Steve Jobs e il suo enigmatico motto: 'Stay hungry, stay foolish'

Traduzione della frase memorabile, parte del discorso tenuto nel 2005 all’Università di Stanford durante una cerimonia di laurea. Jobs, nato nel febbraio 1955, fondò Apple nell'aprile 1976, il principio di una vita spesa per cambiare quella degli altri

La vita di Steve Jobs, il cofondatore di Apple, si può riassumere nel motto: "stay hungry, stay foolish". La traduzione letterale, restate affamati, restate folli, non basta; per chiarire il significato serve una spiegazione più articolata: 'non smettete mai di essere affamati (ovvero non perdete la voglia di imparare, la curiosità, l'ambizione), non smettete mai di essere folli con un'accezione di ribelli (ovvero siate in grado di fare scelte azzardate, non convenzionali o che altri giudicano sbagliate o assurde). Quel folli per qualcuno ha un significato ulteriore, vorrebbe dire ingenui, sciocchi (non pensate, cioè, di avere imparato tutto quello che c'è da imparare, ma siate pronti a mettervi in gioco per imparare ancora) ma questo è in fin dei conti un messaggio già contenuto nel siate affamati.

La frase è dunque, al di là dei frequenti bisticci di traduzione, un monito a non perdere la curiosità, l'ambizione di cambiare il mondo con un pizzico di sana follia. "Stay hungry, stay foolish" ora che Jobs non c'è più e sulla scia del successo planetario di Apple, è diventato un mantra per molti e il filmato qui sotto uno dei piu' visti di sempre su You Tube. E' infatti un passaggio del memorabile discorso tenuto nel 2005 all’Università di Stanford nella cerimonia di laurea degli studenti di quell'anno.

Ecco il video del discorso di Stanford con la traduzione della celebre frase:

"Il tempo a vostra disposizione è limitato, non sprecatelo vivendo una vita che va bene per altri ma non vi appartiene. Non lasciatevi condizionare, non lasciate che il rumore delle opinioni altrui copra la voce che avete dentro. Ma soprattutto abbiate il coraggio di seguire quello che avete nel cuore, lasciatevi guidare dall'intuito. Non smettete mai di avere fame, non smettete mai di essere folli". 

“Your time is limited, so don’t waste it living someone else’s life. Don’t let the noise of others’ opinions drown out your own inner voice. And most important, have the courage to follow your heart and intuition… Stay hungry. Stay foolish.”

Steve Jobs era nato in California, a Green Bay, nel 24 febbraio 1955, da una giovane coppia di studenti universitari, Joanne Carole Schieble, e Abdulfattah "John" Jandali. Fu dato in adozione ancora in fasce a una famiglia che avrebbe dovuto garantirgli un futuro migliore, consentendogli di iscriversi all'università, come ha raccontato lo stesso Jobs. La coppia prescelta però si tirò indietro all’ultimo momento: scelsero una bambina.

Jobs fu così allevato da Paul e Clara Jobs di Santa Clara Valley, sempre in California. Fin da bambino si fece notare per le sue brillanti capacità scientifiche fino a diplomarsi a 17 anni nel 1972 alla Homestead High School di Cupertino, quattro anni prima di fondare giovanissimo Apple.

Nello stesso anno si iscrisse al Reed College di Portland, per specializzarsi in informatica, ma dopo un semestre decise di abbandonare l'università, dove però continuò a seguire alcuni corsi che si rivelarono utilissimi quando anni dopo lanciò la prima generazione di computer. Era l'inizio di un camminio che avrebbe portato a rivoluzionare l’intero settore.

Nel 1974 Jobs coinvolse il suo ex compagno di liceo e caro amico Steve Wozniak e insieme l'1 aprile 1976 fondarono Apple Computer: crearono i modelli di microcomputer particolarmente avanzati per l’epoca, Apple I fu il primo, ne seguirono molti altri. Wozniak dopo un incidente aereo nel 1983 lasciò Apple. Jobs convinse l’allora presidente della Pepsi, John Sculley, a unirsi a lui. Una mossa pessima: a seguito dell'insuccesso del lancio di Apple III nel 1985, Jobs venne estromesso dal consiglio di amministrazione della società.

Non si perse d’animo e fondò Next Computer con l'obiettivo di creare una nuova rivoluzione tecnologica. Nel 1986 comprò Pixar, sfornando nel 1995 "Toy Story - Il mondo dei giocattoli". Il 1995 è l'anno più difficile della storia di Apple, il nuovo amministratore delegato Gil Amelio offre in licenza il sistema operativo di Apple ad altri produttori di pc, poi si fa da parte, ripescando Jobs , che torna alla guida della società nel dicembre 1996. Da lì in poi è la svolta: nel 2002 è la volta dell'iPod e dello sviluppo della piattaforma Itunes, il più grande mercato virtuale legalizzato di musica. Negli anni successivi arrivano l'Ibook (2004), il MacBook (2005) ed il G4 (2003/2004) e poi l’Iphone.

Ma è nell’ottobre 2003 che la sua vita cambia: a quell’anno risale infatti la prima diagnosi di cancro, che non fu resa nota. Solo l’anno successivo Jobs ammise di aver superato il primo intervento e di non aver bisogno di chemioterapie. Anche in quei mesi a sostituirlo fu chiamato il suo braccio destro, Tim Cook. Difficile per gli analisti di mercato dire se il vuoto che lascia sia davvero incolmabile. Di certo per l’azienda che Jobs ha fondato con un gruppo di amici a partire dal garage di una piccola città californiana si apre una fase più che mai delicata.

La frase "Stay hungry. Stay foolish" è una citazione da una rivista, The Whole Earth Catalog, pubblicata tra il 1968 e il 1972 (con qualche numero succesivo fino al 1978). Jobs la definisce, sempre nel discorso di Stanford, "il Google in forma cartacea, 35 anni prima che Google nascesse. Zeppo di idealismo, di strumenti utili e grandi idee". I numeri della rivista possono essere sfogliati online.

AP
AP
AP
Altri Servizi

Trump grazia due militari accusati di crimini di guerra

La decisione del tycoon, che ha anche restituito i gradi a un terzo soldato, arriva nonostante l’opposizione del Pentagono
White House /Shealah Craighead

Donald Trump è intervenuto nei casi di tre militari americani accusati di aver commesso dei crimini di guerra in Afghanistan: il Tycoon ha concesso la grazia a due di loro e ripristinato i gradi a un terzo, il tutto nonostante le opposizioni espresse da esperti militari e soprattutto dal Pentagono. "Il presidente, in quanto comandante in capo, è in ultima istanza responsabile di garantire l'applicazione della legge e, quando appropriato, che sia concessa la grazia", si legge nella nota della Casa Bianca che spiega le ragioni della scelta di Trump: "Come ha affermato il Presidente, 'quando i nostri soldati devono combattere per il nostro Paese, voglio dare loro la fiducia necessaria per combattere'".

Trump verso rinvio di altri 6 mesi per decisione su dazi auto Ue

Lo scrive Politico; decisione già rinviata di sei mesi a maggio
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe intenzione di rimandare di sei mesi la decisione sull'imposizione di dazi fino al 25% sulle auto importate dall'Unione europea. Lo scrive Politico. La scadenza per una decisione è prevista domani ed è già stata rimandata una prima volta, a maggio.

Wall Street, segnali positivi sul fronte Usa-Cina

I negoziati tra i due Paesi sempre al centro delle attenzioni degli investitori
AP

Trump: Boom economico senza precedenti, nonostante gli errori della Fed

Il presidente Usa ha parlato all'Economic Club di New York. "Vicini all'accordo con Pechino, ma decidiamo noi. L'Ue? Peggio della Cina sulle barriere commerciali"
Ap

L'attuale amministrazione statunitense "ha dato inizio a un boom economico senza precedenti", ma l'economia e il mercato azionario andrebbero ancora meglio, senza gli errori della Federal Reserve. Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha usato il pulpito dell'Economic Club di New York per incensare il proprio lavoro e attaccare, di nuovo, la Federal Reserve e il suo governatore Jerome Powell.

Amazon contro il Pentagono, Esper: "Nessuna influenza esterna"

Maxicontratto a Microsoft, il segretario alla Difesa: "Procedimento corretto"
AP

Il procedimento che ha portato il dipartimento della Difesa statunitense ad assegnare a Microsoft un contratto da 10 miliardi di dollari per i servizi cloud è stato condotto "in modo corretto" e non ha subito "alcuna influenza esterna". Lo ha dichiarato il segretario alla Difesa, Mark Esper, durante una conferenza stampa a Seul, in Corea del Sud, rispondendo alla domanda di un giornalista.

Il Texas sospende la condanna a morte di Rodney Reed

L’uomo, da 21 anni nel braccio della morte, è al centro di un controverso caso di omicidio: nel 1998 fu condannato per aver violentato e soffocato la 19enne Stacey Stites
Ap

La Corte d’Appello del Texas, corte suprema dello Stato chiamata a giudicare i reati penali, ha momentaneamente sospeso l’esecuzione della condanna a morte a Rodney Reed, uomo al centro di un controverso caso di omicidio rinchiuso da 21 anni nel braccio della morte. L’esecuzione era prevista per mercoledì tramite iniezione letale.

Altra sconfitta per Trump: rieletto il governatore democratico della Louisiana

John Bel Edwards batte lo sfidante repubblicano, Eddie Rispone.
AP

Dopo il Kentucky, un altro stato tradizionalmente repubblicano ha voltato le spalle al presidente Usa Donald Trump. Il Louisiana ha infatti preferito rieleggere il governatore democratico John Bel Edwards piuttosto che Eddie Rispone, il candidato sostenuto dall’attuale inquilino della Casa Bianca.

Wall Street, attenzione rivolta ai negoziati Usa-Cina

Ieri, il Wall Street Journal ha parlato di nuovi ostacoli verso il raggiungimento di un'intesa
AP

‘Tutto molto bene’. Trump rassicura sul suo stato di salute dopo la visita all’ospedale

Presidente si era recato ieri all’ospedale militare, Walter Reed National Military Medical Center, per esami medici "di routine".
Ap

‘Tutto molto bene’. Cosi il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha voluto rassicurare gli americani sulle sue condizioni di salute dopo una visita a sorpresa all’ospedale militare, Walter Reed National Military Medical Center.

Buttigieg balza in avanti tra i democratici in Iowa

Stando a un sondaggio, il sindaco di South Bend ha il 25% delle preferenze. Seguono Warren, Biden e Sanders. Staccati gli altri candidati.
Ap

Continua l’ascesa di Pete Buttigieg in Iowa. Nell’ultimo sondaggio condotto dal The Des Moines Register e Cnn tra coloro che andranno a votare alle primarie democratiche nello stato del Midwest, il 37enne sindaco di South Bend, Indiana, ha superato la senatrice Elizabeth Warren e l’ex vice presidente Joe Biden. Con il 25 per cento delle preferenze, Buttigieg si piazza al primo gradino del podio che viene completato da Warren (16%), Biden e il senatore del Vermont, Bernie Sanders (entrambi con il 15%).