Tensioni nel partito democratico dopo la pubblicazioni di email "anti Sanders", ma lui non si scompone

Il presidente del Comitato Nazionale del Partito Democratico non farà nessun intervento alla convention di Philadelphia
AP

A meno di 24 ore dalla convention che incoronerà Hillary Clinton come candidata democratica alla Casa Bianca, il partito è scosso da nuove tensioni dopo la pubblicazione di circa 20.000 email all’interno delle quali ce ne sarebbero alcune che evidenzierebbero la volontà di boicottare la campagna di Bernie Sanders.

Per questo motivo, come riporta Cnn, Debbie Wasserman Schultz, presidente del Comitato Nazionale del Partito Democratico (Dnc) non terrà nessun intervento nella convention di tre giorni che andrà in scena a Philadelphia. A pubblicare le email incriminate, che vanno da gennaio 2015 a maggio scorso, è stato WikiLeaks.

Per Bernie Sanders, intervenuto su Abc, “è un’indecenza" questo tentativo di danneggiarlo, sottolineando che non è shoccato dalla vicenda ma è sicuramente “infastidito e deluso”. Sanders ha inoltre sottolineato che come lui sostiene da molti mesi Wasserman Schultz non dovrebbe essere il presidente del comitato Nazionale del Partito Democratico.

Queste mail, secondo il senatore del Vermont, sono proprio una conferma di quel suo pensiero anche se la ragione principale per cui Wassermann Schultz non dovrebbe occupare la presidenza del Dnc è la necessità di avere un "partito democratico aperto, che avvicini i lavoratori, i giovani e tutti coloro che sono stanchi di confrontarsi con un’economia che fa il bene dell’1% della popolazione mentre la middle class continua a soffrire".

"Credo che lei si debba dimettere e credo che il partito abbia bisogno di un nuovo presidente che ci diriga verso nuove frontiere e che combatta per un’agenda che funzioni per le famiglie dei lavoratori", ha sostenuto sempre Sanders che ha poi sottolineato che ciò che secondo lui ha più importanza è sconfiggere "il peggior candidato alla presidenza" che ha mai visto in vita sua.

“Trump non è qualificato per fare il presidente degli Stati Unit né per il temperamento che dimostra né tantomeno per le idee che porta con sé”, ha affermato il senatore socialista che ha poi continuato il suo attacco a Trump. “Non abbiamo bisogno di un presidente che offende i messicani, gli ispanici, le donne o gli afroamericani, abbiamo bisogno di un presidente che unisca la nazione non che la divida”.

Nelle mail in questione, tra i componenti del partito, si dibatte di ogni cosa, da come trattare con i media a come coordinare le volontà del comitato con i potenti interessi di Washington. Ad aver scatenato il caos sono però quelle nelle quali si fa riferimento al senatore del Vermont. In una di queste si sottolinea che facendo un riferimento esplicito alla fede di Sanders si sarebbe potuto indebolirlo agli occhi degli elettori del sud.

Nella suddetta mail inviata nel maggio scorso, il direttore finanziario del partito, Brad Marshall, chiede al suo interlocutore se si può trovare qualcuno a cui domandare quale sia il credo religioso di Sanders "che si professa ebreo" ma che dovrebbe essere ateo, come letto “da qualche parte” dallo stesso Marshall. Una notizia che potrebbe fare la differenza tra i Battisti del Sud. Marshall, interpellato da Cnn, non ha rilasciato commenti a riguardo ma non è tutto qui. C’è infatti un’altra mail in cui un avvocato da dei consigli allo stesso comitato su come trattare le accuse di Sanders nei confronti dell’ex segretario di Stato che non ha voluto raggiungere un accordo che stabilisse i criteri delle raccolte fondi.

La decisione di non far intervenire Wasserman Schultz è stata presa sabato sera. Un dirigente del partito ha dichiarato all’emittente americana che il presidente del comitato “è stata messa in quarantena” per evitare il caos tra gli elettori e tra i membri del partito che saranno a Philadelphia a partire da lunedì.

Sanders, che ha più volte denunciato la parzialità del partito durante la sua campagna, aveva inizialmente lasciato che a commentare la cosa fosse Jeff Weaver, manager della sua campagna che ai microfoni di Abc ha dichiarato che il senatore e il suo entourage sono "delusi" dal comportamento del comitato.

