SpaceX: il razzo esplode durante i test. Rimandato il lancio del satellite di Facebook

Per il gruppo è stata un'anomalia ai motori del missile Falcon 9. Non ci sono vittime nè feriti

Questa mattina una forte esplosione è avvenuta sulla rampa di lancio del missile Falcon 9 di SpaceX, a Cape Canaveral in Florida, forse per una anomalia dei motori, dicono i media americani. Le foto, pubblicate su Twitter, mostrano fiamme arancioni e fumo nero provenire dalla stazione spaziale. "In base alle precise regole di sicurezza adottate in questi test molto delicati e pericolosi, sulla piattaforma di lancio non c'erano tecnici né scienziati e dunque non ci sono feriti", precisa SpaceX in una nota. Tuttavia il fallimento del test dovrebbe cambiare il programma del gruppo californiano di Elon Musk che avrebbe dovuto lanciare in orbita il razzo proprio sabato 3 settembre.

A bordo del missile il satellite Amos 6, di proprietà della società israeliana Spacecom. La missione di Amos 6, finanziata da Facebook insieme al gruppo francese Eutelsat, ha come scopo quello di connettere milioni di persone a internet dallo spazio, permettendo al social network di arrivare a coprire zone ancora isolate come quelle dell’Africa subsahariana. “Siamo amareggiati da questo fallimento, ma rimaniamo decisi a realizzare la nostra missione, che è quella di portare internet a tutte le persone del mondo”.

Anche se SpaceX non si è ancora pronunciata in merito, è molto probabile che, secondo i media, il lancio di Falcon 9 di sabato sia stato rimandato. Fondata nel 2002 dall’imprenditore Elon Musk - amministratore delegato di Tesla e cofondatore di PayPal -, Space X è una delle poche società private a fornire servizi di trasporto spaziale e nasce con l'obiettivo di ridurre i costi dei lanci spaziali e favorire (in un futuro prossimo) la colonizzazione di Marte.

Negli ultimi 14 anni ha portato avanti diversi progetti e sviluppato alcuni vettori spaziali già lanciati in orbita: il Falcon 1 e il Falcon 9 sono i due razzi - progettati affinché possano essere utilizzati più volte - impiegati nei vari lanci effettuati sino ad oggi, mentre Dragon è stata la prima nave spaziale - realizzata da una società privata - ad aver mai raggiunto e rifornito la Stazione spaziale internazionale.

È proprio durante una di queste missioni che è avvenuta l’ultima esplosione di Falcon 9, nel giugno del 2015: pochi minuti dopo il decollo, il missile si è completamente disintegrato. L’incidente rappresentava il terzo fallimento nel giro di tre mesi. Come in tutte le operazioni di rifornimento, Space X aveva collaborato allora con la NASA, con la quale lavora dal 2006. Per quanto riguarda l’esplosione di oggi, invece, si tratta di una missione privata alla quale l’agenzia aerospaziale americana non ha preso parte.


Musk: in un giorno persi 390 milioni di dollari

Giornata da dimenticare per l’imprenditore Elon Musk, che in un solo giorno ha perso 390 milioni di dollari. L’esplosione di Falcon 9 è costata al fondatore di SpaceX 62 milioni di dollari. A questa perdita si aggiunge la capitalizzazione bruciata dai titoli di Tesla, la sua azienda di auto elettriche, e di SolaCity, gruppo di sistemi solari che Tesla sta per comprare e di cui Musk è presidente. Hanno perso rispettivamente il 5,3% e il 9,1%. I 31 milioni di titoli Tesla posseduti da Musk, gli avrebbero fatto perdere quasi 350 milioni di dollari nella sola giornata scorsa. I 22 milioni di azioni SolaCity in portafoglio gli sono costati 42 milioni di dollari.
 
Tesla rischia di chiudere oggi la settimana peggiore dal referendum britannico sulla Brexit del 23 giugno scorso; allora l'ottava si chiuse in ribasso del 10,4%; questa volta, di oltre il 6%. Sarebbe la quinta di fila, la serie temporale più lunga da quella di sei settimane finita il 12 febbraio scorso. A fare tirare il freno al produttore dell'auto elettrica sono timori sulla liquidità. Il 31 agosto il gruppo ha detto che raccoglierà entro fine anno nuovi fondi o con un aumento di capitale o con l'emissione di bond.
Altri Servizi

Wall Street reagisce alla Bce

Il Fondo monetario internazionale tiene una conferenza stampa alle 13 (le 19 in Italia) sull'analisi annuale dell'economia Usa
iStock

Con la sua Boring Company, Musk si aggiudica contratto a Chicago

Costruirà sistema sotterraneo di treni super veloci: dall'aeroporto O'Hare al centro della città in 12 minuti anziché 40
AP

Inizia a concretizzarsi il piano con cui l'irriverente Elon Musk dal 2016 promette di ridurre il traffico cittadino rendendo i trasporti più veloci. La sua Boring Company si è aggiudicata un contratto valutato in centinaia di milioni di dollari per costruire un sistema sotterraneo di treni super veloci volto a trasferire la gente dall'aeroporto internazionale O'Hare di Chicago al centro della città dell'Illinois. Come annunciato dal sindaco della cosiddetta Windy City, Rahm Emanuel, il progetto non prevede nemmeno un dollaro da parte dei contribuenti essendo finanziato privatamente.

Trump e Kim a Singapore per il summit, cautela dagli Usa

Il presidente americano cerca di contenere le aspettative dell'incontro che potrebbe essere più simbolico che altro

Prima Kim Jong Un. Poi Donald Trump. Nel giro di qualche ora, il presidente nordcoreano e quello americano sono arrivati a Singapore per un summit potenzialmente storico. Sarà il primo incontro tra un leader nordcoreano e un presidente americano in carica, il primo tra  due leader di due nazioni che sono nemiche da quasi settanta anni.

AP

Le due più grandi comunità ebraiche al mondo sono profondamente divise. Tra gli ebrei americani e gli israeliani c'è un divario, specialmente in relazione al presidente americano Donald Trump. E' quanto emerso da un sondaggio dell'American Jewish Committee (AJC).

Trump: si torni al G8 con la Russia. Conte d'accordo

Prima di partire per Charlevoix, in Canada, dove parteciperà al G7, il presidente Usa ha attaccato gli alleati sul commercio

Al presidente americano, Donald Trump, non dispiacerebbe tornare al G8. Mentre stava lasciando la Casa Bianca per volare in Canada per partecipare al G7, il leader Usa ha spiegato alla stampa che alla Russia dovrebbe essere permesso di "tornare" a riunirsi con le altre principali economie al mondo pur insistendo che lui è stato il "peggiore incubo" del Cremlino. Mosca fu espulsa dal G8 - che si è riunito l'ultima volta nel 2014 - successivamente all'annessione della penisola di Crimea (parte del territorio sovrano dell'Ucraina).

Elon Musk, l'irriverente amministratore delegato di Tesla, ha scritto un memo ai dipendenti del produttore di auto elettriche comunicando loro esuberi corrispondenti al 9% della forza lavoro. Attualmente l'azienda californiana ha circa 46.000 dipendenti, quindi il taglio di personale equivale a circa 4.100 persone.

Trump, linea dura sulla denuclearizzazione con Kim? I dubbi degli esperti

Il presidente Usa sembra aver abbandonato l'aggressività delle settimane scorse e l'idea di un risultato immediato con la Corea del Nord: "Il 12 giugno daremo inizio a un processo"

L'immediata denuclearizzazione della Corea del Nord è stata a lungo l'obiettivo dichiarato di Washington con Pyongyang. Ora, però, il presidente statunitense, Donald Trump, ha pubblicamente abbassato le sue pretese e ora molti esperti si chiedono quali saranno le richieste che presenterà al leader Kim Jong Un, nel tanto atteso incontro del 12 giugno a Singapore.

Fmi mette in guardia gli Usa e cita il rischio di recessione

L'istituto guidato da Christine Lagarde ha ottime prospettive nel breve termine per l'America ma le politiche commerciali e fiscali non convincono. E nel 2023 stime di crescita del Pil pari alla metà di quella della Casa Bianca

Il Fondo monetario internazionale ha lanciato un avvertimento all'amministrazione Trump spingendosi a citare il rischio di una possibile recessione tra quelli individuati. La causa scatenante potrebbe essere la sua politica fiscale prociclicia. E le misure commerciali non fanno che peggiorare il quadro. Non a caso l'istituto di Washington ha presentato stime di cresciuta più conservative di quelle della Casa Bianca nel lungo termine. Con il venire meno, dal 2020, dell'effetto positivo dato dagli stimoli fiscali Usa, la crescita americana secondo il Fondo rallenterà a un +1,4% nel 2023 contro il +1,8% previsto dalla Federal Reserve e la promessa di Trump di un +3%.

Il via libera di un giudice federale americano al merger verticale da 85 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner spiana la strada a una serie di mega merger potenziali. Gli investitori non hanno perso tempo a scommettere su quello che potrebbe succedere, come osservato già ieri dalla performance di certi titoli nell'after-hours a Wall Street successivamente alla decisione del giudice Richard Leon. Ecco cosa sta per succedere.

La Fed alza i tassi, prevede altre due strette nel 2018

Powell: politica accomodante verso la fine, dimostrazione che l'economia Usa sta andando "davvero bene". Dazi di Trump? Per ora solo un rischio non ancora riflesso nei dati macroeconomici

L'economia americana sta andando "molto bene" e l'ennesimo rialzo dei tassi non è altro che la dimostrazione di un tale andamento. Il governatore della Federal Reserve, Jerome Powell, ha spiegato così la decisione della banca centrale statunitense di aumentare il costo del denaro di 25 punti base all'1,75-2%. La stretta, la seconda del 2018, era ampiamente attesa dagli analisti, come lo era anche la revisione al rialzo del numero di quelle previste in tutto l'anno in corso: ora l'istituto centrale se ne aspetta quattro e non più tre come aveva indicato fino a marzo.