"I tempi felici verranno presto". Il film sogno di Alessandro Comodin

Il documentario dal carattere onirico di Comodin – presentato anche al festival di Cannes – arriva al festival New Directors/New Films 2017 di New York. Un’avventura sensoriale spostata in un mondo invisibile ma reale

Bisogna essere dei “resistenti” per rimanere quel che si è, pensa Alessandro Comodin, regista friulano che vive in Francia. Dopo “L’estate di Giacomo” (2011) (vincitore al Festival di Locarno del Pardo d’oro nella categoria “Cineasti del presente”) film dove il regista rivela già un certo interesse verso l’aspetto sensoriale, fisico, carnale del soggetto, Comodin ci racconta il suo ultimo sogno: “I tempi felici verranno presto" (2016). Presentato anche a Cannes, è un film che spiazza lo spettatore, trasportandolo in un mondo fantastico ma allo stesso tempo reale, immaginario quanto fisico. Un atto “politico”, sostiene l’artista, perché i protagonisti della storia (nonché la narrazione in sé) lottano per non seguire nessuno schema, per non rimanere intrappolati all’interno di nessuna cornice: scelgono di resistere per rimanere semplicemente quello che sono.

Il film inizia con una fuga, da cosa scappano Arturo e Tommaso?

Non lo so neanche io. Non avevo un’idea chiara e ho lasciato volutamente il campo aperto. Non mi è mai interessato identificare la storia o connotarla in un campo determinato, perché se si comincia a dire da dove vengono e chi sono i personaggi, poi si rischia di leggere tutta la storia sotto quell’angolo lì, e non volevo che accadesse. Il soggetto del mio film è altrove, sinceramente non so esattamente dove. Ma in ogni caso, il tutto, è volutamente sfogato. Quando ho scritto il film ho pensato che scappassero da un campo di lavoro provvisorio, come quelli che venivano fatti per i soldati, che hanno uno statuto diverso. Credo che i personaggi scappino da lì, da una situazione concentrazionaria. Arturo e Tommaso per me prima di tutto sono dei ragazzini, che sono stati imprigionati perché hanno fatto qualcosa che non andava bene. Visto che l’epoca era difficile.

Di che epoca parliamo?

Diciamo che nella prima parte del film siamo alla fine della Seconda Guerra Mondiale, dopo l’armistizio dell’8 settembre del ’43. Quel periodo in cui gli amici di prima sono diventati nemici e la povera gente non sapeva con chi stare. Un momento complesso dal punto di vista storico e sociale, e credo che il film non sia comprensibile anche per questo. Se avessimo vissuto in quell’epoca lì, non avremmo capito niente neanche noi. Infatti l’idea è quella di far immergere lo spettatore in un “tranche de vi” senza sapere niente, chi guarda si ritrova a seguire questa storia qui.

Un gesto d’amore questo, che potrebbe anche confondere lo spettatore. Goffredo Fofi in una critica pubblicata sull’Internazionale parla di un ermetismo “forse eccessivo”. Quanto è pericoloso usare un linguaggio senza indicazioni?

Da parte mia c’è la volontà di spostare il soggetto non in cose intellettuali, ovvero di quelle che danno un contesto affiché chi guarda possa capire più o meno dove è, e possa ritrovare delle cose in cui rispecchiarsi. Se il regista non da indizi, lo spettatore è perso. Non è una questione di ermetismo, piuttosto è come se dicessi allo spettatore che si deve fidare di me, che lo manipolerò, ma volendogli bene.

E dove lo vuoi portare? Che esperienza ti auguri possa vivere chi guarda il tuo film?

Eliminati tutti gli indizi storici, temporali, e psicologici, si porta lo spettatore a fare un’esperienza biecamente sensoriale. Il fastidio che si può provare mentre ci si perde, non è un fastidio intellettuale, non è dovuto al fatto di non capire: ci si sente infastiditi perché si diventa come i personaggi, che sono persi. E quindi è una sensazione a volte anche sgradevole, dove non c’è nessun tipo di appiglio, neanche geografico. Ma è una sensazione di disagio che fa parte della vita. C’è la volontà da parte mia di voler far immergere lo spettatore in un’avventura dei sensi. Il mio film sotto diversi punti di vista è politico.

In che senso?

