Tecnologie e innovazione per guardare al futuro delle città intelligenti

America24 ne ha parlato con Carlo Ratti, un pioniere della domotica e dell'internet delle cose, al punto da avere ampliato il concetto, parlando di sviluppo urbano intelligente e di smart city.

La rivista Esquire lo ha inserito tra i "Best & Brightest", Forbes tra i "Names You Need to Know" e Wired nella lista delle "50 persone che cambieranno il mondo”, Fast Company lo ha nominato tra i "50 designer più influenti in America" e Thames & Hudson tra i "60 innovators shaping our creative future”. Carlo Ratti, classe 1971, nato a Torino, architetto e ingegnere, docente al Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston, dirige il Senseable City Lab e ha fondato lo studio di design e innovazione Carlo Ratti Associati. Ratti è stato un pioniere della domotica e dell'internet delle cose, al punto da avere ampliato il concetto, parlando di sviluppo urbano intelligente e di smart city. Considerato un guru delle nuove tecnologie applicate alle città, ha coniato per la sua idea di città la parola "senseable", che si potrebbe tradurre con "percepibile con i sensi".


Ci può spiegare il concetto di Senseable city applicato alle metropoli americane?

Il concetto di Senseable City è semplicemente la manifestazione di trend tecnologico più ampio: la rete sta entrando nello spazio nel quale viviamo e sta diventando internet of things, abbracciando qualsiasi aspetto della nostra esistenza, dalla gestione dei rifiuti alla mobilità, alla distribuzione dell'acqua, alla pianificazione delle città al coinvolgimento dei cittadini.

Nei nostri progetti cerchiamo di esplorare come l'internet delle cose stia dando vita ad un nuovo approccio per studiare l’ambiente costruito. Il nostro intervento cerca di permettere un nuovo rapporto tra persone, tecnologie e la città – sviluppando sia ricerca sia applicazioni, e facendo sì che i cittadini abbiano gli strumenti per fare delle scelte che risultino in uno stile di vita migliore per tutti. Questa attenzione al lato umano è sicuramente il denominatore comune della maggior parte dei nostri progetti - sia quelli portati avanti da Carlo Ratti Associati o al MIT Senseable City Lab.


Cosa questo comporterà per le metropoli americane?

Questo il mio auspicio: un miglioramento della qualità della vita e una gestione più efficiente della res publica. Tuttavia non ci sarà un futuro prevedibile né riducibile a una singola risposta: sono convinto che l'approccio migliore per la gestione di una città sia quello partecipativo - questo significa che saranno i cittadini a inventare la città futura in cui vorranno vivere.

Come vede, rispetto allo sviluppo tecnologico delle aree urbane un'operazione come la creazione della high line a New York e della nuova low line, che riutilizza spazi abbandonati per installare spazi verdi, magari sfruttabili anche per la coltivazione a km 0? Mi interessa molto la tematica del rapporto tra città e natura, e credo che grazie ad alcune nuove tecnologie di coltivazione - dall'idroponica al vertical farming - sia possibile mettere a punto sperimentazioni molto interessanti. Al di là del caso di New York, Singapore sta studiando fattorie verticali con cui coprire le facciate dei propri grattacieli, e in molte metropoli si trovano esempi abbondanti di orti sui tetti delle case o negli angoli prima inutilizzati delle strade.


Potrà l’agricoltura urbana da sola soddisfare la domanda alimentare di milioni di cittadini?

Probabilmente no, anche solo per ragioni spaziali ed energetiche (la quantità di luce solare che colpisce un’area urbana è di solito inferiore a quella necessaria per un campo). Tuttavia potrà giocare un ruolo chiave nell’aiutarci a rafforzare il nostro legame con la natura - e con la sorpresa della vita che si rinnova seguendo le stagioni. La speranza è che le nuove tecnologie possano domani permettere un'inedita integrazione tra natura e cultura.

Mi hanno sempre affascinato le parole Elysée Reclus, il geografo anarchico francese che alla fine dell'Ottocento scriveva: "L'uomo dovrebbe avere il doppio vantaggio di un accesso ai piaceri della città, alle opportunità che offre allo studio e alla pratica dell'arte, e, allo stesso tempo, dovrebbe poter godere la libertà che si trova nella libertà della natura, e che si spiega nel campo del suo vasto orizzonte".


Gli Stati Uniti sono ricettivi a questo tipo di iniezioni innovative?