"Qualcuno dovrà essere ritenuto responsabile", ha dichiarato Weaver alla stessa emittente sottolineando come la stampa americana si sia preoccupata per 48 ore di capire chi della campagna Trump fosse responsabile per il plagio del discorso di Melania ai danni di Michelle Obama. Secondo Waver i messaggi di posta elettronica mostrano la cattiva condotta delle più alte sfere del partito e rafforzerebbe la tesi portata avanti da Sanders in più occasioni che il partito aveva e ha un candidato da spingere verso la Casa Bianca.

"Abbiamo un processo elettorale. Il Dnc, per suo stesso statuto, deve essere neutrale tra i candidati ed è evidente che lo non è stato", ha concluso Weaver. Sanders dovrebbe salire sul palco della convention martedì e in molti sono pronti a scommettere che non lascerà passare sotto silenzio quest’altro "emailgate".

Chi ha espresso subito il proprio punto di vista è stato Donald Trump che ha colto la palla al balzo per attaccare nuovamente la sua rivale utilizzando ovviamente il suo strumento preferito: Twitter. "Le email trapelate mostrano che il Comitato programmava di distruggere Sanders”, si legge in un primo Tweet mentre in altri si sottolinea come il contenuto di queste sia talmente pesante da rendere “impossibile per Sanders sostenere Hillary a meno che anche lui sia un ciarlatano”.

Altri Servizi

Trump sceglie Brett Kavanaugh per la Corte suprema

Conservatore vicino a George W. Bush. Adesso si attende una battaglia al Senato per la Conferma

Donald Trump ha annunciato il nome del suo candidato alla Corte Suprema: si tratta di Brett M. Kavanaugh, 53 anni, giudice d'Appello del Maryland. È una figura di spicco tra i conservatori e aveva fatto parlare di sé per le sue battaglie contro i suoi colleghi liberal nominati da Obama. Kavanaugh se confermato dal Senato dovrebbe prendere il posto di Anthony Kennedy, che giorni fa ha annunciato la sua decisione di andare in pensione.

Wall Street, accantonate le preoccupazioni commerciali

Gli indici hanno ripreso slancio, in attesa delle trimestrali di tre grandi banche (Jp Morgan, Citigroup e Wells Fargo), in programma venerdì
iStock

In Europa, il 25 maggio di quest’anno, è divenuto efficace il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati 679/2016, noto come GDPR. La nuova normativa ha dato vita ad una corsa all’adeguamento per la maggior parte delle società europee, e non solo.

Vertice Nato, Trump metterà alla prova i rapporti con gli alleati

Il summit di Bruxelles apre il tour europeo del presidente Usa. Al centro dei colloqui, le spese per la difesa, su cui Trump continua a lamentarsi con gli altri membri dell'Alleanza atlantica
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, è atteso da una settimana in Europa che metterà alla prova i suoi rapporti con gli alleati e con "l'avversario" Vladimir Putin (così lo ha definito oggi). Il primo appuntamento è in programma domani e dopodomani a Bruxelles, ovvero il vertice della Nato, che sarà incentrato sulle spese per la difesa, su cui Trump continua a essere polemico con gli alleati, tanto che il vertice con il presidente russo, in programma lunedì prossimo, potrebbe essere "più facile" di tutti gli altri impegni (Trump andrà anche nel Regno Unito, dove avrà un incontro con la premier Theresa May).

La Cina risponde a Trump: al via i dazi sui prodotti Usa

Oggi sono entrati in vigore i dazi reciproci tra Washington e Pechino, che ha deciso di rispondere alle tariffe statunitensi

La guerra commerciale fra Stati Uniti e Cina è ufficialmente iniziata. Pechino ha annunciato di aver cominciato a imporre tariffe doganali di ritorsione sui beni statunitensi dopo l'entrata in vigore dei dazi per 34 miliardi dollari sulle importazioni cinesi voluti dall'amministrazione Trump. Misure già in vigore ma di cui non sono stati forniti dettagli da Pechino. In ogni caso decisioni che avranno conseguenze sull'economia mondiale, secondo David Qu, economista: "Quello che gli Stati Uniti stano facendo avrà conseguenze di lungo termine sul commercio mondiale. La Cina dovrà considerare come sarà il nuovo modello economico in futuro". All'orizzonte, altri mercati capaci di rimpiazzare quello cinese, non se ne vedono. "Io non vedo nessuna economia che può sostituire la Cina a breve termine per sostituire tutte le mancanze che provocherà questo scenario. Quindi gli Usa dovranno acquistare ancora dalla Cina e dunque i dazi faranno male anche a loro".

