Steve Jobs e il suo enigmatico motto: 'Stay hungry, stay foolish'

Traduzione della frase memorabile, parte del discorso tenuto nel 2005 all’Università di Stanford durante una cerimonia di laurea. Jobs, nato nel febbraio 1955, fondò Apple nell'aprile 1976, il principio di una vita spesa per cambiare quella degli altri

La vita di Steve Jobs, il cofondatore di Apple, si può riassumere nel motto: "stay hungry, stay foolish". La traduzione letterale, restate affamati, restate folli, non basta; per chiarire il significato serve una spiegazione più articolata: 'non smettete mai di essere affamati (ovvero non perdete la voglia di imparare, la curiosità, l'ambizione), non smettete mai di essere folli con un'accezione di ribelli (ovvero siate in grado di fare scelte azzardate, non convenzionali o che altri giudicano sbagliate o assurde). Quel folli per qualcuno ha un significato ulteriore, vorrebbe dire ingenui, sciocchi (non pensate, cioè, di avere imparato tutto quello che c'è da imparare, ma siate pronti a mettervi in gioco per imparare ancora) ma questo è in fin dei conti un messaggio già contenuto nel siate affamati.

La frase è dunque, al di là dei frequenti bisticci di traduzione, un monito a non perdere la curiosità, l'ambizione di cambiare il mondo con un pizzico di sana follia. "Stay hungry, stay foolish" ora che Jobs non c'è più e sulla scia del successo planetario di Apple, è diventato un mantra per molti e il filmato qui sotto uno dei piu' visti di sempre su You Tube. E' infatti un passaggio del memorabile discorso tenuto nel 2005 all’Università di Stanford nella cerimonia di laurea degli studenti di quell'anno.

Ecco il video del discorso di Stanford con la traduzione della celebre frase:

"Il tempo a vostra disposizione è limitato, non sprecatelo vivendo una vita che va bene per altri ma non vi appartiene. Non lasciatevi condizionare, non lasciate che il rumore delle opinioni altrui copra la voce che avete dentro. Ma soprattutto abbiate il coraggio di seguire quello che avete nel cuore, lasciatevi guidare dall'intuito. Non smettete mai di avere fame, non smettete mai di essere folli". 

“Your time is limited, so don’t waste it living someone else’s life. Don’t let the noise of others’ opinions drown out your own inner voice. And most important, have the courage to follow your heart and intuition… Stay hungry. Stay foolish.”

Steve Jobs era nato in California, a Green Bay, nel 24 febbraio 1955, da una giovane coppia di studenti universitari, Joanne Carole Schieble, e Abdulfattah "John" Jandali. Fu dato in adozione ancora in fasce a una famiglia che avrebbe dovuto garantirgli un futuro migliore, consentendogli di iscriversi all'università, come ha raccontato lo stesso Jobs. La coppia prescelta però si tirò indietro all’ultimo momento: scelsero una bambina.

Jobs fu così allevato da Paul e Clara Jobs di Santa Clara Valley, sempre in California. Fin da bambino si fece notare per le sue brillanti capacità scientifiche fino a diplomarsi a 17 anni nel 1972 alla Homestead High School di Cupertino, quattro anni prima di fondare giovanissimo Apple.

Nello stesso anno si iscrisse al Reed College di Portland, per specializzarsi in informatica, ma dopo un semestre decise di abbandonare l'università, dove però continuò a seguire alcuni corsi che si rivelarono utilissimi quando anni dopo lanciò la prima generazione di computer. Era l'inizio di un camminio che avrebbe portato a rivoluzionare l’intero settore.

