Stylistico: non il solito showroom, ma un ponte tra l'Europa e l'America

Guglielmo Melegari (ex Max Mara, Pomellato), Marcello Abrate (ex Benetton Nord America) e Lauren Kiefer (ex Bergdorf Goodman): le tre teste della moda europea negli Usa

Se New York è "un ponte teso tra la vecchia Europa e l'allucinante mistero che chiamano America", allora non c'è sulla terra un posto migliore per creare una realtà che sia allo stesso tempo custode della sapienza europea in fatto di moda e nave lanciata nel mare gigante del suo mercato.

Questa realtà esiste da inizio febbraio, si chiama Stylistico ed è un luogo che va oltre il concetto di showroom: nasce infatti con l'obiettivo di fungere da vero e proprio quartier generale americano per molti marchi italiani ed europei. A pensarlo, volerlo e metterlo in piedi sono state tre menti (due delle quali italiane) che con la moda, l’Europa e l’America hanno a che fare da sempre: Guglielmo Melegari, ex amministratore delegato negli Usa di Max Mara prima e di Pomellato poi, Marcello Abrate, ex amministratore delegato di Benetton Nord America, e Lauren Kiefer, americana delle Hawaii, che per questa nuova avventura ha lasciato il grande magazzino di lusso Bergdorf Goodman sulla Fifth Avenue a Manhattan, dov’era vice presidente del divisional merchandising management.

 

America24 è andata a trovare Melegari e Kiefer nella sede di Stylistico per farsi raccontare che cosa significa fare da ponti e telescopi della bellezza nell’America del nuovo millennio. Partendo dall’inizio: ovvero chiedendo loro com’è nata l’idea e poi l’avventura.

"In ventun anni negli Stati Uniti (di cui dodici per Max Mara e nove per Pomellato, ndr), ho iniziato a collaborare con gruppi italiani che volevano affacciarsi sul mercato statunitense e ho vissuto in prima persona le problematiche che aziende meno strutturate possono trovarsi ad affrontare", ci ha detto Guglielmo Melegari. "Mi sono reso conto che c’era un’opportunità, una strada inesplorata".

E qui è arrivato quello che poi sarebbe diventato il primo socio della futura Stylistico: "Ho iniziato a parlarne con Marcello Abrate e abbiamo deciso di seguire questa via del tutto nuova". A loro si è infine aggiunta la terza testa: Kiefer. "Con Lauren ci conosciamo da molto tempo, siamo diventati amici tramite mia moglie che è una sua cara amica. Lei è stata per quindici anni a Bergdorf Goodman, dov’era responsabile degli acquisti di tre piani", prosegue Melegari.

Stylistico vuole presentarsi con un modello di business innovativo: "Va al di là del solito showroom", ci spiega Kiefer in un italiano impeccabile, studiato all’università e poi diventato per lei anche uno strumento di lavoro: prima a BG, dove conoscere la lingua le ha permesso di relazionarsi in maniera unica con le grandi firme italiane di cui gestiva gli acquisti, e ora qui. "Il nostro scopo è quello di creare una vera e propria base d’appoggio per le aziende europee che lavorano con noi", ci dice.

"Siamo di fatto la filiale americana delle aziende che rappresentiamo, andando al di là del ruolo tradizionale dell’agente o del distributore", continua Melegari. "Ci sono diversi showroom tradizionali che vendono in maniera tradizionale il prodotto, ci sono società specializzate che lavorano bene sulla gestione del back of the house e quindi fanno tutto ciò che farebbe un ufficio amministrativo di una filiale", ci spiega. “Che io sappia, però, nessuno aveva mai messo insieme le due cose”.

A fare davvero la differenza è l'esperienza maturata sul mercato americano dalle tre menti di Stylistico, coniugata alla conoscenza che tutti loro hanno del mondo europeo. “La sensibilità congiunta Europa-Usa è molto importante. Ci sono tante aziende che magari vorrebbero entrare sul mercato americano e non hanno idea di come fare, o non conoscono abbastanza a fondo questa realtà", ci spiega Melegari. "Serve sì, questo sempre, l’autenticità del lavoro artigianale straordinario in cui sono maestre certe realtà europee, ma non basta: è fondamentale saper creare un dialogo con un mercato che ha esigenze, tempistiche, necessità, sensibilità diverse", prosegue. "La nostra idea è semplice e innovativa: dare l’opportunità a un brand di lavorare in presa diretta negli Stati Uniti con professionalità molto capaci, e al contempo in termini digeribili dal punto di vista economico. Una cosa che, se dovessero trovarsi a farla in modo diretto aprendo una loro filiale, sarebbe molto più complicata e costosa. Noi qui siamo il loro avamposto".

