Tecnologie e innovazione per guardare al futuro delle città intelligenti

America24 ne ha parlato con Carlo Ratti, un pioniere della domotica e dell'internet delle cose, al punto da avere ampliato il concetto, parlando di sviluppo urbano intelligente e di smart city.

La rivista Esquire lo ha inserito tra i "Best & Brightest", Forbes tra i "Names You Need to Know" e Wired nella lista delle "50 persone che cambieranno il mondo”, Fast Company lo ha nominato tra i "50 designer più influenti in America" e Thames & Hudson tra i "60 innovators shaping our creative future”. Carlo Ratti, classe 1971, nato a Torino, architetto e ingegnere, docente al Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston, dirige il Senseable City Lab e ha fondato lo studio di design e innovazione Carlo Ratti Associati. Ratti è stato un pioniere della domotica e dell'internet delle cose, al punto da avere ampliato il concetto, parlando di sviluppo urbano intelligente e di smart city. Considerato un guru delle nuove tecnologie applicate alle città, ha coniato per la sua idea di città la parola "senseable", che si potrebbe tradurre con "percepibile con i sensi".


Ci può spiegare il concetto di Senseable city applicato alle metropoli americane?

Il concetto di Senseable City è semplicemente la manifestazione di trend tecnologico più ampio: la rete sta entrando nello spazio nel quale viviamo e sta diventando internet of things, abbracciando qualsiasi aspetto della nostra esistenza, dalla gestione dei rifiuti alla mobilità, alla distribuzione dell'acqua, alla pianificazione delle città al coinvolgimento dei cittadini.

Nei nostri progetti cerchiamo di esplorare come l'internet delle cose stia dando vita ad un nuovo approccio per studiare l’ambiente costruito. Il nostro intervento cerca di permettere un nuovo rapporto tra persone, tecnologie e la città – sviluppando sia ricerca sia applicazioni, e facendo sì che i cittadini abbiano gli strumenti per fare delle scelte che risultino in uno stile di vita migliore per tutti. Questa attenzione al lato umano è sicuramente il denominatore comune della maggior parte dei nostri progetti - sia quelli portati avanti da Carlo Ratti Associati o al MIT Senseable City Lab.


Cosa questo comporterà per le metropoli americane?

Questo il mio auspicio: un miglioramento della qualità della vita e una gestione più efficiente della res publica. Tuttavia non ci sarà un futuro prevedibile né riducibile a una singola risposta: sono convinto che l'approccio migliore per la gestione di una città sia quello partecipativo - questo significa che saranno i cittadini a inventare la città futura in cui vorranno vivere.

Come vede, rispetto allo sviluppo tecnologico delle aree urbane un'operazione come la creazione della high line a New York e della nuova low line, che riutilizza spazi abbandonati per installare spazi verdi, magari sfruttabili anche per la coltivazione a km 0? Mi interessa molto la tematica del rapporto tra città e natura, e credo che grazie ad alcune nuove tecnologie di coltivazione - dall'idroponica al vertical farming - sia possibile mettere a punto sperimentazioni molto interessanti. Al di là del caso di New York, Singapore sta studiando fattorie verticali con cui coprire le facciate dei propri grattacieli, e in molte metropoli si trovano esempi abbondanti di orti sui tetti delle case o negli angoli prima inutilizzati delle strade.


Potrà l’agricoltura urbana da sola soddisfare la domanda alimentare di milioni di cittadini?

Probabilmente no, anche solo per ragioni spaziali ed energetiche (la quantità di luce solare che colpisce un’area urbana è di solito inferiore a quella necessaria per un campo). Tuttavia potrà giocare un ruolo chiave nell’aiutarci a rafforzare il nostro legame con la natura - e con la sorpresa della vita che si rinnova seguendo le stagioni. La speranza è che le nuove tecnologie possano domani permettere un'inedita integrazione tra natura e cultura.

Mi hanno sempre affascinato le parole Elysée Reclus, il geografo anarchico francese che alla fine dell'Ottocento scriveva: "L'uomo dovrebbe avere il doppio vantaggio di un accesso ai piaceri della città, alle opportunità che offre allo studio e alla pratica dell'arte, e, allo stesso tempo, dovrebbe poter godere la libertà che si trova nella libertà della natura, e che si spiega nel campo del suo vasto orizzonte".


Gli Stati Uniti sono ricettivi a questo tipo di iniezioni innovative?

Gli Stati Uniti sono un universo. Non sono sicuro, ad esempio, che le politiche ambientali e quindi anche urbane del presidente Trump siano particolarmente aperte. Al tempo stesso mi conforta quello che vedo ogni giorno a Cambridge, Massachusetts, città capace di sperimentare al confine tra sostenibilità umana e urbana come poche altre al mondo.


A livello di trasporti e consumi come si può essere ecologici e allo stesso tempo usare le nuove tecnologie anche per risparmiare e tutelare l'ambiente?

In numerosi progetti abbiamo esplorato come nuove tecnologie e approcci possano condurre a società migliori e una migliore qualità della vita per tutti gli individui. Salute, inquinamento, trasporti: questi sono solo alcuni dei molti campi in cui stiamo sperimentando, nel tentativo di trovare risposte alle domande poste da una società in continuo cambiamento, che pone sfide sempre nuove.

Prendiamo ad esempio il campo dei trasporti e della mobilità condivisa. Se ci pensiamo bene, le automobili restano inutilizzate per il 95% del tempo e questo le rende dei candidati ideali per la sharing economy. È stato stimato che ogni macchina condivisa può rimuovere tra il 10 e il 30% di macchine private dalle strade. In aggiunta, l’impatto della mobilità condivisa aumenterà in misura esponenziale l’avvento delle macchine a guida autonoma – che, a loro volta, potrebbero sfumare la distinzione tra trasporto pubblico e privato. Un recente studio del MIT sulla mobilità del futuro mostra che la richiesta di trasporto in città come Singapore potrebbe essere soddisfatta con il solo 20% delle macchine in circolazione al momento. Pertanto è piuttosto logico una drastica riduzione del numero di automobili sulle strade comporterebbe anche una minore congestione sulle strade e una riduzione dell’inquinamento.


Qual è secondo Carlo Ratti la città del futuro, quella che ci si augura?

Mi spiace deludere, ma dal punto di vista dell'architettura, non credo che la città del futuro sarà molto diversa da quella di oggi – nella stessa misura in cui le nostre città non sono tanto differenti dalle urbs romane. Avremo sempre bisogno di pavimenti orizzontali per vivere, di pareti verticali per separare gli spazi, e di recinzioni per proteggerci dall’esterno – tali “fondamentali”, celebrati da Rem Koolhaas nella biennale di Venezia del 2014, difficilmente cambieranno.

Gli elementi chiavi dell’architettura saranno gli stessi e i nostri modelli di urban planning saranno molto simili a quelli che conosciamo oggi. Ciò che invece cambierà è il nostro modo di vivere la città attraverso le nuove tecnologie. Credo che ciò su cui dobbiamo investire e lavorare sia una città non solo intelligente, ma soprattutto sensibile: capace di ascoltare e rispondere alle richieste dei cittadini.

Altri Servizi

Russiagate, Trump Jr. e Manafort testimonieranno a porte chiuse

Accordo con la commissione Giustizia del Senato per un'udienza non aperta al pubblico. Nei prossimi giorni, anche Kushner atteso in Congresso, sempre in merito alle indagini sulle possibili collusioni con la Russia
AP

Il figlio del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump Jr., e l'ex manager della campagna elettorale, Paul Manafort, hanno raggiunto un accordo con la commissione Giustizia del Senato per testimoniare, la prossima settimana, a porte chiuse, prima di un'eventuale udienza pubblica. La testimonianza verterà sui presunti rapporti tra lo staff di Trump e le autorità russe, su cui sono in corso le indagini, e in particolar modo sull'ormai famoso incontro alla Trump Tower, nel giugno 2016, con alcuni cittadini russi con presunti legami con il Cremlino e l'intelligence russa.

Hyperloop, città e Stati Usa ignari del progetto di Musk

Il fondatore di Tesla ha annunciato un accordo verbale con il governo, ma nessuno ne sa qualcosa. Tra dubbi e speranze, il deputato Castro gli lancia una proposta su Twitter: "Vieni a costruirlo in Texas"
AP

Elon Musk ha stupito il mondo, annunciando di aver ottenuto "l'approvazione verbale del governo" per costruire una linea underground New York-Philadelphia-Baltimora-Washington D.C. da coprire con l'Hyperloop. Con il sistema di trasporto del futuro, alimentato a energia solare, il tragitto dal centro di New York al centro di Washington si farà, aveva scritto il fondatore di Tesla su Twitter, in 29 minuti. Poi, aveva aggiunto che "c'è bisogno ancora di molto lavoro per ricevere l'approvazione formale, ma sono ottimista che succederà rapidamente".

Congresso americano, raggiunto accordo su nuove sanzioni alla Russia. Segnali positivi dalla Casa Bianca

Si profila uno scontro con Trump la cui volontà è invece quella di incrementare le relazioni diplomatiche con Mosca
Ap

Continua il braccio di ferro tra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il Congresso americano. Al termine della settimana in cui la nuova amministrazione ha festeggiato i sei mesi di carica, Capitol Hill ha raggiunto un accordo bipartisan che rischia di portare allo scontro definitivo con il tycoon newyorchese.

