Sondaggio Wsj: gli americani sono stanchi dell'interventismo

Cresce la voglia di pensare soprattutto agli affari interni

Gli americani vogliono il ritorno a una politica non interventista. E' quello che emerge dal nuovo sondaggio di Wall Street Journal/Nbc News. Nonostante la crisi ucraina preoccupi, sembra che negli Stati Uniti prevalga di nuovo la volontà di ridurre il ruolo del Paese negli affari mondiali, in contrasto con la politica americana degli ultimi decenni. Quasi la metà degli intervistati (47%) - a prescindere dalla loro appartenenza politica - vuole che gli Stati Uniti siano meno attivi sulla scena mondiale, mentre meno di un quinto chiede un impegno maggiore. 
Il sondaggio mostra che l'approvazione per il modo di gestire la politica estera di Barack Obama è scesa al 38%, ai minimi della sua presidenza, in un momento in cui quella per il suo operato complessivo (44%) è migliorata rispetto ai mesi precedenti (a marzo aveva toccato il minimo della sua presidenza al 41%). Il presidente ha difeso il suo approccio diplomatico durante la conferenza stampa tenuta nelle Filippine, ultima tappa di un tour tra quattro nazioni alleate in Asia, viaggio servito per ribadire la sua volontà di mettere il continente al centro della sua strategia geopolitica. Coloro che chiedono una politica più 'muscolosa', ha detto, non hanno imparato la lezione impartita dalla decisione di invadere l'Iraq. "Perché tutti sono così desiderosi di usare la forza militare dopo che siamo passati per un decennio di guerra e costi enormi per le nostre truppe e il nostro budget?" ha detto. Il senatore Bob Corker, leader repubblicano nella commissione Esteri, ha dichiarato che "dopo una settimana di retorica, speravo che avremmo risposto alle evidenti violazioni russe con qualcosa in più di un semplice schiaffo sul polso".

I risultati del sondaggio, insieme a quelli precedenti, mostrano che l'opinione pubblica americana è stufa del coinvolgimento negli affari mondiali e disillusa sul sistema economico americano. Il 47% rappresenta una percentuale di favorevoli a un ruolo meno centrale negli affari mondiali nettamente più alta rispetto a quella di sondaggi simili condotti nel 2001, nel 1997 e nel 1995. "Il messaggio che gli americani mandano ai loro leader sembra essere: 'Dovete pensare a quello che succede qui da noi'" ha dichiarato uno dei due sondaggisti, Fred Yang. I risultati dei sondaggi aiutano anche a comprendere l'esitazione di Obama nell'uso della forza in Libia, quella del Congresso ad autorizzarla contro il presidente Bashar al-Assad in Siria e l'ascesa a livello nazionale del senatore repubblicano Rand Paul, un potenziale candidato alla Casa Bianca nel 2016, che vuole ridurre il ruolo degli Stati Uniti nella politica internazionale. Il basso livello di approvazione per Obama, testimoniato anche dall'ultimo sondaggio del Washington Post, è un pessimo segnale per i democratici in vista delle elezioni di metà mandato, in programma a novembre, in cui rischiano di perdere il controllo del Senato, che sarà rinnovato per un terzo; la Camera, che cambierà totalmente, dovrebbe restare saldamente in mano ai repubblicani.

Altri Servizi

Trump grazia due militari accusati di crimini di guerra

La decisione del tycoon, che ha anche restituito i gradi a un terzo soldato, arriva nonostante l’opposizione del Pentagono
White House /Shealah Craighead

Donald Trump è intervenuto nei casi di tre militari americani accusati di aver commesso dei crimini di guerra in Afghanistan: il Tycoon ha concesso la grazia a due di loro e ripristinato i gradi a un terzo, il tutto nonostante le opposizioni espresse da esperti militari e soprattutto dal Pentagono. "Il presidente, in quanto comandante in capo, è in ultima istanza responsabile di garantire l'applicazione della legge e, quando appropriato, che sia concessa la grazia", si legge nella nota della Casa Bianca che spiega le ragioni della scelta di Trump: "Come ha affermato il Presidente, 'quando i nostri soldati devono combattere per il nostro Paese, voglio dare loro la fiducia necessaria per combattere'".

Bill Gates supera Jeff Bezos: è la persona più ricca del pianeta

Secondo il Bloomberg Billionaires Index il patrimonio del fondatore di Microsoft vale 110 miliardi di dollari

A distanza di due anni Bill Gates si riprende il titolo di "paperone" del pianeta. Secondo il Bloomberg Billionaires Index, l’indice dei 500 miliardari calcolato da Bloomberg, il fondatore di Microsoft, torna infatti in vetta alla classifica degli uomini più ricchi del mondo grazie a un patrimonio da 110 miliardi scalzando il Ceo di Amazon, Jeff Bezos, i cui averi raggiungono “solo" i 108,7 miliardi. Al terzo posto troviamo invece Bernard Arnault, Tycoon del lusso e ceo di Lvmh il cui patrimonio è di 102,7 miliardi.

Usa2020, Obama avvisa i Democratici: "Attenti a non spostarci troppo a sinistra"

Messaggio dell’ex presidente americano ai candidati durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberal
Ap

Barack Obama ha voluto dare un consiglio ai candidati per le primarie democratiche in vista delle presidenziali 2020. "Attenti a non spostarci troppo a sinistra", ha dichiarato l’ex presidente americano durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberali.

Amazon contro il Pentagono, Esper: "Nessuna influenza esterna"

Maxicontratto a Microsoft, il segretario alla Difesa: "Procedimento corretto"
AP

Il procedimento che ha portato il dipartimento della Difesa statunitense ad assegnare a Microsoft un contratto da 10 miliardi di dollari per i servizi cloud è stato condotto "in modo corretto" e non ha subito "alcuna influenza esterna". Lo ha dichiarato il segretario alla Difesa, Mark Esper, durante una conferenza stampa a Seul, in Corea del Sud, rispondendo alla domanda di un giornalista.

Il Texas sospende la condanna a morte di Rodney Reed

L’uomo, da 21 anni nel braccio della morte, è al centro di un controverso caso di omicidio: nel 1998 fu condannato per aver violentato e soffocato la 19enne Stacey Stites
Ap

La Corte d’Appello del Texas, corte suprema dello Stato chiamata a giudicare i reati penali, ha momentaneamente sospeso l’esecuzione della condanna a morte a Rodney Reed, uomo al centro di un controverso caso di omicidio rinchiuso da 21 anni nel braccio della morte. L’esecuzione era prevista per mercoledì tramite iniezione letale.

Wall Street, segnali positivi sul fronte Usa-Cina

I negoziati tra i due Paesi sempre al centro delle attenzioni degli investitori
AP

Trump: Boom economico senza precedenti, nonostante gli errori della Fed

Il presidente Usa ha parlato all'Economic Club di New York. "Vicini all'accordo con Pechino, ma decidiamo noi. L'Ue? Peggio della Cina sulle barriere commerciali"
Ap

L'attuale amministrazione statunitense "ha dato inizio a un boom economico senza precedenti", ma l'economia e il mercato azionario andrebbero ancora meglio, senza gli errori della Federal Reserve. Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha usato il pulpito dell'Economic Club di New York per incensare il proprio lavoro e attaccare, di nuovo, la Federal Reserve e il suo governatore Jerome Powell.

Trump verso rinvio di altri 6 mesi per decisione su dazi auto Ue

Lo scrive Politico; decisione già rinviata di sei mesi a maggio
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe intenzione di rimandare di sei mesi la decisione sull'imposizione di dazi fino al 25% sulle auto importate dall'Unione europea. Lo scrive Politico. La scadenza per una decisione è prevista domani ed è già stata rimandata una prima volta, a maggio.

Wall Street, attesa per il discorso di Trump all'Economic Club

Il presidente Usa parlerà alle 12 (le 18 in Italia)
AP

Wall Street verso nuovi record

Prosegue la fiducia sui mercati, in attesa di un accordo tra Usa e Cina
AP