Sprint e T-Mobile: stop alle trattative per un merger

Il terzo e il quarto operatore di telefonia mobile in Usa non sono riusciti a trovare un accordo dopo mesi di trattative. Decisione presa con le rispettive controllanti, la giapponese SoftBank e la tedesca Deutsche Telekom

Il sogno di nozze tra Sprint e T-Mobile US è saltato. Di nuovo. La compagnia telefonica americana controllata dalla giapponese Softbank e la connazionale facente parte della galassia della tedesca Deutsche Telekom hanno annunciato la fine ufficiale dei negoziati per un merger. Dopo lunghe trattative, è sfumata la fusione tra il terzo e il quarto operatore di telefonia mobile in Usa. Un tentativo di fusione era già saltato nel 2014, quando le due aziende credevano che non avrebbero ottenuto i via libera regolatori. Questa volta il merger è saltato per disaccordi sul controllo dell'azienda che sarebbe nata dal merger.

Stando a fonti del Wall Street Journal, la decisione è stata presa durante una cena alla casa a Tokyo del presidente del consiglio di amministrazione di Sprint, Masayoshi Son. Presenti c'erano il Ceo di Sprint, Marcelo Claure, e quello di Deutsche Telekom, Tim Hottges. In una nota congiunta le due aziende si sono limitate a dire di non essere riuscite a trovare un'intesa.

John Legere, il presidente e Ceo di T-Mobile US, ha spiegato che "la prospettiva di unirci a Sprint è stata allettante per varie ragioni, inclusa la possibilità di creare benefici significativi per i consumatori e valore per i soci. Tuttavia, siamo sempre stati chiari: un accordo con chiunque deve portare a un valore per i nostri azionisti superiore a quello che possiamo garantire come gruppo autonomo". Evidentemente a Legere quanto messo sul piatto non è bastato.

Il Ceo di Sprint nonché membro del cda di Softbank ha aggiunto che "pur non essendo riusciti a trovare un accordo per combinare le nostre aziende, riconosciamo senza ombra di dubbio i benefici di una potenziale combinazione. Eppure, abbiamo deciso che è meglio procedere da soli".

T-Mobile, attraverso il suo numero uno, ha promesso di continuare (come ha effettivamente fatto) a rivoluzionare il settore di riferimento "arrivando a ridefinire internet via dispositivi mobili come lo conosciamo". Con orgoglio Legere ha detto che "siamo cresciuti più del comparto negli ultimi 15 trimestri, dando valore ai soci e portando cambiamenti notevoli nel mondo wireless. Non ci fermeremo".

Dal canto suo Sprint ha promesso un'accelerazione degli investimenti nella sua rete "per garantire la nostra crescita continua". Il gruppo crede che ci siano "opportunità significative per creare partnership forti in varie industrie". Sprint, a detta del suo Ceo, "è determinata a continuare a cambiare il settore wireless e a competere senza pietà". La lotta è rivolta "al duopolio [di AT&T e Verizon] e ai nuovi competitor emergenti" come T-Mobile US, ha aggiunto Claure.

Invece del merger, SoftBank intende comprare sul mercato titoli Sprint. La sua quota nel gruppo è intorno all'80% e conta di tenerla sotto la soglia dell'85% oltre la quale sarebbe costretta a lanciare un'Opa. 

Deutsche Telekom, che controlla il 64% di T-Mobile US, è stata di poche parole. In una nota ha detto solo che "non è stato possibile raggiungere un accordo e di conseguenza le discussioni sono finite".

Già il 30 ottobre, ossia cinque giorni prima della fine ufficiale delle trattative, i titoli di Sprint e T-Mobile US avevano sofferto a Wall Street su voci secondo cui SoftBank intendeva mettere fine ai negoziati. Stando a Nikkei Asian Review, i negoziati erano sull'orlo di saltare per via di disaccordi sul controllo dell'azienda che sarebbe nata dalla fusione. Deutsche Telekom avrebbe teoricamente dovuto prendere il controllo totale del gruppo combinato ma chiaramente Masayoshi Son ha capito di non avere intenzione di lasciare il controllo su Sprint.

Nell'ultima seduta precedente all'annuncio della fine delle trattative, Sprint aveva guadagnato al NYSE il 3,7% a 6,67 dollari; T-Mobile, l'1,1%. Da inizio anno Sprint aveva ceduto quasi il 21% e negli ultimi 12 mesi era salito del 9% raggiungendo una capitalizzazione di 26,7 miliardi di dollari. T-Mobile US aveva aggiunto il 2,4% dal gennaio 2017 e il 19% in un anno portando la sua capitalizzazione a 49 miliardi. 

Altri Servizi

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.

