Spoils system alla Giustizia: Trump chiede le dimissioni di 46 procuratori nominati da Obama

La portavoce ricorda che si tratta di una pratica comune, ma c'è chi, come i due predecessori dell'attuale presidente, ha preferito procedere a una sostituzione graduale
AP

Un dipartimento di Giustizia senza gli uomini e le donne di Barack Obama. L'amministrazione Trump ha annunciato che l'Attorney General, Jeff Sessions, ha chiesto ai 46 procuratori nominati dal 44esimo presidente, ancora in carica, di presentare immediatamente le dimissioni. Nella lista figura anche Preet Bharara, procuratore di Manhattan a cui Trump, prima di insediarsi alla Casa Bianca, aveva chiesto di restare in caso di sua vittoria alle presidenziali.

Sarah Isgur Flores, portavoce del dipartimento di Giustizia, ha precisato che "il ministro Jeff Sessions ha chiesto ai rimanenti 46 procuratori nominati dal presidente (Obama) di presentare le dimissioni in modo da garantire una transizione uniforme". La portavoce ha poi detto che "molti dei procuratori nominati dalla precedente amministrazione si sono già dimessi, come avvenuto in precedenti transizioni". I procuratori dei 94 uffici nel Paese continueranno a occuparsi dei casi, finché non saranno nominato i loro successori; al momento, nessun nuovo procuratore è stato scelto dal presidente.

Flores ha poi ribadito che non si tratta di una decisione inusuale. Una scelta simile era stata fatta all'inizio dell'amministrazione Clinton: allo stesso Sessions fu chiesto di dimettersi da procuratore dell'Alabama nel marzo 1993 dall'Attorney General, Janet Reno. George W. Bush e Barack Obama, invece, hanno sostituito gradualmente i procuratori.

Al momento, non sono state accettate le dimissioni di due procuratori: il viceministro della Giustizia ad interim, Dana Boente, procuratore del distretto orientale della Virginia, e il procuratore già nominato per assumere la carica di vice Sessions, Rod Rosenstein, procuratore del Maryland. Per quanto riguarda Bharara, procuratore indipendente tra i più famosi del Paese, al momento non si sa se le sue dimissioni saranno respinte o accettate; il suo portavoce ha preferito non commentare.

Altri Servizi

Le pmi toscane fanno sistema nel Consorzio Vasari per conquistare gli Usa

Una strategia a lungo termine che ha debuttato con la fiera Florence in New York

Far conoscere le piccole e medie aziende della Toscana sul mercato statunitense, dove da sole potrebbero non avere i mezzi per farsi strada. E' questo l'obiettivo di Consorzio Vasari, nato proprio per sostenere l'internazionalizzazione delle pmi locali che dalla loro hanno la sapienza e l'esperienza nella creazione di prodotti di qualità che vogliono portare Oltreoceano. Sostenuto dal bando "Porfesr 2014-2020" della Regione, il consorzio ha fatto il suo debutto con Florence in New York, una fiera di tre giorni che si è conclusa a Manhattan e che di questo viaggio rappresenta soltanto l'inizio.

Il prossimo movimento populista? Per Bank of America può essere “Occupy Silicon Valley”

La banca traccia un parallelo con il movimento che nel 2011 voleva ‘occupare’ Wall Street: cresce il divario tra gli americani che si sentono economicamente indietro e la corsa dei giganti tech
iStock

Il viaggio di Trump in Israele: pace in Medio Oriente e lotta all'Iran

Continua la prima trasferta del presidente americano, che domani vedrà il presidente della Palestina, Mahmoud Abbas. Più volte attacca Teheran, che definisce una minaccia alla stabilità della regione
AP

Trump: "La pace in Medio Oriente è tra gli accordi più duri, ma sento che ci arriveremo"

Il presidente Usa in Israele, seconda tappa del suo primo tour all'estero. Prosegue il suo sforzo per isolare l'Iran

La guida di Ford passa a Jim Hackett, un esperto di turnaround

Prende il posto di Mark Fields, che esce dal gruppo dopo 28 anni. Dal marzo 2016 si occupava della divisione centrata sulla guida autonoma. Ha rilanciato il produttore di mobili per uffici Steelcase e un team universitario di football
Jim Hackett Ford Motor

Trump al Muro del Pianto, il presidente Usa cerca l'unità tra le religioni

È la prima visita di un presidente Usa in carica. Una visita privata, senza il premier Netanyahu, per evitare polemiche e non complicare la strada verso un nuovo negoziato di pace
AP

Trump a Gerusalemme. Il presidente Usa vuole risolvere il conflitto tra israeliani e palestinesi e accusa l'Iran

Lasciata l'Arabia Saudita, il capo di Stato prosegue il suo tour tra Medio Oriente ed Europa. "Legame con Israele indistruttibile. Abbiamo l'opportunità di portare stabilità, sicurezza e pace in questa regione e di sconfiggere il terrorismo"

Ford cambia Ceo: fuori Fields, promosso Hackett

Gruppo messo sotto pressione dagli investitori
Ford Motor

Wall Street, attenzione rivolta al primo viaggio all'estero di Trump

Il presidente degli Stati Uniti è arrivato in Israele, dopo la tappa in Arabia Saudita
AP

Russiagate: i repubblicani si allontanano da Trump

Nonostante non lo facciano ancora in modo esplicito si vedono i primi segnali di tensione. Al centro del malessere il tentativo del presidente di influenzare l'inchiesta sulla Russia