Tagli al budget Onu, Usa se ne vantano promettendone altri

A24

Gli Stati Uniti si vantano di avere avuto un ruolo determinante nel decidere il budget delle Nazioni Uniti per l'anno 2018-2019, significativamente ridotto. Quando domenica 24 dicembre i membri del Palazzo di vetro hanno raggiunto un accordo su un budget da 5,4 miliardi di dollari, l'ambasciatrice Usa all'Onu ha diffuso un comunicato in cui ha enfatizzato il ruolo degli Usa - il principale finanziatore dell'organizzazione - nell'ottenere oltre 285 milioni di dollari di tagli dal budget per il biennio che sta per concludersi. E ha fatto intendere che altri risparmi sono all'orizzonte.

Nikki Haley ha spiegato che "l'inefficienza e l'eccesso di spese" da parte dell'Onu sono cosa nota e che per questo "non permetteremo più che si approfitti della generosità del popolo americano". In negoziati futuri "potete essere certi che continueremo a cercare modi per aumentare l'efficienza dell'Onu proteggendo allo stesso tempo i nostri interessi".

Non è stata la prima volta che Haley ha fatto capire di volere fare leva sulla posizione finanziaria degli Usa per ottenere quello che vuole dentro il Palazzo di vetro. Quando assunse il suo attuale ruolo lo scorso gennaio, l'ex governatrice della South Carolina avvertì: "Vedrete cambiare il modo in cui si fanno le cose". Anche il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, vorrebbe rendere più efficiente l'organizzazione di cui è alla guida ma le parole in arrivo ripetutamente dall'amministrazione Trump suonano come una minaccia.

Nella sola settimana precedente il Natale, in varie occasioni l'amministrazione Trump ha legato il sostegno finanziario dell'Onu alle pretese degli Stati Uniti. Il presidente americano Donald Trump e Haley andarono su tutte le furie quando tutti i membri del consiglio di sicurezza Onu (Usa esclusi) hanno votato contro il riconoscimento da parte degli Usa di Gerusalemme come capitale d'Israele. Trump ha poi minacciato l'assemblea generale dell'Onu, che a sua volta si è schierata contro la mossa controversa che rende ancora più complicato il raggiungimento di un accordo di pace israelo-palestinese: "Lasciate che votino contro di noi. Risparmieremo un sacco". Quando 128 Paesi sui 193 facenti parte delle Nazioni Unite hanno votato a favore di una risoluzione che boccia simbolicamente la decisione degli Stati Uniti su Gerusalemme, Haley ha tuonato: "Ricorderemo questo voto", facendo capire di avere preso nota dei Paesi che si erano schierati contro gli Usa (come a dire che non riceveranno aiuti).

In base a una formula legata a diversi fattori tra cui la dimensione dell'economia di un Paese, gli Usa sono responsabili del 22% del budget operativo dell'Onu. Ciò rende l'America il finanziatore numero uno. Per il 2016-2017 Washington ha versato 1,2 miliardi di dollari su 5,4 miliardi totali. I contribuenti americani sono il principale finanziatore di un budget separato delle Nazione Unite destinato alle operazioni di peacekeeping e che nel suo complesso vale 6,8 miliardi per il 2017-18; il 28,5% del totale arriva dagli Usa.

Stando alla missione Usa all'Onu, i tagli al budget includono risparmi nelle spese per i viaggi e per consulenti. Sono previste anche limitazioni ai compensi e una ottimizzazione dell'uso del quartier generale del Palazzo di Vetro per ridurre gli spazi in affitto.

Citato dal New York Times, Human Rights Watch ha spiegato che non c'è nulla di sbagliato nell'aumentare l'efficienza ed eliminare gli sprechi all'Onu. L'importante è che non venga limitata la capacità dell'organizzazione creata dopo la Seconda guerra mondiale di salvare vite e di monitorare, indagare e gettare luce sugli abusi di diritti umani.

