Storica astensione Usa, passa la risoluzione contro le colonie israeliane. Trump: con me si cambia

Barack Obama ha voluto rompere con il passato e spedire a Benjamin Netanyahu un messaggio chiaro ma il suo successore promette di raddrizzare il tiro. Israele non si adeguerà

Con il suo secondo e ultimo mandato agli sgoccioli, Barack Obama ha voluto rompere con il passato e spedire (inutilmente) a Benjamin Netanyahu un messaggio chiaro: gli Stati Uniti, almeno fino a quando c'è lui alla Casa Bianca, non approvano le colonie costruite da Israele nei territori occupati della Palestina in Cisgiordania e Gerusalemme Est. Per questo l'America si è astenuta anziché porre un veto sulla risoluzione approvata il 23 dicembre dal Consiglio di sicurezza dell'Onu, che chiede uno stop immediato agli insediamenti. Peccato che il primo ministro israeliano abbia comunicato che non si adeguerà e che Donald Trump abbia avvertito: dal 20 gennaio, con il suo insediamento, "le cose saranno diverse". Come suo solito il presidente eletto ha usato Twitter per commentare la scelta emersa dalla riunione dei 15 membri del Consiglio (solo gli Usa si sono astenuti). Il giorno precedente - quando il voto della risoluzione era stato sospeso - aveva detto che gli Usa avrebbero dovuto porre il veto. Ci si domanda quale effetto potrà avere l'arrivo in Israele dell'ambasciatore Usa scelto da Trump e se davvero l'ambasciata americana verrà trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme (che la Palestina vorrebbe come capitale di un suo Stato).

La linea della Casa Bianca: a rischio soluzione dei due Stati
La linea degli Usa è stata descritta da Samantha Jane Power, ambasciatrice americana al Palazzo di vetro: "Gli Stati Uniti non approvano ogni parola di questa risoluzione, per questo non abbiamo votato a favore" ma Washington, rompendo con un passato fatto di veti, si è astenuta "per non intaccare la soluzione che abbiamo sempre sostenuto [per Israele e Palestina]: una soluzione dei due Stati".

Power ha spiegato che gli Usa non hanno appoggiato la risoluzione "perché è concentrata sulle colonie. Lasciatemi essere chiara: anche se ogni insediamento fosse smantellato domani, la pace non sarebbe raggiungibile".

Power ha precisato che "questa risoluzione riflette i fatti sul campo ed è per questo che non abbiamo messo il veto". L'ambasciatrice Usa all'Onu ha aggiunto che "diversamente da alcuni membri del Consiglio, non crediamo che parti esterne possano imporre soluzioni che non sono state negoziate tra le due parti né possiamo unilateralmente riconoscere il futuro della Palestina".

Spiegando che "il problema degli insediamenti è peggiorato così tanto da mettere a rischio una soluzione dei due Stati", Power ha fornito numeri "notevolmente in aumento" delle colonie e della popolazione in esse. "Invece di smantellare gli insediamenti che sono illegali anche in base alle leggi israeliane, sta per passare una legislazione che legalizzerebbe altre colonie, un fattore che ha spinto gli sponsor di questa risoluzione a portarla al Consiglio di sicurezza".

Power ha citato le parole del premier israliano Benjamin Netanyahu, secondo cui "il suo governo è impegnato sulle colonie come nessun altro lo è stato", e di un membro della sua coalizione secondo cui "l'era della soluzione dei due Stati è finita". Allo stesso tempo, ha continuato Power, Netanyahu ha detto di avere intenzione di ottenere una soluzione dei due Stati. Secondo Power "queste dichiarazioni sono inconciliabili. Uno non può allo stesso tempo promovere le colonie e la soluzione dei due Stati. Uno deve fare una scelta tra colonie e separazione".

Power ha ricordato che nel 2011 gli Usa avevano posto un veto su una risoluzione simile a quella approvata oggi; ma da allora il quadro "è cambiato terribilmente, la crescita degli insediamenti è stata esponenziale" e gli sforzi per un accordo di pace sono falliti. "Diversamente dal 2011, questa risoluzione condanna non solo le colonie ma anche il terrorismo e la violenza che a loro volta pongono rischi enormi a una soluzione di due Stati"; un linguaggio diplomatico, questo, rivolto ai leader palestinesi accusati da Israele di incoraggiare attacchi contro civili israeliani. Secondo lei "questa risoluzione riflette trend che se continueranno di questo passo distruggeranno definitivamente ogni speranza per una soluzione di due Stati".

