Storica astensione Usa, passa la risoluzione contro le colonie israeliane. Trump: con me si cambia

Barack Obama ha voluto rompere con il passato e spedire a Benjamin Netanyahu un messaggio chiaro ma il suo successore promette di raddrizzare il tiro. Israele non si adeguerà

Con il suo secondo e ultimo mandato agli sgoccioli, Barack Obama ha voluto rompere con il passato e spedire (inutilmente) a Benjamin Netanyahu un messaggio chiaro: gli Stati Uniti, almeno fino a quando c'è lui alla Casa Bianca, non approvano le colonie costruite da Israele nei territori occupati della Palestina in Cisgiordania e Gerusalemme Est. Per questo l'America si è astenuta anziché porre un veto sulla risoluzione approvata il 23 dicembre dal Consiglio di sicurezza dell'Onu, che chiede uno stop immediato agli insediamenti. Peccato che il primo ministro israeliano abbia comunicato che non si adeguerà e che Donald Trump abbia avvertito: dal 20 gennaio, con il suo insediamento, "le cose saranno diverse". Come suo solito il presidente eletto ha usato Twitter per commentare la scelta emersa dalla riunione dei 15 membri del Consiglio (solo gli Usa si sono astenuti). Il giorno precedente - quando il voto della risoluzione era stato sospeso - aveva detto che gli Usa avrebbero dovuto porre il veto. Ci si domanda quale effetto potrà avere l'arrivo in Israele dell'ambasciatore Usa scelto da Trump e se davvero l'ambasciata americana verrà trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme (che la Palestina vorrebbe come capitale di un suo Stato).

La linea della Casa Bianca: a rischio soluzione dei due Stati
La linea degli Usa è stata descritta da Samantha Jane Power, ambasciatrice americana al Palazzo di vetro: "Gli Stati Uniti non approvano ogni parola di questa risoluzione, per questo non abbiamo votato a favore" ma Washington, rompendo con un passato fatto di veti, si è astenuta "per non intaccare la soluzione che abbiamo sempre sostenuto [per Israele e Palestina]: una soluzione dei due Stati".

Power ha spiegato che gli Usa non hanno appoggiato la risoluzione "perché è concentrata sulle colonie. Lasciatemi essere chiara: anche se ogni insediamento fosse smantellato domani, la pace non sarebbe raggiungibile".

Power ha precisato che "questa risoluzione riflette i fatti sul campo ed è per questo che non abbiamo messo il veto". L'ambasciatrice Usa all'Onu ha aggiunto che "diversamente da alcuni membri del Consiglio, non crediamo che parti esterne possano imporre soluzioni che non sono state negoziate tra le due parti né possiamo unilateralmente riconoscere il futuro della Palestina".

Spiegando che "il problema degli insediamenti è peggiorato così tanto da mettere a rischio una soluzione dei due Stati", Power ha fornito numeri "notevolmente in aumento" delle colonie e della popolazione in esse. "Invece di smantellare gli insediamenti che sono illegali anche in base alle leggi israeliane, sta per passare una legislazione che legalizzerebbe altre colonie, un fattore che ha spinto gli sponsor di questa risoluzione a portarla al Consiglio di sicurezza".

Power ha citato le parole del premier israliano Benjamin Netanyahu, secondo cui "il suo governo è impegnato sulle colonie come nessun altro lo è stato", e di un membro della sua coalizione secondo cui "l'era della soluzione dei due Stati è finita". Allo stesso tempo, ha continuato Power, Netanyahu ha detto di avere intenzione a ottenere una soluzione dei due Stati. Secondo Power "queste dichiarazioni sono inconciliabili. Uno non può allo stesso tempo promovere le colonie e la soluzione dei due Stati. Uno deve fare una scelta tra colonie e separazione".

