Sponsorizzare i probabili perdenti: la strategia vincente di Guinot

La casa francese di cosmetici punta sui tennisti di basso profilo contro le star: così l'esposizione è assicurata per poche decine di migliaia di dollari
A24

Nel 2009, l'allora numero 25 del mondo, lo svedese Robin Soderling, stupì il mondo battendo il numero uno, lo spagnolo Rafael Nadal, al Roland Garros, dove era imbattuto. Nello stesso torneo, tre anni dopo, la francese Virginie Razzano, 111 della classifica Wta, sconfisse la statunitense Serena Williams, una delle più grandi tenniste della storia, al primo turno. Quest'anno, agli Australian Open, l'uzbeko Denis Istomin, 117 del ranking, ha sconfitto l'ex numero uno, il serbo Novak Djokovic.

Oltre ad aver ottenuto queste vittorie inaspettate, Soderling, Razzano e Istomin hanno un altro fattore in comune: ognuno di loro era sponsorizzato da Guinot, una società francese di prodotti di bellezza. Come loro tre, altre centinaia di tennisti e tenniste vittoriosi, ma soprattutto perdenti, in partite di alto profilo, contro grandi avversari.

A parlare della strategia di Guinot è il New York Times, in un articolo firmato da Ben Rothenberg. La società parigina ha sviluppato un sistema per massimizzare la propria esposizione nei grandi eventi tennistici, con sponsorizzazioni temporanee con giocatori di basso profilo, impegnati però contro i migliori. Guinot non è la sola società a sottoscrivere accordi simili, ma è quella che ha reso questa pratica una vera e propria strategia a lungo termine. L'attuale progrmma, gestito dall'agenzia Img, è cominciato nel 2008. Funziona così: quando l'order of play del giorno dopo viene pubblicato, Img contatta gli agenti dei giocatori impegnati sui campi e negli incontri principali e, con i giocatori che non hanno restrizioni contrattuali, dà inizio alle negoziazioni per aggiungere al loro completo un logo pubblicitario. A ogni torneo del Grande Slam, si concludono tra gli otto e i dieci accordi di questo tipo.

Ai giocatori vengono offerte poche migliaia di dollari per una patch con il logo della società, di solito fino a circa 10.000 dollari, in base alla classifica del giocatore e al turno in cui è arrivato. Tre giocatrici hanno vinto un titolo del Grande Slam indossando il logo della Guinot: la russa Svetlana Kuznetsova, agli U.S. Open del 2004 e al Roland Garros del 2009; l'australiana Samantha Stosur, vincitrice degli U.S. Open del 2011; la francese Marion Bartoli, a Wimbledon, nel 2013.

Nella prima settimana degli U.S. Open 2017, sei giocatori hanno indossato il logo Guinot, e perso: Radu Albot, Timea Babos, Viktoria Kuzmova, Dusan Lajovic, Feliciano Lopez ed Elise Mertens. Domenica 3 settembre, infine, è arrivata la prima vittoria: la lettone Anastasija Sevastova ha battuto la russa Maria Sharapova, qualificandosi per i quarti di finale.

Altri brand preferiscono legarsi ai grandi campioni con contratti a lungo termine, come Porsche, che sponsorizza la tedesca Angelique Kerber, vincitrice degli U.S. Open 2016 ed ex numero uno del mondo. Viktoria Wohlrapp, portavoce di Porsche Tennis, ha detto di apprezzare l'approccio di Guinot. "In generale, è una grande idea quella di ottenere una buona esposizione senza un impegno molto lungo. Le patch sono rischiose, certe volte: paghi per qualcosa e non ottieni un ritorno, perché il giocatore non gioca tanto bene e così non ottiene l'esposizione che avresti voluto". Un approccio molto buono, certo, ma non appropriato per un brand come Porsche: "Per noi, l'obiettivo principale non è l'esposizione del marchio, ma mettere in risalto la partnership con l'atleta. Non metteremmo le patch su ogni atleta giusto per ottenere l'esposizione".

