Storia e tradizioni del 4 luglio

Nel 1776 la firma della dichiarazione di Indipendenza dal Regno Unito

Il 4 luglio, Independence Day, è insieme al Thanksgiving - il giorno del Ringraziamento - tra le feste simbolo degli Stati Uniti. E' una delle maggiori festività in America, che si celebra dal 1776, quando le tredici colonie sul territorio americano furono ufficialmente dichiarate indipendenti dal Regno Unito con il voto del Secondo Congresso Continentale che approvò la risoluzione di indipendenza. Il 4 luglio fu approvato il documento che spiegava quella decisione: la dichiarazione di Indipendenza.

Per coincidenza, John Adams e Thomas Jefferson, gli undici due firmatari della dichiarazione di Indipendenza che in seguito sono stati eletti presidenti degli Stati Uniti, sono morti lo stesso giorno, il 4 lugio 1826, il giorno del 50esimo anniversario dalla firma. Anche James Monroe, un altro dei "padri fondatori" diventato in seguito presidente (non aveva però firmato il documento), è morto il 4 luglio, però nel 1831. Anche il nome di un altro presidente è legato al giorno dell'Indipendenza: Calvin Coolidge, il 30esimo inquilino della Casa Bianca, nacque il 4 luglio 1872.
Da sempre i colori che contraddistinguono questa festa sono quelli della bandiera americana, - bianco, rosso e blu, - e gli americani si riversano in spiaggia, nei parchi o nei giardini delle loro case per festeggiare con barbecue e picnic. È uno di quei pochi giorni dell’anno in cui tutti gli uffici rimangono chiusi, statali e privati, e anche le efficientissime poste americane per un giorno si fermano.
A mezzogiorno in ogni base militare americana si volge “Il saluto all’Unione” e vengono sparati in aria tanti colpi quanti sono gli Stati che formano il Paese. Il presidente Barack Obama, che ha trascorso a Camp David i due giorni prima della festa, sarà alla Casa Bianca, dove parteciperà alla cerimonia per naturalizzare un gruppo di cittadini.
Il 4 luglio è anche sinonimo di fuochi d’artificio: nel 2011, New York ha battuto ogni record con i fuochi più imponenti del paese, sparando oltre 22 tonnellate di fuochi. Oltre alla Grande Mela, si festeggia in particolare a Chicago, sul Lago Michigan, a San Diego sulla Mission Bay, a Saint Louis sul Mississippi River, a San Francisco sulla San Francisco Bay e al National Mall a Washigton D.C. Ogni anno, per il giorno dell’Indipendenza si tiene anche la gara di hot dog di Nathan’s a Coney Island, New York: vince chi riesce a mangiare più hot dog in 10 minuti.