Astensione non è sinonimo di un impegno Usa inferiore alla sicurezza di Israele
Power ha comunque spiegato che "il voto di oggi non significa affatto il venire meno dell'impegno alla sicurezza di Israele, l'unica demicrazia in Medio Oriente" dove "va riconosciuto" Israele si trova "a fare i conti con minacce serie in un territorio molto difficile. Gli israeli sono giustamente preoccupati che accanto a loro non ci sia un paradiso dei terroristi". Secondo l'ambasciatrice, Obama e la sua amministrazione hanno dimostrato un "impegno senza precedenti alla sicurezza di Israele" e quell'impegno "non ha mai traballato e mai lo farà". Lo dimostra il memorandum of undestanding siglato tra Washington e Tel Aviv e con cui gli Usa garantiscono sicurezza per 38 miliardi di dollari in 10 anni.

Altri Servizi

Wall Street, settimana di trimestrali

Oggi, attesa quella di Netflix dopo la chiusura dei mercati
AP

Google entra nel Russiagate: scoperte pubblicità comprate da Mosca per influenzare voto 2016

Secondo fonti vicine alle indagini interne di Google, agenti russi avrebbero speso decine di migliaia di dollari per diffondere notizie non accurate. Emerge da un'esclusiva dal Washington Post.
AP

Anche Google, come Facebook, entra nel Russiagate. Il colosso di Mountain View, secondo indiscrezioni riportate in esclusiva dal Washington Post, ha scoperto pubblicità comprate da soggetti russi sulle piattaforme della società per interferire con le elezioni presidenziali americane di novembre 2016.

Il Ceo di Blackrock: Bitcoin un "indice del riciclaggio di denaro"

Laurence Fink si unisce a James Dimon, numero uno di JP Morgan, nel criticare la criptovaluta. Lagarde non esclude che l'Fmi possa arrivare a svilupparne una sua

"Un indice del riciclaggio del denaro". Così il Ceo di Blackrock ha definito Bitcoin. E' stato Laurence Fink, l'uomo a capo del più grande gruppo di asset management al mondo, a lanciare l'ultimo attacco contro la criptovaluta già definita una "frode" dall'amministratore delegato di JP Morgan, che dopo l'ennesima critica sulla valuta digitale ha promesso che non si pronuncerà più sull'argomento.

Las Vegas: il killer sparò a una guardia prima di iniziare la strage

Le forze dell'ordine cambiano la tempistica della notte della tragedia. Escluso un secondo omicida
AP

Stephen Paddock, l'autore della peggiore sparatoria nella storia moderna Usa, ha sparato a una guardia sei minuti prima di aprire il fuoco sulla folla riunitasi il primo ottobre scorso a Las Vegas per un concerto. La guardia stava reagendo a un allarme scattato e che segnalava che una porta era rimasta aperta sullo stesso piano dell'albergo dove si trovava la stanza di Paddock. Lo ha spiegato in conferenza stampa lo sceriffo Joseph Lombardo. E' lui ad avere fornito una nuova tempistica di quella serata tragica nella quale si esclude ancora il coinvolgimento di un secondo killer così come un legame con organizzazioni terroristiche internazionali.

Cook: "La realtà aumentata cambierà la nostra vita, ma gli occhiali smart non sono ancora pronti"

L'amministratore delegato di Apple, intervistato dall'Independent, non parla solo di tecnologia: "La vita sarebbe così tanto più facile se solo trattassimo tutti con dignità e rispetto"
iStock

La realtà aumentata (AR) cambierà la nostra vita. Ne è convinto Tim Cook, l'amministratore delegato di Apple, che ha rilasciato un'intervista all'Independent. La società di Cupertino ha realizzato ArKit, una piattaforma che "offre un'opportunità commerciale a tutti i progetti basati sull'AR; senza questa opportunità non ci sarebbero 15 milioni di persone pronte a sviluppare le proprie passioni con la realtà aumentata".

