Tensioni nel partito democratico dopo la pubblicazioni di email "anti Sanders", ma lui non si scompone

Il presidente del Comitato Nazionale del Partito Democratico non farà nessun intervento alla convention di Philadelphia
AP

A meno di 24 ore dalla convention che incoronerà Hillary Clinton come candidata democratica alla Casa Bianca, il partito è scosso da nuove tensioni dopo la pubblicazione di circa 20.000 email all’interno delle quali ce ne sarebbero alcune che evidenzierebbero la volontà di boicottare la campagna di Bernie Sanders.

Per questo motivo, come riporta Cnn, Debbie Wasserman Schultz, presidente del Comitato Nazionale del Partito Democratico (Dnc) non terrà nessun intervento nella convention di tre giorni che andrà in scena a Philadelphia. A pubblicare le email incriminate, che vanno da gennaio 2015 a maggio scorso, è stato WikiLeaks.

Per Bernie Sanders, intervenuto su Abc, “è un’indecenza" questo tentativo di danneggiarlo, sottolineando che non è shoccato dalla vicenda ma è sicuramente “infastidito e deluso”. Sanders ha inoltre sottolineato che come lui sostiene da molti mesi Wasserman Schultz non dovrebbe essere il presidente del comitato Nazionale del Partito Democratico.

Queste mail, secondo il senatore del Vermont, sono proprio una conferma di quel suo pensiero anche se la ragione principale per cui Wassermann Schultz non dovrebbe occupare la presidenza del Dnc è la necessità di avere un "partito democratico aperto, che avvicini i lavoratori, i giovani e tutti coloro che sono stanchi di confrontarsi con un’economia che fa il bene dell’1% della popolazione mentre la middle class continua a soffrire".

"Credo che lei si debba dimettere e credo che il partito abbia bisogno di un nuovo presidente che ci diriga verso nuove frontiere e che combatta per un’agenda che funzioni per le famiglie dei lavoratori", ha sostenuto sempre Sanders che ha poi sottolineato che ciò che secondo lui ha più importanza è sconfiggere "il peggior candidato alla presidenza" che ha mai visto in vita sua.

“Trump non è qualificato per fare il presidente degli Stati Unit né per il temperamento che dimostra né tantomeno per le idee che porta con sé”, ha affermato il senatore socialista che ha poi continuato il suo attacco a Trump. “Non abbiamo bisogno di un presidente che offende i messicani, gli ispanici, le donne o gli afroamericani, abbiamo bisogno di un presidente che unisca la nazione non che la divida”.

Nelle mail in questione, tra i componenti del partito, si dibatte di ogni cosa, da come trattare con i media a come coordinare le volontà del comitato con i potenti interessi di Washington. Ad aver scatenato il caos sono però quelle nelle quali si fa riferimento al senatore del Vermont. In una di queste si sottolinea che facendo un riferimento esplicito alla fede di Sanders si sarebbe potuto indebolirlo agli occhi degli elettori del sud.

Nella suddetta mail inviata nel maggio scorso, il direttore finanziario del partito, Brad Marshall, chiede al suo interlocutore se si può trovare qualcuno a cui domandare quale sia il credo religioso di Sanders "che si professa ebreo" ma che dovrebbe essere ateo, come letto “da qualche parte” dallo stesso Marshall. Una notizia che potrebbe fare la differenza tra i Battisti del Sud. Marshall, interpellato da Cnn, non ha rilasciato commenti a riguardo ma non è tutto qui. C’è infatti un’altra mail in cui un avvocato da dei consigli allo stesso comitato su come trattare le accuse di Sanders nei confronti dell’ex segretario di Stato che non ha voluto raggiungere un accordo che stabilisse i criteri delle raccolte fondi.

La decisione di non far intervenire Wasserman Schultz è stata presa sabato sera. Un dirigente del partito ha dichiarato all’emittente americana che il presidente del comitato “è stata messa in quarantena” per evitare il caos tra gli elettori e tra i membri del partito che saranno a Philadelphia a partire da lunedì.

Sanders, che ha più volte denunciato la parzialità del partito durante la sua campagna, aveva inizialmente lasciato che a commentare la cosa fosse Jeff Weaver, manager della sua campagna che ai microfoni di Abc ha dichiarato che il senatore e il suo entourage sono "delusi" dal comportamento del comitato.

"Qualcuno dovrà essere ritenuto responsabile", ha dichiarato Weaver alla stessa emittente sottolineando come la stampa americana si sia preoccupata per 48 ore di capire chi della campagna Trump fosse responsabile per il plagio del discorso di Melania ai danni di Michelle Obama. Secondo Waver i messaggi di posta elettronica mostrano la cattiva condotta delle più alte sfere del partito e rafforzerebbe la tesi portata avanti da Sanders in più occasioni che il partito aveva e ha un candidato da spingere verso la Casa Bianca.

"Abbiamo un processo elettorale. Il Dnc, per suo stesso statuto, deve essere neutrale tra i candidati ed è evidente che lo non è stato", ha concluso Weaver. Sanders dovrebbe salire sul palco della convention martedì e in molti sono pronti a scommettere che non lascerà passare sotto silenzio quest’altro "emailgate".

Chi ha espresso subito il proprio punto di vista è stato Donald Trump che ha colto la palla al balzo per attaccare nuovamente la sua rivale utilizzando ovviamente il suo strumento preferito: Twitter. "Le email trapelate mostrano che il Comitato programmava di distruggere Sanders”, si legge in un primo Tweet mentre in altri si sottolinea come il contenuto di queste sia talmente pesante da rendere “impossibile per Sanders sostenere Hillary a meno che anche lui sia un ciarlatano”.

Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Fitch: luci e ombre sull'Italia, ripresa in corso ma rischi politici all'orizzone

L'agenzia lascia il rating a "BBB" con outlook "stabile". Debito pubblico e npl alti. Crescita lenta: nel 2019 il Pil italiano sarà ancora il 4% al di sotto del livello 2007

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Fed: il Wsj fa il tifo per i falchi, il prossimo governatore sia Taylor o Warsh

In un editoriale, il giornale chiede al presidente Donald Trump una "voce fresca" al vertice della banca centrale Usa
Kevin Warsh AP

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft

Utile General Electric -10%, delude per prima volta da 2015

La conglomerata americana è stata penalizzata da costi di ristrutturazione: il nuovo Ceo Flannery ha fatto sapere che i cambiamenti proseguiranno, con la previsione di eliminare asset per oltre 20 miliardi di dollari in uno o due anni.
General Electric