Stylistico: non il solito showroom, ma un ponte tra l'Europa e l'America

Guglielmo Melegari (ex Max Mara, Pomellato), Marcello Abrate (ex Benetton Nord America) e Lauren Kiefer (ex Bergdorf Goodman): le tre teste della moda europea negli Usa

Se New York è "un ponte teso tra la vecchia Europa e l'allucinante mistero che chiamano America", allora non c'è sulla terra un posto migliore per creare una realtà che sia allo stesso tempo custode della sapienza europea in fatto di moda e nave lanciata nel mare gigante del suo mercato.

Questa realtà esiste da inizio febbraio, si chiama Stylistico ed è un luogo che va oltre il concetto di showroom: nasce infatti con l'obiettivo di fungere da vero e proprio quartier generale americano per molti marchi italiani ed europei. A pensarlo, volerlo e metterlo in piedi sono state tre menti (due delle quali italiane) che con la moda, l’Europa e l’America hanno a che fare da sempre: Guglielmo Melegari, ex amministratore delegato negli Usa di Max Mara prima e di Pomellato poi, Marcello Abrate, ex amministratore delegato di Benetton Nord America, e Lauren Kiefer, americana delle Hawaii, che per questa nuova avventura ha lasciato il grande magazzino di lusso Bergdorf Goodman sulla Fifth Avenue a Manhattan, dov’era vice presidente del divisional merchandising management.

 

America24 è andata a trovare Melegari e Kiefer nella sede di Stylistico per farsi raccontare che cosa significa fare da ponti e telescopi della bellezza nell’America del nuovo millennio. Partendo dall’inizio: ovvero chiedendo loro com’è nata l’idea e poi l’avventura.

"In ventun anni negli Stati Uniti (di cui dodici per Max Mara e nove per Pomellato, ndr), ho iniziato a collaborare con gruppi italiani che volevano affacciarsi sul mercato statunitense e ho vissuto in prima persona le problematiche che aziende meno strutturate possono trovarsi ad affrontare", ci ha detto Guglielmo Melegari. "Mi sono reso conto che c’era un’opportunità, una strada inesplorata".

E qui è arrivato quello che poi sarebbe diventato il primo socio della futura Stylistico: "Ho iniziato a parlarne con Marcello Abrate e abbiamo deciso di seguire questa via del tutto nuova". A loro si è infine aggiunta la terza testa: Kiefer. "Con Lauren ci conosciamo da molto tempo, siamo diventati amici tramite mia moglie che è una sua cara amica. Lei è stata per quindici anni a Bergdorf Goodman, dov’era responsabile degli acquisti di tre piani", prosegue Melegari.

Stylistico vuole presentarsi con un modello di business innovativo: "Va al di là del solito showroom", ci spiega Kiefer in un italiano impeccabile, studiato all’università e poi diventato per lei anche uno strumento di lavoro: prima a BG, dove conoscere la lingua le ha permesso di relazionarsi in maniera unica con le grandi firme italiane di cui gestiva gli acquisti, e ora qui. "Il nostro scopo è quello di creare una vera e propria base d’appoggio per le aziende europee che lavorano con noi", ci dice.

"Siamo di fatto la filiale americana delle aziende che rappresentiamo, andando al di là del ruolo tradizionale dell’agente o del distributore", continua Melegari. "Ci sono diversi showroom tradizionali che vendono in maniera tradizionale il prodotto, ci sono società specializzate che lavorano bene sulla gestione del back of the house e quindi fanno tutto ciò che farebbe un ufficio amministrativo di una filiale", ci spiega. “Che io sappia, però, nessuno aveva mai messo insieme le due cose”.

A fare davvero la differenza è l'esperienza maturata sul mercato americano dalle tre menti di Stylistico, coniugata alla conoscenza che tutti loro hanno del mondo europeo. “La sensibilità congiunta Europa-Usa è molto importante. Ci sono tante aziende che magari vorrebbero entrare sul mercato americano e non hanno idea di come fare, o non conoscono abbastanza a fondo questa realtà", ci spiega Melegari. "Serve sì, questo sempre, l’autenticità del lavoro artigianale straordinario in cui sono maestre certe realtà europee, ma non basta: è fondamentale saper creare un dialogo con un mercato che ha esigenze, tempistiche, necessità, sensibilità diverse", prosegue. "La nostra idea è semplice e innovativa: dare l’opportunità a un brand di lavorare in presa diretta negli Stati Uniti con professionalità molto capaci, e al contempo in termini digeribili dal punto di vista economico. Una cosa che, se dovessero trovarsi a farla in modo diretto aprendo una loro filiale, sarebbe molto più complicata e costosa. Noi qui siamo il loro avamposto".

Il portfolio clienti di Stylistico al momento include tra gli altri Acynetic, Albino Teodoro, a.t.p.co, Gentry Portofino, Jonofui, Marinella, Onefivezero, Pantofola d’Oro, Paloma Barcelo, Silvano Sassetti, Dice Kayek.

