Stylistico: non il solito showroom, ma un ponte tra l'Europa e l'America

Guglielmo Melegari (ex Max Mara, Pomellato), Marcello Abrate (ex Benetton Nord America) e Lauren Kiefer (ex Bergdorf Goodman): le tre teste della moda europea negli Usa

Se New York è "un ponte teso tra la vecchia Europa e l'allucinante mistero che chiamano America", allora non c'è sulla terra un posto migliore per creare una realtà che sia allo stesso tempo custode della sapienza europea in fatto di moda e nave lanciata nel mare gigante del suo mercato.

Questa realtà esiste da inizio febbraio, si chiama Stylistico ed è un luogo che va oltre il concetto di showroom: nasce infatti con l'obiettivo di fungere da vero e proprio quartier generale americano per molti marchi italiani ed europei. A pensarlo, volerlo e metterlo in piedi sono state tre menti (due delle quali italiane) che con la moda, l’Europa e l’America hanno a che fare da sempre: Guglielmo Melegari, ex amministratore delegato negli Usa di Max Mara prima e di Pomellato poi, Marcello Abrate, ex amministratore delegato di Benetton Nord America, e Lauren Kiefer, americana delle Hawaii, che per questa nuova avventura ha lasciato il grande magazzino di lusso Bergdorf Goodman sulla Fifth Avenue a Manhattan, dov’era vice presidente del divisional merchandising management.

 

America24 è andata a trovare Melegari e Kiefer nella sede di Stylistico per farsi raccontare che cosa significa fare da ponti e telescopi della bellezza nell’America del nuovo millennio. Partendo dall’inizio: ovvero chiedendo loro com’è nata l’idea e poi l’avventura.

"In ventun anni negli Stati Uniti (di cui dodici per Max Mara e nove per Pomellato, ndr), ho iniziato a collaborare con gruppi italiani che volevano affacciarsi sul mercato statunitense e ho vissuto in prima persona le problematiche che aziende meno strutturate possono trovarsi ad affrontare", ci ha detto Guglielmo Melegari. "Mi sono reso conto che c’era un’opportunità, una strada inesplorata".

E qui è arrivato quello che poi sarebbe diventato il primo socio della futura Stylistico: "Ho iniziato a parlarne con Marcello Abrate e abbiamo deciso di seguire questa via del tutto nuova". A loro si è infine aggiunta la terza testa: Kiefer. "Con Lauren ci conosciamo da molto tempo, siamo diventati amici tramite mia moglie che è una sua cara amica. Lei è stata per quindici anni a Bergdorf Goodman, dov’era responsabile degli acquisti di tre piani", prosegue Melegari.

Stylistico vuole presentarsi con un modello di business innovativo: "Va al di là del solito showroom", ci spiega Kiefer in un italiano impeccabile, studiato all’università e poi diventato per lei anche uno strumento di lavoro: prima a BG, dove conoscere la lingua le ha permesso di relazionarsi in maniera unica con le grandi firme italiane di cui gestiva gli acquisti, e ora qui. "Il nostro scopo è quello di creare una vera e propria base d’appoggio per le aziende europee che lavorano con noi", ci dice.

"Siamo di fatto la filiale americana delle aziende che rappresentiamo, andando al di là del ruolo tradizionale dell’agente o del distributore", continua Melegari. "Ci sono diversi showroom tradizionali che vendono in maniera tradizionale il prodotto, ci sono società specializzate che lavorano bene sulla gestione del back of the house e quindi fanno tutto ciò che farebbe un ufficio amministrativo di una filiale", ci spiega. “Che io sappia, però, nessuno aveva mai messo insieme le due cose”.

A fare davvero la differenza è l'esperienza maturata sul mercato americano dalle tre menti di Stylistico, coniugata alla conoscenza che tutti loro hanno del mondo europeo. “La sensibilità congiunta Europa-Usa è molto importante. Ci sono tante aziende che magari vorrebbero entrare sul mercato americano e non hanno idea di come fare, o non conoscono abbastanza a fondo questa realtà", ci spiega Melegari. "Serve sì, questo sempre, l’autenticità del lavoro artigianale straordinario in cui sono maestre certe realtà europee, ma non basta: è fondamentale saper creare un dialogo con un mercato che ha esigenze, tempistiche, necessità, sensibilità diverse", prosegue. "La nostra idea è semplice e innovativa: dare l’opportunità a un brand di lavorare in presa diretta negli Stati Uniti con professionalità molto capaci, e al contempo in termini digeribili dal punto di vista economico. Una cosa che, se dovessero trovarsi a farla in modo diretto aprendo una loro filiale, sarebbe molto più complicata e costosa. Noi qui siamo il loro avamposto".

Il portfolio clienti di Stylistico al momento include tra gli altri Acynetic, Albino Teodoro, a.t.p.co, Gentry Portofino, Jonofui, Marinella, Onefivezero, Pantofola d’Oro, Paloma Barcelo, Silvano Sassetti, Dice Kayek.