Nato, Stoltenberg: è interesse degli Usa mantenere un forte legame con gli alleati

"Abbiamo cominciato a fare" quello che ha chiesto Trump

Il presidente statunitense, Donald Trump, incontrerà gli alleati della Nato la prossima settimana, al vertice di Bruxelles dell'11-12 luglio. Al centro delle discussioni ci sarà senza dubbio la spesa insufficiente dedicata alla difesa della maggior parte dei membri della Nato. Trump, da mesi, chiede agli alleati di rispettare l'impegno a dedicare il 2% del Pil alla difesa e si è recentemente lamentato sia al G7 in Canada, sia nelle lettere che ha inviato a giugno ai capi di Stato e di governo.

Ottimismo a Wall Street, incoraggiata dal rapporto sull'occupazione

Attesa per la scelta del presidente Trump per la Corte Suprema
iStock

Spese per la Difesa, Trump contro gli alleati Nato a due giorni dal summit

Il presidente Usa: "Spendiamo molto più degli altri, non è accettabile". Il vertice a Bruxelles l'11 e 12 luglio
Ap

"Gli Stati Uniti stanno spendendo per la Nato molto più di qualsiasi altro Paese. Questo non è giusto, non è accettabile. Anche se questi Paesi stanno aumentando i loro contributi da quando sono entrato in carica, devono fare molto di più. La Germania è all'1%, gli Stati Uniti al 4%, e dalla Nato trae molto più vantaggio l'Europa, rispetto agli Stati Uniti. Secondo alcuni resoconti, gli Stati Uniti stanno pagando il 90% [delle spese] della Nato, con molti Paesi per nulla vicini all'impegno del 2%. In più, l'Unione europea ha un surplus commerciale di 151 milioni di dollari [in realtà, 151 miliardi di dollari, ndr] con gli Stati Uniti, con grandi barriere commerciali sui prodotti statunitensi. No! ". Lo ha scritto oggi, su Twitter, il presidente statunitense, Donald Trump, che incontrerà gli alleati della Nato al vertice di Bruxelles dell'11-12 luglio.

Stoltenberg rassicura Trump: "Aumenta la spesa degli alleati Nato per la difesa"

Il segretario generale dell'Alleanza in un op-ed sul Wsj: "Solo tre membri spendevano il 2% del Pil in difesa, nel 2014. Quest'anno dovrebbero essere otto". Ma Trump continua a lamentarsi
U.S. Department of Defense

"Nel 2014, solo tre alleati [della Nato], ovvero Stati Uniti, Regno Unito e Grecia, rispettavano l'impegno del 2 per cento. Quest'anno, ci aspettiamo che quel numero salga a otto, con l'aggiunta di Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia e Romania. Inoltre, la maggioranza degli alleati ha in programma di rispettare l'impegno del 2% entro il 2024, con il resto [dei Paesi] che si muove nella giusta direzione". A scriverlo è stato Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato, in un op-ed pubblicato sul Wall Street Journal alla vigilia del summit dell'Alleanza in programma a Bruxelles.

Facebook da record, Zuckerberg diventa la terza persona più ricca del mondo

Superato Buffett: è la prima volta che i tre più ricchi (gli altri sono Bezos e Gates) provengono dal settore tecnologico

Il rialzo del titolo Facebook sul Nasdaq ha consentito al suo amministratore delegato, Mark Zuckerberg, di superare l'investitore Warren Buffett in termini di patrimonio e di diventare la terza persona più ricca del mondo, confermando che il settore tecnologico è il maggior creatore di benessere. Venerd", il titolo ha guadagnato sul Nasdaq il 2,41%, raggiungendo la chiusura record di 203,23 dollari. Il valore delle azioni di Facebook sta aumentando costantemente da giugno, nonostante le pressioni e le polemiche in seguito al cosiddetto scandalo Cambridge Analytica, che alla fine di marzo aveva spinto in ribasso il titolo fino a 152,22 dollari.