Spoils system alla Giustizia: Trump chiede le dimissioni di 46 procuratori nominati da Obama

La portavoce ricorda che si tratta di una pratica comune, ma c'è chi, come i due predecessori dell'attuale presidente, ha preferito procedere a una sostituzione graduale
AP

Un dipartimento di Giustizia senza gli uomini e le donne di Barack Obama. L'amministrazione Trump ha annunciato che l'Attorney General, Jeff Sessions, ha chiesto ai 46 procuratori nominati dal 44esimo presidente, ancora in carica, di presentare immediatamente le dimissioni. Nella lista figura anche Preet Bharara, procuratore di Manhattan a cui Trump, prima di insediarsi alla Casa Bianca, aveva chiesto di restare in caso di sua vittoria alle presidenziali.

Sarah Isgur Flores, portavoce del dipartimento di Giustizia, ha precisato che "il ministro Jeff Sessions ha chiesto ai rimanenti 46 procuratori nominati dal presidente (Obama) di presentare le dimissioni in modo da garantire una transizione uniforme". La portavoce ha poi detto che "molti dei procuratori nominati dalla precedente amministrazione si sono già dimessi, come avvenuto in precedenti transizioni". I procuratori dei 94 uffici nel Paese continueranno a occuparsi dei casi, finché non saranno nominato i loro successori; al momento, nessun nuovo procuratore è stato scelto dal presidente.

Flores ha poi ribadito che non si tratta di una decisione inusuale. Una scelta simile era stata fatta all'inizio dell'amministrazione Clinton: allo stesso Sessions fu chiesto di dimettersi da procuratore dell'Alabama nel marzo 1993 dall'Attorney General, Janet Reno. George W. Bush e Barack Obama, invece, hanno sostituito gradualmente i procuratori.

Al momento, non sono state accettate le dimissioni di due procuratori: il viceministro della Giustizia ad interim, Dana Boente, procuratore del distretto orientale della Virginia, e il procuratore già nominato per assumere la carica di vice Sessions, Rod Rosenstein, procuratore del Maryland. Per quanto riguarda Bharara, procuratore indipendente tra i più famosi del Paese, al momento non si sa se le sue dimissioni saranno respinte o accettate; il suo portavoce ha preferito non commentare.

Altri Servizi

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock

Come funziona la riforma delle prigioni che Trump promette di approvare?

Migliorerà le condizioni dei detenuti, dovrebbe liberare 4.000 carcerati federali, ma per il Senato non risolve il problema, visto che non diminuisce le pene per i reati minori

Cuba: cade un aereo, oltre 100 morti. Solo tre sopravvissuti

A bordo quasi solo turisti e una donna naturalizzata italiana. Negli anni '90 la compagnia aerea Cubana de Aviacion è stata coinvolta in diversi incidenti con decine di morti