"Il primo lancio di cui ci occuperemo sarà la collezione autunno/inverno 2017-2018 di Acynetic, il nuovo marchio di Adriano Goldschmied e Marco Doro", racconta Kiefer.

Goldschmied, triestino ribattezzato "il padrino del denim" (Diesel, Replay), ha disegnato "una collezione che si ispira agli anni ‘80 e ‘90 e introduce una nuova idea di denim: capi che sembrano jeans ma vestono con una comodità che, posso dirlo?, è un regalo meraviglioso che Adriano fa a tutte le donne", ci dice Lauren. "Per questo lancio siamo emozionatissimi".

Ci mostra poi il maglione che indossa, e prosegue: "È un capo di cachemire di Gentry Portofino, quando ho scoperto questo marchio me ne sono innamorata. Trovare una qualità di questo tipo a un prezzo accessibile mi è sembrato un miracolo. Il mercato americano può impazzire per un prodotto del genere".

Prima di salutarci, Melegari e Kiefer ci fanno fare un piccolo tour dello showroom, che è uno spazio a tinte chiare e luminoso affacciato sui palazzi della 18esima strada a Manhattan. Ci sono capi appesi ovunque, e ovunque c’è colore: qualcosa di rosa, nero, rosso, cammello, azzurro. Colore, e tessuti che viene voglia di toccare: il cachemire di Gentry Portofino, le cravatte dello storico cravattificio napoletano Marinella che per la prima volta arriva negli Stati Uniti, i modelli di Pantofola d’Oro ("Quand’ero ragazzo, chiunque giocasse a calcio sapeva che le ‘Pantofola’ erano scarpe di un altro livello, le migliori in circolazione"), gli abiti da sera divertenti di Dice Kayek, casa di moda con sede a Parigi fondata da due giovani sorelle turche.

Il punto cruciale per Stylistico è proprio questo: la cura nella scelta di ogni prodotto, e poi nello sviluppo specifico di ogni collezione affinché questa possa incontrare il gusto del mercato americano. "Avendo vissuto per molto tempo dall’altra parte, facendo la buyer per dieci anni e poi la divisional per cinque, mi sono resa conto che mancava davvero una cosa del genere. La mia sfida quando lavoravo per Bergdorf Goodman era questa: magari trovavo un marchio nuovo che mi piaceva tantissimo, però poi non potevo fidarmi, perché i tempi delle consegne spesso non venivano rispettati e magari dovevo cancellare l’ordine", ci racconta Kiefer. "Io cercavo e volevo un contatto per i miei buyer che si trovasse in America e fosse quindi facilmente accessibile, ma che al contempo rispondesse e capisse le nostre domande", prosegue. "Trovare un prodotto speciale e non avere modo di comprarlo o di essere sicuri che arrivi in tempo è una grande occasione persa per i marchi, ed è una cosa che ho vissuto tante volte proprio perché non esisteva una realtà che facesse da ponte".

E Stylistico vuole presentarsi proprio così: un ponte tra l’Europa e l’America, e un luogo che è insieme porto e nave. Porto per accogliere i marchi che arrivano dall’Europa e a Stylistico si affidano, e nave per portarli nel mare americano. Tre cose in un posto solo, che accoglie e protegge la sapienza artigianale europea che arriva dall’altro lato dell’Atlantico e insieme la proietta sul mercato statunitense. "Io sono cresciuta a Bergdorf Goodman, che è il top. Per andare via da quella che per tanti anni ho considerato casa mia, doveva valerne davvero la pena", ci dice Kiefer. "Quando Guglielmo e Marcello mi hanno parlato di questo progetto mi sono detta: ecco, per questa cosa sì, ne vale la pena".

Modello "Rosi Loren", collezione Acynetic A/I 2017-2018 (per gentile concessione di Stylistico)
Modello "Flora Stella", collezione Acynetic A/I 2017-2018 (per gentile concessione di Stylistico)
Altri Servizi

OpenGov, startup collegata a Kushner, ha contatti con la Casa Bianca

Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, l'amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.
AP

La startup OpenGov, legata alla famiglia Kushner, ha avuto accesso a una riunione alla Casa Bianca. Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, il suo amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.

Trumpcare, i repubblicani a un voto da un altro fallimento

Il nuovo testo per riformare la sanità, presentato dai senatori, potrebbe essere bocciato prima della discussione in Aula. Il presidente e i leader del partito spingono per l'approvazione
Ap

I repubblicani statunitensi sono a un passo, anzi a un voto, dall'ennesimo fallimento sulla riforma sanitaria che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Un altro 'no' di un senatore del Grand Old Party impedirebbe al nuovo testo presentato ieri di arrivare alla discussione in Aula.

