Social media: la fabbrica di follower

Inchiesta del New York Times: sono circa 48 milioni i profili fake su Twitter "pensati per simulare persone reali". Devumi ha 200mila clienti e ha venduto oltre 3,5 milioni di account automatici. Il giornale ha speso 225 dollari per 25.000 follower falsi

La popolarità ha un prezzo. Anche sui social media. Celebrità, atleti, politici e chiunque voglia trarre vantaggio - e denaro - dai propri seguaci, hanno milioni di follower falsi. Stando a un'inchiesta del New York Times, sono circa 48 milioni i profili fake su Twitter "pensati per simulare persone reali", a loro volta presenti sulla piattaforma ma che non hanno dato alcun permesso all'uso di immagini e nomi propri. Quei profili fake servono per essere venduti a chi vuole avere più follower e dunque guadagnare potenzialmente migliaia di dollari a seconda di quante persone vedono i loro "tweet promozionali. Eppure la loro creazione e vendita cade in un campo legale grigio".

La scoperta non è da poco visto che, scrive il Nyt, gli account falsi "posso influenzare l'audience di campagne pubblicitarie e condizionare i dibattiti politici. Possono inoltre frodare aziende e rovinare reputazioni" altrui. Il risultato dell'inchiesta getta cattiva luce su Twitter, alle prese non solo con un esodo di manager (l'ultimo, il suo direttore operativo) ma anche con le critiche dei legislatori convinti che la piattaforma non abbia fatto abbastanza per frenare la circolazione di fake news. E questo nonostante il gruppo "proibisca in maniera stringente" l'acquisto o la vendita di follower e di interazioni.

L'indagine del quotidiano newyorchese getta luce su Devumi, azienda che "ha generato milioni di dollari nel mercato globale oscuro delle frodi sui social media" e su cui la procura di New York ha aperto un'inchiesta. Il gruppo, scrive il Nyt, "vende follower su Twitter e retweet a favore di celebrità, aziende e chiunque voglia apparire più popolare o avere influenza online". Stando ai calcoli del giornale, Devumi ha oltre 200.000 clienti (anche stranieri) tra cui star della tv, atleti, comici, speaker delle TED Talk e ha venduto almeno 3,5 milioni di account automatici su Twitter, ognuno rivenduto più volte arrivando a garantire alla sua clientela oltre 200 milioni di follower su quella piattaforma. Almeno 55.000 di quegli account utilizzano nomi, immagini di profili e dettagli personali di utenti reali di Twitter. Il Ceo e fondatore del gruppo, German Calas, ha negato al Nyt di vendere follower falsi e ha detto di non sapere nulla delle identità social rubate. Eppure il giornale ha ricordato che il sito dell'azienda recita: "I nostri follower sembrano come qualsiasi altro follower...l'unico modo in cui qualcuno può scoprirlo e se tu glielo dici".

Per capire il business di Devumi, il New York Times ne è diventato cliente. Lo scorso aprile il giornale ha creato un account su Twitter e ha pagato Devumi 225 dollari per 25.000 follower. Come pubblicizzato, i primi 10.000 sembravano persone reali aventi foto, nomi completi e informazioni personali dall'apparenza autentica. A un'analisi attenta, il quotidiano ha notato minuscole differenze tra il nome dell'account di un utente reale rispetto a quello fake. La grossa differenza sta generalmente nel numero di persone seguite da quell'account: quello falso ne ha migliaia. Inoltre, quello fake fa retweet di messaggi di vario genere e in varie lingue. Dei 25.000 follower comprati dal Nyt, gli altri 15.000 erano chiaramente sospetti non avendo immagini associate ai profili e avendo nomi fatti di un insieme senza significato di lettere e numeri.

Stando al giornale, ad avere fatto acquisti di seguaci presso questo gruppo figurano un reporter del sito di ultradestra Breitbart, un membro del cda di Twitter (Martha Lane Fox) e una ex star della squadra di football Baltimore Ravens (Ray Lewis). Alcuni clienti di Devumi, ha scoperto il Times, fanno acquisti non solo a titolo personale ma anche per lavoro: è il caso di Marcus Holmlund, assunto come social media manager da un'agenzia di modelle; iniziò a comprare follower dopo che i seguaci su Twitter del suo datore di lavoro non stavano crescendo abbastanza velocemente. In altri casi a comprare account fake sono agenti, famigliari o membri di uno staff di una persona.

Questa fabbrica di follower ha generato conseguenze devastanti per alcuni utenti reali di Twitter. Nell'inchiesta viene citata una donna che smise di usare il sito di microblogging nel 2014 dopo che un account falso che racalcava le sue informazioni personali ha iniziato a sparare tweet dai contenuti controversi. In pratica, gli account falsi venduti "hanno preso in prestito le identità sociali di utenti Twitter" in tutto il mondo, "dagli adulti ai minori". 

La risposta di Twitter, già criticata insieme ad altre piattaforme social come Facebook? "Continuiamo a lottare per fermare l'automazione maligna sulla nostra piattaforma così come gli account falsi". Il Nyt ha fatto però notare che Twitter non ha detto se gli account falsi forniti dal giornale stesso come esempio - ognuno basato su un utente reale - abbia violato le regole del gruppo. Una portavoce dell'azienda ha spiegato che Twitter generalmente non sospende gli utenti sospettati di avere comprato account automatici in parte perché è difficile sapere chi è il responsabile di ogni acquisto. Solo dopo l'annuncio dell'apertura dell'inchiesta da parte della procura di New York, Twitter ha detto che "le tattiche usate da Devumi sulla nostra e altre piattaforme così come descritte da un articolo del NYT violano le nostre politiche e sono per noi inaccettabili".

 

 

Altri Servizi
AP

L'irriverente Elon Musk riuscirà davvero a delistare la sua Tesla realizzando un buyout a debito piuttosto costoso? E' quello che si chiedono esperti e analisti all'indomani di una serie controversa di tweet in cui il fondatore e Ceo del produttore americano di auto elettriche ha annunciato che sta valutando se trasformare Tesla in un'azienda non più quotata acquistando le azioni in circolazione a 420 dollari, un'offerta che valuterebbe il gruppo 82 miliardi di dollari (debito incluso). Per ora una decisione finale non è stata presa ma Musk, ha poi detto ieri in un memo ai dipendenti, pensa che quella indicata sia la strada giusta da percorrere. Il cda del gruppo oggi ha ammesso che "la settimana scorsa" Musk ha iniziato a parlarne e che da allora il board "si è riunito varie volte e sta compiendo i passi appropriati per valutare" una simile mossa. Va notato tuttavia che sei sui nove membri del cda si sono sentiti in dovere di dire qualcosa. A non firmare la nota diffusa sono stati Musk, il fratello Kimbal e un venture capitalist. I dubbi del mercato su una simile operazione abbondano, visto che l'azienda ha un flusso di cassa negativo, non è redditizia (ma dovrebbe iniziare a esserlo dal trimestre in corso) e pur avendo finito il secondo trimestre con 2,2 miliardi di cash ha un debito di oltre 10 miliardi di dollari. C'è poi chi teme che l'autorità di borsa Usa, la Sec, possa accendere un faro sulle modalità scelte da Musk per comunicare le sue intenzioni.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade

Coca-Cola ha deciso di comprare una quota in BodyArmor, una start-up di bevande sportive tra i cui sostenitori figurano la stella americana del basket Kobe Bryant e altri atleti. Così facendo il colosso delle bibite punta a sfidare (e magari vincere contro) Gatorade, la bevanda per sportivi di proprietà di PepsiCo che domina il mercato di riferimento.

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock