Stein a Trump: stop alle intimidazioni su riconteggio voti

La candidata dei Verdi ha tenuto una conferenza stampa fuori dalla Trump Tower a New York.
AP

Mentre la missione per un rinconteggio dei voti in Wisconsin e Michigan procede "a pieno ritmo", la candidata dei Verdi alle elezioni presidenziali americane non rinuncia a fare altrettanto in Pennsylvania nonostante "l'ostruzionismo burocratico" del presidente eletto. La battaglia di Jill Stein per garantire "l'integrità delle elezioni" dello scorso otto novembre ha fatto tappa alla Trump Tower di New York.

Dal marciapiede che si affaccia sul grattacielo dove vive Donald Trump, Stein ha lanciato un messaggio chiaro al miliardario: "Non c'è nulla di cui preoccuparsi. Se credi nella democrazia, se credi nella credibilità della tua vittoria, abbassa le difese, metti fine alle tue ostruzioni burocratiche e alle tue intimitazioni e unisciti al popolo americano che chiede una democrazia per tutti, elezioni di cui ci possiamo fidare e un voto che sia accurato, sicuro e giusto. Questo è il diritto costituzionale che vogliamo difendere".

La candidata dei Verdi intende fare "pressione affinchè Trump guardi ai fatti invece di inventarli". Risponendo a una domanda sulle insinuazioni secondo cui i milioni di dollari raccolti per finanziare un riconteggio dei voti nei tre Stati non verranno usati correttamente, Stein ha detto che quel "denaro non può essere speso per altri fini se non quello del riconteggio". E poi, ha aggiunto, "non sembra ci sia alcuna possibilità che dei fondi restino inutilizzati perché il prezzo della democrazia continua a salire ed è scandaloso che dobbiamo trovare milioni di dollari per affermare la nostra democrazia. Saremo fortunati se avremo denaro sufficiente" per portare avanti la battaglia. Quella battaglia in Pennsylvania si fa più dura: la campagna di Stein ha fatto causa davanti a un giudice federale per cercare di forzare un riconteggio.

"Non abbiamo altra scelta che puntare a un intervento a livello federale" e non statale, ha spiegato Stein dicendo che "è chiaro che in Pennsyvania si è contro un sistema elettorale certificato. Per questo chiediamo a un giudice federale di difendere il nostro diritto costituzionale di voto, un diritto dimostrato da questo sforzo di riconteggio per garantire che abbiamo un sistema elettorale giusto e di cui possiamo fidarci".

Jonathan Abady, consulente di Stein, è intervenuto sottolineando come "non ci siano dubbi sul fatto che le macchine per il voto elettronico siano vulnerabili e che ci siano prove circostanziali secondo cui è altamente probabile che una intrusione [di pirati informatici] ci sia stata". Ricordando che il governo federale ha confermato che in Usa ci sia stato "un livello senza precedenti di attacchi hacker o intrusioni nel sistema elettorale", come dimostrato per esempio dalle instrusioni al Democratic National Committee (l'organo di governo del partito democratico) e alle email di John Podesta (il presidente della campagna della candidata democratica Hillary Clinton), Abady ha aggiunto: "L'unico modo per verificare [se ci sono stati hackeraggi] è fare controlli. Il processo di verifica è qualcosa che è contemplato nella nostra democrazia".

E' proprio la democrazia che Stein vuole difendere e non un candidato piuttosto che un altro: "Non sappiamo se l'esito del voto cambierà" in Wisconsin, Michigan e Pennsylvania, tre Stati vinti da Trump per un margine complessivo di solo cento mila voti. Per la candidata dei Verdi "sarebbe sbagliato alimentare le aspettative per un cambiamento dell'esito. Quello non era il nostro obiettivo" ma piuttosto "quello di garantire che tutti i voti fossero contati", specialmente in Michigan dove si temono irregolarità legate soprattuto agli elettori afroamericani. "Le probabilità di un conteggio sbagliato a causa di un errore umano o elettronico è cresciuta di circa il 900% se uno vota in una comunità di colore", ha avvertito Stein. Proprio per questo lei chiede dall'esterno della Trump Tower che tutti i voti siano contati. Un obiettivo per cui lei e i suoi sostenitori sono disposti a lottare. Perché "non ci arrendiamo alle intimidazioni, alle manovre legali e alle ostruzioni burocratiche". Nemmeno quelle di Trump.

Altri Servizi

Scontro tra navi in Giappone, morti sette militari americani

Una nave cargo filippina ha travolto la USS Fitzgerald. I membri della Marina stavano dormendo

Una scontro con una nave da carico ha distrutto la cabina del capitano di un cacciatorpediniere americano provocando sette morti. I marinai stavano dormendo per questo non hanno avuto il tempo per salvarsi. È successo in Giappone dove la nave cargo ACX Crystal, battente bandiera filippina, ha travolto la Uss Fitzgerald. 

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

È morto il cittadino americano detenuto 17 mesi in Corea del Nord

Otto Warmbier era stato liberato il 13 giugno e si trovava in coma, forse da più di un anno. Pyongyang detiene altri tre cittadini americani

È morto Otto Warmbier, il cittadino americano di 22 anni liberato la settimana scorsa dal regime della Corea del Nord. Si trovava in coma dal marzo del 2016 secondo quando ha fatto sapere il regime di Pyongyang. La famiglia - che ha diffuso la notizia - aveva detto che aveva gravi danni neurologici. Warmbier, 22 anni, era stato liberato la settimana scorsa dopo 17 mesi di detenzione: si trovava in Corea del Nord come turista quando era stato arrestato il 2 gennaio 2016 e poi condannato a 15 anni di lavori forzati per aver cercato di rubare un cartellone della propaganda del regime in un albergo. Il giovane, dopo un processo per direttissima di solo un'ora, era stato condannato con l'accusa di "atto ostile contro lo stato".

Incontro Trump-Silicon Valley, tra segnali di pace e una possibile guerra

Oggi alla Casa Bianca la riunione con gli amministratori delegati dei colossi tecnologici: da una parte si discuterà di modernizzazione del governo, dall'altra di visti per stranieri e di capitali all'estero (quasi 600 miliardi di dollari)

Usa, Georgia al voto: spese record per un test su Trump

Elezioni speciali per un seggio alla Camera, attenzione nazionale. Spesi oltre 50 milioni di dollari: una cifra senza precedenti per un seggio a Capitol Hill
Ap

Wall Street da record

Nessun dato macroeconomico in agenda. Il presidente Donald Trump incontra gli amministratori delegati della Silicon Valley
AP

La settimana economica e politica in America

Lunedì ci sarà l'attesissimo incontro alla Casa Bianca tra Donald Trump e alcuni amministratore della Silicon Valley. E poi ci sono i dati sulle case e ancora i discorsi di due presidenti della Fed
AP

Afghanistan, la Casa Bianca non ha una strategia chiara

Donald Trump ha dato pieni poteri al Pentagono che vorrebbe inviare 3.000-5.000 nuovi militari nel Paese
AP

Nessuno vuole lavorare per l'amministrazione Trump

Il risultato è che in quasi cinque mesi di governo ci sono ancora centinaia di posti vacanti e a Washington si vive in un senso di immobilità
AP

Incontri segreti tra Corea del Nord e Usa per liberare prigionieri e aprire un canale diplomatico

Si sarebbero intensificati con l'elezione di Donald Trump. Poi la notizia delle condizioni del cittadino Usa Otto Warmbier li hanno bloccati
AP