Altri Servizi

Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

L'amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, ha deciso di donare 33 milioni di dollari in mille borse di studio destinate ai cosiddetti Dreamers, le persone entrate quando erano bambine negli Stati Uniti e che tutt'ora sono prive di un permesso di soggiorno.

Golden Globe: Oprah Winfrey invoca un "nuovo giorno"

"Tre manifesti a Ebbing, Missouri" vince quattro premi, tanti quanti "Big Little Lies". Guillermo del Toro migliore regista con "La forma dell’acqua". Italiani a bocca asciutta
AP

L'edizione 2018 dei Golden Globe verrà forse ricordata per il suo tono moderato, per nulla entusiasmante e insolitamente piatto. In una Hollywood ancora sconvolta dallo scandalo di molestie sessuali, esploso a ottobre con le accuse di molestie che hanno travolto il produttore Harvey Weinstein e che hanno poi travolto altri pesi massimi del settore, il mondo del cinema si è riunito al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles all'insegna della pacatezza. Persino Seth Meyers, non proprio a suo agio nei panni di presentatore di un evento simile, è stato misurato nelle sue comparse centellinate durante la cerimonia ma il comico ha toccato con la sua tipica ironia da precisione il tema dominante della serata, un tema che grazie a Oprah Winfrey ha raggiunto l'apice dando una maggiore autorevolezza al neo nato "Time's Up", fondo per il sostegno legale a donne che sono state vittime di molestie sul posto di lavoro. L'accessorio politico della serata sono state spille a tema.

"Hawaii sotto attacco missilistico. Cercate riparo". Il falso allarme scatena il caos nelle isole

Le "Hawaii sono sotto attacco missilistico. Cercate riparo immediato. Questa non è un'esercitazione". Questo messaggio è comparso sui cellulari degli americani, facendo immediatamente scattare l'allarme. Era un falso allarme

Banca centrale indonesiana contro bitcoin: rischio per la stabilità del sistema

L'istituto centrale già in passato non aveva riconosciuto le valute digitali come strumento legale di scambio, impedendo di fatto che potessero essere usate come forma di pagamento nel Paese asiatico.

Wsj accusa: 130.000 dollari a pornostar per silenzio su rapporti sessuali con Trump

Uno dei legali del presidente avrebbe predisposto il pagamento a Stephanie Clifford, il cui nome d'arte è Stormy Daniels. Si sarebbero conosciuti nel 2006, quando Trump era già sposato con Melania. La Casa Bianca smentisce.
AP

Trump gode di una salute eccellente (ma fa poco sport)

Lo ha fatto sapere la Casa Bianca, commentando il check up annuale a cui il presidente americano si è sottoposto all'ospedale militare Walter Reed.
AP

Troppi estremisti sui social: Facebook e Google al Senato Usa per spiegare cosa faranno

Nonostante le promesse e gli sforzi degli ultimi anni, sembra infatti che i colossi non riescano a eliminare queste posizioni radicali e radicalizzate dai loro siti.
iStock

Italia, Dbrs avverte: stabilità prossimo governo a rischio, non escluse nuove elezioni

L'agenzia canadese conferma il rating BBB (High) e l'outlook stabile. La ripresa continua. Debito pubblico e Npl ancora alti. Dalla chiamata alle urne del 4 marzo non si aspetta un vincitore. Ipotizza coalizione guidata da M5S

Usa: inflazione rafforzata a fine 2017, Fed verso rialzo tassi a marzo

Il rendimento del Treausry a due anni sopra il 2%, prima volta dal 2008. La banca centrale americana sarà più "falco" che "colomba"?

Trump lascia intatto (per ora) l'accordo sul nucleare, ultimatum ai partner Ue

Il presidente ha mantenuto il congelamento di sanzioni legate alla storica intesa raggiunta nel 2015 da Teheran e le principali potenze mondiali. Bruxelles ha 120 giorni per modificarla. Sanzionato capo magistratura iraniana