Storica astensione Usa, passa la risoluzione contro le colonie israeliane. Trump: con me si cambia

Barack Obama ha voluto rompere con il passato e spedire a Benjamin Netanyahu un messaggio chiaro ma il suo successore promette di raddrizzare il tiro. Israele non si adeguerà

Con il suo secondo e ultimo mandato agli sgoccioli, Barack Obama ha voluto rompere con il passato e spedire (inutilmente) a Benjamin Netanyahu un messaggio chiaro: gli Stati Uniti, almeno fino a quando c'è lui alla Casa Bianca, non approvano le colonie costruite da Israele nei territori occupati della Palestina in Cisgiordania e Gerusalemme Est. Per questo l'America si è astenuta anziché porre un veto sulla risoluzione approvata il 23 dicembre dal Consiglio di sicurezza dell'Onu, che chiede uno stop immediato agli insediamenti. Peccato che il primo ministro israeliano abbia comunicato che non si adeguerà e che Donald Trump abbia avvertito: dal 20 gennaio, con il suo insediamento, "le cose saranno diverse". Come suo solito il presidente eletto ha usato Twitter per commentare la scelta emersa dalla riunione dei 15 membri del Consiglio (solo gli Usa si sono astenuti). Il giorno precedente - quando il voto della risoluzione era stato sospeso - aveva detto che gli Usa avrebbero dovuto porre il veto. Ci si domanda quale effetto potrà avere l'arrivo in Israele dell'ambasciatore Usa scelto da Trump e se davvero l'ambasciata americana verrà trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme (che la Palestina vorrebbe come capitale di un suo Stato).

La linea della Casa Bianca: a rischio soluzione dei due Stati
La linea degli Usa è stata descritta da Samantha Jane Power, ambasciatrice americana al Palazzo di vetro: "Gli Stati Uniti non approvano ogni parola di questa risoluzione, per questo non abbiamo votato a favore" ma Washington, rompendo con un passato fatto di veti, si è astenuta "per non intaccare la soluzione che abbiamo sempre sostenuto [per Israele e Palestina]: una soluzione dei due Stati".

Power ha spiegato che gli Usa non hanno appoggiato la risoluzione "perché è concentrata sulle colonie. Lasciatemi essere chiara: anche se ogni insediamento fosse smantellato domani, la pace non sarebbe raggiungibile".

Power ha precisato che "questa risoluzione riflette i fatti sul campo ed è per questo che non abbiamo messo il veto". L'ambasciatrice Usa all'Onu ha aggiunto che "diversamente da alcuni membri del Consiglio, non crediamo che parti esterne possano imporre soluzioni che non sono state negoziate tra le due parti né possiamo unilateralmente riconoscere il futuro della Palestina".

Spiegando che "il problema degli insediamenti è peggiorato così tanto da mettere a rischio una soluzione dei due Stati", Power ha fornito numeri "notevolmente in aumento" delle colonie e della popolazione in esse. "Invece di smantellare gli insediamenti che sono illegali anche in base alle leggi israeliane, sta per passare una legislazione che legalizzerebbe altre colonie, un fattore che ha spinto gli sponsor di questa risoluzione a portarla al Consiglio di sicurezza".

Power ha citato le parole del premier israliano Benjamin Netanyahu, secondo cui "il suo governo è impegnato sulle colonie come nessun altro lo è stato", e di un membro della sua coalizione secondo cui "l'era della soluzione dei due Stati è finita". Allo stesso tempo, ha continuato Power, Netanyahu ha detto di avere intenzione a ottenere una soluzione dei due Stati. Secondo Power "queste dichiarazioni sono inconciliabili. Uno non può allo stesso tempo promovere le colonie e la soluzione dei due Stati. Uno deve fare una scelta tra colonie e separazione".