Già il fatto di lavorare in questo modo e di costruire la storia in questa maniera, resiste a tutto il resto del cinema che si fa. Tutte le immagini che vediamo oggi, e anche i film, vendono qualcosa. Ti vengono il vestito, l’attore: nel 99% dei casi sono degli atti pubblicitari. Se la gente è persa, lo è anche perché guarda solo lavori di questo genere. Mentre nel mio film non c’è niente: è complesso perché è troppo semplice. È fondamentale perché questo è un film fisico, corporale, non intellettuale. Lo sembra ma non lo è. Ed è un atto politico perché (e parlo dell’intenzione) volevo raccontare la storia di persone semplici, e come tali sempre vittime del periodo storico nel quale vivono.

Sia nella prima parte del film – un periodo di guerra dove si cerca di salvarsi come si può – i protagonisti sono semplici perché, prima della storia sono stati imprigionati per una futilità, che può essere una qualsiasi, non è importante. Quello che conta è che si sono ritrovati lì; a cercare cosa? Cercano di salvarsi. E cercano di stare bene. Cercano la felicità che corrisponde alla libertà in quel momento. Mentre, la ragazza protagonista della seconda parte del film è malata, si dice così. Ma invece di andare a curarsi in ospedale va nella foresta. Anche lei è vittima di quello che le sta succedendo: è un luogo comune narrativo. È vittima del periodo in cui vive, nel senso che oggi chi è ammalato va a farsi le punture. Ma lei resiste a quella cosa lì, e cerca la felicità in altro. Nella terra, nel fango. Per me tutti i personaggi sono in qualche modo dei resistenti. Ma non perché siano dei partigiani, sono resistenti perché vogliono rimanere quello che sono.

In che mondo si incontrano Ariane e Tommaso?

È un sottomondo che non esiste però è reale. È un mondo dove le persone che hanno delle affinità simili si incontrano. Anche qui a New York può esistere quel mondo lì: è un mondo del corpo per questo dico che è reale, perché i corpi esistono, interagiscono con le loro imperfezioni.

Il film sembra girato in un luogo incantato, dov’è quel posto?, e quanto sono durate le riprese?

Siamo in Piemonte, in provincia di Cuneo. Abbiamo girato solo 5 settimane ma ci sono voluti quasi 2 anni di sopraluoghi, ricerche, perché dovevamo trovare il posto giusto dove i partigiani fascisti avevano fatto cose, dove ci fosse stato il lupo, dovevamo mettere tanti elementi insieme e cercare un luogo geograficamente consono. È stato molto lungo raccogliere tutte le storie.

Gli interpreti del film non sono dei professionisti vero?

Nessuno è attore. Ho scelto le persone in base al loro corpo. Gli abitanti sono tutti veri. Anche la leggenda del lupo è vera. Siamo andati in un posto dove c’era il lupo. Abbiamo fatto tutta una ricerca documentaria. I protagonisti del film sono stati un espediente narrativo per raccontare le storie che avevamo raccolto. Poi ho deciso di raccontare la storia da un punto di vista favolistico anche per giustificare la presenza di un’attrice professionista, Sabrina Seyvecou che interpreta Ariane.

Si dice che ogni favola abbia bisogno di una parte vera per essere credibile, e soprattutto per ispirare, quali sono gli elementi di realtà del tuo racconto?

Credo che la verità sia nel modo in cui la storia è raccontata, più che nella storia in sé. È un po' quello che accade in tutti i film: quello che c’è di interessante è la costruzione del racconto. Anche se nelle note di intenti della sceneggiatura avevo espresso la volontà di rendere conto di tutti quei racconti che i miei nonni (ma non solo) mi facevano da bambino. Mi raccontavano la storia della guerra. E quindi c’erano i partigiani bastardi che rubavano le cose. Poi c’erano i fascisti sempre bastardi e i tedeschi che uccidevano tutti quanti.