Haley, il falco dietro la scelta di Trump sull'Iran: "Gli Usa rimarranno nell'accordo sul nucleare solo se migliorato"

L'ambasciatrice alle Nazioni Unite ha spinto il presidente a non certificare il rispetto dell'intesa da parte di Teheran. "Ora cambiamo in meglio l'intesa, nell'interesse americano"
Ap

L'ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite, Nikki Haley, ha detto che Washington spera di poter restare nell'accordo nucleare con l'Iran, ma che per farlo serve che il Congresso lo modifichi. "Penso che ci vedrete restare nell'accordo [...] Quello che speriamo è di poter migliorare la situazione" ha detto in un'intervista alla Nbc. "Questo è l'obiettivo. Ora siamo nell'accordo e vediamo come possiamo migliorarlo. Questo è l'obiettivo. Non quello di uscire dall'accordo. Stiamo solo cercando di rendere migliore la situazione in modo che gli americani si sentano più al sicuro".

L'ansia, un disturbo sempre più diffuso tra gli adolescenti americani

È la storia di copertina dell'ultimo numero del New York Times Magazine ed è la più letta della settimana sul sito nytimes.com

La storia di copertina dell'ultimo numero del New York Times Magazine s'intitola "Why Are More American Teenagers Than Ever [Are] Suffering From Severe Anxiety?", riguarda il numero record di adolescenti che soffrono di pesanti stati d'ansia ed è la storia più letta della settimana sul sito nytimes.com.

Amazon sbarcherà nel mercato dell'abbigliamento sportivo (con il proprio marchio)

Lo rivela Bloomberg. La società di Bezos starebbe già lavorando con alcuni produttori di Taiwan

 Amazon entrerà nel mercato dell'abbigliamento sportivo con il proprio marchio. La società di Jeff Bezos, infatti, sta mettendo sotto contratto alcuni dei maggiori fornitori di abbigliamento sportivo per creare una propria linea, secondo le fonti di Bloomberg, preparando così il terreno per una nuova rivoluzione in un settore già in tumulto.

Visco al Wsj: felici della ripresa in Italia. Bce su Npl? Il diavolo è nei dettagli

Il governatore di Banca d'Italia a Washington per i lavori del Fondo monetario internazionale

La ripresa economica si sta verificando anche in Italia, a tassi simili a quelli nel resto dell'Eurozona. I rischi principali per il sistema bancario del nostro Paese sono stati affrontati ma "l'Italia può e deve fare di più". Di certo, sono eccessive le preoccupazioni relative alla Penisola in vista di una Banca centrale europea meno accomodante ma che preferisce essere flessibile piuttosto che fissare una data precisa per la fine del suo programma di acquisto di bond. Lo crede Ignazio Visco, governatore di Banca d'Italia nonché membro del consiglio direttivo dell'Eurotower, sul cui addendum alle linee guida sulla gestione dei non performing loan prende tempo nonostante il polverone sollevato (perché sembra fatto su misura per penalizzare le nostre banche). "Il diavolo si nasconde nei dettagli"; meglio aspettare la fine delle consultazioni. Visco ha parlato a braccio in una intervista al Wall Street Journal. Lo ha fatto nell'ambito dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale in corso a Washington.

Draghi: il problema dei Npl è in Italia, va risolto. Visco: verso misure non destabilizzanti per le banche

Il governatore della Bce commenta le reazioni sull'addendum alle linee guida sulla gestione dei crediti deteriorati. Il governatore di Bankitalia: è manifestazione della forte volontà a mettere in sicurezza le banche. Padoan chiede chiarezza

Da Washington, Mario Draghi cerca di riportare la calma sull'asse Roma-Francoforte-Bruxelles. Dieci giorni dopo la pubblicazione dell'addendum della Banca centrale europea alle linee guida per la gestione dei crediti deteriorati - da molti visto come un modo per penalizzare l'Italia e le sue banche - il governatore dell'Eurotower ha spiegato che quanto fatto dal consiglio direttivo è stato "pubblicare un documento e chiedere reazioni". Per quelle c'è tempo fino alla mezzanotte (Central European Time) dell'8 dicembre. Poi, come detto da Ignazioni Visco - che oltre a essere governatore di Banca d'Italia è anche membro del consiglio direttivo della Bce - "vedremo cosa emergerà dalle consultazioni. In quel momento faremo le considerazioni necessarie".