Tara Empson, la 33enne americana che vuole fare bere vino italiano a tutto il mondo

E' nata in Usa ma cresciuta a Milano. Succede al padre Niel al vertice della divisione Usa di Empson & Co, esportatore nel mondo di bianchi e rossi del nostro Paese

Americana di nascita. Italiana di fatto. Tara Empson ha sviluppato in Italia la passione di famiglia del vino, una passione con cui intende conquistare "tutti i mercati del mondo entro cinque anni". Come? Succedendo al padre Niel al vertice di Empson Usa, la controllata statunitense di Empson & Company, gruppo esportatore nel mondo di vini italiani da lui fondato nel 1972.

Con il cambio di leadership, lei punta a mantenere viva la tradizione, garantendo continuità al business ma adeguandolo alle forze del mercato odierno "senza vendere l'anima" e all'insegna di quattro linee guida: "Famiglia, integrità, leadership e autenticità".

"Mio padre ha sempre trovato cantine che gli piacevano senza seguire le mode", ha raccontato ad America24. "Andava nei ristoranti e 40 anni fa si innamorava di un vino, prendeva la macchina e si recava a conoscere il produttore". E' dalla figura paterna che lei eredita non solo la gestione di un'azienda nata nel 1991 per stare al passo con la crescente domanda di vino italiano in Usa ma anche un amore per la famiglia e il suo business nato e cresciuto a Milano.

Nel capoluogo lombardo lei, venuta alla luce nel piccolo Stato americano del Rhode Island, si trasferì a quattro anni e mezzo. E il suo fu uno "shock culturale". L'inglese è stata la prima lingua parlata ma l'italiano la prima lingua scritta. "Fui bocciata in terza elementare. Credo di essere stata l'unica ad avere avuto questo onore", ha spiegato sorridendo. "All'inizio è stato veramente difficile ma negli anni l'Italia è diventata la mia casa e simbolo della mia famiglia. Sono sempre stata sola con mamma e papà, che non credevano nelle baby sitter. Andavo dovunque con loro e i produttori che tutt'oggi abbiamo in portafoglio sono per me come dei fratelli. A volte ci si dimentica che tra di noi non c'è solo una relazione di business". A 14 anni ritornò nel suo Stato di origine per frequentare le scuole superiori perché "avevo quasi perso l'inglese" ma là ci restò poco. "Dopo un anno dissi ai miei genitori: 'Riportatemi a casa'". Fu accontentata e da milanese fu presto esposta a un mondo fatto di cantine e di produttori di vino.

"Attribuisco il successo dell'azienda a mio padre, un vero pioniere del vino italiano", ha aggiunto Empson. "Ha creduto nel potenziale dell'Italia e la sua missione è diventata quella di mostrare al mondo che l'Italia è casa di vini eccellenti. 'Il mondo è pieno di buon vino', diceva mio padre, 'ma se vado per quella strada perdo me stesso'. Lui ha voluto essere italiano, identificarsi con l'Italia, sostenere l'italianità, la cultura e la bella vita", ha continuato senza dimenticare il ruolo della madre. Non tanto perché dopo essersi diplomata all'Accademia delle belle arti a Firenze fu lei a spingere per mettere radici nella Penisola ma soprattutto perché era la sua concretezza "a riportare a terra mio padre. Lui lievitava".

Coinvolta nel gruppo dal 2006 e dal 2014 impegnata a gestire la relazione tra clienti fornitori, ora la giovane Empson punta a raggiungere nuovi livelli. Perché "ho molta fame". Come proprietaria e membro del cda di Empson & Co, continuerà a occuparsi di un portafoglio di marchi che comprende il toscano Fuligni, il piemontese Conterno Fantino e il siciliano Pietradolce. E se attualmente sono 28 i Paesi in cui l'azienda esporta vini italiani, lei punta a conquistare letteralmente ogni angolo del mondo coltivando le partnership esistenti e cercandone di nuove. Insomma, Empson vuole rendere globale il gruppo di famiglia facendo anche leva sulla sua giovane età (ha 33 anni).

"A breve i miei genitori compieranno 80 anni. Il mondo del vino sta evolvendo. Bisogna fare dei cambiamenti", ha dichiarato. "Da un lato si vuole raggiungere un numero ma dall'altro è fondamentale anche capire chi si vuole essere. Poi i numeri arrivano. La cifra che ho in mente lo si può raggiungere in 50 anni, per dire, se si lavora in un certo modo o in una settimana se vendi un po' l'anima". Lei non vuole sacrificare l'anima ma vuole "riposizionarsi nell'alta fascia portando onore al nostro cognome".

Il padre Niel ha espresso totale fiducia nella figlia. "Il mercato è cambiato e quindi le sfide sono maggiori oggi di quando avviai Empson nel 1972". Per lui, "la qualità del portafiglio continuerà a giocare un ruolo chiave" così come la "tenacia" della figlia, non sposata, senza figli ma con due cani (Rocco e Lara, di 13 e 10 anni) che con lei vivono a Washington dallo scorso aprile.

