Sparatoria in una scuola della Florida. Almeno 14 vittime

Catturata la persona che ha aperto il fuoco. Non era uno studente. Il presidente Usa Donald Trump informato, sta monitorando la situazione.

Nelle scuole americane si è tornato a sparare. L'allarme è scattato alla Marjory Stoneman Douglas High School a Parkland, in Florida, quando in Italia erano le 21.15. Almeno 14 sono le vittime ma non è ancora chiaro se siano morte o ferite. Due persone hanno perso la vita, secondo quanto riporta la stampa americana.

Dopo un'ora dallo scoppio dell'emergenza, lo sceriffo della contea di Broward, Scott Israel,  ha riferito che la persona che ha aperto il fuoco è stata catturata. Non è uno studente dell'istituto scolastico.

Secondo quanto riferito alla Cnbc da un genitore di uno studente nella scuola, la sparatoria "è durata per un po'". Un docente ha riferito di essersi nascosto insieme a 19 studenti in un armadio.

Come ogni volta succede in questi casi di emergenza, erano scattate le procedure di rito. La scuola era stata chiusa e nessuno poteva entrarvi o lasciare l'edificio. A chiunque fosse sul posto, è stato consigliato prima di tutto di fuggire; la seconda opzione in situazioni come queste è quella di nascondersi. La terza e ultima è quella di lottare per la propria sicurezza.

Il presidente americano Donald Trump è stato subito informato della sparatoria. Lo aveva riferito il vice portavoce Lindsay Walters. In una nota, aveva aggiunto: "Stiamo monitorando la situazione. I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno a chi è stato colpito".  

Il leader Usa ha poi scritto un tweet suggerendo che qualche vita sia stata persa. Trump ha inviato le sue "preghiere e le mie condoglianze per le famiglie delle vittime della sparatoria terribile in Florida. Nessun bambino, insegnante e chiunque altro dovrebbe sentirsi insicuro in una scuola americana".

Il governatore repubblicano della Florida, Rick Scott, ha scritto sul sito di microblogging di avere parlato con Israel e con i leader di altre autorità competenti. "Continueremo a ricevere aggiornamenti dalle forze dell'ordine", ha aggiunto.

Marco Rubio, senatore della Florida a Washington, ha scritto: "Stiamo monitorando l'evolversi della situazione orribile nella contea di Broward".

Il responsabile della sparatoria sarebbe Nicholas Cruz, 19 anni. 

Altri Servizi

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.

Uber: in vista dell'Ipo, riduce le perdite, ricavi record

Migliora la disciplina fiscale del gruppo: nel quarto trimestre vendite per 2,26 miliardi di dollari

Nel quarto trimestre del 2017, Uber ha registrato 2,26 miliardi di dollari di vendite (un record), in rialzo del 12% rispetto ai tre mesi precedenti. Il gruppo che offre un servizio alternativo al taxi tradizionale ha inoltre ridotto la sua perdita a 1,1 miliardi di dollari, buco che scende a 741 milioni da 10,2 miliardi del terzo trimestre se si escludono voci straordinarie.

Netflix continua la caccia ai talenti, reclutato produttore di "Glee"

Siglato accordo "quinquennale" con il vincitore di Emmy e Golden Globe per produrre nuove serie e film a cominciare dal prossimo primo luglio.

Netflix continua a reclutare talenti per rafforzarsi nella sfida sempre più competitiva sui video. Dopo avere portato sotto il suo tetto Shonda Rhimes (creatrice di "Grey's Anatomy" e "Scandal"), Jenji Kohan (sceneggiatrice di "Orange is the New Black") e Shawn Levy (produttore di "Stranger Things"), questa volta il colpo grosso riguarda Ryan Murphy. E' il produttore di varie serie di successo come "Glee" e "American Horror Story". Il sito di video in streaming ha detto di avere siglato con il vincitore di Emmy e Golden Globe "un accordo quinquennale" per produrre nuove serie e film per Netflix a cominciare dal prossimo primo luglio. Il gruppo non ha comunicato i termini finanziari dell'intesa ma secondo la stampa il conto è pari a 300 milioni di dollari. Murphy - il cui contratto con Fox è in scadenza - sta già lavorando per Netflix su due serie originali "Ratched" e "The Politician". Stando a quanto spiegato dall'azienda, Murphy sta supervisionando la produzione delle serie "American Crime Story", "American Horror Story", "Feud", "9-1-1" e "Pose".