"Il primo lancio di cui ci occuperemo sarà la collezione autunno/inverno 2017-2018 di Acynetic, il nuovo marchio di Adriano Goldschmied e Marco Doro", racconta Kiefer.

Goldschmied, triestino ribattezzato "il padrino del denim" (Diesel, Replay), ha disegnato "una collezione che si ispira agli anni ‘80 e ‘90 e introduce una nuova idea di denim: capi che sembrano jeans ma vestono con una comodità che, posso dirlo?, è un regalo meraviglioso che Adriano fa a tutte le donne", ci dice Lauren. "Per questo lancio siamo emozionatissimi".

Ci mostra poi il maglione che indossa, e prosegue: "È un capo di cachemire di Gentry Portofino, quando ho scoperto questo marchio me ne sono innamorata. Trovare una qualità di questo tipo a un prezzo accessibile mi è sembrato un miracolo. Il mercato americano può impazzire per un prodotto del genere".

Prima di salutarci, Melegari e Kiefer ci fanno fare un piccolo tour dello showroom, che è uno spazio a tinte chiare e luminoso affacciato sui palazzi della 18esima strada a Manhattan. Ci sono capi appesi ovunque, e ovunque c’è colore: qualcosa di rosa, nero, rosso, cammello, azzurro. Colore, e tessuti che viene voglia di toccare: il cachemire di Gentry Portofino, le cravatte dello storico cravattificio napoletano Marinella che per la prima volta arriva negli Stati Uniti, i modelli di Pantofola d’Oro ("Quand’ero ragazzo, chiunque giocasse a calcio sapeva che le ‘Pantofola’ erano scarpe di un altro livello, le migliori in circolazione"), gli abiti da sera divertenti di Dice Kayek, casa di moda con sede a Parigi fondata da due giovani sorelle turche.

Il punto cruciale per Stylistico è proprio questo: la cura nella scelta di ogni prodotto, e poi nello sviluppo specifico di ogni collezione affinché questa possa incontrare il gusto del mercato americano. "Avendo vissuto per molto tempo dall’altra parte, facendo la buyer per dieci anni e poi la divisional per cinque, mi sono resa conto che mancava davvero una cosa del genere. La mia sfida quando lavoravo per Bergdorf Goodman era questa: magari trovavo un marchio nuovo che mi piaceva tantissimo, però poi non potevo fidarmi, perché i tempi delle consegne spesso non venivano rispettati e magari dovevo cancellare l’ordine", ci racconta Kiefer. "Io cercavo e volevo un contatto per i miei buyer che si trovasse in America e fosse quindi facilmente accessibile, ma che al contempo rispondesse e capisse le nostre domande", prosegue. "Trovare un prodotto speciale e non avere modo di comprarlo o di essere sicuri che arrivi in tempo è una grande occasione persa per i marchi, ed è una cosa che ho vissuto tante volte proprio perché non esisteva una realtà che facesse da ponte".

E Stylistico vuole presentarsi proprio così: un ponte tra l’Europa e l’America, e un luogo che è insieme porto e nave. Porto per accogliere i marchi che arrivano dall’Europa e a Stylistico si affidano, e nave per portarli nel mare americano. Tre cose in un posto solo, che accoglie e protegge la sapienza artigianale europea che arriva dall’altro lato dell’Atlantico e insieme la proietta sul mercato statunitense. "Io sono cresciuta a Bergdorf Goodman, che è il top. Per andare via da quella che per tanti anni ho considerato casa mia, doveva valerne davvero la pena", ci dice Kiefer. "Quando Guglielmo e Marcello mi hanno parlato di questo progetto mi sono detta: ecco, per questa cosa sì, ne vale la pena".

Modello "Rosi Loren", collezione Acynetic A/I 2017-2018 (per gentile concessione di Stylistico)
Modello "Flora Stella", collezione Acynetic A/I 2017-2018 (per gentile concessione di Stylistico)
Altri Servizi

Le cinque peggiori città dove andare a vivere negli Stati Uniti

Il sito 24/7 Wall St. ha preso in considerazione diversi parametri per determinare quali centri urbani sconsigliare: in testa, non ci sono sorprese

La qualità della vita in una città statunitense dipende spesso dal quartiere in cui si vive, visto che povertà e crimine possono spesso essere a pochi isolati dalla prosperità. Ci sono però città con problemi così estesi ed evidenti che riducono la qualità della vita di tutti i residenti.

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

Trump pubblica la dichiarazione finanziaria 2016: il suo impero vale 1,4 miliardi di dollari

Il presidente ha incassato 597 milioni di dollari dalle sue aziende, nel periodo tra gennaio 2015 e aprile 2016. La sua dichiarazione dei redditi, però, resta segreta

Donald Trump continua a rifiutarsi di presentare la propria dichiarazione dei redditi, ma ha reso pubbliche le informazioni relative alla sua situazione finanziaria, contenute in un documento di 98 pagine.