Mi raccontavano cosa era successo e a volte citavano persone che erano ancora vive e che potevo realmente conoscere: il padre del macellaio, la sorella del giornalaio e così via. Quindi c’era sia un lato proprio documentario, come la cronaca dei fatti, che però si andava a fondere con la mia percezione da bambino. Quelle storie lì, entravano in una specie di sacca del mio cervello dove andavano insieme a tutte le storie fantastiche che potevo leggere nei libri o che mi raccontavano la sera prima di addormentarmi. Credo ci aver voluto creare una storia che è un po' il sogno di un bambino. Dove non si può discernere tra la realtà e la fantasia poiché è tutto costruito seguendo delle visioni reali e non, dei ricordi e delle fantasie. “I tempi felici verranno presto” diventa un documentario che è reale perché grezzo, epico perché fatto con pezzi di cronaca ma allo stesso modo è una favola, perché arricchito dai resti di tanti sogni.

Altri Servizi

Boston, migliaia di persone marciano contro il razzismo

Una manifestazione per protestare contro un'altra marcia organizzata da un gruppo di destra. Otto arresti. Il tweet di Trump: "Voglio elogiare le persone che si battono contro l'odio e l'intolleranza. Presto saremo un paese unito".

Migliaia di persone hanno manifestato pacificamente a Boston contro il razzismo che dopo la manifestazione di sabato scorso a Charlottesville, in Virginia, è ritornato ad essere argomento centrale del dibattito in America. Secondo la polizia di Boston sono state oltre 40.000, un numero ernome che ha eclissato la prima manifestazione organizzata nella città, quella per la libertà di espressione, voluta da un gruppo di destra.

Lo stratega Bannon fuori dalla Casa Bianca

L'annuncio è stato dato dalla portavoce del presidente Trump, dopo le voci sul licenziamento; secondo altre fonti, sarebbe stato lo stratega a dimettersi
AP

Steve Bannon lascia l'amministrazione Trump. Lo stratega del presidente, fondamentale in campagna elettorale, trascorrerà oggi il suo ultimo giorno di lavoro alla Casa Bianca. A comunicarlo, con una breve dichiarazione, è stata la portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders: "Il capo di gabinetto, John Kelly, e Steve Bannon hanno deciso di comune accordo che oggi sarà l'ultimo giorno di Steve. Siamo grati per il suo servizio e gli auguriamo il meglio".

Oro sopra i 1.300 dollari l'oncia, prima volta da novembre

Dal caos politico legato a Trump all'attacco terroristico a Barcellona. Ecco perché il rally potrebbe non essere finito

Per la prima volta dallo scorso novembre, l'oro ha raggiunto un valore di almeno 1.300 dollari all'oncia. Il contratto dicembre al Comex, divisione del New York Mercantile Exchange, si è spinto fino a 1.306,90 dollari l'oncia. La corsa del metallo prezioso, arrivata al terzo giorno consecutivo, è alimentata dall'avversione al rischio, con gli investitori preoccupati dal rischio che l'agenda pro-crescita e pro-business promessa da Donald Trump possa deragliare visto il caos politico esploso in Usa dopo i commenti controversi del presidente sulle violenze esplose sabato scorso a Charlottesville (Virginia). Quei commenti hanno portato allo sfaldamento di due forum economici voluti da Trump, che di fronte a un esodo di Ceo pare avere rinunciato alla creazione di uno dedicato alle infrastrutture.

La Silicon Valley vende l'antico sogno dell'immortalità

Il filosofo Metzinger ne parla sul Financial Times. Siamo di fronte a una religione senza dio che promettendo il futuro infinito vende i propri prodotti
AP

Sembra che negli ultimi anni le startup e i grandi colossi della Silicon Valley si stia concentrando su un unico tema: vendere il più grande e antico sogno dell'uomo, l'immortalità. Nel 2013 Google ha fondato Calico, che ha come scopo quello di portare l'umanità verso una vita più lunga e in salute. Altri, come Aubrey de Grey, si sono spinti ancora più in là: ha fondato infatti Strategies for Engineered Negligible Senescence, una startup che prevede di risolvere l'invecchiamento trattandolo come un problema ingegneristico. Proprio a Google invece lavora, Ray Kurzweil, che ha fissato per il 2045 l'anno della singolarità, quando potremo fondarci con le macchine e moltiplicare la nostra intelligenza in modo impensabile. Ne scrive sul Financial Times, Thomas Metzinger, filosofo tedesco che insegna alla Johannes Gutenberg University di Magonza, in Germania.