L'inflazione fa scattare il sell-off dei Treasury. Powell messo alla prova

I rendimenti del decennale ai massimi di 4 anni. Dopo un sell-off nel pre-mercato, gli indici a Wall Street accelerano: il rialzo dei prezzi giudicato non sostenibile. Focus sul neo governatore della banca centrale Usa
AP

Nel giorno di San Valentino, Wall Street ha ricevuto una brutta notizia che ha confermato preoccupazioni già esistenti. Negli Stati Uniti l'inflazione sta crescendo più del previsto. E questo fa temere che la Federal Reserve possa alzare i tassi nel 2018 a un passo più rapido del previsto. L'azionario e l'obbligazionario, però, hanno reagito in modo diverso: il primo ha accelerato dopo uno sbandamento iniziale mentre il secondo è stato travolto dal sell-off.

Immigrati, Trump minaccia il veto su un eventuale accordo in Congresso

Lo riporta Axios; il difficile dibattito aperto in Senato. Il presidente non indietreggia dal suo piano con quattro 'pilastri'

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, "metterà il veto su qualsiasi proposta di legge che non presenti le sue sensate riforme sull'immigrazione". Lo ha reso noto un funzionario dell'amministrazione statunitense, parlando con il sito Axios.

Wall Street digerisce un rialzo dell'inflazione

Reazione diversa tra l'azionario, in rialzo, e l'obbligazionario, oggetto di sell-off
iStock

Il sito Salon vuole usare i pc dei lettori per fare mining di criptovalute

Il gruppo punta a diversificare le fonti di ricavi mentre sempre più persone usano ad-blocker per evitare la visualizzazione di pubblicità online. Rally del titolo

La rivoluzione delle criptovalute sta cambiando il modo di fare cassa delle aziende. E anche dei gruppi media. Salon - sito americano di informazione - sta proponendo ai suoi lettori una doppia scelta: non usare i cosiddetti ad blocker (che minacciano i ricavi di gruppo) consentendo la visualizzazione di pubblicità o permettere l'utilizzo del processore del proprio computer per contribuire al "mining" di valute digitali. Il titolo dell'azienda Salon Media Group, che controlla il sito, con il solo annuncio dell'iniziativa è volato in borsa arrivando a guadagnare il 56,9%. E' l'ennesima dimostrazione di come la mania da Bitcoin venga spesso alimentata dalle intenzioni, anche controverse, di un gruppo.

Casa Bianca valuta Mester come numero due della Fed

Dal 2014 presidente della sede regionale della banca centrale Usa a Cleveland, è considerata un "falco" moderato. Sarebbe la prima donna a essere nominata da Trump nel board della Fed

La Casa Bianca sta valutando se affidare a Loretta Mester il secondo incarico più importante nella Federal Reserve, quello della vicepresidenza del suo Board. Lo scrive il Wall Street Journal secondo cui una nomina per quel ruolo non sembra imminente e un candidato in pole position ancora non c'è. Mester dal 2014 è presidente della sede regionale della banca centrale Usa a Cleveland. Prima di quell'incarico, lei ha trascorso quasi 30 anni come economista nella Fed di Philadelphia.

L'Oregon vuole rendere la sanità un diritto costituzionale

Se legge supererà anche il Senato, a novembre ci sarà referendum per far decidere i cittadini. Un repubblicano a favore, ma il suo partito ha dubbi sui finanziamenti. E intanto anche a New York si valuta la possibilità

Il Congresso dell'Oregon sta prendendo in considerazione una proposta di legge che renderebbe l'assistenza sanitaria un diritto garantito dalla costituzione dello Stato. Ieri la Camera a maggioranza democratica ha votato (35 a favore 25 contrari) facendo avanzare il documento, che adesso dovrà essere analizzato dal Senato. Se anche la camera alta dello Stato dovesse dare il via libera, saranno i cittadini dell'Oregon a dover decidere a novembre, con un referendum costituzionale.