Power ha ricordato che nel 2011 gli Usa avevano posto un veto su una risoluzione simile a quella approvata oggi; ma da allora il quadro "è cambiato terribilmente, la crescita degli insediamenti è stata esponenziale" e gli sforzi per un accordo di pace sono falliti. "Diversamente dal 2011, questa risoluzione condanna non solo le colonie ma anche il terrorismo e la violenza che a loro volta pongono rischi enormi a una soluzione di due Stati"; un linguaggio diplomatico, questo, rivolto ai leader palestinesi accusati da Israele di incoraggiare attacchi contro civili israeliani. Secondo lei "questa risoluzione riflette trend che se continueranno di questo passo distruggeranno definitivamente ogni speranza per una soluzione di due Stati".

Astensione non è sinonimo di un impegno Usa inferiore alla sicurezza di Israele
diPower ha comunque spiegato che "il voto di oggi non significa affatto il venire meno dell'impegno alla sicurezza di Israele, l'unica demicrazia in Medio Oriente" dove "va riconosciuto" Israele si trova "a fare i conti con minacce serie in un territorio molto difficile. Gli israeli sono giustamente preoccupati che accanto a loro non ci sia un paradiso dei terroristi". Secondo l'ambasciatrice, Obama e la sua amministrazione hanno dimostrato un "impegno senza precedenti alla sicurezza di Israele" e quell'impegno "non ha mai traballato e mai lo farà". Lo dimostra il memorandum of undestanding siglato tra Washington e Tel Aviv e con cui gli Usa garantiscono sicurezza per 38 miliardi di dollari in 10 anni.

Altri Servizi

Nella Casa Bianca ci sono due 'talpe' (volute?)

Secondo il Nyt, hanno consegnato materiale top secret al leader di una commisione che sta indagando sul Russiagate e che aveva annunciato intercettazioni "accidentali" di Trump e del suo staff dopo le elezioni presidenziali

Un paio di funzionari della Casa Bianca ha giocato un ruolo chiave nel fornire a Devin Nunes rapporti di intelligence che mostravano come Donald Trump e il suo staff fossero stati intercettati "accidentalmente" dalle spie americane durante la transizione tra l'inizio della sua amministrazione e la fine di quella di Barack Obama. Lo scrive il New York Times facendo riferimento al deputato repubblicano della California che presiede la commissione Intelligence alla Camera, quella che teoricamente dovrebbe condurre una inchiesta indipendente sulla presunta interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali dello scorso 8 novembre (c'è una stessa commissione al Senato che a sua volta sta indagando). Nunes è stato travolto dalle polemiche per avere discusso di quelle intercettazioni con Trump prima ancora che con i membri della commissione stessa.

Nel mirino dei russi finiscono anche i repubblicani Rubio e Ryan

Il senatore della Florida preso di mira da hacker. Lo speaker della Camera oggetto di una campagna negativa sui social
AP

Mentre negli Stati Uniti procede, non senza sorprese, l'indagine del Congresso sulla presunta interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali Usa, è giunta notizia che uno degli sfidanti di Donald Trump nella corsa verso la Casa Bianca è stato colpito da hacker russi. Si tratta del senatore Marco Rubio, che ne ha dato notizia ieri in una testimonianza alla commissione Intelligence del Senato. Poco prima, un esperto sul Cremlino aveva spiegato davanti alla stessa commissione che Rubio e Paul Ryan, lo speaker repubblicano alla Camera, sono stati presi di mira da una campagna russa sui social media volta a screditarli.

Economia Usa cresce a passo più rapido, Pil rivisto a +2,1%

Insieme al dato sul Pil sono stati diffusi i numeri sui profitti aziendali, che hanno guadagnato slancio negli ultimi mesi del 2016, mentre più in generale la crescita economica è rimasta costante, ma modesta.
Shutterstock

L'economia americana è cresciuta nel quarto trimestre a passo più rapido di quanto inizialmente anticipato. E' quanto emerge dalla lettura finale del dato diffuso dal dipartimento al Commercio americano, secondo cui il Pil è cresciuto del 2,1%, contro l'1,9% della stima preliminare e di quella intermedia. Il dato è superiore alle previsioni degli analisti, che attendevano una revisione al rialzo e un'espansione del 2%. Il Pil era salito del 3,5% nel terzo trimestre, dell'1,4% nel secondo e dello 0,8% nel primo.

