Storica astensione Usa, passa la risoluzione contro le colonie israeliane. Trump: con me si cambia

Barack Obama ha voluto rompere con il passato e spedire a Benjamin Netanyahu un messaggio chiaro ma il suo successore promette di raddrizzare il tiro. Israele non si adeguerà

Con il suo secondo e ultimo mandato agli sgoccioli, Barack Obama ha voluto rompere con il passato e spedire (inutilmente) a Benjamin Netanyahu un messaggio chiaro: gli Stati Uniti, almeno fino a quando c'è lui alla Casa Bianca, non approvano le colonie costruite da Israele nei territori occupati della Palestina in Cisgiordania e Gerusalemme Est. Per questo l'America si è astenuta anziché porre un veto sulla risoluzione approvata il 23 dicembre dal Consiglio di sicurezza dell'Onu, che chiede uno stop immediato agli insediamenti. Peccato che il primo ministro israeliano abbia comunicato che non si adeguerà e che Donald Trump abbia avvertito: dal 20 gennaio, con il suo insediamento, "le cose saranno diverse". Come suo solito il presidente eletto ha usato Twitter per commentare la scelta emersa dalla riunione dei 15 membri del Consiglio (solo gli Usa si sono astenuti). Il giorno precedente - quando il voto della risoluzione era stato sospeso - aveva detto che gli Usa avrebbero dovuto porre il veto. Ci si domanda quale effetto potrà avere l'arrivo in Israele dell'ambasciatore Usa scelto da Trump e se davvero l'ambasciata americana verrà trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme (che la Palestina vorrebbe come capitale di un suo Stato).

La linea della Casa Bianca: a rischio soluzione dei due Stati
La linea degli Usa è stata descritta da Samantha Jane Power, ambasciatrice americana al Palazzo di vetro: "Gli Stati Uniti non approvano ogni parola di questa risoluzione, per questo non abbiamo votato a favore" ma Washington, rompendo con un passato fatto di veti, si è astenuta "per non intaccare la soluzione che abbiamo sempre sostenuto [per Israele e Palestina]: una soluzione dei due Stati".

Power ha spiegato che gli Usa non hanno appoggiato la risoluzione "perché è concentrata sulle colonie. Lasciatemi essere chiara: anche se ogni insediamento fosse smantellato domani, la pace non sarebbe raggiungibile".

Power ha precisato che "questa risoluzione riflette i fatti sul campo ed è per questo che non abbiamo messo il veto". L'ambasciatrice Usa all'Onu ha aggiunto che "diversamente da alcuni membri del Consiglio, non crediamo che parti esterne possano imporre soluzioni che non sono state negoziate tra le due parti né possiamo unilateralmente riconoscere il futuro della Palestina".

Spiegando che "il problema degli insediamenti è peggiorato così tanto da mettere a rischio una soluzione dei due Stati", Power ha fornito numeri "notevolmente in aumento" delle colonie e della popolazione in esse. "Invece di smantellare gli insediamenti che sono illegali anche in base alle leggi israeliane, sta per passare una legislazione che legalizzerebbe altre colonie, un fattore che ha spinto gli sponsor di questa risoluzione a portarla al Consiglio di sicurezza".

Power ha citato le parole del premier israliano Benjamin Netanyahu, secondo cui "il suo governo è impegnato sulle colonie come nessun altro lo è stato", e di un membro della sua coalizione secondo cui "l'era della soluzione dei due Stati è finita". Allo stesso tempo, ha continuato Power, Netanyahu ha detto di avere intenzione di ottenere una soluzione dei due Stati. Secondo Power "queste dichiarazioni sono inconciliabili. Uno non può allo stesso tempo promovere le colonie e la soluzione dei due Stati. Uno deve fare una scelta tra colonie e separazione".

Power ha ricordato che nel 2011 gli Usa avevano posto un veto su una risoluzione simile a quella approvata oggi; ma da allora il quadro "è cambiato terribilmente, la crescita degli insediamenti è stata esponenziale" e gli sforzi per un accordo di pace sono falliti. "Diversamente dal 2011, questa risoluzione condanna non solo le colonie ma anche il terrorismo e la violenza che a loro volta pongono rischi enormi a una soluzione di due Stati"; un linguaggio diplomatico, questo, rivolto ai leader palestinesi accusati da Israele di incoraggiare attacchi contro civili israeliani. Secondo lei "questa risoluzione riflette trend che se continueranno di questo passo distruggeranno definitivamente ogni speranza per una soluzione di due Stati".

Astensione non è sinonimo di un impegno Usa inferiore alla sicurezza di Israele
Power ha comunque spiegato che "il voto di oggi non significa affatto il venire meno dell'impegno alla sicurezza di Israele, l'unica demicrazia in Medio Oriente" dove "va riconosciuto" Israele si trova "a fare i conti con minacce serie in un territorio molto difficile. Gli israeli sono giustamente preoccupati che accanto a loro non ci sia un paradiso dei terroristi". Secondo l'ambasciatrice, Obama e la sua amministrazione hanno dimostrato un "impegno senza precedenti alla sicurezza di Israele" e quell'impegno "non ha mai traballato e mai lo farà". Lo dimostra il memorandum of undestanding siglato tra Washington e Tel Aviv e con cui gli Usa garantiscono sicurezza per 38 miliardi di dollari in 10 anni.

Altri Servizi

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

La minaccia velata di Riad: usare di nuovo il petrolio come arma politica

Tagliare la produzione per fare schizzare i prezzi del barile. E' questa la mossa temuta dagli investitori da parte dell'Arabia Saudita

Il petrolio al Nymex viaggia in modo volatile mentre il mercato si concentra sulle crescenti tensioni tra Usa e Arabia Saudita per via della scomparsa del giornalista saudita Jamal Khashoggi. 

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.

Dalla Puglia agli Usa: il pane Altamura di Oropan vuole fare gola agli americani (e a Trump)

Piano di espansione per raddoppiare il fatturato in due anni
Vito Forte e la figlia Lucia Forte

Il pane di Altamura Dop della Oropan alla conquista dell’America. Il prodotto è stato scelto come simbolo della Puglia al galà annuale della National Italian American Foundation (associazione che rappresenta circa 20 milioni di italo-americani residenti negli Stati Uniti), in calendario a Washington domani con 1.300 invitati. Anche il presidente, Donald Trump, è stato invitato ma non è ancora chiaro se vi parteciperà. Certo è che al leader Usa il pane a lievitazione naturale di Oropan arriverà comunque attraverso la sua delegazione presente all'evento.