Sondaggio Usa 2018: i democratici avanti (complessivamente) nei 69 collegi in bilico

Rilevazione del Washington Post negativa per i repubblicani, visto che si tratta di collegi dove nel 2016 hanno vinto con 15 punti di vantaggio

I democratici sarebbero in leggero vantaggio sui repubblicani nei 69 collegi considerati in bilico della Camera, in vista delle elezioni di metà mandato del 6 novembre. È questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Washington Post-Schar School. Un dato preoccupante per il partito di maggioranza, soprattutto considerando che si tratta di collegi dove, nel 2016, i repubblicani hanno vinto con 15 punti di vantaggio (56%-41%). Secondo il sondaggio, effettuato su 2.672 elettori, il 50% preferisce i democratici, mentre il 46% sostiene i repubblicani.

La spinta arriva soprattutto dalle donne, visto che il 56% voterà per i democratici, mentre il 40% sceglierà i repubblicani; gli uomini, invece, continuano a preferire i repubblicani (51%-46%). Il 6 novembre si voterà in tutti e 435 i collegi elettorali, ma il controllo del Congresso sarà deciso dal 16% degli americani, che vive nei 69 collegi in bilico. Si tratta di collegi che, attualmente, sono rappresentati da 63 repubblicani e sei democratici; alle presidenziali, Donald Trump ha vinto in 48 di questi collegi, Hillary Clinton in 21.

I democratici, va ricordato, hanno bisogno di guadagnare 23 seggi alla Camera, per ottenere la maggioranza. In questi 69 collegi, gli elettori hanno dichiarato che la loro scelta sarà molto influenzata dalle nomine alla Corte Suprema (64%), da Trump (60%), dalla sanità (57%) dall'economia (55%) e dall'immigrazione (52%), mentre sembrano poco interessati al controllo delle armi (41%), alle indagini di Robert Mueller sulle ingerenze russe e le possibili collusioni con lo staff di Trump (35%) e al commercio internazionale (33%).

Altri Servizi

Wall Street, restano le tensioni commerciali Usa-Cina

Dati: in programma la fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan
AP

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap

La pornostar Stormy Daniels ha raggiunto un accordo con l'ex legale di Donald Trump, Michael Cohen, ritirando l'ultima delle tre cause avviate dal suo ex legale Michael Avenatti, nell'ambito della presunta relazione avuta nel 2006 con l'attuale presidente degli Stati Uniti. Lo riporta la Cnn che cita i documenti del tribunale.

Bezos vince la battaglia per il dominio ".amazon", America Latina sconfitta

Lo scontro era iniziato nel 2012. La decisione è stata presa dall'Icann, visto che la società di Seattle e i governi non hanno trovato un accordo
AP

Tesla: il ritorno all'utile? Per analisti, è come scalare il Kilimangiaro

Wedbush, a dicembre tra il più ottimista, taglia l'obiettivo di prezzo sotto la media di Wall Street. Il titolo sotto i 200 dollari, prima volta da oltre due anni. Situazione da "codice rosso"
AP

L’Italia dell’High Tech protagonista alla Collision Conference a Toronto

Matteo Picariello, direttore Ice Canada: portiamo 19 aziende, prima presenza in assoluto

Wall Street, si guarda ai rapporti Usa-Cina

Google ha deciso di vietare a Huawei l'aggiornamento di Android
AP

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
US Departement of Defence