SpaceX lancia satellite spia per conto del governo Usa

Per la prima volta, un razzo dell'azienda aerospaziale di Elon Musk trasportava materiale top secret per conto del Pentagono

Missione top secret per Elon Musk. Space Exploration Technologies, l'azienda aerospazionale del numero uno del produttore di auto elettriche Tesla, ha effettuato con successo il lancio di un altro razzo. Diversamente dal passato però, questa volta trasportava per la prima volta materiale per conto del National Reconnaissance Office (Nro), un'agenzia governativa americana che sviluppa e gestisce satelliti spia. Come avviene nel caso di lanci 'classificati', né l'azienda né il Pentagono hanno identificato la natura del veicolo spaziale, il suoi fine né l'orbita nel quale viaggerà.

Nro dice di monitorare potenziali minacce in Usa tenendo traccia di terroristi e monitorando lo sviluppo di armi nucleari in altre nazioni. L'agenzia può anche fornire avvertimenti su un potenziale lancio di missili (il tutto succede mentre la Corea del Nord si prepara ad altri test missilistici).

Con il lancio di un satellite spia per il Pentagono, SpaceX spera di convincere l'amministrazione Usa di essere in grado di trasportare nello spazio attrezzature d'intelligence costose. Facendolo, potrebbe intaccare il dominio nel mercato delle spedizioni militari fino a poco fa nelle mani della joint venture tra Boeing e Lockheed Martin. La jv, chiamata United Launch Alliance, resta il punto di riferimento quando gli Usa devono lanciare i satelli spia più costosi e grossi.

Il lancio del razzo Falcon 9 è avvenuto alle 7.14 orario locale (le 13.14 in Italia) dal Kennedy Space Center di Titusville, Florida. E' stato il quarto avvenuto senza problemi dallo scorso gennaio, quando le attività di SpaceX sono ripartite dopo una pausa di quattro mesi provocata da un'esplosione avvenuta sulla rampa di lancio il settembre precedente durante test di routine. 

"Il lancio del satellite spia dell'Nro è andato bene", ha twittato Musk alle 7.36, aggiungendo che era difficile prevedere come sarebbe andata, per via del forte vento.

I motori del razzo, un Falcon 9 da 230 piedi (poco più di 70 metri), sono andati in combustione per 2 minuti e 20 secondi, come previsto, e la parte inferiore si è staccata da quella superiore senza problemi, mentre quest'ultima mandava il carico in orbita. A nove minuti di distanza la sezione principale del razzo è stata recuperata con successo a Cape Canaveral, Florida, a poca distanza dall'area di lancio. Il recupero dei vettori dopo ogni lancio (diversamente dalle missioni spaziali tradizionali, in cui vengono usati solo una volta) è la strategia di Musk per abbassare i costi e rendere i viaggi spaziali sempre più economici (fino ad arrivare, prima o poi, al turismo spaziale di massa, da lui auspicato).

La missione odierna è stata attentamente monitorata dagli esperti del settore e dal governo Usa. SpaceX conta di raggiungere in media due lanci al mese nel 2017 ma negli ultimi anni non ha mai saputo rispettare le sue stime. All'inizio del 2016, mesi prima dell'esplosione sulla rampa di lancio di un razzo, il gruppo contava di arrivare a quasi tre lanci al mese entro il 2020. Dall'accelerazione del ritmo dei lanci dipendono il flusso di cassa e i profitti di SpaceX.

Altri Servizi

Trump: nessun accordo sui Dreamers, il muro "verrà dopo"

Il presidente statunitense lavora a un'intesa con i democratici per proteggere i quasi 800.000 giovani immigrati arrivati illegalmente da bambini
iStock

"Il muro verrà dopo". Con questa frase, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ammesso che l'accordo su cui sta lavorando con i democratici per trovare una soluzione per i Dreamers non prevede la costruzione del muro con il Messico. Parlando pochi istanti prima della partenza per la Florida, dove visiterà i luoghi colpiti dal passaggio dell'uragano Irma, Trump ha detto che "il muro sarà costruito, ma sarà finanziato un pochino più avanti".