Power ha ricordato che nel 2011 gli Usa avevano posto un veto su una risoluzione simile a quella approvata oggi; ma da allora il quadro "è cambiato terribilmente, la crescita degli insediamenti è stata esponenziale" e gli sforzi per un accordo di pace sono falliti. "Diversamente dal 2011, questa risoluzione condanna non solo le colonie ma anche il terrorismo e la violenza che a loro volta pongono rischi enormi a una soluzione di due Stati"; un linguaggio diplomatico, questo, rivolto ai leader palestinesi accusati da Israele di incoraggiare attacchi contro civili israeliani. Secondo lei "questa risoluzione riflette trend che se continueranno di questo passo distruggeranno definitivamente ogni speranza per una soluzione di due Stati".

Astensione non è sinonimo di un impegno Usa inferiore alla sicurezza di Israele
diPower ha comunque spiegato che "il voto di oggi non significa affatto il venire meno dell'impegno alla sicurezza di Israele, l'unica demicrazia in Medio Oriente" dove "va riconosciuto" Israele si trova "a fare i conti con minacce serie in un territorio molto difficile. Gli israeli sono giustamente preoccupati che accanto a loro non ci sia un paradiso dei terroristi". Secondo l'ambasciatrice, Obama e la sua amministrazione hanno dimostrato un "impegno senza precedenti alla sicurezza di Israele" e quell'impegno "non ha mai traballato e mai lo farà". Lo dimostra il memorandum of undestanding siglato tra Washington e Tel Aviv e con cui gli Usa garantiscono sicurezza per 38 miliardi di dollari in 10 anni.

Altri Servizi

Come aprire una filiale italiana negli Stati Uniti

Una nuova rubrica per parlare delle opportunità per gli imprenditori italiani di investire in America
Il luna park di Coney Island a New York è stato realizzato dalla società vicentina Antonio Zamperla S.p.A. AP

I rapporti commerciali ed economici sono un pilastro fondamentale nelle relazioni tra Stati Uniti e Italia. In questa nuova rubrica, How to do Business in the US, ci occuperemo di descrivere le varie fasi di apertura di una filiale italiana in territorio americano e parleremo delle enormi opportunità che gli imprenditori italiani possono cogliere decidendo di investire negli Stati Uniti d’America.

Ray Allen, da stella Nba a consigliere dello United States Holocaust Memorial Museum

Il campione 41enne si è appassionato alla storia dell’Olocausto nel 1993 diventando negli anni un assiduo frequentatore del museo di Washington cercando di sensibilizzare le persone sugli orrori subiti dal popolo ebreo
Ray Allen allo United States Holocaust Memorial Museum

Dopo aver detto addio ai cambi da basket lo scorso novembre con una toccante lettera indirizzata a se stesso, l'ex stella Nba Ray Allen ha deciso di dedicarsi anima e corpo a una passione che porta con sé da quasi due decenni: studiare, sensibilizzare e promuovere la storia dell’Olocausto.

Casa Bianca infuriata: si è sentita raggirata da foto del Cremlino

Sorrisi smaglianti e strette di mano calorose di Trump con ministro degli Esteri e ambasciatore in Usa della Russia. Washington dice di non essere stata informata da Mosca che le immagini scattate sarebbero circolate in pubblico
AP

La Casa Bianca è su tutte le furie. Con il Cremlino, reo di avere diffuso fotografie di un incontro avvenuto ieri a porte chiuse nello Studio Ovale tra Donald Trump e due funzionari russi. L'errore di comunicazione sembra però, almeno in parte, anche Made in America. Non solo per una mancanza apparente di coordinamento con i colleghi russi ma anche perché nelle immagini incriminate si vede un Trump con sorriso smagliante e che stringe calorosamente le mani di Sergei Lavrov e Sergei Kislyak, rispettivamente il ministro degli esteri e l'ambasciatore in Usa della Russia.