Wall Street guarda al fronte economico Usa

Focus sul Pil Usa e sulle notizie dal fronte del lavoro, con le richieste di sussidi di disoccupazione.
AP

Boom attività M&A in Europa (+16% nel primo trimestre), società Usa protagoniste

Le società europee fanno gola alle controparti internazionali, soprattutto americane, che si sono buttate sul mercato a caccia di affari sulla scia del rally azionario seguito alla vittoria di Donald Trump alle presidenziali dello scorso novembre.
AP

Le società europee fanno gola alle controparti internazionali, soprattutto americane, che si sono buttate sul mercato a caccia di affari sulla scia del rally azionario seguito alla vittoria di Donald Trump alle presidenziali dello scorso novembre. Da capire se lo slancio continuerà nei prossimi mesi, visto anche il rallentamento delle ultime sedute, ma per il momento i dati lasciano poco spazio ai dubbi: stando ai dati di Thomson Reuters, riportati dal Financial Times, nel primo trimestre 2017 le operazioni di fusione e acquisizione in Europa hanno complessivamente toccato i 215,3 miliardi di dollari, in rialzo del 16% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e il massimo dal 2008 per il periodo nella regione.

La serie tratta da "L'amica geniale" di Elena Ferrante coprodotta da Rai e Hbo

Le riprese inizieranno d'estate e saranno in italiano. Dopo "The Young Pope", il canale di Time Warner torna in Italia

A trasmettere negli Stati Uniti la serie tv tratta dal primo libro della tetralogia de "L'amica geniale" di Elena Ferrante sarà Hbo. La serie, di cui si parla da mesi e che inizierà a essere girata quest'estate in Italia, vedrà alla regia Saverio Costanzo e sarà una co-produzione di Rai e Hbo a cui lavoreranno le case di produzione italiane Fandango e Wildside (quest'ultima è già dietro al successo di "The Young Pope").

La Casa Bianca dice no a un incontro Trump-Putin a maggio

Il Cremlino aveva proposto di approfittare della presenza in Europa del presidente Usa, che parteciperà al vertice della Nato in Belgio. Difficile un faccia a faccia prima del G20 di luglio in Germania
iStock

Chi credeva in un miglioramento immediato delle relazioni tra la Russia e gli Stati Uniti con l'arrivo di Donald Trump alla presidenza americana, forse si deve ricredere. Stando al Wall Street Journal, la Casa Bianca ha detto no alla proposta avanzata da funzionari russi di un faccia a faccia tra il 45esimo Commander in chief e il presidente Vladimir Putin a fine maggio, approfittando della partecipazione del presidente Usa al vertice Nato previsto il 25 maggio a Bruxelles (Belgio).

Muslim ban, il divieto di Trump colpirebbe soprattutto l'Iran

Il 55% dei visti relativi ai 6 Paesi colpiti dal presidente è stato concesso nel 2016 ai cittadini della Repubblica islamica. Tra i nove Paesi con più visti negati, lo scorso anno, assenti quelli scelti dal miliardario
AP

L'emissione di visti per i cittadini di Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen sarebbe sospesa per 90 giorni, se il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, riuscisse a vincere la battaglia legale che riguarda il suo ordine esecutivo sul 'travel ban', giustificato con motivi di sicurezza nazionale. Il Paese più colpito sarebbe l'Iran, secondo i dati raccolti da MarketWatch.

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Ivanka Trump 'assunta' alla Casa Bianca

La "first daughter" diventa una dipendente non federale non retribuita come il marito, consigliere di Donald
AP

Ivanka Trump ha deciso di formalizzare il suo ruolo alla Casa Bianca confermando di essere una "first daughter" con una visibilità certamente maggiore della first lady, Melania. La figlia maggiore del presidente americano Donald diventa ufficialmente un dipendente federale non retribuito andando a unirsi al marito Jared Kushner, consigliere del presidente e a sua volta non pagato al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington.