SpaceX lancia satellite spia per conto del governo Usa

Per la prima volta, un razzo dell'azienda aerospaziale di Elon Musk trasportava materiale top secret per conto del Pentagono

Missione top secret per Elon Musk. Space Exploration Technologies, l'azienda aerospazionale del numero uno del produttore di auto elettriche Tesla, ha effettuato con successo il lancio di un altro razzo. Diversamente dal passato però, questa volta trasportava per la prima volta materiale per conto del National Reconnaissance Office (Nro), un'agenzia governativa americana che sviluppa e gestisce satelliti spia. Come avviene nel caso di lanci 'classificati', né l'azienda né il Pentagono hanno identificato la natura del veicolo spaziale, il suoi fine né l'orbita nel quale viaggerà.

Nro dice di monitorare potenziali minacce in Usa tenendo traccia di terroristi e monitorando lo sviluppo di armi nucleari in altre nazioni. L'agenzia può anche fornire avvertimenti su un potenziale lancio di missili (il tutto succede mentre la Corea del Nord si prepara ad altri test missilistici).

Con il lancio di un satellite spia per il Pentagono, SpaceX spera di convincere l'amministrazione Usa di essere in grado di trasportare nello spazio attrezzature d'intelligence costose. Facendolo, potrebbe intaccare il dominio nel mercato delle spedizioni militari fino a poco fa nelle mani della joint venture tra Boeing e Lockheed Martin. La jv, chiamata United Launch Alliance, resta il punto di riferimento quando gli Usa devono lanciare i satelli spia più costosi e grossi.

Il lancio del razzo Falcon 9 è avvenuto alle 7.14 orario locale (le 13.14 in Italia) dal Kennedy Space Center di Titusville, Florida. E' stato il quarto avvenuto senza problemi dallo scorso gennaio, quando le attività di SpaceX sono ripartite dopo una pausa di quattro mesi provocata da un'esplosione avvenuta sulla rampa di lancio il settembre precedente durante test di routine. 

"Il lancio del satellite spia dell'Nro è andato bene", ha twittato Musk alle 7.36, aggiungendo che era difficile prevedere come sarebbe andata, per via del forte vento.

I motori del razzo, un Falcon 9 da 230 piedi (poco più di 70 metri), sono andati in combustione per 2 minuti e 20 secondi, come previsto, e la parte inferiore si è staccata da quella superiore senza problemi, mentre quest'ultima mandava il carico in orbita. A nove minuti di distanza la sezione principale del razzo è stata recuperata con successo a Cape Canaveral, Florida, a poca distanza dall'area di lancio. Il recupero dei vettori dopo ogni lancio (diversamente dalle missioni spaziali tradizionali, in cui vengono usati solo una volta) è la strategia di Musk per abbassare i costi e rendere i viaggi spaziali sempre più economici (fino ad arrivare, prima o poi, al turismo spaziale di massa, da lui auspicato).

La missione odierna è stata attentamente monitorata dagli esperti del settore e dal governo Usa. SpaceX conta di raggiungere in media due lanci al mese nel 2017 ma negli ultimi anni non ha mai saputo rispettare le sue stime. All'inizio del 2016, mesi prima dell'esplosione sulla rampa di lancio di un razzo, il gruppo contava di arrivare a quasi tre lanci al mese entro il 2020. Dall'accelerazione del ritmo dei lanci dipendono il flusso di cassa e i profitti di SpaceX.

Altri Servizi

Gli Usa accusano cittadina russa di volere interferire nelle elezioni

Elena Alekseevna Khusyaynova, 44 anni, accusata di essere a capo di "Project Lakhta". L'intelligence americana "preoccupata" dalle azioni di Cina, Russia e Iran
Bigstock

I procuratori federali statunitensi hanno accusato una cittadina russa di volere influenzare le elezioni di metà mandato previste in Usa il prossimo sei novembre. E' quanto emerge dai documenti relativi al rinvio a giudizio che vede protagonista Elena Alekseevna Khusyaynova, 44 anni di San Pietroburgo.

Facebook recluta politico britannico per riparare la sua immagine

Nick Clegg, 51 anni, ex vice premier, da gennaio si trasferirà nella Silicon Valley

Facebook ha affidato a Nick Clegg, ex vice primo ministro britannico, il compito di gestire il team dedicato agli affari globali e alla comunicazione.

Google: i produttori di smartphone in Europa dovranno pagare per avere app del gruppo

La controllata di Alphabet passa a un modello di business a pagamento, conseguenza della multa Ue per abuso di posizione dominante con Android

Google cambia modello di business in Europa, dove lo scorso 18 luglio la controllata di Alphabet è stata colpita dalla Commissione europea con una multa di 4,34 miliardi di euro per abuso di posizione dominante con Android (il suo sistema operativo per dispositivi mobili).

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Il presidente americano, Donald Trump, ha minacciato il ricorso all'esercito per chiudere il confine meridionale degli Stati Uniti se il Messico non metterà fine al flusso di migranti che attraversano quel Paese per mettere piede in America.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.

Trump contro Mattis: "È una sorta di democratico, potrebbe andarsene presto"

Il presidente americano in un’intervista alla Cbs ha parlato del rapporto con il segretario alla Difesa

Donald Trump continua a lanciare messaggi ai membri della sua amministrazione. Ultimo in ordine di tempo è il segretario alla Difesa, il generale Jim Mattis, sul quale il tycoon si è espresso durante un’intervista a "60 Minutes" sulla Cbs. "È una sorta di democratico" ha detto il tycoon che ha ammesso di non sapere se Mattis lascerà o meno il suo incarico.

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.