Sponsorizzare i probabili perdenti: la strategia vincente di Guinot

La casa francese di cosmetici punta sui tennisti di basso profilo contro le star: così l'esposizione è assicurata per poche decine di migliaia di dollari
A24

Nel 2009, l'allora numero 25 del mondo, lo svedese Robin Soderling, stupì il mondo battendo il numero uno, lo spagnolo Rafael Nadal, al Roland Garros, dove era imbattuto. Nello stesso torneo, tre anni dopo, la francese Virginie Razzano, 111 della classifica Wta, sconfisse la statunitense Serena Williams, una delle più grandi tenniste della storia, al primo turno. Quest'anno, agli Australian Open, l'uzbeko Denis Istomin, 117 del ranking, ha sconfitto l'ex numero uno, il serbo Novak Djokovic.

Oltre ad aver ottenuto queste vittorie inaspettate, Soderling, Razzano e Istomin hanno un altro fattore in comune: ognuno di loro era sponsorizzato da Guinot, una società francese di prodotti di bellezza. Come loro tre, altre centinaia di tennisti e tenniste vittoriosi, ma soprattutto perdenti, in partite di alto profilo, contro grandi avversari.

A parlare della strategia di Guinot è il New York Times, in un articolo firmato da Ben Rothenberg. La società parigina ha sviluppato un sistema per massimizzare la propria esposizione nei grandi eventi tennistici, con sponsorizzazioni temporanee con giocatori di basso profilo, impegnati però contro i migliori. Guinot non è la sola società a sottoscrivere accordi simili, ma è quella che ha reso questa pratica una vera e propria strategia a lungo termine. L'attuale progrmma, gestito dall'agenzia Img, è cominciato nel 2008. Funziona così: quando l'order of play del giorno dopo viene pubblicato, Img contatta gli agenti dei giocatori impegnati sui campi e negli incontri principali e, con i giocatori che non hanno restrizioni contrattuali, dà inizio alle negoziazioni per aggiungere al loro completo un logo pubblicitario. A ogni torneo del Grande Slam, si concludono tra gli otto e i dieci accordi di questo tipo.

Ai giocatori vengono offerte poche migliaia di dollari per una patch con il logo della società, di solito fino a circa 10.000 dollari, in base alla classifica del giocatore e al turno in cui è arrivato. Tre giocatrici hanno vinto un titolo del Grande Slam indossando il logo della Guinot: la russa Svetlana Kuznetsova, agli U.S. Open del 2004 e al Roland Garros del 2009; l'australiana Samantha Stosur, vincitrice degli U.S. Open del 2011; la francese Marion Bartoli, a Wimbledon, nel 2013.

Nella prima settimana degli U.S. Open 2017, sei giocatori hanno indossato il logo Guinot, e perso: Radu Albot, Timea Babos, Viktoria Kuzmova, Dusan Lajovic, Feliciano Lopez ed Elise Mertens. Domenica 3 settembre, infine, è arrivata la prima vittoria: la lettone Anastasija Sevastova ha battuto la russa Maria Sharapova, qualificandosi per i quarti di finale.

Altri brand preferiscono legarsi ai grandi campioni con contratti a lungo termine, come Porsche, che sponsorizza la tedesca Angelique Kerber, vincitrice degli U.S. Open 2016 ed ex numero uno del mondo. Viktoria Wohlrapp, portavoce di Porsche Tennis, ha detto di apprezzare l'approccio di Guinot. "In generale, è una grande idea quella di ottenere una buona esposizione senza un impegno molto lungo. Le patch sono rischiose, certe volte: paghi per qualcosa e non ottieni un ritorno, perché il giocatore non gioca tanto bene e così non ottiene l'esposizione che avresti voluto". Un approccio molto buono, certo, ma non appropriato per un brand come Porsche: "Per noi, l'obiettivo principale non è l'esposizione del marchio, ma mettere in risalto la partnership con l'atleta. Non metteremmo le patch su ogni atleta giusto per ottenere l'esposizione".

