Super Bowl, vincono i Patriots: Brady nella storia. Lady Gaga arriva dal cielo e accende lo stadio

I New England Patriots battono gli Atlanta Falcons 34-28. Per la prima volta la partita si decide dopo i tempi regolamentari. Brady primo quarterback a vincere 5 volte il titolo. Lady Gaga usa centinaia di droni per creare una bandiera americana di luci

Il Super Bowl 51, ovvero la finale del campionato di football americano che quest'anno vedeva gli Atlanta Falcons contro i New England Patriots, ha chiuso i tempi regolamentari in parità: 28-28. Non era mai successo. Per questo si è andati ai supplementari per la prima volta nella storia dell'evento: alla fine hanno vinto i Patriots 34-28, dopo una rimonta straordinaria che li ha portati prima a riagganciare Atlanta, inizialmente in vantaggio di 25 punti, e poi a strappare una clamorosa vittoria. Per Tom Brady è stata una serata due volte storica: è il primo quarterback ad avere vinto cinque titoli.

La monetina per decidere chi inizia la parta è stata lanciata dal presidente George H. W. Bush, in campo insieme alla moglie Barbara. Solo poche settimane fa il presidente, 92 anni, era stato ricoverato per una polmonite.

Lo show di Lady Gaga. Ma la vera attrazione, come sempre, è stato lo show di metà partita che quest'anno ha visto Lady Gaga intrattenere i milioni di spettatori. Chi si aspettava una performace politica con forti prese di posizione contro il presidente Donald Trump è stato deluso. Quello che si è visto nei 15 minuti di break è stato uno spettacolo di pura energia, in cui la cantante ha riproposto i suoi successi.

Lo spettacolo è iniziato con un medley di canzoni patriottiche cantate dalla cima del tetto del NRG Stadium di Houston, Texas, e dopo il tuffo nello stadio - con l'aiuto di un sistema di cavi - Lady Gaga ha cantato i suoi successi. Sul palco con lei solo ballerini e un incredibile spettacolo pirotecnico. Gli unici riferimenti politici, molto velati, sono arrivati dai suoi pezzi tra cui "Born This Way", nel corso della quale ha ringraziato i suoi genitori, il padre ha origini siciliane, la madre franco-canadesi.

Da sottolineare anche la bandiera americana creata dalle luci di centinaia di droni sospesi nel cielo sopra lo stadio. Lady Gaga ha indossato un corpetto di perline argento disegnato da Donatella Versace che era presente nello stadio. L'unica celebrity intervenuta nel corso dello show di Lady Gaga è stata Rihanna, che si trovava tra i pubblico ed è stata abbracciata dalla cantante. Nei giorni scorsi in molti aveano sostenuto che anche Beyonce avrebbe potuto partecipare allo spettacolo.

Le pubblicità. Come sempre, oltre alla partita, agli snack e alle birre, l'evento è seguitissimo anche per le pubblicità. E quest'anno molti degli spot hanno puntato sulla diversità, definendola il punto di forza degli Stati Uniti. Un messaggio abbastanza chiaro diretto all'amministrazione Trump che ha cercato di porre un freno all'immigrazione

Coca Cola. Prima dell'inizio dello scontro, lo spot di Coca Cola, uno dei più riconoscibili di sempre, si è focalizzato sulle differenze che non dividono ma danno forza all'America. Si intitola Together is Beautiful e mostra immagini di persone di diverse razze e religioni insieme. 

Airbnb ha comprato uno spazio all'ultimo minuto: "Crediamo che non importa chi sei, da dove vieni, chi ami, o che adori, noi tutti apparteniamo. Il mondo è più bello, più si accetta ". L'hashtag alla fine, #WeAccept,  è diventato uno dei più condivisi.

Fox ed Nfl sostengono di aver cercato di evitare ogni scontro e ogni argomento legato alle divisioni politiche. Tuttavia sui social è stato molto criticato lo spot di Budweiser, che ha messo in luce le origini tedesche di uno dei fondatori del marchio di birra più importante d'America. L'hashtag #BoycottBudweiser è stato tra i principali Trending Topics della serata.

Qui invece le dieci pubblicità più amate del 2017.

AP
AP
Altri Servizi

Come aprire una filiale italiana negli Stati Uniti

Una nuova rubrica per parlare delle opportunità per gli imprenditori italiani di investire in America
Il luna park di Coney Island a New York è stato realizzato dalla società vicentina Antonio Zamperla S.p.A. AP

I rapporti commerciali ed economici sono un pilastro fondamentale nelle relazioni tra Stati Uniti e Italia. In questa nuova rubrica, How to do Business in the US, ci occuperemo di descrivere le varie fasi di apertura di una filiale italiana in territorio americano e parleremo delle enormi opportunità che gli imprenditori italiani possono cogliere decidendo di investire negli Stati Uniti d’America.

Christie’s vende orologio Cartier di Jackie Kennedy

Il valore dell’orologio della vedova del 35esimo presidente americano è stimato tra i 60.000 e i 120.000 dollari. C'è anche un quadro realizzato dall'ex first lady mai visto dal pubblico
Christie's

La casa d’aste Christie’s di New York ha annunciato la vendita di un orologio Cartier in oro 18 carati appartenuto a Jacqueline Kennedy Onassis. L’oggetto, che verrà presentato ai potenziali acquirenti il 21 giugno prossimo, rappresenta il fiore all’occhiello dell’annuale vendita intitolata New York Rare Watches and American Icons e organizzata da Christie’s. Il valore dell’orologio della vedova del 35esimo presidente americano è stimato tra i 60.000 e i 120.000 dollari.

