Tagli al budget Onu, Usa se ne vantano promettendone altri

A24

Gli Stati Uniti si vantano di avere avuto un ruolo determinante nel decidere il budget delle Nazioni Uniti per l'anno 2018-2019, significativamente ridotto. Quando domenica 24 dicembre i membri del Palazzo di vetro hanno raggiunto un accordo su un budget da 5,4 miliardi di dollari, l'ambasciatrice Usa all'Onu ha diffuso un comunicato in cui ha enfatizzato il ruolo degli Usa - il principale finanziatore dell'organizzazione - nell'ottenere oltre 285 milioni di dollari di tagli dal budget per il biennio che sta per concludersi. E ha fatto intendere che altri risparmi sono all'orizzonte.

Nikki Haley ha spiegato che "l'inefficienza e l'eccesso di spese" da parte dell'Onu sono cosa nota e che per questo "non permetteremo più che si approfitti della generosità del popolo americano". In negoziati futuri "potete essere certi che continueremo a cercare modi per aumentare l'efficienza dell'Onu proteggendo allo stesso tempo i nostri interessi".

Non è stata la prima volta che Haley ha fatto capire di volere fare leva sulla posizione finanziaria degli Usa per ottenere quello che vuole dentro il Palazzo di vetro. Quando assunse il suo attuale ruolo lo scorso gennaio, l'ex governatrice della South Carolina avvertì: "Vedrete cambiare il modo in cui si fanno le cose". Anche il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, vorrebbe rendere più efficiente l'organizzazione di cui è alla guida ma le parole in arrivo ripetutamente dall'amministrazione Trump suonano come una minaccia.

Nella sola settimana precedente il Natale, in varie occasioni l'amministrazione Trump ha legato il sostegno finanziario dell'Onu alle pretese degli Stati Uniti. Il presidente americano Donald Trump e Haley andarono su tutte le furie quando tutti i membri del consiglio di sicurezza Onu (Usa esclusi) hanno votato contro il riconoscimento da parte degli Usa di Gerusalemme come capitale d'Israele. Trump ha poi minacciato l'assemblea generale dell'Onu, che a sua volta si è schierata contro la mossa controversa che rende ancora più complicato il raggiungimento di un accordo di pace israelo-palestinese: "Lasciate che votino contro di noi. Risparmieremo un sacco". Quando 128 Paesi sui 193 facenti parte delle Nazioni Unite hanno votato a favore di una risoluzione che boccia simbolicamente la decisione degli Stati Uniti su Gerusalemme, Haley ha tuonato: "Ricorderemo questo voto", facendo capire di avere preso nota dei Paesi che si erano schierati contro gli Usa (come a dire che non riceveranno aiuti).

In base a una formula legata a diversi fattori tra cui la dimensione dell'economia di un Paese, gli Usa sono responsabili del 22% del budget operativo dell'Onu. Ciò rende l'America il finanziatore numero uno. Per il 2016-2017 Washington ha versato 1,2 miliardi di dollari su 5,4 miliardi totali. I contribuenti americani sono il principale finanziatore di un budget separato delle Nazione Unite destinato alle operazioni di peacekeeping e che nel suo complesso vale 6,8 miliardi per il 2017-18; il 28,5% del totale arriva dagli Usa.

Stando alla missione Usa all'Onu, i tagli al budget includono risparmi nelle spese per i viaggi e per consulenti. Sono previste anche limitazioni ai compensi e una ottimizzazione dell'uso del quartier generale del Palazzo di Vetro per ridurre gli spazi in affitto.

Citato dal New York Times, Human Rights Watch ha spiegato che non c'è nulla di sbagliato nell'aumentare l'efficienza ed eliminare gli sprechi all'Onu. L'importante è che non venga limitata la capacità dell'organizzazione creata dopo la Seconda guerra mondiale di salvare vite e di monitorare, indagare e gettare luce sugli abusi di diritti umani.

Altri Servizi

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

La minaccia velata di Riad: usare di nuovo il petrolio come arma politica

Tagliare la produzione per fare schizzare i prezzi del barile. E' questa la mossa temuta dagli investitori da parte dell'Arabia Saudita

Il petrolio al Nymex viaggia in modo volatile mentre il mercato si concentra sulle crescenti tensioni tra Usa e Arabia Saudita per via della scomparsa del giornalista saudita Jamal Khashoggi. 

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.