Il portfolio clienti di Stylistico al momento include tra gli altri Acynetic, Albino Teodoro, a.t.p.co, Gentry Portofino, Jonofui, Marinella, Onefivezero, Pantofola d’Oro, Paloma Barcelo, Silvano Sassetti, Dice Kayek.

"Il primo lancio di cui ci occuperemo sarà la collezione autunno/inverno 2017-2018 di Acynetic, il nuovo marchio di Adriano Goldschmied e Marco Doro", racconta Kiefer.

Goldschmied, triestino ribattezzato "il padrino del denim" (Diesel, Replay), ha disegnato "una collezione che si ispira agli anni ‘80 e ‘90 e introduce una nuova idea di denim: capi che sembrano jeans ma vestono con una comodità che, posso dirlo?, è un regalo meraviglioso che Adriano fa a tutte le donne", ci dice Lauren. "Per questo lancio siamo emozionatissimi".

Ci mostra poi il maglione che indossa, e prosegue: "È un capo di cachemire di Gentry Portofino, quando ho scoperto questo marchio me ne sono innamorata. Trovare una qualità di questo tipo a un prezzo accessibile mi è sembrato un miracolo. Il mercato americano può impazzire per un prodotto del genere".

Prima di salutarci, Melegari e Kiefer ci fanno fare un piccolo tour dello showroom, che è uno spazio a tinte chiare e luminoso affacciato sui palazzi della 18esima strada a Manhattan. Ci sono capi appesi ovunque, e ovunque c’è colore: qualcosa di rosa, nero, rosso, cammello, azzurro. Colore, e tessuti che viene voglia di toccare: il cachemire di Gentry Portofino, le cravatte dello storico cravattificio napoletano Marinella che per la prima volta arriva negli Stati Uniti, i modelli di Pantofola d’Oro ("Quand’ero ragazzo, chiunque giocasse a calcio sapeva che le ‘Pantofola’ erano scarpe di un altro livello, le migliori in circolazione"), gli abiti da sera divertenti di Dice Kayek, casa di moda con sede a Parigi fondata da due giovani sorelle turche.

Il punto cruciale per Stylistico è proprio questo: la cura nella scelta di ogni prodotto, e poi nello sviluppo specifico di ogni collezione affinché questa possa incontrare il gusto del mercato americano. "Avendo vissuto per molto tempo dall’altra parte, facendo la buyer per dieci anni e poi la divisional per cinque, mi sono resa conto che mancava davvero una cosa del genere. La mia sfida quando lavoravo per Bergdorf Goodman era questa: magari trovavo un marchio nuovo che mi piaceva tantissimo, però poi non potevo fidarmi, perché i tempi delle consegne spesso non venivano rispettati e magari dovevo cancellare l’ordine", ci racconta Kiefer. "Io cercavo e volevo un contatto per i miei buyer che si trovasse in America e fosse quindi facilmente accessibile, ma che al contempo rispondesse e capisse le nostre domande", prosegue. "Trovare un prodotto speciale e non avere modo di comprarlo o di essere sicuri che arrivi in tempo è una grande occasione persa per i marchi, ed è una cosa che ho vissuto tante volte proprio perché non esisteva una realtà che facesse da ponte".

E Stylistico vuole presentarsi proprio così: un ponte tra l’Europa e l’America, e un luogo che è insieme porto e nave. Porto per accogliere i marchi che arrivano dall’Europa e a Stylistico si affidano, e nave per portarli nel mare americano. Tre cose in un posto solo, che accoglie e protegge la sapienza artigianale europea che arriva dall’altro lato dell’Atlantico e insieme la proietta sul mercato statunitense. "Io sono cresciuta a Bergdorf Goodman, che è il top. Per andare via da quella che per tanti anni ho considerato casa mia, doveva valerne davvero la pena", ci dice Kiefer. "Quando Guglielmo e Marcello mi hanno parlato di questo progetto mi sono detta: ecco, per questa cosa sì, ne vale la pena".

Modello "Rosi Loren", collezione Acynetic A/I 2017-2018 (per gentile concessione di Stylistico)
Modello "Flora Stella", collezione Acynetic A/I 2017-2018 (per gentile concessione di Stylistico)
Altri Servizi

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Wall Street, il Dow Jones ha rialzato la testa dopo otto cali consecutivi

Oggi in programma il numero di compromessi sulle case esistenti per il mese di febbraio
AP

Wall Street, il Dow Jones prova a ripartire dopo otto cali consecutivi

Serie peggiore dal 2011. Oggi atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Trump, oggi l'ordine esecutivo sul clima per 'cancellare' Obama

La firma del presidente avverrà alle 20 (ora italiana); per la Casa Bianca, ci sarà attenzione per l'ambiente e per i posti di lavoro

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, firmerà oggi un ordine esecutivo per cancellare una parte importante delle politiche ambientali del predecessore, Barack Obama, e dare impulso alla produzione di energia. Trump sarà alla Environmental Protection Agency (Epa), l'agenzia federale che si occupa di ambiente, dove alle 14 (le 20 in Italia) firmerà l'Energy Independence Executive Order.

