Sprint e T-Mobile: stop alle trattative per un merger

Il terzo e il quarto operatore di telefonia mobile in Usa non sono riusciti a trovare un accordo dopo mesi di trattative. Decisione presa con le rispettive controllanti, la giapponese SoftBank e la tedesca Deutsche Telekom

Il sogno di nozze tra Sprint e T-Mobile US è saltato. Di nuovo. La compagnia telefonica americana controllata dalla giapponese Softbank e la connazionale facente parte della galassia della tedesca Deutsche Telekom hanno annunciato la fine ufficiale dei negoziati per un merger. Dopo lunghe trattative, è sfumata la fusione tra il terzo e il quarto operatore di telefonia mobile in Usa. Un tentativo di fusione era già saltato nel 2014, quando le due aziende credevano che non avrebbero ottenuto i via libera regolatori. Questa volta il merger è saltato per disaccordi sul controllo dell'azienda che sarebbe nata dal merger.

Stando a fonti del Wall Street Journal, la decisione è stata presa durante una cena alla casa a Tokyo del presidente del consiglio di amministrazione di Sprint, Masayoshi Son. Presenti c'erano il Ceo di Sprint, Marcelo Claure, e quello di Deutsche Telekom, Tim Hottges. In una nota congiunta le due aziende si sono limitate a dire di non essere riuscite a trovare un'intesa.

John Legere, il presidente e Ceo di T-Mobile US, ha spiegato che "la prospettiva di unirci a Sprint è stata allettante per varie ragioni, inclusa la possibilità di creare benefici significativi per i consumatori e valore per i soci. Tuttavia, siamo sempre stati chiari: un accordo con chiunque deve portare a un valore per i nostri azionisti superiore a quello che possiamo garantire come gruppo autonomo". Evidentemente a Legere quanto messo sul piatto non è bastato.

Il Ceo di Sprint nonché membro del cda di Softbank ha aggiunto che "pur non essendo riusciti a trovare un accordo per combinare le nostre aziende, riconosciamo senza ombra di dubbio i benefici di una potenziale combinazione. Eppure, abbiamo deciso che è meglio procedere da soli".

T-Mobile, attraverso il suo numero uno, ha promesso di continuare (come ha effettivamente fatto) a rivoluzionare il settore di riferimento "arrivando a ridefinire internet via dispositivi mobili come lo conosciamo". Con orgoglio Legere ha detto che "siamo cresciuti più del comparto negli ultimi 15 trimestri, dando valore ai soci e portando cambiamenti notevoli nel mondo wireless. Non ci fermeremo".

Dal canto suo Sprint ha promesso un'accelerazione degli investimenti nella sua rete "per garantire la nostra crescita continua". Il gruppo crede che ci siano "opportunità significative per creare partnership forti in varie industrie". Sprint, a detta del suo Ceo, "è determinata a continuare a cambiare il settore wireless e a competere senza pietà". La lotta è rivolta "al duopolio [di AT&T e Verizon] e ai nuovi competitor emergenti" come T-Mobile US, ha aggiunto Claure.

Invece del merger, SoftBank intende comprare sul mercato titoli Sprint. La sua quota nel gruppo è intorno all'80% e conta di tenerla sotto la soglia dell'85% oltre la quale sarebbe costretta a lanciare un'Opa. 

Deutsche Telekom, che controlla il 64% di T-Mobile US, è stata di poche parole. In una nota ha detto solo che "non è stato possibile raggiungere un accordo e di conseguenza le discussioni sono finite".

Già il 30 ottobre, ossia cinque giorni prima della fine ufficiale delle trattative, i titoli di Sprint e T-Mobile US avevano sofferto a Wall Street su voci secondo cui SoftBank intendeva mettere fine ai negoziati. Stando a Nikkei Asian Review, i negoziati erano sull'orlo di saltare per via di disaccordi sul controllo dell'azienda che sarebbe nata dalla fusione. Deutsche Telekom avrebbe teoricamente dovuto prendere il controllo totale del gruppo combinato ma chiaramente Masayoshi Son ha capito di non avere intenzione di lasciare il controllo su Sprint.

Nell'ultima seduta precedente all'annuncio della fine delle trattative, Sprint aveva guadagnato al NYSE il 3,7% a 6,67 dollari; T-Mobile, l'1,1%. Da inizio anno Sprint aveva ceduto quasi il 21% e negli ultimi 12 mesi era salito del 9% raggiungendo una capitalizzazione di 26,7 miliardi di dollari. T-Mobile US aveva aggiunto il 2,4% dal gennaio 2017 e il 19% in un anno portando la sua capitalizzazione a 49 miliardi. 

Altri Servizi

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento