorchese che per anni ha sfruttato sessualmente minori anche solo di 14 anni è stato trovato morto nella cella del carcere dove si trovava in attesa che iniziasse il processo a suo carico. Se fosse stato giudicato colpevole, avrebbe dovuto trascorrere il resto della sua vita in carcere visto che la pena sarebbe stata di 45 anni.

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

Per il re del "Big Short", proteste Hong Kong una minaccia per economia globale

Steve Eisman teme che possano diventare un "cigno nero"

Le proteste a Hong Kong potrebbero mettere a repentaglio un qualsiasi accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina e potrebbero pesare sull'economia globale. Per questo, quelle proteste sono la principale preoccupazione per Steve Eisman, l'investitore reso celebre anche fuori dagli ambienti di Wall Street grazie al film "The Big short".

Wall Street, pesano le tensioni internazionali

Dalla guerra commerciale tra Usa e Cina alle proteste a Hong Kong
AP

BlackRock diventerà socio di maggioranza nel proprietario di Sport Illustrated

Si tratta di Authentic Brands, che controlla anche i diritti legati a Marilyn Monroe e Muhammad Ali

Il più grane asset manager al mondo scommette sul private equity. BlackRock sta per prendere la quota di controllo di Authentic Brands, gruppo con sede a New York che ha le licenze di 50 marchi tra l'intrattenimento e il lifestyle che generano ogni anno 9,3 miliardi di dollari. 

Hong Kong, la Cina accusa gli Usa di fomentare il caos

Pechino biasima soprattutto Pelosi e McConnell

Gli Stati Uniti fomentano il caos a Hong Kong. L'accusa è stata formulata dalla portavoce del ministero degli Esteri cinese, secondo cui ci sono "prove evidenti" del coinvolgimento di Washington nelle proteste. La portavoce Hua Chunying ha commentato: "Gli Stati Uniti hanno negato in molte occasioni il loro coinvolgimento nelle violenze in corso a Hong Kong. I commenti di alcuni membri del Congresso - il riferimento è alla speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, e al leader della maggioranza repubblicana in Senato, Mitch McConnell, ndr - hanno fornito al mondo nuove ed evidenti prove del coinvolgimento" degli Stati Uniti.

GE rimbalza: Ceo compra 2 mln $ di azioni dopo accusa di frode in stile Enron

Ieri il tonfo maggiore da 11 anni dopo la diffusione di un rapporto redatto da colui che aveva avvertito sullo schema Ponzi creato da Bernie Madoff

La Fda rilancia la lotta per mettere immagini choc sui pacchetti di sigarette

L'agenzia federale perse la battaglia legale contro le multinazionali nel 2012