Salini Impregilo stringe dialogo Usa sulle note di Toscanini

Divisione americana Lane promuove tre concerti esclusivi a Washington e New York

Un tributo musicale al genio cosmopolita del maestro Arturo Toscanini per stringere un dialogo oltreoceano in un anno cruciale per i rapporti economici tra Stati Uniti e Italia: è questo il senso dei tre concerti esclusivi promossi a Washington e New York dal gruppo di costruzioni Salini Impregilo e dalla sua divisione americana Lane Construction Corporation. Nel 150esimo aniversario della nascita e a 60 anni dalla morte di Toscanini, lo spirito del leggendario direttore d’orchestra che nel secolo scorso sfidò i totalitarismi europei e trovò libertà negli Stati Uniti ha echeggiato lunedì sera tra i marmi cesellati e i mosaici policromi della Library of Congress sulle note di Verdi e Rossini interpretate magistralmente dall’Orchestra da Camera del Teatro La Scala. Stasera, sempre nella capitale americana, si replica per il grande pubblico alla Union Station alle 18 e domani, mercoledì 29 Marzo, il tour musicale, accompagnato dalla presentazione del libro “Toscanini – The Maestro: A Life in Pictures” e dalla proiezione della video biografia firmata da Harvey Sachs si conclude alla libreria Rizzoli di New York, sempre alle 18.

Elon Musk studia come impiantare microchip nel cervello

Il fondatore di Tesla e SpaceX presto potrebbe presentare Neuralink, un progetto per aumentare le capacità cognitive dell'umanità
AP

Prima ha cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal. Poi ha puntato sulle auto elettriche e sul settore aerospaziale con Tesla e SpaceX. Adesso Elon Musk sa che nei prossimi anni l'intelligenza artificiale e l'interazione uomo-macchina diventeranno sempre più centrali. Per questo sta per presentare Neuralink, una società che studia il modo per impiantare microchip nel cervello, grazie ai quali, in futuro, saremo in grado di inserire dati o di scaricare pensieri dal nostro cervello. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti anonime.

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

La California si prepara alla "guerra ambientale" contro Trump

Lo Stato ha norme all'avanguardia in difesa del clima, prese da esempio da Obama; ma il piano è stato smantellato dal nuovo presidente
AP

Il piano in difesa dell'ambiente voluto da Barack Obama era in parte ispirato alle leggi californiane, le più all'avanguardia negli Stati Uniti. Non sorprende, quindi, che la California abbia reagito all'ordine esecutivo del presidente Donald Trump annunciando una "guerra ecologica".

Trump: stop alla "guerra al carbone". E smantella leggi sul clima di Obama

Nuovo attacco all'eredità del precedessore, autore dell'atto più importante di un presidente americano per fermare i cambiamenti climatici e il surriscaldamento del pianeta

Con la promessa di "mettere fine alla guerra al carbone", Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo con il quale smantella le regole volute dal suo predecessore Barack Obama. Dalla sede a Washington dell'Energia per la protezione ambientale, il presidente americano tira dritto con la sua volontà di ottenere l'indipendenza energetica degli Stati Uniti e di rilanciare l'occupazione nelle miniere, obiettivi che secondo alcuni osservatori non saranno facilmente raggiungibili.

Internet, il Senato Usa approva l'abrogazione delle norme di Obama a difesa della privacy

I provider non dovranno chiedere il permesso agli utenti per usare i loro dati. Prossimo obiettivo dei repubblicani: colpire la 'net neutrality'
Dell

Il Senato statunitense ha deciso di cancellare le norme a difesa della privacy degli utenti sul web volute dell'amministrazione Obama, che sarebbero entrate in vigore alla fine dell'anno. La misura approvata con 50 voti a favore e 48 contrari prevede l'abolizione delle regole sulla privacy online che avrebbero obbligato i provider di internet a chiedere il consenso agli utenti prima di poter condividerne i loro dati finanziari, la cronologia di navigazione e le informazioni personali; senza la legge di Obama, provider come Verizon, Comcast e AT&T avranno più potere per raccogliere dati personali sugli utenti e venderli alle società interessate.