Conto alla rovescia per l'eclissi totale di sole negli Stati Uniti

Tutti quello che c'è da sapere sul fenomeno astronomico più importante degli ultimi cento anni in America

Lunedì 21 agosto in un'ampia parte degli Stati Uniti, che va dall'Oregon fino alla South Carolina, sarà visibile un'eclissi totale di sole.

Fca si unisce a Bmw e Intel per sviluppo guida autonoma

Il gruppo automobilistico italo americano ha firmato un memorandum of understanding con la rivale tedesca e Mobileye, controllata del produttore Usa di microprocessori
AP

Mentre il mercato continua a domandarsi se e quale gruppo cinese abbia fatto un'offerta per rilevare Fiat Chrysler Automobiles (Geely ha negato) e se ci sarano altri spin-off (Magneti Marelli?) dopo quello di Ferrari, il gruppo guidato da Sergio Marchionne continua a siglare intese per rafforzarsi nella tecnologia della guida autonoma. Se nel maggio 2016 Fca era diventata la prima azienda automobilistica a siglare un accordo non esclusivo con Google (Waymo), ora è il primo costruttore automobilistico ad unirsi alla tedesca Bmw e all'americana Intel per lo sviluppo di una piattaforma di guida autonoma all’avanguardia. I tre gruppi hanno infatti siglato un Memorandum of Understanding.

Bannon, Scaramucci, Comey: tutte le teste cadute alla Casa Bianca

In sei mesi Donald Trump ha cacciato sei persone dal suo governo
AP

Lo stratega capo Steven Bannon è solo l’ultimo di una serie di vittime della Casa Bianca di Donald Trump, che ha fatto fuori esperti, funzionari e collaboratori a un ritmo che non si vedeva da anni. Molti media hanno accusato il presidente americano di usare al governo lo stesso stile di un reality show come The Apprentice, che ha condotto per anni, con colpi di scena e cambiamenti improvvisi. Di seguito la lista, incompleta, delle persone messe alla porta nell’ultimo anno.

Mls, errore clamoroso del Var. Espulso Kaka per condotta violenta, ma stava scherzando

L'arbitro Jorge Gonzalez ha sventolato il rosso alla stella brasiliana durante New York Red Bulls e Orlando

Ricardo Kaka è stato espulso. Già questa è una notizia considerando che il giocatore brasiliano ex Milan e Real Madrid, oggi numero dieci di Orlando City, ha ricevuto solo un altro cartellino rosso nella sua carriera. Eppure c’è dell’altro perché l’espulsione del brasiliano, avvenuta "per condotta violenta", è scaturita dopo l’intervento del Var (video assistant referee) che esamina le decisioni degli altri arbitri in campo tramite l'ausilio di filmati, si tratta di quella che in gergo viene definita "moviola in campo".

Gab, il social network dell'estrema destra, ha raccolto un milione di dollari

Una spinta alla raccolta fondi l'hanno data gli ultimi eventi, a partire da Charlottesville: 500.000 dollari ottenuti questa settimana

Molte grandi società hi-tech, a partire dai social network, hanno deciso di bloccare i contenuti e gli account riconducibili ai suprematisti bianchi e agli altri gruppi di estrema destra negli Stati Uniti, soprattutto dopo le violenze di Charlottesville, in Virginia, dove una ragazza antirazzista è stata uccisa. Nel frattempo, il movimento 'alt-right' ha raccolto un milione di dollari per Gab, definito "un network per chi crede nella libertà di parola, nella libertà individuale e nel libero flusso di informazione online", che in realtà è un network di estrema destra, rifiutato dagli 'app stores'. Gab ha annunciato il risultato ottenuto su Twitter, dove ha attaccato "l'immondizia elitaria della Silicon Valley". L'avatar di Gab è la rana 'Pepe', simbolo del movimento 'alt-right'.

Da Goldman ad Apple, Corporate America contro il razzismo e l'odio

Il Ceo di GE, Jeff Immelt, condanna le violenze di Charlottesville ma come Dell resta del consiglio per la manifattura di Trump, che invece l'a.d. di Merck ha lasciato

Nel giorno in cui, con 48 ore di ritardo, il presidente americano Donald Trump ha esplicitamente criticato gruppi di suprematisti bianchi responsabili delle violenze di sabato scorso a Charlottesville (Virginia), la Corporate America si è unita nel dire no all'odio e al razzismo.