Usa sanzionano 11 soggetti: aiutano programma missilistico iraniano

Sono accusati anche di aiutare Teheran a condurre cyberattacchi contro il sistema finanziario americano e di sostenere il terrorismo. Trump verso il rispetto (per ora) dello storico accordo sul nucleare

L'amministrazione Trump ha imposto nuove sanzioni contro 11 tra aziende e persone accusate di contribuire al programma missilistico balistico dell'Iran, di aiutare Teheran a condurre cyberattacchi contro il sistema finanziario americano e di sostenere il terrorismo. La mossa del Tesoro Usa è arrivata mentre il presidente americano oggi dovrebbe rinnovare l'assenza delle sanzioni contro l'Iran che gli Usa si erano impegnati a fare venire meno dell'ambito dello storico accordo sul nucleare siglato tra Teheran e cinque principali potenze mondiali tra cui Washington. Quell'accordo fu sottoscritto nell'estate 2015 (quando alla Casa Bianca c'era Barack Obama) ed entrò in vigore nel gennaio successivo.

I redditi delle famiglie Usa a livelli record nel 2016

Superato il massimo del 1999. Tasso di povertà sceso sui livelli del 2007, l'anno precedente all'ultima recessione

I redditi delle famiglie americane hanno superato nel 2016 il record messo a segno nel 1999. Stando all'ufficio del censimento Usa, il Census Bureau, lo scorso anno le famiglie Usa hanno registrato redditi per 59.039 dollari contro i 57.230 dollari del 2015; si tratta di un rialzo del 3,2%, tenuto conto della variazione dell'inflazione. L'incremento c'è stato per il secondo anno di fila.

Trump: "Nessun accordo sul Daca", che protegge i giovani immigrati. Smentiti i leader democratici

Schumer e Pelosi avevano dichiarato di aver raggiunto un'intesa con il presidente per proteggere gli illegali arrivati da bambini
iStock

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha scritto su Twitter che "nessun accordo è stato trovato la scorsa notte sul Daca", il programma voluto da Barack Obama per consentire ai giovani immigrati, arrivati illegalmente da bambini, di restare con un permesso biennale e rinnovabile per studiare e lavorare, che sarà cancellato tra meno di sei mesi. "

Ray Dalio punta sulla Cina: Bridgewater studia creazione maxi fondo

Bridgewater già gestisce miliardi di dollari investiti fuori dal Paese della Muraglia da istituzioni cinesi e dal Governo di Pechino.

Bridgewater Associates punta a creare un maxi fondo di investimento in Cina, cosa che darebbe al fondatore Ray Dalio un margine di manovra nel Paese asiatico che molte altre società occidentali del settore finanziario non hanno.

Equifax: oltre la metà degli americani colpita dal mega attacco hacker

Sono 143 milioni. Lo Stato di New York avvia un'inchiesta sull'intrusione dei pirati informatici nell'agenzia di controllo dei crediti. Verso audizione in commissione parlamentare. Titolo soffre seduta peggiore da 18 anni
Shutterstock

Un mega attacco hacker ha colpito Equifax, una delle più grandi agenzie di controllo dei crediti. I dati di 143 milioni di clienti Usa potrebbero essere stati compromessi. Il 55% degli americani dai 18 anni in poi rischia di avere subito danni alle informazioni di tipo finanziario che lo riguarda.

Oracle: conti sopra le stime grazie al cloud ma l'outlook delude

Il Ceo Mark Hurd: cresciamo più rapidamente di Salesforce. Prima un record poi -4,5% nel dopo-mercato
AP

Il titolo Oracle ha raggiunto ieri nuovi record nel dopo mercato a Wall Street sulla scia di conti superiori alle stime. Ma poi ha perso quota a causa di guidance deludenti fornite durante una call.

La pizzeria diventa scuola di formazione anche in streaming e sui social

In un momento che si conferma favorevole per i prodotti Made in Italy all'estero, non più solo un simbolo dell'italianità, ma sempre più spunto culturale e turistico. L'esempio di Keste Pizza a New York.
Keste Pizza

In un momento che si conferma favorevole per i prodotti Made in Italy all'estero, non più solo un simbolo dell'italianità, ma sempre più spunto culturale e turistico, si evolve anche la comunicazione dei principi di buona cucina, con una diffusione più allargata ed efficace, utilizzando la rete, i blogger e i social network. Il cibo va gustato, ma anche fotografato e conosciuto, creando una vera e propria "esperienza".

McCain commenta il suo cancro: "sto affrontando una sfida"

Il senatore repubblicano appare per la prima volta in tv dopo la diagnosi dello scorso luglio

Il senatore John McCain ha parlato per la prima volta in televisione del cancro al cervello che gli è stato diagnosticato lo scorso luglio. Il repubblicano è infatti intervenuto al programma "State of Union" su Cnn dicendosi ottimista e dichiarando di stare "bene".