Italia al festival enogastronomico di Los Angeles, dove è partito il road show dell'olio Filippo Berio

Il marchio dell'italiana Salov celebra 150 anni dalla nascita. Il Ceo delle attività nordamericane, Marco de Ceglie: nel 2017 saremo nelle principali sedi istituzionali italiane sul territorio americano per raccontare questa storia imprenditoriale

In occasione della prima edizione del festival enogastronomico LA Food Bowl organizzato dal Los Angeles Times per tutto il mese in corso e in anticipazione della seconda Settimana della cucina italiana nel mondo, l’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles dedica due eventi speciali a uno dei prodotti italiani più apprezzati nel mondo: l’olio extravergine d’oliva.

Wall Street: c'è nervosismo, tonfo per Snapchat e Macy's

Ieri, quarta seduta consecutiva da record per il Nasdaq
AP

Snapchat crolla a Wall Street: la prima trimestrale da gruppo quotato delude

Nei primi tre mesi del 2017, perdita di oltre 2 miliardi: il debutto in borsa è costato caro. Ricavi quasi triplicati ma gli analisti volevano di più. Crescita degli utenti nella media. La app risente della concorrenza di Instagram (Facebook)

La dimostrazione di come Snap risenta della conconcorrenza di Facebook è arrivata nella sua prima trimestrale da azienda quotata. Il gruppo che controlla la app Snapchat ha visto lievitare la sua perdita, le vendite sono quasi triplicate ma gli analisti si aspettavano di più e la crescita degli utenti non ha soddisfatto. Come se non bastasse, Snap non ha fornito alcun commento ai conti. Tutti questi fattori hanno fatto crollare il titolo scambiato dal 2 marzo scorso al New York Stock Exchange, dove ieri nel dopo mercato ha perso oltre il 23% circa riavvicinandosi pericolosamente al prezzo di collocamento pari a 17 dollari. Tutto ciò dimostra come il più grande social network al mondo ci abbia visto lungo nel fornire sulla sua app Instagram sempre più funzioni ispirate proprio a Snapchat.

Usa: divieto su tablet e laptop esteso ai voli dall'Europa

Oggi è atteso l'annuncio, secondo il Daily Beast. A marzo, il divieto imposto a dieci aeroporti di Nordafrica e Medio Oriente

Anche l'Europa sarà colpita dalle nuove restrizioni sui dispositivi elettronici da portare in cabina nei voli diretti negli Stati Uniti. Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, funzionari europei che si occupano di sicurezza hanno confermato al Daily Beast, ieri, l'estensione del divieto di portare in cabina i dispositivi elettronici più grandi di uno smartphone - come tablet e laptop - che al momento riguarda dieci aeroporti del Medio Oriente e del Nordafrica. Secondo le fonti, il divieto riguarderebbe tutti i voli dall'Europa agli Stati Uniti. L'annuncio è atteso in giornata.

Fbi, al via i colloqui per sostituire James Comey

Il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, e il suo vice, Rod Rosenstein, incontreranno quattro candidati in questa prima fase

È iniziata ufficialmente l’era post James Comey al Federal Bureau of Investigation (Fbi). Il segretario alla Giustizia americana, Jeff Sessions, e il suo vice, Rod Rosenstein, terranno oggi i primi colloqui con quattro candidati che potrebbero succedere a Comey alla direzione della polizia federale americana.

Pyongyang apre agli Usa: "pronti a dialogare alle giuste condizioni"

Lo ha detto Choe Son-hui, direttore generale dell'Ufficio sui rapporti con gli Usa del ministero degli Esteri di Pyongyang

La Corea del Nord apre agli Stati Uniti definendosi pronta ad avere colloqui con l’amministrazione di Donald Trump ma solo "alle giuste condizioni". A riportarlo è l’agenzia di stampa sudcoreana, Yonhap, che ha seguito Choe Son-Hui, direttore della divisione "America del Nord" del ministero degli Esteri di Pyongyang, nel suo viaggio da Oslo a Pechino.