Stein a Trump: stop alle intimidazioni su riconteggio voti

La candidata dei Verdi ha tenuto una conferenza stampa fuori dalla Trump Tower a New York.
AP

Mentre la missione per un rinconteggio dei voti in Wisconsin e Michigan procede "a pieno ritmo", la candidata dei Verdi alle elezioni presidenziali americane non rinuncia a fare altrettanto in Pennsylvania nonostante "l'ostruzionismo burocratico" del presidente eletto. La battaglia di Jill Stein per garantire "l'integrità delle elezioni" dello scorso otto novembre ha fatto tappa alla Trump Tower di New York.

Dal marciapiede che si affaccia sul grattacielo dove vive Donald Trump, Stein ha lanciato un messaggio chiaro al miliardario: "Non c'è nulla di cui preoccuparsi. Se credi nella democrazia, se credi nella credibilità della tua vittoria, abbassa le difese, metti fine alle tue ostruzioni burocratiche e alle tue intimitazioni e unisciti al popolo americano che chiede una democrazia per tutti, elezioni di cui ci possiamo fidare e un voto che sia accurato, sicuro e giusto. Questo è il diritto costituzionale che vogliamo difendere".

La candidata dei Verdi intende fare "pressione affinchè Trump guardi ai fatti invece di inventarli". Risponendo a una domanda sulle insinuazioni secondo cui i milioni di dollari raccolti per finanziare un riconteggio dei voti nei tre Stati non verranno usati correttamente, Stein ha detto che quel "denaro non può essere speso per altri fini se non quello del riconteggio". E poi, ha aggiunto, "non sembra ci sia alcuna possibilità che dei fondi restino inutilizzati perché il prezzo della democrazia continua a salire ed è scandaloso che dobbiamo trovare milioni di dollari per affermare la nostra democrazia. Saremo fortunati se avremo denaro sufficiente" per portare avanti la battaglia. Quella battaglia in Pennsylvania si fa più dura: la campagna di Stein ha fatto causa davanti a un giudice federale per cercare di forzare un riconteggio.

"Non abbiamo altra scelta che puntare a un intervento a livello federale" e non statale, ha spiegato Stein dicendo che "è chiaro che in Pennsyvania si è contro un sistema elettorale certificato. Per questo chiediamo a un giudice federale di difendere il nostro diritto costituzionale di voto, un diritto dimostrato da questo sforzo di riconteggio per garantire che abbiamo un sistema elettorale giusto e di cui possiamo fidarci".

Jonathan Abady, consulente di Stein, è intervenuto sottolineando come "non ci siano dubbi sul fatto che le macchine per il voto elettronico siano vulnerabili e che ci siano prove circostanziali secondo cui è altamente probabile che una intrusione [di pirati informatici] ci sia stata". Ricordando che il governo federale ha confermato che in Usa ci sia stato "un livello senza precedenti di attacchi hacker o intrusioni nel sistema elettorale", come dimostrato per esempio dalle instrusioni al Democratic National Committee (l'organo di governo del partito democratico) e alle email di John Podesta (il presidente della campagna della candidata democratica Hillary Clinton), Abady ha aggiunto: "L'unico modo per verificare [se ci sono stati hackeraggi] è fare controlli. Il processo di verifica è qualcosa che è contemplato nella nostra democrazia".

E' proprio la democrazia che Stein vuole difendere e non un candidato piuttosto che un altro: "Non sappiamo se l'esito del voto cambierà" in Wisconsin, Michigan e Pennsylvania, tre Stati vinti da Trump per un margine complessivo di solo cento mila voti. Per la candidata dei Verdi "sarebbe sbagliato alimentare le aspettative per un cambiamento dell'esito. Quello non era il nostro obiettivo" ma piuttosto "quello di garantire che tutti i voti fossero contati", specialmente in Michigan dove si temono irregolarità legate soprattuto agli elettori afroamericani. "Le probabilità di un conteggio sbagliato a causa di un errore umano o elettronico è cresciuta di circa il 900% se uno vota in una comunità di colore", ha avvertito Stein. Proprio per questo lei chiede dall'esterno della Trump Tower che tutti i voti siano contati. Un obiettivo per cui lei e i suoi sostenitori sono disposti a lottare. Perché "non ci arrendiamo alle intimidazioni, alle manovre legali e alle ostruzioni burocratiche". Nemmeno quelle di Trump.