Russiagate, dall'ammissione di Trump alle divisioni tra i democratici: i fatti salienti della settimana

Giorni intensi sul versante delle indagini e del lavoro della stampa sulla presunta collusione tra l'attuale amministrazione statunitense e Mosca
AP

Il Washington Post ha riferito (mercoledì 14 giugno) che il procuratore speciale, Robert Mueller, sta indagando sulla possibilità che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, abbia cercato di ostacolare la giustizia, nel caso sulle ingerenze russe nelle elezioni di novembre e i possibili legami tra il suo staff e il Cremlino. Si è trattato, comunque, solo di un evento di una settimana densa di novità su quello che in Italia è stato ormai ribattezzato Russiagate.

Russiagate: anche il numero due del dipartimento di Giustizia potrebbe astenersi

E' un'ipotesi che circola e che riguarda Rod Rosenstein, preso di mira da un tweet di Trump. Una tale mossa seguirebbe quella del suo capo Jeff Sessions
AP

Anche il numero due del dipartimento della Giustizia potrebbe dovere tirarsi fuori dal Russiagate. E' un'ipotesi presa in considerazione dal diretto interessato Rod Rosenstein, l'uomo che ha la parola finale sul procuratore speciale da lui scelto e che sta gestendo l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali Usa e sui possibili contatti tra la campagna Trump e funzionari russi.

L'ordine allo staff di Trump: conservare il materiale utile alle indagini sulla Russia

Per il Nyt, è un'altra prova che l'inchiesta del procuratore speciale, Robert Mueller, si è ampliata

I membri dello staff che ha gestito per Donald Trump il periodo di transizione, quello tra la vittoria alle presidenziali, a novembre, e l'entrata in carica più di due mesi dopo, hanno ricevuto l'ordine di conservare documenti e qualsiasi altro materiale che possa essere utile alle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni. Lo riferisce il New York Times, citando un documento ottenuto.

Gli Usa pronti al ritorno alla Guerra Fredda con Cuba, poi Trump ha scelto una linea moderata

L'amministrazione aveva preso in considerazione la possibilità di un ultimatum sui diritti umani e l'ipotesi di una rottura completa con L'Avana

L'amministrazione Trump aveva preso in considerazione la possibilità di troncare i rapporti con Cuba, scegliendo poi di adottare una linea più morbida, che non precluda i rapporti diplomatici e futuri rapporti economici tra i due Paesi. A scriverlo è The Hill, citando documenti ottenuti in esclusiva.

Fmi: la ripresa dell'Eurozona si rafforza, Italia avanti con le riforme

Secondo l'istituto di Washington il contesto politico "favorevole" rappresenta un'opportunità per rendere ancora più salda l'integrazione tra i Paesi membri. Bce promossa. Scoraggiante la compliance del Patto di stabilità

"Anche se restano debolezze strutturali con radici profonde", la ripresa dell'Eurozona "si sta rafforzando" e ciò - insieme a un contesto politico "favorevole" - rappresenta un'opportunità per rendere ancora più salda l'integrazione tra i Paesi membri. Ma anche se gli sforzi fino ad ora fatti stanno dando frutti, "molto resta da fare sia a livello nazionale sia generale".

Caso Russia, Trump twitta e ammette: "Sono indagato"

Il presidente Usa accusa il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, di guidare la 'caccia alle streghe'
Ap

"Sono [stato messo] sotto indagine per aver licenziato il direttore dell'Fbi (James Comey, ndr) dall'uomo che mi ha detto di licenziare il direttore dll'Fbi (il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, ndr]! Caccia alle streghe". Questo l'ultimo tweet pubblicato dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che sta già facendo particolarmente discutere i giornalisti statunitensi, visto che sembra confermare il fatto che sia indagato, come scritto per primo dal Washington Post; sembra inoltre che Rosenstein sia entrato nella lista delle persone da screditare, dopo essere stato l'uomo con cui Trump si era fatto scudo, affermando di aver licenziato Comey su raccomandazione del vicesegretario, salvo poi dichiarare in televisione che lo avrebbe comunque licenziato. Ora, invece, Trump lo considera la persona che guida la "caccia alle streghe".

Amazon compra Whole Foods Market per circa 13,7 mld $ in cash, debito incluso

Whole Foods continuerà a gestire i supermercati con il proprio marchio e l'amministratore delegato John Mackey resterà in carica.
Shutterstock

Amazon si espande nel settore della grande distribuzione tradizionale. Come si legge in una nota, il colosso americano dell'e-commerce ha rilevato la catena di supermercati Whole Foods Markets per 42 dollari per azione, completamente in contanti, nell'ambito di un'operazione valutata circa 13,7 miliardi di dollari, compreso il debito netto del retailer.