Nel 1974 Jobs coinvolse il suo ex compagno di liceo e caro amico Steve Wozniak e insieme l'1 aprile 1976 fondarono Apple Computer: crearono i modelli di microcomputer particolarmente avanzati per l’epoca, Apple I fu il primo, ne seguirono molti altri. Wozniak dopo un incidente aereo nel 1983 lasciò Apple. Jobs convinse l’allora presidente della Pepsi, John Sculley, a unirsi a lui. Una mossa pessima: a seguito dell'insuccesso del lancio di Apple III nel 1985, Jobs venne estromesso dal consiglio di amministrazione della società.

Non si perse d’animo e fondò Next Computer con l'obiettivo di creare una nuova rivoluzione tecnologica. Nel 1986 comprò Pixar, sfornando nel 1995 "Toy Story - Il mondo dei giocattoli". Il 1995 è l'anno più difficile della storia di Apple, il nuovo amministratore delegato Gil Amelio offre in licenza il sistema operativo di Apple ad altri produttori di pc, poi si fa da parte, ripescando Jobs , che torna alla guida della società nel dicembre 1996. Da lì in poi è la svolta: nel 2002 è la volta dell'iPod e dello sviluppo della piattaforma Itunes, il più grande mercato virtuale legalizzato di musica. Negli anni successivi arrivano l'Ibook (2004), il MacBook (2005) ed il G4 (2003/2004) e poi l’Iphone.

Ma è nell’ottobre 2003 che la sua vita cambia: a quell’anno risale infatti la prima diagnosi di cancro, che non fu resa nota. Solo l’anno successivo Jobs ammise di aver superato il primo intervento e di non aver bisogno di chemioterapie. Anche in quei mesi a sostituirlo fu chiamato il suo braccio destro, Tim Cook. Difficile per gli analisti di mercato dire se il vuoto che lascia sia davvero incolmabile. Di certo per l’azienda che Jobs ha fondato con un gruppo di amici a partire dal garage di una piccola città californiana si apre una fase più che mai delicata.

La frase "Stay hungry. Stay foolish" è una citazione da una rivista, The Whole Earth Catalog, pubblicata tra il 1968 e il 1972 (con qualche numero succesivo fino al 1978). Jobs la definisce, sempre nel discorso di Stanford, "il Google in forma cartacea, 35 anni prima che Google nascesse. Zeppo di idealismo, di strumenti utili e grandi idee". I numeri della rivista possono essere sfogliati online.

AP
AP
AP
Altri Servizi

Wall Street: attenzione rivolta a dazi, Hong Kong, Brexit

Oggi atteso il dato sul deficit della bilancia commerciale Usa
AP

Wall Street, nuove speranze sui negoziati Usa-Cina

Pechino ha annunciato che le delegazioni dei due Paesi si incontreranno a ottobre
AP

Boeing, nuovi problemi: sospesi i test del 777X

Il colosso aerospaziale statunitense, in difficoltà per il 737 Max - a terra dopo due incidenti mortali - punta sul nuovo jet per il rilancio

Nuovi problemi per Boeing, già in difficoltà per il modello 737 Max, costretto a terra dopo due recenti incidenti mortali. Questa volta, i problemi riguardano il 777X, nuovo modello di jet a lungo raggio su cui il colosso aerospaziale statunitense punta per il rilancio. Giovedì, in occasione dei test di pressurizzazione sul nuovo modello davanti agli ispettori dell'Agenzia federale per l'aviazione Usa (Faa), sono però stati riscontrati problemi tali da costringere a sospendere le prove.

Trump, nuovo ostacolo per i richiedenti asilo: sarà più difficile ottenere un permesso di lavoro

Le attuali norme prevedono tempi certi, entro i quali chi chiede asilo può iniziare a lavorare. L'attuale amministrazione vuole cancellarli
AP

L'amministrazione Trump ha proposto una nuova norma che renderebbe molto più difficile, per i richiedenti asilo, ottenere un permesso per lavorare, in modo da scoraggiare ulteriormente l'arrivo di rifugiati. Le persone che, negli Stati Uniti, hanno presentato domanda di asilo possono richiedere un permesso di lavoro, se sono in attesa di una decisione sul loro asilo da 150 giorni; secondo le attuali regole, ricevono un permesso di lavoro nei successivi 30 giorni.

Usa 2020, Schultz (ex Ceo Starbucks) ha deciso di non candidarsi

Aveva valutato la possibilità di farlo come indipendente
Starbucks

Howard Schultz ha annunciato che non si candiderà alle prossime elezioni presidenziali statunitensi. L'ex amministratore delegato di Starbucks aveva deciso, mesi fa, di aprire una campagna esplorativa per valutare la candidatura come indipendente.

AP

Ad agosto, le aziende statunitensi hanno continuato ad assumere, ma lo hanno fatto meno del previsto. Negli Stati Uniti il mese scorso sono stati creati 130.000 posti di lavoro, mentre gli analisti ne attendevano 150.000. Il settore privato ha creato 96.000 posti, quello pubblico 34.000. Il dato complessivo dei due mesi precedenti è stato rivisto in ribasso, con una perdita complessiva di 20.000 posti di lavoro. Il rialzo di agosto segna comunque il mese numero 107 di fila in cui i datori di lavoro americani hanno reclutato personale, un nuovo record.

Jason Greenblatt lascia l'amministrazione Trump: è stato l'architetto del piano di pace per il Medio Oriente

L'inviato speciale resterà in carica fino alla presentazione della parte politica del piano, che avverrà dopo le elezioni in Israele del 17 settembre
iStock

Jason Greenblatt, l'architetto del piano di pace per il Medio Oriente del presidente Donald Trump, ha deciso di lasciare l'amministrazione statunitense. Dopo le prime indiscrezioni di stampa, lo ha confermato lo stesso presidente, in due tweet: "Dopo quasi 3 anni nella mia amministrazione, Jason Greenblatt lascerà per lavorare nel settore privato. Jason è un grande e fidato amico e un fantastico avvocato, la sua dedizione a Israele e al cercare la pace tra Israele e i palestinesi non sarà dimenticata. Ci mancherà. Grazie Jason!".

Giustizia Usa apre indagine antitrust su Ford, Honda, Bmw e VW (Wsj)

Le quattro case automobilistiche hanno firmato un accordo con la California per la riduzione delle emissioni. L'amministrazione Trump vuole invece allentare i limiti imposti da Obama

Il dipartimento di Giustizia avrebbe aperto un'indagine antitrust su quattro compagnie automobilistiche che hanno firmato un accordo indipendente con la California sulle emissioni delle vetture, secondo fonti del Wall Street Journal. Il dipartimento vuole verificare se Ford Motor, Honda Motor, Bmw e Volkswagen abbiano violato la legge federale sulla concorrenza accordandosi per seguire gli standard della California per ridurre le emissioni e non quelli proposti dall'amministrazione Trump.

Wall Street, pesano i nuovi dazi Usa-Cina

Entrati in vigore il primo settembre
AP

Usa e Cina si colpiscono con altri dazi

Un accordo commerciale sembra ancora un miraggio. Jpm: ogni famiglia americana spenderà almeno mille dollari in più all'anno

Gli Stati Uniti e la Cina si sono colpiti con altri dazi. Capi di abbigliamento, scarpe, articoli sportivi e certi prodotti tecnologici come l'Apple Watch sono tra i prodotti che, arrivando su suolo americano dalla Cina, da domenica 1 settembre subiscono dazi. In risposta, il petrolio Made in Usa in arrivo nella nazione asiatica viene colpito da dazi per la prima volta da quanto le due nazioni hanno iniziato la loro guerra commerciale nel marzo del 2018. Non solo. Pechino colpisce il cuore della base elettorale che ha permesso a Donald Trump di vincere nel 2016 prendendo di mira anche carne di maiale, manzo e pollo oltre ad prodotti agricoli tra cui i semi di soia, ora tassati al 30% e non più al 25%.