Altri Servizi

Trump pronto a incontrare Ceo assicurazioni mediche per abolire Obamacare

Il presidente vuole smantellare la riforma entrata in vigore nel 2010. Lunedì 27 febbraio vedrà i vertici di UnitedHealth, Aetna, Blue Cross and Blue Shield, Cigna e Humana

Dopo avere incontrato i leader del settore manifatturiero, finanziario, farmaceutico e retail, Donald Trump si prepara ad accogliere alla Casa Bianca i rappresentanti di gruppi assicurativi. Secondo fonti del Wall Street Journal, il meeting previsto lunedì 27 febbraio ha un obiettivo: incoraggiare quei gruppi a sottoscrivere le misure che il governo Trump sta mettendo a punto in tema di sanità. Perché l'intento è quello di smantellare la riforma sanitaria approvata nel 2010 e tanto voluta dall'allora presidente americano Barack Obama.

Trump, primo passo verso la costruzione del muro con il Messico

L'amministrazione ha pubblicato una richiesta preliminare per ricevere le proposte delle società interessate ai lavori. L'obiettivo è finire il muro nel 2020, con costi stimati che vanno dai 12 miliardi di Trump ai 38 miliardi della New America Foundation

L'amministrazione del presidente Donald Trump ha mosso il primo passo tangibile verso la costruzione del muro al confine tra gli Stati Uniti e il Messico. Lo U.S. Customs and Border Protection, agenzia federale responsabile del controllo delle frontiere e dell'immigrazione, ha pubblicato una richiesta preliminare per ricevere le proposte delle società interessate ai lavori.

Nell'eleggere il suo nuovo leader, il partito democratico sceglie la tradizione

Tom Perez, ex ministro del Lavoro di Obama, ha vinto contro Keith Ellison, il primo parlamentare musulmano, sostenitore di Sanders che avrebbe potuto spostare a sinistra il Dnc
AP

Travolto da una crisi esplosa la scorsa estate con un attacco hacker dalle rivelazioni imbarazzanti e culminata con l'amara sconfitta alle elezioni presidenziali di Hillary Clinton l'8 novembre 2016, il partito democratico americano prova a voltare pagina. Scegliendo la continuità e puntando su un nuovo leader che per la prima volta ha origini ispaniche. Si chiama Tom Perez, 55 anni, ex segretario al Lavoro durante la presidenza di Barack Obama. E' stato scelto nel corso di una riunione di 447 leader democratici giunti ad Atlanta da tutti gli Stati Uniti.

Usa, Europa e sicurezza. L’analisi del Generale Vincenzo Camporini, vicepresidente dello IAI

Nel corso del loro viaggio europeo Jim Mattis e Mike Pence hanno rassicurato gli alleati, ma restano alcune questioni aperte. Sul fronte Usa il segretario Kelly firma le direttive per una stretta sull'immigrazione illegale. Paura per 11 mln di persone

Tolleranza zero per gli immigrati irregolari. Il segretario per la Sicurezza interna John Kelly ha firmato ieri un paio di direttive che andranno ad aggiungersi agli ordini esecutivi firmati lo scorso mese dal presidente Donald Trump. Ad essere soggetti all’espulsioni dal paese saranno ora anche tutti quegli immigrati che risiedono negli Stai Uniti senza avere le carte in regola, a prescindere dal fatto che si siano responsabili o meno di reati gravi, cos" come prevedeva la normativa sotto Obama. Il giro di vite ha immediatamente scatenato grande preoccupazione, ad essere interessate potrebbero essere infatti ben 11 milioni di persone - è questo il numero approssimativo degli irregolari presenti negli Usa - e le loro famiglie.

Un 'piano segreto' per risolvere la questione ucraina

Il Nyt svela una bozza di accordo redatta da due privati cittadini Usa - vicini a Trump - e da un deputato di Kiev. La soluzione? Crimea 'in affitto' alla Russia con un referendum. Da Bruxelles Pence rassicura l'Ue: condividiamo gli stessi scopi e valori.

Mike Pence ha concluso ieri il suo viaggio europeo. Nella prima visita ufficiale dell'amministrazione di Donald Trump alle istituzioni dell’unione Europea, il vicepresidente ha sopratutto cercato di rassicurare glia alleati d’oltreoceano, facendo chiarezza su alcune questioni cardine.

Sono passati 51anni dalla morte di Malcolm X

L'attivista per i diritti degli afroamericani fu assassinato il 21 febbraio 1965 a New York

Cinquantuno anni fa, il 21 febbraio 1965, moriva uno dei più importanti leader per i diritti degli afroamericani e i diritti umani in genere che il ventesimo secolo ricordi: Malcolm X. L'attivista fu assassinato durante un comizio a Manhattan all'età di 39 anni, con sette colpi di pistola, dai membri dell'associazione della quale era un tempo portavoce: la Nation of Islam.

La gaffe di Trump sull'attentato (mai avvenuto) in Svezia diventa virale sul web

Il presidente cerca di difendersi e twitta: la mia affermazione su quanto accadeva in Svezia si riferiva a una trasmissione diffusa da Fox News sugli immigrati

Prima la gaffe, poi il tentativo di metterci una pezza: il risultato è una marea di tweet, tra il divertente, l'esilarante, lo sconfortato e l'arrabbiato. Si riassume così lo scivolone diplomatico di Donald Trump, che durante un comizio in Florida, arringando la folla e stigmatizzando l'immigrazione clandestina, ha citato un fantomatico attentato che sarebbe avvenuto in Svezia. Il problema è che l'attacco non si è mai verificato.

Donald Trump e le politiche sull’immigrazione. Intervista con Marco Valsania

Rimandato alla prossima settimana il 'muslim ban-bis', ma si continua a discutere della stretta sull'immigrazione illegale voluta da Trump. Tillerson e Kelly in missione in Messico, molti i terreni di scontro ancora aperti con Washington
iStock

Tutto rimandato alla prossima settimana per il secondo capitolo della vicenda ‘muslim ban’. Dopo la bocciatura della Corte d’Appello, il presidente Trump aveva promesso di presentare un nuovo decreto sull’immigrazione - epurato dalle imprecisioni che avevano fatto arenare la prima versione - entro questa settimana, ma non sarà così. La Casa Bianca, che sta rivendendo i dettagli, ha annunciato ieri di avere bisogno di più tempo.

Cambiamenti in corso alla Casa Bianca

Il 'caso Flynn' potrebbe aver segnato un punto di svolta. Il 'cerchio magico' dei fedelissimi di Donald Trump, eredità della campagna elettorale, si sta indebolendo; e la presidenza Trump cambia di conseguenza

Donald Trump sapeva dei dubbi sulla veridicità delle affermazioni di Michael Flynn da circa tre settimane. L’Fbi ha infatti cominciato ad indagare sul comportamento del consigliere per la Sicurezza Nazionale - che avrebbe discusso le sanzioni volute da Obama con l’ambasciatore russo senza averne l’autorità - subito dopo l’insediamento del nuovo presidente. Se per Flynn ora potrebbero anche esserci delle ripercussioni legali, per Trump è invece giunto il momento di guardare avanti. Per il momento a ricoprire l’incarico è stato chiamato Keith Kellog, un altro generale in pensione, ma il presidente dovrà ora scegliere un vero professionista. La presenza nel suo gabinetto di quei fedelissimi che lo hanno affiancato nella vittoria alle elezioni, ma che continuano ad avere un atteggiamento più elettorale che di governo, rischia infatti di danneggiarlo. E Flynn ne è la prova evidente. Tra i vari nomi emergono quello del vice ammiraglio Robert Harward, che ha già lavorato nel consiglio sotto Bush Jr., e sopratutto quello dell’ex capo della Cia David Petraeus. La sua esperienza e la sua autorità potrebbero essere molto preziosi per Trump, specialmente per arginare le figure più estreme all’interno della sua amministrazione, uno su tutti Stephen Bannon, ma su questa scelta resta un problema aperto. Petraeus deve infatti scontare ancora due mesi di bando dagli incarichi pubblici per aver in passato rivelato segreti di stato a una sua ex amante.

Aspettando gli Oscar, tra record, politica e diversità

Il musical "La La Land" è destinato a una pioggia di statuette in una edizione forse piena di critiche a Trump. Per la prima volta, potrebbero essere tre gli attori di colore vincitori
Fence © MMXVI Paramount Pictures Corporation

E' vero. Gli Oscar generalmente determinano quali film vengono finanziati e quanto i vincitori delle statuette verranno poi pagati. Ma l'edizione 2017, oltre a celebrare il cinema e la bravura dei vari artisti, si caratterizza anche per altri fattori: è meno bianca e più politica del solito. Nell'era Trump, non potrebbe essere che così.