Gli Stati Uniti sono un universo. Non sono sicuro, ad esempio, che le politiche ambientali e quindi anche urbane del presidente Trump siano particolarmente aperte. Al tempo stesso mi conforta quello che vedo ogni giorno a Cambridge, Massachusetts, città capace di sperimentare al confine tra sostenibilità umana e urbana come poche altre al mondo.


A livello di trasporti e consumi come si può essere ecologici e allo stesso tempo usare le nuove tecnologie anche per risparmiare e tutelare l'ambiente?

In numerosi progetti abbiamo esplorato come nuove tecnologie e approcci possano condurre a società migliori e una migliore qualità della vita per tutti gli individui. Salute, inquinamento, trasporti: questi sono solo alcuni dei molti campi in cui stiamo sperimentando, nel tentativo di trovare risposte alle domande poste da una società in continuo cambiamento, che pone sfide sempre nuove.

Prendiamo ad esempio il campo dei trasporti e della mobilità condivisa. Se ci pensiamo bene, le automobili restano inutilizzate per il 95% del tempo e questo le rende dei candidati ideali per la sharing economy. È stato stimato che ogni macchina condivisa può rimuovere tra il 10 e il 30% di macchine private dalle strade. In aggiunta, l’impatto della mobilità condivisa aumenterà in misura esponenziale l’avvento delle macchine a guida autonoma – che, a loro volta, potrebbero sfumare la distinzione tra trasporto pubblico e privato. Un recente studio del MIT sulla mobilità del futuro mostra che la richiesta di trasporto in città come Singapore potrebbe essere soddisfatta con il solo 20% delle macchine in circolazione al momento. Pertanto è piuttosto logico una drastica riduzione del numero di automobili sulle strade comporterebbe anche una minore congestione sulle strade e una riduzione dell’inquinamento.


Qual è secondo Carlo Ratti la città del futuro, quella che ci si augura?

Mi spiace deludere, ma dal punto di vista dell'architettura, non credo che la città del futuro sarà molto diversa da quella di oggi – nella stessa misura in cui le nostre città non sono tanto differenti dalle urbs romane. Avremo sempre bisogno di pavimenti orizzontali per vivere, di pareti verticali per separare gli spazi, e di recinzioni per proteggerci dall’esterno – tali “fondamentali”, celebrati da Rem Koolhaas nella biennale di Venezia del 2014, difficilmente cambieranno.

Gli elementi chiavi dell’architettura saranno gli stessi e i nostri modelli di urban planning saranno molto simili a quelli che conosciamo oggi. Ciò che invece cambierà è il nostro modo di vivere la città attraverso le nuove tecnologie. Credo che ciò su cui dobbiamo investire e lavorare sia una città non solo intelligente, ma soprattutto sensibile: capace di ascoltare e rispondere alle richieste dei cittadini.

Altri Servizi

G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

A New York City sono entrate nel vivo le celebrazioni legate all'eredità italiana nella città. Non senza divisioni. Sono molte le persone e le organizzazioni di italoamericani che ieri sera hanno boicottato l'evento organizzato alla Gracie Mansion, la villa sull'East River in cui vive il sindaco di turno, e che ogni anno segna l'inizio delle feste che dal 1970 culminano il secondo lunedì di ottobre con la parata che coincide con il Columbus Day. E' proprio l'esploratore Cristoforo Colombo la causa di quelle divisioni. Il sindaco di origini italiane Bill de Blasio non ha mai apertamente difeso le statue del personaggio storico, diventato controverso nell'America di Donald Trump. Per gli italoamericani è simbolo delle loro origini, per alcuni addirittura un eroe. Per altri il genovese è visto come un conquistatore che ha iniziato a schiavizzare e uccidere i nativi del Nordamerica.

Trump, primo passo verso l'abrogazione dell'Obamacare: ora meno regole per le polizze assicurative

Il presidente ha firmato un ordine esecutivo, con cui apre la strada a un ritorno a vecchie regole. Ora dopo, annunciato lo stop ai sussidi che hanno permesso alle persone a basso reddito di avere una copertura
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha firmato un ordine esecutivo riguardante la sanità, "per promuovere la scelta e la competizione nell'assistenza sanitaria", con cui riduce gli standard imposti dall'Obamacare alle piccole imprese. Ore dopo la Casa Bianca ha annunciato che il governo non fornirà più sussidi alle compagnie assicurative che hanno permesso a persone a basso reddito di ottenere una copertura medica grazie alla riforma sanitaria di Barack Obama approvata dal Congresso nel 2010.

