Stein a Trump: stop alle intimidazioni su riconteggio voti

La candidata dei Verdi ha tenuto una conferenza stampa fuori dalla Trump Tower a New York.
AP

Mentre la missione per un rinconteggio dei voti in Wisconsin e Michigan procede "a pieno ritmo", la candidata dei Verdi alle elezioni presidenziali americane non rinuncia a fare altrettanto in Pennsylvania nonostante "l'ostruzionismo burocratico" del presidente eletto. La battaglia di Jill Stein per garantire "l'integrità delle elezioni" dello scorso otto novembre ha fatto tappa alla Trump Tower di New York.

Dal marciapiede che si affaccia sul grattacielo dove vive Donald Trump, Stein ha lanciato un messaggio chiaro al miliardario: "Non c'è nulla di cui preoccuparsi. Se credi nella democrazia, se credi nella credibilità della tua vittoria, abbassa le difese, metti fine alle tue ostruzioni burocratiche e alle tue intimitazioni e unisciti al popolo americano che chiede una democrazia per tutti, elezioni di cui ci possiamo fidare e un voto che sia accurato, sicuro e giusto. Questo è il diritto costituzionale che vogliamo difendere".

La candidata dei Verdi intende fare "pressione affinchè Trump guardi ai fatti invece di inventarli". Risponendo a una domanda sulle insinuazioni secondo cui i milioni di dollari raccolti per finanziare un riconteggio dei voti nei tre Stati non verranno usati correttamente, Stein ha detto che quel "denaro non può essere speso per altri fini se non quello del riconteggio". E poi, ha aggiunto, "non sembra ci sia alcuna possibilità che dei fondi restino inutilizzati perché il prezzo della democrazia continua a salire ed è scandaloso che dobbiamo trovare milioni di dollari per affermare la nostra democrazia. Saremo fortunati se avremo denaro sufficiente" per portare avanti la battaglia. Quella battaglia in Pennsylvania si fa più dura: la campagna di Stein ha fatto causa davanti a un giudice federale per cercare di forzare un riconteggio.

"Non abbiamo altra scelta che puntare a un intervento a livello federale" e non statale, ha spiegato Stein dicendo che "è chiaro che in Pennsyvania si è contro un sistema elettorale certificato. Per questo chiediamo a un giudice federale di difendere il nostro diritto costituzionale di voto, un diritto dimostrato da questo sforzo di riconteggio per garantire che abbiamo un sistema elettorale giusto e di cui possiamo fidarci".

Jonathan Abady, consulente di Stein, è intervenuto sottolineando come "non ci siano dubbi sul fatto che le macchine per il voto elettronico siano vulnerabili e che ci siano prove circostanziali secondo cui è altamente probabile che una intrusione [di pirati informatici] ci sia stata". Ricordando che il governo federale ha confermato che in Usa ci sia stato "un livello senza precedenti di attacchi hacker o intrusioni nel sistema elettorale", come dimostrato per esempio dalle instrusioni al Democratic National Committee (l'organo di governo del partito democratico) e alle email di John Podesta (il presidente della campagna della candidata democratica Hillary Clinton), Abady ha aggiunto: "L'unico modo per verificare [se ci sono stati hackeraggi] è fare controlli. Il processo di verifica è qualcosa che è contemplato nella nostra democrazia".

E' proprio la democrazia che Stein vuole difendere e non un candidato piuttosto che un altro: "Non sappiamo se l'esito del voto cambierà" in Wisconsin, Michigan e Pennsylvania, tre Stati vinti da Trump per un margine complessivo di solo cento mila voti. Per la candidata dei Verdi "sarebbe sbagliato alimentare le aspettative per un cambiamento dell'esito. Quello non era il nostro obiettivo" ma piuttosto "quello di garantire che tutti i voti fossero contati", specialmente in Michigan dove si temono irregolarità legate soprattuto agli elettori afroamericani. "Le probabilità di un conteggio sbagliato a causa di un errore umano o elettronico è cresciuta di circa il 900% se uno vota in una comunità di colore", ha avvertito Stein. Proprio per questo lei chiede dall'esterno della Trump Tower che tutti i voti siano contati. Un obiettivo per cui lei e i suoi sostenitori sono disposti a lottare. Perché "non ci arrendiamo alle intimidazioni, alle manovre legali e alle ostruzioni burocratiche". Nemmeno quelle di Trump.

