Stuprate e lasciate da sole dalle istituzioni: il destino delle indiane d'America

La media degli stupri tra le native è il doppio di quella nazionale, e solo il 13% delle denunce porta a un arresto

Stuprate e abbandonate a se stesse dalle istituzioni, private di cure mediche adeguate e costrette a convivere con lo stupratore, che spesso vive nello stesso piccolo villaggio: è questo il quadro desolante che attende molte donne native americane, secondo un nuovo report del dipartimento di Giustizia che sta cercando di fronteggiare l'emergenza. Tra gli indiani d’America infatti il tasso degli stupri è il doppio di quello nazionale, e una donna su tre ha subito violenza o ha sperimentato un tentativo di attacco.

Proprio in questi giorni repubblicani e democratici stanno discutendo su come affrontare questa emergenza, apportando modifiche al fondamentale Atto contro la violenza sulle donne del 1994. La soluzione più immediata per fronteggiare il problema sarebbe aumentare l’autonomia dei tribunali tribali, consentendo loro di perseguire anche gli assalitori non-indiani che si macchiano di crimini sessuali. Il provvedimento, che è passato lo scorso giovedì in Senato, ha trovato ostiche opposizioni nella Camera dei rappresentanti: è pericoloso, dicono i repubblicani, aumentare i poteri delle istituzioni tribali.

Le rappresentanti delle donne indiane dichiarano che lo stupro è un fenomeno comune da generazioni, ma che nessuno ha mai fatto niente per arginarlo: molte donne decidono di non denunciare la violenza, per non incorrere nelle ritorsioni degli assalitori, che rimangono a piede libero. “Molte madri vengono nei nostri uffici per avere informazioni sul cosiddetto ‘piano-b’” ha dichiarato al ‘New York Times’ Chraon Asetoyer, consulente legale nella riserva Yankton Sioux del South Dakota. "Il ‘piano-b’ è la pillola del giorno dopo. E’ spaventoso, queste donne vengono qui per informarsi perché danno per scontato che le loro figlie verranno stuprate prima o poi.  E' come un processo normale e una tappa obbligatoria nel diventare donne”.

Nella zona abitata dagli indiani Navajo, che comprende parti dell’Arizona, del New Mexico e dello Utah, sono stati riportati 329 casi di stupro nel 2007, ma ci sono stati solo diciassette arresti. Stando ai dati del dipartimento di Giustizia, in tutti gli Stati Uniti solo il 13% delle denunce di stupro delle donne indiane porta all’arresto dell’assalitore. Come se non bastasse, a rendere il quadro ancora più desolante arrivano altri dati: in South Dakota gli indiani sono il 10% della popolazione, ma le donne costituiscono il 40% delle vittime di stupro, e la stessa situazione, ancora più inquietante, si ripresenta in Alaska, dove gli indiani sono il 15% della popolazione ma le donne costituiscono il 61% delle vittime di violenze sessuali. Tra le cause di un così alto tasso di stupri tra i nativi americani ci sono senz’altro la crisi della classica struttura familiare, l’emarginazione e l’abuso di alcolici.

Lila, abitante di Emmonak, un villaggio di pescatori dell’Alaska, 800 abitanti, ha raccontato al ‘New York Times’ che aveva diciannove anni quando un uomo si intrufolò nel suo appartamento e la violentò. “Appena se ne andò chiamai la polizia tribale (un corpo di tre agenti) ma nessuno mi rispose. Lasciai dei messaggi in segreteria: non mi hanno mai richiamata.” Lila è un nome fittizio, inventato dal giornalista del 'New York Times' per proteggere la ragazza dalle ritorsioni del suo assalitore, che vive ancora tranquillamente nel piccolo villaggio: “Ha stuprato altre cinque ragazze che conosco, ma io sono l’unica ad averlo denunciato, mi hanno consigliato tutte di stare zitta”.

Altri Servizi

Trump grazia due militari accusati di crimini di guerra

La decisione del tycoon, che ha anche restituito i gradi a un terzo soldato, arriva nonostante l’opposizione del Pentagono
White House /Shealah Craighead

Donald Trump è intervenuto nei casi di tre militari americani accusati di aver commesso dei crimini di guerra in Afghanistan: il Tycoon ha concesso la grazia a due di loro e ripristinato i gradi a un terzo, il tutto nonostante le opposizioni espresse da esperti militari e soprattutto dal Pentagono. "Il presidente, in quanto comandante in capo, è in ultima istanza responsabile di garantire l'applicazione della legge e, quando appropriato, che sia concessa la grazia", si legge nella nota della Casa Bianca che spiega le ragioni della scelta di Trump: "Come ha affermato il Presidente, 'quando i nostri soldati devono combattere per il nostro Paese, voglio dare loro la fiducia necessaria per combattere'".