Las Vegas: il killer sparò a una guardia prima di iniziare la strage

Le forze dell'ordine cambiano la tempistica della notte della tragedia. Escluso un secondo omicida
AP

Stephen Paddock, l'autore della peggiore sparatoria nella storia moderna Usa, ha sparato a una guardia sei minuti prima di aprire il fuoco sulla folla riunitasi il primo ottobre scorso a Las Vegas per un concerto. La guardia stava reagendo a un allarme scattato e che segnalava che una porta era rimasta aperta sullo stesso piano dell'albergo dove si trovava la stanza di Paddock. Lo ha spiegato in conferenza stampa lo sceriffo Joseph Lombardo. E' lui ad avere fornito una nuova tempistica di quella serata tragica nella quale si esclude ancora il coinvolgimento di un secondo killer così come un legame con organizzazioni terroristiche internazionali.

La battaglia per difendere Colombo è appena iniziata a New York

Il comitato "Giù le mani da Colombo" vuole proteggere statue e festa
David Guralnick/Detroit News via AP

Nessuno tocchi Cristoforo Colombo: è il grido di battaglia lanciato dall'Italy America Chamber of Commerce (Iacc) di New York, la più antica camera di commercio al mondo, insieme a Guido George Lombardi, presidente del Premio Eccellenza Italiana e amico di Donald Trump. Nel giorno dell'anniversario dello sbarco dell'esploratore genovese a San Salvador (avvenuto il 12 ottobre 1492), è stata organizzata la prima conferenza stampa di "Giù le mani da Colombo", il comitato nato in difesa di una figura controversa ma che storicamente è stata simbolo degli italiani.

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine dell'anno, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.

Tesoro propone regole meno severe per mercati, possibile stimolo a crescita

E' quanto emerge dal rapporto pubblicato dal dipartimento al Tesoro, nel quale sono contenute le raccomandazioni richiesta dall'ordine esecutivo firmato dal presidente Donald Trump lo scorso febbraio.
AP

L'amministrazione Trump punta rendere meno severa la regolamentazione finanziaria, ammorbidendo i requisiti patrimoniali e di governance aziendale previsti dalla Dodd-Frank Act, la riforma della finanza varata dall'allora presidente Barack Obama nel 2010 in risposta alla crisi finanziaria. E' quanto emerge dal rapporto pubblicato dal dipartimento al Tesoro, nel quale sono contenute le raccomandazioni richiesta dall'ordine esecutivo firmato dal presidente Donald Trump lo scorso febbraio.

Nbc: Trump vorrebbe decuplicare l'arsenale nucleare; il presidente nega

Dopo quell'incontro, Tillerson lo avrebbe definito un "imbecille". Il presidente vorrebbe che gli Stati Uniti, che hanno 4.000 testate nucleari, tornassero ad averne 32.000, come negli anni '60

Il presidente Donald Trump avrebbe detto di voler quasi decuplicare la quantità di armi nucleari a disposizione degli Stati Uniti. Lo sostiene la Nbc, che ha rivelato in esclusiva il presunto contenuto di un incontro con i vertici militari e politici avvenuto la scorsa estate, grazie a tre fonti, presenti al vertice.

Las Vegas, quattro giorni e nessuna risposta sui motivi di Paddock

Gli investigatori alla ricerca di una pista da seguire, ma l'autore della strage non ha lasciato messaggi e non ha effettuato telefonate. Sembra che avesse ipotizzato di compiere un attacco a Boston o a Chicago
AP

L'uomo che uccise 49 persone in un nightclub di Orlando, lo scorso anno, aveva giurato fedeltà all'Isis; il cecchino che ammazzò cinque poliziotti a Dallas disse che il suo obiettivo era di colpire persone bianche; l'uomo che attaccò una chiesa frequentata da afroamericani a Charleston aveva pubblicato online un manifesto razzista. Uno dopo l'altro, gli autori delle sparatorie di massa negli Stati Uniti hanno fornito, direttamente o indirettamente, i motivi delle loro azioni.

Primo calo posti lavoro Usa da settembre 2010, ma disoccupazione a minimo da 2001

Il ribasso è principalmente dovuto agli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito Texas e Florida tra agosto e settembre. Secondo gli esperti si tratta di un rallentamento temporaneo.
Shutterstock

In settembre le aziende americane hanno visto calare i posti di lavoro per la prima volta da settembre 2010, mettendo fine a sette anni di fila di crescita costante dell'occupazione. Il ribasso è principalmente dovuto agli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito Texas e Florida tra agosto e settembre. Secondo gli esperti si tratta di un rallentamento temporaneo. Il tasso di disoccupazione è calato più delle stime.