Super Bowl, l'America segue l'evento sportivo dell'anno

Domenica 2 febbraio 110 milioni di americani seguiranno l'evento in televisione, le aziende pagano 4,5 milioni di dollari per uno spot

Domenica 2 febbraio saranno più di 110 milioni i telespettatori che si raduneranno nei bar o nei salotti di casa, mangiando ali di pollo fritte, nachos e guacamole. Bevendo Coca-Cola e birra light, parteciparanno all'evento sportivo dell'anno negli Stato Uniti, il Super Bpowl. Guarderanno battersi fino all'ultimo colpo (è proprio il caso di dirlo viste le dinamiche violente del gioco) i Denver Broncos e i Seattle Seahawks, nell'arena del MetLife Stadium del New Jersey. Ma alla maggior parte di loro quello che importa non sarà il risultato - le due squadre non sono certo note per la loro tifoseria - quanto il grandioso spettacolo di spot e intermezzi musicali che fa da cornice. Tanto che le aziende sono disposte a spendere fino a 4,5 milioni di dollari per mandare in onda un messaggio promozionale da 30 secondi.

Per il terzo anno di fila saranno protagonisti i motori: almeno sette marchi di automobili sono in gara per conquistare il pubblico. A partire con un certo vantaggio potrebbe essere la neonata Fiat Chrysler Automobiles che ha già annunciato il lancio di ben tre spot. Molto attesi, tra anticipazioni e polemiche, anche gli spot di Soda Stream - il produttore israeliano di bottiglie e apparecchi per realizzare bibite gasate che ha scelto Scarlett Johansson come testimonial - e di Bud Light che è riuscita a far indossare ad Arnold Schwarzenegger parrucca bionda e tenuta da ping pong. Protagonista dell'intermezzo musicale - dopo Beyoncè lo scorso anno e Madonna nel 2012 - sarà la giovane star del pop Bruno Mars, già vincitore di un premio Grammy per il suo album "Unorthodox Jukebox".

Mentre i banconi dei pub e i divani di casa saranno senza dubbio affollati, al MetLife Stadium quest'anno potrebbero rimanere delle sedie vuote. Anche se la National Football League ha stimato un indotto di 600 milioni di dollari per la regione, il prezzo dei biglietti per lo spettacolo sta calando. Le previsioni di freddo pungente per la giornata della partita, con temperature previste intorno ai 4 gradi centigradi, e lo scarso interesse per le due squadre finaliste, sembra stiano scoraggiando il pubblico, tanto che nei tre giorni prima dell'evento il costo dei biglietti è sceso del 10%.

Un trend negativo che dura da quanto i Seattle Seahawks e i Denver Broncos hanno confermato la loro partecipazione al Super Bowl, due settimane fa: dal 19 gennaio scorso (giorno delle finali di playoff) sono scesi complessivamente de 38%. Questo Super Bowl è anche il primo che si terrà all’aperto in un’area geografica dal clima così freddo. Elemento che non ha certo influito poco, se si tiene conto che una breve impennata dei prezzi, seguita da un nuovo declino, si è registrata proprio giovedì dopo una notizia di miglioramento del meteo. Certo questa tendenza potrebbe cambiare poco prima del calcio d'inizio, ma c’è ormai poco tempo. Ieri il biglietto più economico venduto sul mercato secondario è stato offerto a 1.247 dollari.

Tra le location più esclusive per godersi lo spettacolo, quest'anno c'è anche Times Square. Il cuore luminoso di Manhattan è stato chiuso al traffico e si è trasformato già dagli scorsi giorni in un parco tematico del Super Bowl, con tanto di scivolo a 8 corsie, lungo 55 metri e alto 18 metri. In un tendone tra la 41esima e la 42esima strada sarà inoltre esposto al pubblico il Vince Lombardi Trophy, il trofeo con la palla ovale del campionato di football, mentre La facciata di Macy's su Herald Square - tra la 34esima e la 35esima strada - sarà trasformata in uno schermo gigante per la proiezione dei video della National Football League.