Russiagate: fu Obama a far entrare l'avvocata russa negli Usa

La donna incontrò Donald Trump Jr., che voleva informazioni compromettenti su Clinton

Fu l'amministrazione Obama a garantire l'accesso negli Stati Uniti, senza visto, all'avvocata russa Natalia Veselnitskaya, che nel giugno del 2016 incontrò a New York il figlio dell'attuale presidente, Donald Trump Jr., che si aspettava di ricevere notizie compromettenti su Hillary Clinton. A rivelarlo è The Hill, secondo cui la segretaria alla Giustizia, Loretta Lynch, permise all'avvocata di entrare negli Stati Uniti "in circostanze straordinarie" dopo che la sua richiesta per un visto era stata bocciata.

Un italiano alla guida di Tiffany, Alessandro Bogliolo nuovo Ceo

Ex numero uno di Diesel, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Cambio al vertice di Tiffany & Co, dopo l'uscita di Frederic Cumenal. Il colosso americano dei gioielli di lusso ha scelto l'italiano Alessandro Bogliolo, ex numero uno di Diesel, come nuovo amministratore delegato, incarico che rivestirà dal prossimo 2 ottobre. Come si legge in una nota, Bogliolo, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Black Lives Matter compie 4 anni e cambia volto con Trump

Dall'hashtag alle proteste di strada. Il movimento denuncia le violenze verso gli afroamericani
Ap

Quattro anni fa nasceva Black Lives Matter, movimento di protesta con lo scopo di accrescere la consapevolezza sulle discriminazioni razziali nei confronti della minoranza afroamericana negli Stati Uniti. “Il movimento iniziò come un desiderio politico degli afroamericani” si legge sul sito dell’organizzazione. “Negli anni a venire siamo riusciti a combattere insieme, e immaginare e creare un mondo libero dalle discriminazioni razziali, dove ogni afroamericano ha il potere economico, sociale e politico di crescere in salute”.

I quotidiani americani chiedono al Congresso protezione contro Google e Facebook

La News Media Alliance (NMA) - che rappresenta più di 2.000 quotidiani - vuole chiedere a Capitol Hill di fermare il duopolio nella pubblicità digitale dei due colossi. Controllano il 60% del mercato americano

La News Media Alliance (NMA) - una associazione che rappresenta più di 2.000 quotidiani negli Stati Uniti, tra cui il New York Times e il Washington Post - sta chiedendo al Congresso una concessione alla legge antitrust per poter proteggere i giornali americani da Google e Facebook. Lo scrive il quotidiano online Axios. Il gruppo sostiene che le leggi che impediscono ai media di lavorare insieme per contrattare accordi pubblicitari migliori con le piattaforme internet favoriscano i due colossi, che continuano a controllare il mercato della pubblicità digitale e l'economia dell'informazione.

Giro di vite in vista sull'immigrazione illegale, Trump studia norme più severe

Al vaglio la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione.
Immigration and Customs Enforcement

Nuovo giro di vite in vista negli Stati Uniti sull'immigrazione illegale. L'amministrazione Trump sta valutando la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione di alcuni immigrati senza regolare permesso di soggiorno.

Trump: andiamo avanti a lavorare con la Russia in modo costruttivo

Il presidente americano ritorna a parlare del rapporto con Mosca in una serie di tweet pubblicati domenica mattina. Nell'incontro di venerdì Putin aveva negato l'attacco hacker alle elezioni americane

Il presidente americano Donald Trump ha promesso di voler "andare avanti a lavorare in modo costruttivo con la Russia", compresa la costituzione di una "unità di sicurezza informatica" tra i due Paesi, dopo che il presidente russo Vladimir Putin, nel corso del faccia a faccia di venerdì, "ha profondamente negato" qualsiasi coinvolgimento nell'attacco hacker della Russia nelle elezioni statunitensi del 2016.

In Nevada sono già rimasti senza marijuana legale

La cannabis è in vendita dal primo luglio a scopo ricreativo, ma la domanda supera la produzione
AP

L’aumento della domanda di cannabis in Nevada, diventata legale nello stato a novembre grazie al referendum ma in vendita solo dal primo luglio, ha svuotato gli scaffali dei dispensari e costretto i politici locali ad agire d’urgenza. Il governatore repubblicano dello stato, Brian Sandoval, ha attivato misure d’emergenza la scorsa settimana per aumentare la quantità di prodotto nello stato. Tra mercoledì e giovedì, i legislatori hanno annunciato che avrebbero concesso nuove licenze per la distribuzione della cannabis.

Mercati finanziari più ottimisti, ma la fiducia non si traduce in una crescita reale

L'atteso "Trump bump" tarda ad arrivare e, secondo almeno una parte degli analisti, non ci sarà. La discrepanza tra rally di Wall Street e dati macro è sottolineata dalle indicazioni recenti.
AP