Trump verso rinvio di altri 6 mesi per decisione su dazi auto Ue

Lo scrive Politico; decisione già rinviata di sei mesi a maggio
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe intenzione di rimandare di sei mesi la decisione sull'imposizione di dazi fino al 25% sulle auto importate dall'Unione europea. Lo scrive Politico. La scadenza per una decisione è prevista domani ed è già stata rimandata una prima volta, a maggio.

Wall Street, segnali positivi sul fronte Usa-Cina

I negoziati tra i due Paesi sempre al centro delle attenzioni degli investitori
AP

Trump: Boom economico senza precedenti, nonostante gli errori della Fed

Il presidente Usa ha parlato all'Economic Club di New York. "Vicini all'accordo con Pechino, ma decidiamo noi. L'Ue? Peggio della Cina sulle barriere commerciali"
Ap

L'attuale amministrazione statunitense "ha dato inizio a un boom economico senza precedenti", ma l'economia e il mercato azionario andrebbero ancora meglio, senza gli errori della Federal Reserve. Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha usato il pulpito dell'Economic Club di New York per incensare il proprio lavoro e attaccare, di nuovo, la Federal Reserve e il suo governatore Jerome Powell.

Amazon contro il Pentagono, Esper: "Nessuna influenza esterna"

Maxicontratto a Microsoft, il segretario alla Difesa: "Procedimento corretto"
AP

Il procedimento che ha portato il dipartimento della Difesa statunitense ad assegnare a Microsoft un contratto da 10 miliardi di dollari per i servizi cloud è stato condotto "in modo corretto" e non ha subito "alcuna influenza esterna". Lo ha dichiarato il segretario alla Difesa, Mark Esper, durante una conferenza stampa a Seul, in Corea del Sud, rispondendo alla domanda di un giornalista.

Il Texas sospende la condanna a morte di Rodney Reed

L’uomo, da 21 anni nel braccio della morte, è al centro di un controverso caso di omicidio: nel 1998 fu condannato per aver violentato e soffocato la 19enne Stacey Stites
Ap

La Corte d’Appello del Texas, corte suprema dello Stato chiamata a giudicare i reati penali, ha momentaneamente sospeso l’esecuzione della condanna a morte a Rodney Reed, uomo al centro di un controverso caso di omicidio rinchiuso da 21 anni nel braccio della morte. L’esecuzione era prevista per mercoledì tramite iniezione letale.

Altra sconfitta per Trump: rieletto il governatore democratico della Louisiana

John Bel Edwards batte lo sfidante repubblicano, Eddie Rispone.
AP

Dopo il Kentucky, un altro stato tradizionalmente repubblicano ha voltato le spalle al presidente Usa Donald Trump. Il Louisiana ha infatti preferito rieleggere il governatore democratico John Bel Edwards piuttosto che Eddie Rispone, il candidato sostenuto dall’attuale inquilino della Casa Bianca.

Wall Street, attenzione rivolta ai negoziati Usa-Cina

Ieri, il Wall Street Journal ha parlato di nuovi ostacoli verso il raggiungimento di un'intesa
AP

‘Tutto molto bene’. Trump rassicura sul suo stato di salute dopo la visita all’ospedale

Presidente si era recato ieri all’ospedale militare, Walter Reed National Military Medical Center, per esami medici "di routine".
Ap

‘Tutto molto bene’. Cosi il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha voluto rassicurare gli americani sulle sue condizioni di salute dopo una visita a sorpresa all’ospedale militare, Walter Reed National Military Medical Center.

Buttigieg balza in avanti tra i democratici in Iowa

Stando a un sondaggio, il sindaco di South Bend ha il 25% delle preferenze. Seguono Warren, Biden e Sanders. Staccati gli altri candidati.
Ap

Continua l’ascesa di Pete Buttigieg in Iowa. Nell’ultimo sondaggio condotto dal The Des Moines Register e Cnn tra coloro che andranno a votare alle primarie democratiche nello stato del Midwest, il 37enne sindaco di South Bend, Indiana, ha superato la senatrice Elizabeth Warren e l’ex vice presidente Joe Biden. Con il 25 per cento delle preferenze, Buttigieg si piazza al primo gradino del podio che viene completato da Warren (16%), Biden e il senatore del Vermont, Bernie Sanders (entrambi con il 15%).