Super Bowl, vincono i Patriots: Brady nella storia. Lady Gaga arriva dal cielo e accende lo stadio

I New England Patriots battono gli Atlanta Falcons 34-28. Per la prima volta la partita si decide dopo i tempi regolamentari. Brady primo quarterback a vincere 5 volte il titolo. Lady Gaga usa centinaia di droni per creare una bandiera americana di luci

Il Super Bowl 51, ovvero la finale del campionato di football americano che quest'anno vedeva gli Atlanta Falcons contro i New England Patriots, ha chiuso i tempi regolamentari in parità: 28-28. Non era mai successo. Per questo si è andati ai supplementari per la prima volta nella storia dell'evento: alla fine hanno vinto i Patriots 34-28, dopo una rimonta straordinaria che li ha portati prima a riagganciare Atlanta, inizialmente in vantaggio di 25 punti, e poi a strappare una clamorosa vittoria. Per Tom Brady è stata una serata due volte storica: è il primo quarterback ad avere vinto cinque titoli.

La monetina per decidere chi inizia la parta è stata lanciata dal presidente George H. W. Bush, in campo insieme alla moglie Barbara. Solo poche settimane fa il presidente, 92 anni, era stato ricoverato per una polmonite.

Lo show di Lady Gaga. Ma la vera attrazione, come sempre, è stato lo show di metà partita che quest'anno ha visto Lady Gaga intrattenere i milioni di spettatori. Chi si aspettava una performace politica con forti prese di posizione contro il presidente Donald Trump è stato deluso. Quello che si è visto nei 15 minuti di break è stato uno spettacolo di pura energia, in cui la cantante ha riproposto i suoi successi.

Lo spettacolo è iniziato con un medley di canzoni patriottiche cantate dalla cima del tetto del NRG Stadium di Houston, Texas, e dopo il tuffo nello stadio - con l'aiuto di un sistema di cavi - Lady Gaga ha cantato i suoi successi. Sul palco con lei solo ballerini e un incredibile spettacolo pirotecnico. Gli unici riferimenti politici, molto velati, sono arrivati dai suoi pezzi tra cui "Born This Way", nel corso della quale ha ringraziato i suoi genitori, il padre ha origini siciliane, la madre franco-canadesi.

Da sottolineare anche la bandiera americana creata dalle luci di centinaia di droni sospesi nel cielo sopra lo stadio. Lady Gaga ha indossato un corpetto di perline argento disegnato da Donatella Versace che era presente nello stadio. L'unica celebrity intervenuta nel corso dello show di Lady Gaga è stata Rihanna, che si trovava tra i pubblico ed è stata abbracciata dalla cantante. Nei giorni scorsi in molti aveano sostenuto che anche Beyonce avrebbe potuto partecipare allo spettacolo.

Le pubblicità. Come sempre, oltre alla partita, agli snack e alle birre, l'evento è seguitissimo anche per le pubblicità. E quest'anno molti degli spot hanno puntato sulla diversità, definendola il punto di forza degli Stati Uniti. Un messaggio abbastanza chiaro diretto all'amministrazione Trump che ha cercato di porre un freno all'immigrazione

Coca Cola. Prima dell'inizio dello scontro, lo spot di Coca Cola, uno dei più riconoscibili di sempre, si è focalizzato sulle differenze che non dividono ma danno forza all'America. Si intitola Together is Beautiful e mostra immagini di persone di diverse razze e religioni insieme. 

Airbnb ha comprato uno spazio all'ultimo minuto: "Crediamo che non importa chi sei, da dove vieni, chi ami, o che adori, noi tutti apparteniamo. Il mondo è più bello, più si accetta ". L'hashtag alla fine, #WeAccept,  è diventato uno dei più condivisi.

Fox ed Nfl sostengono di aver cercato di evitare ogni scontro e ogni argomento legato alle divisioni politiche. Tuttavia sui social è stato molto criticato lo spot di Budweiser, che ha messo in luce le origini tedesche di uno dei fondatori del marchio di birra più importante d'America. L'hashtag #BoycottBudweiser è stato tra i principali Trending Topics della serata.

Qui invece le dieci pubblicità più amate del 2017.

AP
AP
Altri Servizi

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock

Come funziona la riforma delle prigioni che Trump promette di approvare?

Migliorerà le condizioni dei detenuti, dovrebbe liberare 4.000 carcerati federali, ma per il Senato non risolve il problema, visto che non diminuisce le pene per i reati minori

Cuba: cade un aereo, oltre 100 morti. Solo tre sopravvissuti

A bordo quasi solo turisti e una donna naturalizzata italiana. Negli anni '90 la compagnia aerea Cubana de Aviacion è stata coinvolta in diversi incidenti con decine di morti