Simona Ferrari, dalla tv italiana ai documentari a New York: "Qui ci sono molte più opportunità"

Intervista con la regista e video editor di Milano, che ora vive a Brooklyn e lavora ad Harlem

Si potrebbe pensare che i cunicoli sotterranei di Parigi e la montagna El Capitan nel parco Yosemite in California in comune non abbiano niente. Si potrebbe, ma sarebbe un pensiero sbagliato, perché a legare questi due luoghi così diversi c’è una donna italiana di quarantun anni che vive a Brooklyn: Simona Ferrari.

Honeywell: l'aerospazio sostiene i conti, alza le guidance

La conglomerata industriale si difende dal pressing dell'investitore attivista Loeb

La conglomerata industriale Honeywell International ha chiuso il secondo trimestre del 2017 con utili per 1,4 miliardi di dollari o 1,80 dollari per azione, in rialzo del 5,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; gli analisti si aspettavano profitti per azione di 1,78 dollari. I ricavi sono saliti dell'1% a 10,08 miliardi, anche in questo caso battendo le stime ferme a 9,88 miliardi.

Apple: voci di ritardi, niente iPhone 8 fino a novembre?

Secondo indiscrezioni di stampa, ci sono problemi con i sensori 3D per il riconoscimento del volto

Il tanto atteso iPhone 8 potrebbe non arrivare nei negozi fino almeno a novembre a causa di ritardi nella produzione. È quanto sostiene il quotidiano cinese Economic Daily News, ripreso dal sito taiwanese DigiTimes. Se le indiscrezioni, che ricalcano le preoccupazioni degli analisti a Wall Street, fossero confermate, il nuovo modello dello smartphone realizzato da Apple non verrebbe lanciato a settembre, come successo per tutti i modelli precedenti.

Amministrazione Trump, Scaramucci "ripulisce il suo Twitter" e annuncia grandi cambiamenti alla Casa Bianca

Il nuovo capo della comunicazione di Trump ha eliminato i vecchi tweet contro il presidente perché "le opinioni si sono evolute". Poi in tv ha dichiarato che porrà fine alla fuga di notizie provenienti dall’amministrazione

"Piena trasparenza: sto cancellando vecchi tweet. Le opinioni precedenti si sono evolute e non dovrebbero essere una distrazione. Servo l'agenda di @POTUS e questo è tutto ciò che conta". Con queste parole Anthony Scaramucci, nuovo direttore della comunicazione della Casa Bianca, ha annunciato di aver eliminato i tweet in cui in passato ha condiviso opinioni in contrasto con il presidente americano.

Il messaggio degli Usa alla Cina: giù le mani dalle nostre aziende

La commissione sugli investimenti stranieri sta rallentando o bloccando vari takeover, preoccupata per gli effetti sulla sicurezza nazionale
AP

Gli Stati Uniti stanno rafforzando i controlli sugli accordi che trasferirebbero la proprietà di aziende nazionali a società cinesi, mettendo in dubbio il buon esito di takeover di alto profilo. La commissione sugli investimenti stranieri negli Stati Uniti (Cfius) avrebbe dichiarato che ci sono ostacoli significativi alla conclusione positiva dell'acquisto di MoneyGram International, società di pagamenti con base a Dallas, da parte di Ant Financial Services Group, controllata dal miliardario cinese Jack Ma, cofondatore di Alibaba Group, per 1,2 miliardi di dollari. A riferirlo sono alcune fonti del Wall Street Journal.

Amazon vuole trasformarci in chef. Blue Apron a picco a Wall Street

Depositato uno slogan di otto parole che fa capire come il colosso voglia vendere kit per preparare un pasto, come quelli distribuiti dalla piccola azienda

Dai supermercati ai kit per preparare un pasto completo. Dopo aver annunciato di voler acquistare il gruppo Whole Foods, operazione su cui il governo Usa ha acceso un faro, Amazon si avventura in un mercato nuovo: in pratica, il colosso americano del commercio elettronico punta a trasformare i suoi consumatori in chef.

Effetto Trump sul Wall Street, un colpo da 312mln per Dimon and Blankfein

I numeri uno di Jp Morgan e Goldman Sachs hanno portato a casa oltre 150 milioni a testa

In questi primi sei mesi alla Casa Bianca Donald Trump è risultato essere il presidente con il più basso indice di gradimento della storia americana, eppure qualcuno che ha molte ragioni per apprezzare il tycoon newyorchese c'è. Almeno due persone, per essere precisi, non possono che sorridere quando sentono pronunciare il nome del commander in chief americano.