Gli studenti americani scendono in piazza contro le armi

La strage nel liceo di Parkland in Florida ha rimesso al centro del dibattito la legge sulle armi

Gli studenti americani stanno pianificando nuovi scioperi e nuove proteste all’indomani della strage alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, in Florida, in cui hanno perso la vita 17 persone. A riportarlo sono diversi media americani che sottolineano come l’eccidio compiuto da Nikolas Cruz ha portato nuovamente al centro del dibattito la legge sul controllo delle armi.

Una prima manifestazione è andata in scena già sabato pomeriggio a Fort Lauderdale dove genitori e studenti del liceo di Parkland hanno urlato la loro rabbia contro il presidente Donald Trump e contro i politici americani, rei di accettare finanziamenti e di proteggere la potente lobby delle armi, la National Rifle Association (Nra).

Tra chi è intervenuto alla manifestazione davanti al tribunale federale di Fort Lauderdale c’è anche una sopravvissuta alla strage, Emma Gonzalez che in lacrime ha attaccato con forza sia Washington che Trump: "Dovete vergognarvi! E se il presidente viene a dirmi in faccia che si è trattato di una tragedia terribile [...], io gli rispondo con una domanda: quanti soldi riceve dalla National Rifle Association? Anzi, non importa, perché lo so già: 30 milioni di dollari". "Diventeremo i ragazzi di cui si parlerà nei libri di testo. Non perché saremo un'altra statistica sulle stragi di massa in America, ma perché saremo l'ultima sparatoria di massa", ha poi concluso la ragazza.

Nel frattempo, il prossimo 14 marzo, ad un mese dalla strage, è già previsto un altro evento organizzato dagli stessi organizzatori della Women's March (la marcia delle donne andata in scena a Washington il 21 gennaio 2017). "Non siamo al sicuro a scuola e non siamo al sicuro nelle nostre città e nei nostri paesi", si legge sull'evento di Facebook. "Il Congresso deve intraprendere azioni significative per mantenerci al sicuro e approvare una legge federale sulla riforma delle armi da fuoco che affronti la crisi della salute pubblica legata alla violenza delle armi". La manifestazione prevede che studenti e insegnanti alle 10 del mattino del 14 marzo prossimo escano dalle rispettive scuole per 17 minuti, in onore delle 17 vittime della Florida.

È poi previsto uno sciopero per il 20 aprile, giorno che segnerà il 19esimo anniversario di un’altra tremenda strage che ha segnato la storia recente degli Stati Uniti: quella di Colombine, in Colorado, dove nel 1999 persero la vita 13 persone. "Noi siamo gli studenti, noi siamo le vittime, noi siamo il cambiamento, ora combattiamo la violenza armata!", hanno scritto gli studenti che hanno organizzato l’evento. "Studenti delle scuole superiori di tutti gli Stati Uniti, il modo per contrattaccare è qui: c'è troppa noncuranza da parte dei politici quando si tratta di violenza da arma da fuoco: il momento di agire è ora!", si legge ancora.

Altri Servizi

A Wall Street, fa paura il coronavirus

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
AP

Pelosi con Trump: "Non vi avvicinate a Huawei"

La speaker della Camera Usa avverte gli alleati: "Non mettete le vostre comunicazioni in mano a un governo autocratico che non condivide i nostri valori"
Ap

"Questa è la più insidiosa forma di aggressione, avere le comunicazioni, la 5G, dominate da un governo autocratico che non condivide i nostri valori". L'attacco è contro Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni accusato dagli Stati Uniti di essere al servizio del governo di Pechino per spiare l'Occidente, ma l'autore non è, come potrebbe sembrare, il presidente Donald Trump, bensì la democratica Nancy Pelosi, la speaker della Camera, che per una volta, almeno, è della stessa opinione della Casa Bianca.

Wall Street, l'attenzione resta sul coronavirus

Il presidente della Fed, Jerome Powell, atteso da un'altra giornata di testimonianza in Congresso
AP

Usa 2020, primarie in New Hampshire: sorpresa Klobuchar?

Salita al terzo posto nei sondaggi, da lei i 'delusi' di Biden
AP

Amy Klobuchar potrebbe essere la sorpresa delle primarie in New Hampshire, e non solo. La senatrice del Minnesota, sempre convincente nei dibattiti, sta cominciando a riempire i luoghi dei suoi comizi e molti analisti credono che possa togliere molti voti all'ex vicepresidente Joe Biden, in caduta libera in New Hampshire e superato per la prima volta dal senatore Bernie Sanders in un sondaggio nazionale. Potrebbe essere lei, insomma, la candidata dei moderati.

Usa 2020, caucus Iowa: Sanders chiederà il riconteggio

Assegnati 14 delegati a Buttigieg, 12 al senatore del Vermont
Ap

Lo staff elettorale del senatore statunitense Bernie Sanders ha detto che chiederà il 'riconteggio' dei voti ai caucus dell'Iowa, dopo che il partito democratico ha comunicato l'assegnazione dei delegati statali equivalenti (SDE) e del corrispondente numero di delegati alla convention nazionale. L'ex sindaco Pete Buttigieg ha ottenuto 14 delegati "impegnati" (a rispettare il voto popolare), mentre il senatore Bernie Sanders, che è stato il più votato, ne ha ottenuti 12. La senatrice Elizabeth Warren ne ha conquistati otto, l'ex vicepresidente Joe Biden sei e la senatrice Amy Klobuchar uno.

Usa 2020, Buttigieg risponde a Rush Limbaugh: "Amo mio marito e non prendo lezioni sulla famiglia"

Il candidato dem alla Casa Bianca replica alle affermazioni omofobe del commentatore radiofonico di destra
Wikipedia

Pete Buttigieg, candidato democratico alla Casa Bianca apertamente gay, ha replicato alle recenti affermazioni omofobe di Rush Limbaugh, commentatore radiofonico di destra, secondo cui l'America "non è pronta per avere un presidente gay". "Amo mio marito, sono fedele a mio marito. Sul palco solitamente ci abbracciamo e basta, ma lo amo moltissimo", ha detto l'ex sindaco di South Bend in un'intervista rilasciata a Dana Bash nel programma "State of the Union" sulla Cnn nella quale ha poi sottolineato: "Non prendo lezioni sui valori della famiglia da un presentatore radio conservatore".

Oltre mille procuratori americani hanno chiesto le dimissioni di William Barr

Il procuratore generale accusato insieme a Trump di "interferenze nell’amministrazione della Giustizia"
Wikipedia

Gli Usa valutano lo stop all'export in Cina di motori GE

In ballo c'è la concessione della licenza che permette alla CFM International, una joint venture tra GE e la francese Safran, di incrementare la fornitura alla Cina dei motori a reazione Leap 1C
General Electric

Ci sono 607 miliardari negli Usa: solo 5 sono afroamericani

Business Insider analizza la lista di Forbes dei Paperoni d’America
AP

Iraq, razzi vicino ad ambasciata americana di Baghdad

Non ci sono vittime. Si tratta del 19 attacco che coinvolge gli Usa in quattro mesi