Empson ha precisato che il mercato americano "è dominato dal marketing e dalla visibilità e dunque si possono anche investire tanti soldi ma poi il livello raggiunto va mantenuto". Per questo "il nostro lavoro non sta tanto nel posizionamento del prodotto quanto nel suo mantenimento". Tradotto: fare arrivare un vino in un ristorante non è difficile; lo è farlo restare sulla lista dei vini, "che oggi cambia spesso anche alla luce del fatto che i ristoratori, specialmente i più giovani, non vogliono scorte di magazzino".

Come si vince? "Oltre che con la qualità, con il racconto". E mentre punta a "influenzare i taste makers di domani" Empson ha svelato di "restare sveglia la notte per capire come reinventare la ruota". Quella che fa arrivare sempre più vino italiano sulle tavole del mondo.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di dati e trimestrali

Attesi i dati sui sussidi e sulle vendite al dettaglio. Tra i conti, quelli di American Express
AP
AP

Nel primo trimestre del 2019, Netflix ha saputo attrarre un numero record di abbonati paganti ma le previsioni per i tre mesi in corso sono risultate deboli.

De Niro ancora contro Trump: "Abbiamo un aspirante gangster alla Casa Bianca"

L’attore americano ha parlato al The Late Show dove ha nuovamente puntato il dito contro il presidente americano

Continua lo scontro a distanza tra Robert De Niro e Donald Trump. Ospite del The Late Show condotto da Steven Colbert, il leggendario attore newyorchese ha definito il presidente degli Stati Uniti "un aspirante gangster", "un totale perdente" e un "fesso". L’intervista, andata in onda venerdì sera, è stata in realtà registrata martedì, dunque due giorni prima della pubblicazione del rapporto sul Russiagate del procuratore speciale Robert Mueller.

Car2go sospende il servizio a Chicago: troppi furti e frodi

Oltre 100 auto rubate nell’ultima settimana, 21 persone denunciate dalla polizia

Car2Go ha sospeso il suo servizio di car sharing a Chicago dopo aver subito il furto di decine di auto nell’ultima settimana. L’azienda ha annunciato che la sospensione è temporanea e che sta collaborando con la polizia per risolvere la questione. Come riporta il Washington Post, oltre 100 vetture sono state rubate grazie a delle iscrizioni fasulle all’app di Car2Go, fatte utilizzando carte di identità falsi associate a carte di credito rubate.

La rivista Time: Salvini tra le 100 persone più influenti al mondo

Presenti altri due italiani: lo chef Massimo Bottura e il direttore creativo della maison Valentino, Pierpaolo Piccioli. Per le sei copertine, scelti Taylor Swift, Dwayne Johnson, Sandra Oh, Nancy Pelosi, Gayle King e Mohamed Salah
AP

La cantante Taylor Swift, l'attore e wrestler Dwayne Johnson, l'attrice Sandra Oh, la speaker della Camera statunitense Nancy Pelosi, la giornalista Gayle King e il calciatore egiziano del Liverpool Mohamed Salah sono le persone scelte dalla rivista statunitense Time per le sei copertine del numero dedicato alle cento persone più influenti al mondo. La lista, stilata annualmente, comprende tre italiani: il vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, inserito tra i 26 leader più influenti al mondo; lo chef Massimo Bottura, inserito tra i pionieri, e Pierpaolo Piccioli, direttore creativo della maison Valentino, tra le icone.

Columbine, 20 anni fa la strage del liceo di Littleton

Gli Stati Uniti ricordano le vittime mentre i Dem chiedono leggi per il controllo sulle armi

Sono passati 20 anni dalla strage di Columbine, ancora oggi ricordata come uno dei più sanguinosi massacri mai avvenuti in una scuola degli Stati Uniti. Era infatti il 20 aprile 1999 quando Eric Harris, 18 anni, e Dylan Klebold, 17 anni, entrarono nel loro liceo di Littleton - piccolo sobborgo di Denver, in Colorado - armati di pistole, fucili e bombe artigianali, e aprirono il fuoco contro i loro compagni e professori. In 23 minuti uccisero 12 studenti e un insegnante ferendo 24 persone. Poi si tolsero la vita.

Trump deride ex membri del suo staff: dichiarazioni a Mueller sono "totali stronzate"

Il presidente attacca coloro che alla fine lo hanno salvato dall'accusa di ostruzione alla giustizia (ignorando i suoi ordini). Commissione Giustizia alla Camera Usa vuole rapporto Mueller completo entro l'1 maggio
Ap

All'indomani della pubblicazione del rapporto con cui, dopo 22 mesi, il procuratore speciale Robert Mueller ha messo fine al suo lavoro di inchiesta sul cosiddetto Russiagate, Donald Trump è tornato alla carica. Dopo avere festeggiato per non essere stato accusato di collusione con Mosca e di ostruzione alla giustizia, il 45esimo presidente americano ha definito "pazzo" il rapporto stesso e "totali stronzate" alcune dichiarazioni fornite a Mueller da vari testimoni.

Apple e Qualcomm mettono fine alla guerra sulle royalties: c'è accordo

Il titolo del produttore di microprocessori scatta al rialzo: il produttore dell'iPhone verserà denaro. Siglata intesa di licenza di sei anni

E' finita con un patteggiamento la sfida legale da 30 miliardi di dollari tra Apple e Qualcomm. All'indomani dell'inizio di un processo che sarebbe dovuto durare quattro settimane in un tribunale di San Diego (California), le due aziende hanno trovato un'intesa.