Non solo le aziende, ma anche alcuni giocatori sono contrari alle sponsorizzazioni per una partita. L'ex giocatore statunitense Mardy Fish, per esempio, ha detto di averle sempre rifiutate, perché "quando scelgo una società, voglio sapere chi è, cosa c'è dietro, chi sono. Voglio sentirmi parte della società, un membro del team. Sono sicuro di essere un caso raro, perché questi sono soldi facili". C'è chi rifiuta per altri motivi: Kuznetsova, che ha vinto due tornei dello Slam con le sponsorizzazioni di un giorno, ha detto di vedersi ora "come un brand" e di voler accettare solo offerte a lungo termine. Poi c'è chi, come la danese Caroline Wozniacki, lo scorso anno ha rinegoziato il contratto per indossare la linea Adidas di Stella McCartney, ottenendo un bonus per lasciare il suo outfit immacolato. "Credo sia più bello da vedere, ma allo stesso tempo deve avere senso dal punto di vista finanziario. Se puoi tenere il completo 'pulito' e farlo funzionare finanziariamente, credo che sia il massimo. È come un do ut des". Chi non si fa alcun problema è lo statunitense Sam Querrey: nei quarti di finale a Wimbledon, quest'anno, ha indossato una toppa Guinot contro il numero uno del mondo, il britannico Andy Murray, ma l'ha sostituita in semifinale con una patch di Wheels Up, una compagnia aerea privata che lo ha ripagato con soldi e l'uso dei suoi jet. "Si va con chi paga di più, non mi interessa cosa sia. Metto la patch e vengo pagato, questo è tutto ciò che importa. Non so nemmeno cosa sia Guinot".

Altri Servizi

Trump stringe la mano a Kim: avremo una magnifica relazione

Un nuovo capitolo per i rapporti tra Stati Uniti e Corea del Nord

L'incontro tra Donald Trump e il leader della Corea del Nord, Kim Jong Un, si è aperto a Singapore con una stretta di mano e un colloquio bilaterale durato circa quaranta minuti. "Sono veramente felice, avremo un'ottima discussione e credo sarà un successo. Credo sarà veramente positivo e la nostra relazione sarà magnifica, non ho dubbi", ha detto il presidente americano. Kim ha risposto: "Non è stato facile arrivare fino a qui, ci sono stati ostacoli ma li abbiamo superati per essere qui".

Fed: Powell potrebbe segnalare una recessione all'orizzonte

Mercoledì atteso un rialzo dei tassi. Possibili quattro strette nel 2018, Focus sulla curva dei rendimenti e sulla rapidità con cui la disoccupazione continuerà a calare
AP

Dopo soli quattro mesi dal suo arrivo al vertice della Federal Reserve, il governatore Jerome Powell potrebbe ritrovarsi questa settimana nella posizione scomoda di dovere segnalare una recessione all'orizzonte. Lo scrive il Wall Street Journal in vista della riunione della banca centrale, che inizierà domani e si concluderà mercoledì 13 giugno con un quasi certo rialzo dei tassi di 25 punti base all'1,75-2%. Si tratterebbe del settimo aumento del costo del denaro dal dicembre 2015, quando fu annunciata la prima stretta dal giugno 2006.

AT&T e Time Warner: la decisione sulle nozze condizionerà l'M&A

L'annuncio di un giudice federale atteso il 12 giugno intorno alle 22 italiane. Ricadute per la sfida di Comcast a Disney e l'acquisto di Aetna da parte di CVS

E' iniziato il conto alla rovescia per la decisione di un giudice federale sulle nozze da 85,4 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner. Da quella decisione, attesa martedì 12 giugno, dipenderanno accordi di fusione e acquisizione che sono destinati a rivoluzione il settore delle tlc e quello dei media. 

Argentina: accordo con Fmi per aiuti da 50 miliardi di dollari

Piano in tre anni. Buenos Aires vuole accere alla prima tranche e trattare il resto del prestito come precauzione. In cambio, riduzione più rapida del deficit, autonomia banca centrale e target "realistici" inflazione

Il Fondo monetario internazionale è pronto a concedere all'Argentina fino a 50 miliardi di dollari di aiuti in tre anni. Un accordo tra l'istituzione di Washington e la nazione sudamericana è stato annunciato nella notte. Esso è giunto più rapidamente delle attese, che erano per un'intesa in arrivo entro sei settimane dall'8 maggio scorso, la data in cui il presidente argentino Mauricio Macri comunicò di avere chiesto sostegno al Fondo.

Morto suicida lo chef superstar Anthony Bourdain

Era a Strasburgo, in Francia, per la prossima puntata del suo programma tv; aveva 61 anni

Anthony Bourdain, chef statunitense conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi libri e i programmi televisivi che lo hanno visto protagonista, è morto oggi; aveva 61 anni. Secondo la Cnn, si sarebbe suicidato.

Dimon e Buffett contro le guidance trimestrali sugli utili delle aziende Usa

I numeri uno, rispettivamente, di JPM e Berkshire Hathaway fanno pressing: il focus suia sul lungo termine

Con l'intento di spostare l'attenzione verso la crescita di lungo termine, James Dimon e Warren Buffett stanno facendo pressing sulle aziende americane affinché valutino se smettere di fornire le guidance trimestrali sui rispettivi conti. Per il Ceo di JP Morgan e il numero uno di Berkshire Hathaway, quella pratica incoraggia a concentrarsi in modo "non salutare" sui profitti di breve termine.

Miss America rinuncia al costume: "Non giudicheremo l'aspetto"

La rivoluzione al via con la nuova presidente dell'organizzazione, Gretchen Carlson, ex conduttrice di Fox News e vincitrice del concorso nel 1989

Le concorrenti di Miss America non dovranno più sfilare in costume. Lo ha annunciato la presidente del concorso, affermando che "non vi giudicheremo più per il vostro aspetto esteriore". La Miss America Organization, dopo lo scandalo scoppiato mesi fa e la campagna #MeToo contro le molestie sessuali, ha annunciato che la novità sarà introdotta al prossimo concorso, in programma a settembre.

Ocse ottimista sugli Usa nel breve termine, poi rischi "notevoli"

Gurria: la crescita è destinata a continuare per i prossimi due anni. Preoccupazioni da politiche commerciali

L'economia americana sta vivendo una delle espansioni più lunghe della storia (è giunta al nono anno) ma "le ferite" lasciate dalla crisi del 2008 così come le sfide poste dalla globalizzazione e dall'automazione "restano visibili" negli Stati Uniti. E' quanto emerge da un nuovo rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse).

Trump: si torni al G8 con la Russia. Conte d'accordo

Prima di partire per Charlevoix, in Canada, dove parteciperà al G7, il presidente Usa ha attaccato gli alleati sul commercio

Al presidente americano, Donald Trump, non dispiacerebbe tornare al G8. Mentre stava lasciando la Casa Bianca per volare in Canada per partecipare al G7, il leader Usa ha spiegato alla stampa che alla Russia dovrebbe essere permesso di "tornare" a riunirsi con le altre principali economie al mondo pur insistendo che lui è stato il "peggiore incubo" del Cremlino. Mosca fu espulsa dal G8 - che si è riunito l'ultima volta nel 2014 - successivamente all'annessione della penisola di Crimea (parte del territorio sovrano dell'Ucraina).

Pompeo: "Ansiosi di vedere se la Nordcorea è sincera sulla denuclearizzazione"

Il segretario di Stato Usa ha parlato alla vigilia dello storico incontro tra il presidente Trump e il leader Kim
Ap