A Los Angeles il terminal per ricchi dove vedere gli altri fare la coda

Costa migliaia di dollari l'anno e permette di saltare le code ed aspettare il proprio volo tra massaggi e calici di vino. C'è chi parla di discriminazione, ma i vertici dell'aeroporto: ci farà guadagnare milioni di dollari

La bellezza e l'esclusività del nuovo terminal del Los Angeles international airport, non sta nelle camere da letto lussuose e nemmeno nel vino della Napa Valley, servito senza sosta. E neppure nella privacy e nelle molteplici sale per massaggi. La grande possibilità che dà ai più ricchi in transito per la città californiana è quella di guardare la gente normale mentre suda, fa code per imbarcarsi nei voli meno costosi degli altri terminal.

News Corp: trimestre in break-even, Trump fa da traino agli abbonati

La versione digitale del Wall Street Journal ha aggiunto 300.000 abbonati. Introiti da pubblicità sono saliti ma su carta stampata restano deboli. Boom dei servizi immobiliari
iStock

Grazie ai suoi servizi immobiliari e a un aumento di 300.000 unità degli abbonati digitali al Wall Street Journal, News Corp ha chiuso in break-even il suo terzo trimestre fiscale contro una perdita di 128 milioni di dollari dello stesso periodo dell'anno precedente. Nei tre mesi al 31 marzo scorso, il gruppo editoriale di Rupert Murdoch ha registrato utili per azione al netto di voci straordinarie pari a 7 centesimi da 4 contro stime per cinque centesimi.

Nuovo test missilistico della Corea del Nord. La Casa Bianca chiede nuove sanzioni

Mentre sembrava che i due Paesi potessero iniziare una fase di dialogo, Pyongyang manda un nuovo segnale. Washington: "Siamo dalla parte dei nostri alleati della Corea del Sud". La Russia sminuisce l'entità del pericolo
AP

Domenica mattina la Corea del Nord ha lanciato un missile balistico, nel primo test da quando il nuovo presidente della Corea del Sud è entrato in carica, aprendo al dialogo con Pyongyang.

Un attacco hacker mondiale ha colpito decine di paesi con un virus rubato all'Nsa

Quasi 100 nazioni tra cui Italia, Regno Unito, Russia, India e Cina, ma arrivano denunce anche dal sud America e dall'Africa
Shutterstock

Un cyber attacco mondiale di proporzioni enormi è stato messo a segno grazie ad un’arma rubata alla National Security Agency (Nsa) americana. Sono infatti oltre 45.000 gli attacchi informatici messi a segno venerdì in quasi 100 Paesi, tra cui Italia, Regno Unito, Spagna, Russia, India, Cina, Ucraina, Taiwan, Egitto ma anche sud America e altri paesi africani.

Casa Bianca infuriata: si è sentita raggirata da foto del Cremlino

Sorrisi smaglianti e strette di mano calorose di Trump con ministro degli Esteri e ambasciatore in Usa della Russia. Washington dice di non essere stata informata da Mosca che le immagini scattate sarebbero circolate in pubblico
AP

La Casa Bianca è su tutte le furie. Con il Cremlino, reo di avere diffuso fotografie di un incontro avvenuto ieri a porte chiuse nello Studio Ovale tra Donald Trump e due funzionari russi. L'errore di comunicazione sembra però, almeno in parte, anche Made in America. Non solo per una mancanza apparente di coordinamento con i colleghi russi ma anche perché nelle immagini incriminate si vede un Trump con sorriso smagliante e che stringe calorosamente le mani di Sergei Lavrov e Sergei Kislyak, rispettivamente il ministro degli esteri e l'ambasciatore in Usa della Russia.

Pyongyang apre agli Usa: "pronti a dialogare alle giuste condizioni"

Lo ha detto Choe Son-hui, direttore generale dell'Ufficio sui rapporti con gli Usa del ministero degli Esteri di Pyongyang

La Corea del Nord apre agli Stati Uniti definendosi pronta ad avere colloqui con l’amministrazione di Donald Trump ma solo "alle giuste condizioni". A riportarlo è l’agenzia di stampa sudcoreana, Yonhap, che ha seguito Choe Son-Hui, direttore della divisione "America del Nord" del ministero degli Esteri di Pyongyang, nel suo viaggio da Oslo a Pechino.

Trump chiede all'ex direttore dell'Fbi di starsene zitto

Il presidente Usa insinua che ci siano registrazioni delle loro conversazioni, da usare contro James Comey. Il presidente ipotizza anche la cancellazione di tutte le conferenze stampa alla Casa Bianca

Donald Trump ha lanciato un avvertimento a James Comey e un altro alla stampa. A colpi di tweet. In un semplice 'cinguettio' il presidente americano ha fatto capire all'ex direttore dell'Fbi che farebbe bene a non diffondere alla stampa informazioni negative su di lui, insinuando che ci potrebbero essere delle registrazioni segrete delle conversazioni tra i due utilizzabili da Trump per screditare Comey. In un altro tweet, l'inquilino della Casa Bianca ha minacciato di cancellare le conferenze che ogni giorno si svolgono al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington.

Macy's: i conti deludono, continua a soffrire debolezza settore retail

Nei punti vendita aperti da almeno un anno le vendite sono scese per il nono trimestre di fila e più delle attese degli analisti
Macy's

I grandi magazzini Macy's continuano a soffrire la debolezza che ormai da tempo caratterizza il settore retail, colpa non solo del cambiamento delle abitutidi di consumo (gli acquisti online stanno prendendo sempre più piede) ma anche di un dollaro forte che riduce il potere d'acquisto dei turisti. Il titolo è arrivato a perdere nel pre-mercato il 12% all'indomani di una seduta finita a quota 29,34 dollari.