Stein a Trump: stop alle intimidazioni su riconteggio voti

La candidata dei Verdi ha tenuto una conferenza stampa fuori dalla Trump Tower a New York.
AP

Mentre la missione per un rinconteggio dei voti in Wisconsin e Michigan procede "a pieno ritmo", la candidata dei Verdi alle elezioni presidenziali americane non rinuncia a fare altrettanto in Pennsylvania nonostante "l'ostruzionismo burocratico" del presidente eletto. La battaglia di Jill Stein per garantire "l'integrità delle elezioni" dello scorso otto novembre ha fatto tappa alla Trump Tower di New York.

Dal marciapiede che si affaccia sul grattacielo dove vive Donald Trump, Stein ha lanciato un messaggio chiaro al miliardario: "Non c'è nulla di cui preoccuparsi. Se credi nella democrazia, se credi nella credibilità della tua vittoria, abbassa le difese, metti fine alle tue ostruzioni burocratiche e alle tue intimitazioni e unisciti al popolo americano che chiede una democrazia per tutti, elezioni di cui ci possiamo fidare e un voto che sia accurato, sicuro e giusto. Questo è il diritto costituzionale che vogliamo difendere".

La candidata dei Verdi intende fare "pressione affinchè Trump guardi ai fatti invece di inventarli". Risponendo a una domanda sulle insinuazioni secondo cui i milioni di dollari raccolti per finanziare un riconteggio dei voti nei tre Stati non verranno usati correttamente, Stein ha detto che quel "denaro non può essere speso per altri fini se non quello del riconteggio". E poi, ha aggiunto, "non sembra ci sia alcuna possibilità che dei fondi restino inutilizzati perché il prezzo della democrazia continua a salire ed è scandaloso che dobbiamo trovare milioni di dollari per affermare la nostra democrazia. Saremo fortunati se avremo denaro sufficiente" per portare avanti la battaglia. Quella battaglia in Pennsylvania si fa più dura: la campagna di Stein ha fatto causa davanti a un giudice federale per cercare di forzare un riconteggio.

"Non abbiamo altra scelta che puntare a un intervento a livello federale" e non statale, ha spiegato Stein dicendo che "è chiaro che in Pennsyvania si è contro un sistema elettorale certificato. Per questo chiediamo a un giudice federale di difendere il nostro diritto costituzionale di voto, un diritto dimostrato da questo sforzo di riconteggio per garantire che abbiamo un sistema elettorale giusto e di cui possiamo fidarci".

Jonathan Abady, consulente di Stein, è intervenuto sottolineando come "non ci siano dubbi sul fatto che le macchine per il voto elettronico siano vulnerabili e che ci siano prove circostanziali secondo cui è altamente probabile che una intrusione [di pirati informatici] ci sia stata". Ricordando che il governo federale ha confermato che in Usa ci sia stato "un livello senza precedenti di attacchi hacker o intrusioni nel sistema elettorale", come dimostrato per esempio dalle instrusioni al Democratic National Committee (l'organo di governo del partito democratico) e alle email di John Podesta (il presidente della campagna della candidata democratica Hillary Clinton), Abady ha aggiunto: "L'unico modo per verificare [se ci sono stati hackeraggi] è fare controlli. Il processo di verifica è qualcosa che è contemplato nella nostra democrazia".

E' proprio la democrazia che Stein vuole difendere e non un candidato piuttosto che un altro: "Non sappiamo se l'esito del voto cambierà" in Wisconsin, Michigan e Pennsylvania, tre Stati vinti da Trump per un margine complessivo di solo cento mila voti. Per la candidata dei Verdi "sarebbe sbagliato alimentare le aspettative per un cambiamento dell'esito. Quello non era il nostro obiettivo" ma piuttosto "quello di garantire che tutti i voti fossero contati", specialmente in Michigan dove si temono irregolarità legate soprattuto agli elettori afroamericani. "Le probabilità di un conteggio sbagliato a causa di un errore umano o elettronico è cresciuta di circa il 900% se uno vota in una comunità di colore", ha avvertito Stein. Proprio per questo lei chiede dall'esterno della Trump Tower che tutti i voti siano contati. Un obiettivo per cui lei e i suoi sostenitori sono disposti a lottare. Perché "non ci arrendiamo alle intimidazioni, alle manovre legali e alle ostruzioni burocratiche". Nemmeno quelle di Trump.

Altri Servizi

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

La persona al volante di una vettura a guida autonoma di Uber che lo scorso 18 marzo a Tempe, Arizona, travolse e uccise un pedone avrebbe potuto evitare l'incidente se non fosse stata "distratta". E' quanto emerso dalle indagini della polizia locale.

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Attenta a non apparire affatto debole, la Cina continua a usare una retorica dura nei confronti delle politica commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo varie indiscrezioni di stampa, sia Pechino sia Washington stanno lavorando da dietro le quinte per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio prossimo, la data in cui tutte e due le nazioni faranno scattare nuovi dazi l'una contro l'altra.

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Jonathan Friedland non è più il responsabile della comunicazione di Netflix. In una lettera inviata a tutti i dipendenti, l'amministratore delegato, Reed Hastings, ha spiegato che la separazione è stata decisa dopo alcune dichiarazioni inaccettabili di Friedland al suo staff.

La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Il presidente Donald Trump potrà pure non ammetterlo, ma la sua strategia della 'tolleranza zero' con i migranti irregolari è di fatto conclusa. I massimi funzionari del dipartimento della Sicurezza nazionale hanno riconosciuto la realtà dei fatti in un incontro avvenuto giovedì pomeriggio, secondo un ex funzionario a conoscenza del vertice che ne ha parlato con Politico.

Wall Street, il Dow Jones interrompe i ribassi dell'ultima settimana

Prima giornata in rialzo dopo otto di fila in calo
iStock

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha ripreso questa mattina gli attacchi su Twitter contro i democratici sull'immigrazione, dopo il rinvio alla prossima settimana della votazione su una proposta di legge repubblicana, per cui al momento mancano i voti necessari all'approvazione.

Usa-Russia, vertice sull'energia a Washington

L'amministrazione Trump ha chiesto (e ottenuto) un aumento della produzione di petrolio degli altri Paesi, visto il rialzo del prezzo della benzina
AP

I due maggiori produttori di petrolio e gas al mondo si siederanno allo stesso tavolo, la prossima settimana. Il segretario statunitense dell'Energia, Rick Perry, ospiterà a Washington l'omologo russo, in una fase in cui i rapporti tra le due potenze sono costantemente sotto i riflettori.

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.