Altri Servizi

Trump fa marcia indietro, l'Obamacare resta (per ora)

"Ryancare" ritirata, mancavano i voti per la sua approvazione. Il presidente dà la colpa ai democratici. La prossima sfida è la riforma fiscale

Donald Trump fa marcia indietro. Piuttosto che mettere al voto un disegno di legge che non sarebbe mai stato approvato, il presidente americano ha chiamato lo speaker alla Camera per dire di ritirare la riforma sanitaria pensata per abrogare e sostituire l'Obamacare. Si tratta di un'amara ammissione del fatto che né le minacce e gli ultimatum dell'inquilino della Casa Bianca né il pressing di Paul Ryan sono bastati per convincere l'ala più conservatrice del partito repubblicano ad allinearsi e promettere di votare "sì".

L'amministrazione Trump dà il via libera a Keystone XL

L'oleodotto è una estensione di quello che collega il Canada alle raffinerie del Golfo del Messico. Era stato fermato da Barack Obama dopo le proteste degli ambientalisti. Potrebbe essere pronto per il 2019 e il costo previsto è di 8 miliardi di dollari
AP

Alla fine l'amministrazione Trump ha mantenuto una delle sue promesse, togliendo di mezzo il blocco voluto da Barack Obama e ridando cos" a TransCanada la possibilità di continuare la costruzione di Keystone XL. L'oleodotto collegherà i pozzi petroliferi del Canada alle raffinerie americane del Golfo del Messico. Per farlo attraversa gli Stati Uniti, passando per aree incontaminate e mettendo a rischio non solo la vita e la sopravvivenza di alcune comunità di nativi, ma anche l'ecosistema di regioni fragili. "Stiamo lavorando agli ultimi dettagli, si tratta di un incredibile oleodotto e sono molto orgoglioso", ha detto Trump ricordando che saranno creati nuovi posti di lavoro.

Libia: soluzione pronta per la stabilizzazione politica. E ringrazia l'Italia

Intervista al ministro degli Esteri di Tripoli, Mohamed Taher Siala, che loda Roma sul piano di immigrazione e aiuti umanitari. Chiede aiuto a comunità internazionale. Presto per commentare su Trump ma la gente in Libia non può aspettare
AP

Una soluzione per la stabilizzazione politica della Libia “è pronta” ma occorre che la comunità internazionale faccia pressione sulle parti perché gli accordi vengano rispettati. L’appello giunge dal ministro degli Esteri di Tripoli, Mohamed Taher Siala, che in una intervista si dice ottimista rispetto alla riconciliazione del Paese ancora diviso dopo la drammatica caduta del regime di Muammar Gheddafi nel 2011. E ringrazia l'Italia per il buon lavoro in tema di immigrazione e aiuti umanitari.

Wall Street, terminata la peggiore settimana da novembre

Dubbi e preoccupazioni sull'amministrazione Trump, a causa delle difficoltà dei repubblicani sulla riforma sanitaria
AP

La battaglia per i veicoli autonomi tra Google e Uber va in tribunale

Google accusa Uber di aver rubato (attraverso un ex dipendente del colosso di Mountain View) una parte centrale della tecnologia sviluppata per decenni

I primi prototipi di automobili autonome si trovano già sulle strade di alcune città. Ma la vera guerra sta per iniziare in tribunale. Google e Uber, i due giganti in prima linea di sviluppare questa tecnologia, stanno per intraprendere una lunga battaglia per controllare il mercato più importante dei prossimi anni. La posta in gioco è alta e Google fa un passo in avanti, accusando uno dei suoi ex ingegneri di aver rubato alcuni segreti.