Non solo le aziende, ma anche alcuni giocatori sono contrari alle sponsorizzazioni per una partita. L'ex giocatore statunitense Mardy Fish, per esempio, ha detto di averle sempre rifiutate, perché "quando scelgo una società, voglio sapere chi è, cosa c'è dietro, chi sono. Voglio sentirmi parte della società, un membro del team. Sono sicuro di essere un caso raro, perché questi sono soldi facili". C'è chi rifiuta per altri motivi: Kuznetsova, che ha vinto due tornei dello Slam con le sponsorizzazioni di un giorno, ha detto di vedersi ora "come un brand" e di voler accettare solo offerte a lungo termine. Poi c'è chi, come la danese Caroline Wozniacki, lo scorso anno ha rinegoziato il contratto per indossare la linea Adidas di Stella McCartney, ottenendo un bonus per lasciare il suo outfit immacolato. "Credo sia più bello da vedere, ma allo stesso tempo deve avere senso dal punto di vista finanziario. Se puoi tenere il completo 'pulito' e farlo funzionare finanziariamente, credo che sia il massimo. È come un do ut des". Chi non si fa alcun problema è lo statunitense Sam Querrey: nei quarti di finale a Wimbledon, quest'anno, ha indossato una toppa Guinot contro il numero uno del mondo, il britannico Andy Murray, ma l'ha sostituita in semifinale con una patch di Wheels Up, una compagnia aerea privata che lo ha ripagato con soldi e l'uso dei suoi jet. "Si va con chi paga di più, non mi interessa cosa sia. Metto la patch e vengo pagato, questo è tutto ciò che importa. Non so nemmeno cosa sia Guinot".

Altri Servizi

Trump trasforma lo sport in uno scontro politico

Il presidente fa pressing sulla Nfl: licenzi gli atleti che non cantano l'inno. La lega di football: commenti che dividono e che mancano di rispetto. Le star del basket LeBron James e Kobe Bryant in difesa di Stephen Curry

Già protagonista di un ridicolo duello a parole con il leader nordcoreano, Donald Trump sta alimentando non solo tensioni a livello geopolitiche ma anche nel mondo dello sport. Nel giro di 12 ore ha attaccato atleti professionisti afroamericani suoi critici. Il risultato? La lega professionistica del football americano, i suoi giocatori e due campioni mondiali di basket sono stati costretti a fare sentire la loro voce.

Google tratta con editori per migliorare gli abbonamenti

News Corp, New York Times e Financial Times discutono strumenti di intelligenza artificiale
iStock

Google è in trattativa con tre gruppi editoriali con l'intento di aiutarli a migliorare i ricavi da loro generati dalle attività giornalistiche. New York Times, Financial Times e News Corp starebbero lavorando a strumenti che, sfruttando i dati degli utenti Google e l'intelligenza artificiale (AI), permettano loro di affinare la vendita di abbonamenti rendendoli "su misura". A rivelarlo sono i giornalisti del Financial Times, che in quanto gruppo non ha voluto commentare l'indiscrezione.

Scade il 'travel ban', Trump imporrà nuove restrizioni a 8-9 Paesi

L'annuncio è previsto domenica; le anticipazioni sono del Wsj. L'amministrazione punta a divieti più ampi, ma mirati, in modo che siano più efficaci e meno attaccabili
AP

L'amministrazione Trump ha deciso di sostituire il controverso 'travel ban', già rivisto dopo la bocciatura in tribunale e poi di nuovo, e più volte, attaccato dal punto di vista legale, con nuove restrizioni, più mirate, che riguarderanno però un numero di Paesi maggiore, rispetto ai sei colpiti dal divieto di viaggio che scade alla fine di questa settimana. A riportarlo è il Wall Street Journal.

Sanità, Trump ai Rep: dissidenti ricordati come salva-Obamacare

Il presidente lancia un monito ai senatori, in vista del nuovo tentativo di cancellare e sostituire la riforma sanitaria del predecessore. Secondo il Brookings, ci sarebbero 21 milioni di persone in più senza assicurazione

"Rand Paul, o chiunque altro voti contro la proposta di legge sulla sanità, sarà per sempre conosciuto (nelle future campagne politiche) come 'il repubblicano che ha salvato l'Obamacare'". Con questo tweet, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha lanciato un monito ai repubblicani che siedono in Congresso, visti i potenziali 'no' al nuovo tentativo di far approvare una legge che cancelli e sostituisca l'Obamacare, la riforma sanitaria del predecessore.

Russiagate: Facebook consegnerà al Congresso Usa le pubblicità sospette

Il Ceo Zuckerberg: renderemo più trasparenti le inserzioni politiche e più difficili da realizzare le interferenze nelle elezioni. Il social network monitora quelle in Germania: per ora nulla di strano
Facebook

Facebook consegnerà al Congresso Usa le inserzioni pubblicitarie finite sulla sua piattaforma e che "probabilmente" sono legate alla Russia. Della loro esistenza fu data notizia il sei settembre scorso, quando, il social network annunciò di avere scoperto circa 470 account non autentici gestiti "probabilmente" da Mosca e associati a inserzioni da 100.000 dollari che avevano l'intento di creare scompiglio durante la campagna elettorale. Allo stesso tempo il gruppo ha detto di non avere riscontrato alcuna interferenza nelle elezioni tedesche di domenica 24 settembre.

Franca Sozzani continua a ispirare l'impegno sociale

Lanciato un premio in onore della direttrice di Vogue Italia scomparsa nel dicembre 2016. Naomi Campbell, Iman, Beatrice Borromeo e Afef Jnifen, a New York per ricordarla nella settimana Onu unendo moda e solidarietà
Franca Sozzani

Impegno sociale e bellezza. Nella settimana che vede i leader mondiali riuniti alle Nazioni Unite per l'Assemblea Generale, al Pierre Hotel di Manhattan si è svolto il settimo First Ladies Luncheon di Fashion4Development, l'organizzazione fondata da Evie Angelou in seno all'Onu per promuovere e sostenere progetti legati alla moda nei Paesi in via di sviluppo.

Corea del Nord: un attacco contro gli Usa sta diventando "inevitabile". L'esercito di Trump mostra la sua forza

Il ministro degli Esteri di Pyongyang ha parlato all'Onu: secondo lui, è il presidente americano, non Kim, ad essere protagonista di una "missione suicida". Bombardieri statunitensi in mostra vicino alla nazione più isolata al mondo

Mentre all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il ministro nordcoreano degli Esteri tornava a dare del "mentalmente instabile" al "cattivo" Donald Trump e a dire che con lui un attacco missilistico su suolo americano sta diventando sempre più "inevitabile", il Pentagono è tornato a mostrare la sua forza a Pyongyang. E' successo nel giorno in cui la nazione più isolata al mondo ha vissuto un sisma, apparentemente di origine naturale, che ha riacceso i timori di un altro test nucleare: il giorno precedente la Corea del Nord aveva ventilato l'ipotesi di fare detonare una bomba all'idrogeno nel Pacifico.

Silurato da Apple, fornitore di chip si vende ai cinesi bloccati da Trump

Il gruppo britannico Imagination Technlogies ha siglato un accordo da 550 milioni di sterline con Canyon Bridge, fondo di private equity appoggiato da Pechino che tentò di acquisire l'americana Lattice Semiconductor

Una settimana dopo essersi sentito dire dagli Stati Uniti che non poteva acquisire un produttore americano di semiconduttori per motivi di sicurezza nazionale, un fondo di private equity appoggiato da Pechino ha siglato un accordo per comprare un'azienda britannica specializzata in processori grafici: si tratta di Imagination Technologies; a giugno si mise in vendita perché Apple, il suo cliente più grande nonché uno dei suoi principali soci, comunicò l'intenzione di usare sempre di meno la sua tecnologia in prodotti come l'iPhone. 

Fca corteggiata da Hyundai? Per gli analisti, un acquirente cinese ha più senso

Il titolo continua a correre con le nuove indiscrezioni in arrivo dalla Corea del Sud. Per DBRS, il Ceo Marchionne ha ancora tempo per siglare un accordo ma un'intesa preliminare ci deve essere nella prima metà del 2018

La corsa di Fiat Chrysler Automobiles in Borsa non si arresta. Intensificatasi da agosto, quando sono emerse le prime voci di interesse per il gruppo da parte di aziende cinesi, l'avanzata del titolo è alimenata da indiscrezioni secondo cui Hyundai starebbe pensando a un takeover.

I produttori Usa di pannelli solari sperano nel pugno duro di Trump

Vogliono limiti alle importazioni dei rivali. La ITC permette la loro protezione da parte del governo prevista in una legge poco usata. Una decisione sull'imposizione di tariffe spetta al presidente americano

I produttore americani di pannelli solari possono cantare vittoria nel loro tentativo di ottenere protezione a scapito di rivali stranieri i cui prodotti arrivano in Usa.