Scandali sessuali, tre parlamentari Usa costretti alle dimissioni in tre giorni. Qualcosa di simile accadde solo per la schiavitù

Per il Washington Post, situazione senza precedenti. Quelle dimissioni, prima della Guerra civile, furono un atto politico. Oggi, sono le donne comuni a costringere senatori e deputati a farsi da parte

È stata una settimana straordinaria, quella appena terminata al Congresso statunitense: dopo essere stati accusati di molestie sessuali, tre membri del parlamento si sono dimessi. Per trovare un momento simile, nella storia degli Stati Uniti, bisogna tornare alla Guerra civile e alla schiavitù.

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Apple sta per acquistare Shazam, la app per riconoscere le canzoni. A sostenerlo è il sito TechCrunch: citando fonti anonime, il sito specializzato in tecnologia riferisce che il produttore dell'iPhone potrebbe pagare centinaia di migliaia di dollari per l'applicazione; se cos" fosse, Apple verserebbe meno del miliardo di dollari circa a cui Shazam fu valutata nel suo ultimo round di raccolta fondi risalente al 2015. Un'intesa potrebbe essere annunciata luned" 11 dicembre.

Ge: 12mila esuberi nella divisione Power

Obiettivo: tagliare i costi di un miliardo di dollari nel 2018

La divisione di General Electric dedicata alle attività energetiche intende tagliare 12.000 posti di lavoro, di cui 1.100 nel Regno Unito, con l'intento di ridurre i costi di un miliardo di dollari nel 2018. La decisione della conglomerata americana, che secondo gli analisti era da tempo necessaria, colpirà professionisti e addetti alla produzione. Il numero di esuberi corrisponde al 20% circa della forza lavoro della divisione che produce turbine per impianti energetici a carbone e a gas.

Lo spettro di molestie sessuali arriva anche a Wall Street

Morgan Stanley licenzia un advisor, ex deputato a Washington, per "condotta inopportuna" nei confronti di una donna. Si tratta di Harold Ford Jr
iStock

Dopo Hollywood, Capitol Hill e la Silicon Valley, anche a Wall Street si solleva lo spettro di molestie sessuali. Morgan Stanley ha subito licenziato un advisor di alto livello dopo che una donna si è lamentata di una sua condotta inappropriata e giudicata dalla banca come "non in linea ai nostri valori e in violazione delle nostre politiche.

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto

A novembre le aziende americane hanno continuato ad assumere continuando la tendenza vista il mese precedente. Il rialzo del mese scorso segna l'86esimo mese di fila in cui i datori di lavoro hanno reclutato personale negli Stati Uniti.

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

Una divisione di Caterpillar ha ammesso di avere truffato clienti facendo manutenzione inutile sui loro vagoni ferroviari.

Trump Jr. chiese a un'avvocata russa le prove contro la fondazione Clinton

La legale, Natalia Veselnitskaya, lo ha detto alla commissione Giustizia del Senato. Negli Stati Uniti, sono in corso le indagini sulle interferenze russe nelle scorse elezioni presidenziali e sui possibili legami tra Mosca e lo staff di Donald Trump

L'avvocata russa presente all'incontro alla Trump Tower, il 9 giugno 2016, con i massimi responsabili della campagna elettorale del candidato repubblicano ha dichiarato che il figlio dell'attuale presidente statunitense, Donald Trump Jr., le chiese se avesse le prove di donazioni illegali alla Clinton Foundation. L'avvocata, riporta Nbc News, ha risposto alle domande che la commissione Giustizia del Senato le ha presentato per iscritto.

Trump Jr. agli investigatori: "Non parlo della conversazione con mio padre"

In commissione Intelligence della Camera, ha invocato il diritto alla riservatezza garantito nel rapporto tra cliente e avvocato, visto che parteciparono, oltre a padre e figlio, anche i rispettivi legali
AP

Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente statunitense Donald Trump, si è rifiutato di discutere con gli investigatori del Congresso di una conversazione con il padre, a proposito delle rivelazioni sul suo incontro con un'avvocata russa durante la scorsa campagna elettorale. Lo hanno riferito alcune fonti al Wall Street Journal.

Da gennaio Trump tornerà a promuovere piano infrastrutturale

Prevede 200 miliardi di dollari di fondi federali e 800 miliardi di investimenti privati su scala statale e municipale
iStock

Non ha ancora portato a casa la riforma fiscale, che già Donald Trump pensa a rilanciare un piano infrastrutturale promesso ancora prima della sua vittoria alle elezioni presidenziali del novembre 2016. Lo riferisce la stampa americana citando funzionari della Casa Bianca; la proposta dovrebbe prevedere spese federali per 200 miliardi di dollari, pensate per innescare investimenti da parte del settore privato a livello statale e municipale per altri 800 miliardi di dollari. Il valore complessivo da mille miliardi di dollari è quello che Trump, già da candidato, disse che avrebbe realizzato nei suoi primi 100 giorni alla Casa Bianca. Così non è stato, visto che poi il Gop si è concentrato (inutilmente) sull'abrograzione della riforma sanitaria voluta da Barack Obama e ora è alle prese con una riforma fiscale che spera di realizzare entro Natale.