Usa e Cina promettono di collaborare per risolvere la questione nordcoreana

Da Pechino il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, modera i toni e apre alla diplomazia, dopo che aveva detto di voler valutare anche un possibile intervento militare. Forse ad aprile ci sarà l'incontro a Washington tra Trump e Xi

Gli Stati Uniti e la Cina lavoreranno insieme per cercare che evitare che la questione nucleare in Corea del Nord prenda "un direzione differente". Il segretario di Stato americano Rex Tillerson, in un incontro ufficiale con il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, a Pechino ha deciso di moderare i toni.

NY: presentato Big Bend, il grattacielo "più lungo" al mondo

A proporlo è stato lo studio d'architettura Oiio

Grattacieli alti? Magari non più: la nuova moda a New York potrebbero diventare i grattacieli lunghi. Lo studio d'architettura Oiio punta a modificare lo skyline di Manhattan con "The Big Bend", un edificio ad arco che promette di essere "il più lungo del mondo". Il progetto, svelato sul sito dello studio, oltre a cercare una soluzione creativa per "aggirare" (in tutti i sensi) il piano regolatore di Manhattan, mira ad aggiungere un nuovo tassello rivoluzionario alla cosiddetta Billionaires' Row: la "via dei miliardari" sulla 57esima strada (così chiamata perché qui già sorgono una serie di gioielli immobiliari per ricconi).

Wall Street, investitori cauti

Il governatore della Federal Reserve di Chicago, Charles Evans, parla alla New York Association for Business Economics alle 12 (le 17 in Italia)
AP

Al via a Washington la riunione della coalizione anti-Isis. L’analisi di Emma Sky

"In materia di terrorismo Trump sta continuando sulla stessa linea impostata da Obama", spiega l'esperta di Medio Oriente, che ha passato anni in Iraq. A Wall Street le incertezze per l’agenda di Trump frenano gli investitori, Dow giù di 238 punti.

Wall Street ha archiviato la peggior seduta del 2017. Il Dow Jones ha perso l’1,14%, chiudendo in ribasso di ben 238 punti a quota 20.667. A pesare sull’azionario è stato un mix di fattori, su cui spicca l’incertezza degli investitori per l’operato di Donald Trump. Le stesse promesse che hanno sostenuto il rally dei mercati negli ultimi mesi oggi stentano infatti a decollare: non si conoscono ancora né il nuovo piano fiscale né il progetto dettagliato degli investimenti sulle infrastrutture. La nuova amministrazione comincerà a lavorare su questi temi solo dopo aver varato la riforma sanitaria, che arriverà in Congresso giovedì, ma anche su questo fronte regna l’incertezza; il disegno di legge dovrà infatti superare tanto l’opposizione democratica quanto la fronda interna dei repubblicani più conservatori. Per quanto riguarda i mercati resta ora da capire se il segno meno di ieri sia solo il risultato di questa concomitanza di eventi o se invece, come si domandano in molti, sia in realtà il primo segnale di una correzione dopo mesi di record.

Sconfiggere l'Isis: priorità numero uno degli Usa, che chiedono più sforzi militari

Rex Tillerson, il segretario americano di Stato, alla coalizione: il leader del gruppo terrorista Baghdadi ha le ore contate. Fermare il califatto su Internet, "la sua arma migliore"
AP

Sconfiggere l'Isis è l'obiettivo numero uno degli Usa in Medio Oriente. Lo ha ribadito Rex Tillerson, il segretario americano di Stato, aprendo la riunione ministeriale della coalizione internazionale impegnata a lottare contro i miliziani sunniti. Il capo della diplomazia Usa ha usato l'occasione per brindare ai passi avanti fatti, per ipotizzare la creazione di zone sicure per i rifugiati e per ribadire che serve fare di più, anche in termini di risorse militari: tre quarti delle quali arrivano interamente da Washington. Dicendo che il capo dell'Isis ha ormai le ore contante, l'ex Ceo di Tillerson ha invitato la Global Coalition a puntare anche a fermare le attività online dei terroristi, perché sono "l'arma migliore" per reclutare combattenti.