Terna: in cerca di partnership in Usa, presto un ufficio a San Francisco

Il gruppo ha un accordo di collaborazione sulle batterie con Tesla. Piano "accolto bene" dagli investitori a NY, Chicago e Boston, che non percepiscono rischi politici

E' "positivo" il feedback che Terna ha raccolto tra i grandi investitori istituzionali americani. A detta del suo Ceo, Luigi Ferraris, il nuovo piano strategico 2018-2022 presentato il 22 marzo scorso a Milano "è stato accolto bene" anche in Usa, cosa non da poco visto che gli investitori istituzionali esteri detengono complessivamente circa il 47% del capitale sociale del gruppo italiano; essi sono concentrati negli Usa e Canada (13,9%) oltre che in Europa.

Negli incontri che si chiudono oggi a New York City dopo tappe a Chicago e Boston, Ferraris ha incontrato - tra gli altri - rappresentanti di Fidelity, BlackRock, Lazard e Morgan Stanley. E il suo obiettivo è "allargare ulteriormente" la base di investitori che hanno un orizzonte temporale "long", lungo, e che danno sempre più rilevanza alla responsabilità sociale ("cosa che li rende più esigenti").

Nel giorno in cui Fitch ha confermato il rating "BBB+" con outlook stabile - cosa definita dal Ceo "importante" visti i 5,3 miliardi di investimenti previsti al 2022, in aumento del 30% rispetto alla precedente strategia - Ferraris ha voluto sottolineare come negli Stati Uniti "sempre all'avanguardia" il gruppo stia sondando il terreno e tessendo collaborazioni per lo sviluppo di soluzioni tecnologiche che possano aiutare a soddisfare le esigenze di flessibilità e di esercizio in sicurezza del sistema elettrico. Si va dall'adesione al progetto di ricerca del Precourt Institute of Energy dell’Università di Stanford, con cui disegnare gli scenari energetici futuri e definirne i fattori abilitanti tra i quali l’Information Technology. Ma si passa anche dalla Silicon Valley: a San Francisco, Terna si prepara infatti ad aprire un ufficio insieme a Cdp proprio per avere interazioni con le realtà tecnologiche locali. Non lontano c'è Palo Alto, dove ha sede Tesla. Con il produttore di auto elettriche e batterie, Terna ha in corso un accordo di collaborazione sulle batterie "per vedere come stoccare l'energia e come utilizzarla anche per scopi di stabilizzazione della rete". Si tratta di una partnership nella quale, ha detto Ferraris, "stiamo investendo qualche milione insieme". E in merito di elettrificazione dei trasporti privati, il Ceo di Terna ha ricordato che nel piano industriale al 2022 "non c'è alcuna ipotesi" di installazione di colonnine per ricaricare veicoli elettrici: "Non credo che nemmeno possiamo mettere delle colonnine [dal punto di vista normativo attuale]. Ma avendo 70mila Km di linee di alta tensione, dobbiamo capire come vengono dislocate e cosa si tirano dietro. Non agiremo direttamente ma è un argomento da seguire".

Per il Ceo di Terna, è essenziale "seguire l'evoluzione tecnologica per gestire i cambiamenti. Perché bisogna essere al passo". In quest'ottica si inseriscono i molteplici contatti in Usa, anche per vedere se ci sono soggetti che operano come fornitori di soluzioni energetiche per le utility. Ferraris continua a escludere acquisizioni: "E' un po' una parola grossa. Non stiamo parlando di operazioni di M&A ma di partnership che potrebbero anche sottintendere l'ingresso nell'equity da parte nostra. Ma parliamo di soluzioni modeste perché si tratta di trovare soggetti che offrono soluzioni energetiche utilizzabili da noi e anche altri player". Terna guarda dunque alle startup "che sviluppano idee e che possiamo integrare o sfruttare all'interno di quelle che sono le nostre esigenze". Quelle che Terna preferisce chiamare "partnership" implicherebbero eventualmente "un modesto contenuto di capitale".

Forse un po' a sorpresa, nei suoi colloqui con gli investitori "non c'è stata alcuna domanda" sul rischio politico dato in Italia dalle ultime elezioni. "Non ho colto questa preoccupazione ma al contrario un giudizio molto positivo su un piano focalizzato su assumption industriali, come si direbbe qui, 'rock', 'solid', molto robuste". Inoltre, ha aggiunto Ferraris, "i fondamentali dell'economia li vedono positivi. C'è da dire che questa è un'economia guidata prevalentemente dal settore privato perché investimenti infrastrutturali grandi non ne abbiamo fatti ultimamente. Quello potrebbe essere un upside".

Nemmeno il rischio di cyber-attacchi - di cui si parla tanto in Usa - preoccupa Terna che però resta costantemente vigile. "Fino ad ora" non c'è stato alcun allarme in merito a cyber-rischi, che sono "in divenire". Terna "ha investito, sta investendo. Non è mai abbastanza", ha continuato il Ceo ricordando che nel piano industriale sono previsti 600 milioni di euro in digitalizzazione, IT e anche aspetti legati alla sicurezza. Ferraris ha spiegato che "collaboriamo su base giornaliera con le istituzioni, con cui è importante essere in piena sintonia dal momento che gestiamo un asset strategico nazionale". Insomma, anche se una ricetta per combattere le intrusioni di hacker "non c'è" Terna dice di essere "sul pezzo" e questo "richiede anche disciplina delle persone, perché la porta aperta si può lasciare anche in modo banale".

L'unico vero rischio che potrebbe fare deragliare i piani di Terna e dunque il raggiungimento degli obiettivi al 2022 sta nell' "andare lunghi con i tempi per l'esecuzione del piano" stesso. Anche per questo "è importante interloquire con le comunità locali sui singoli progetti in chiave preventiva" al fine di "realizzare le opere che ci siamo impegnati a fare".

Terna lascia New York promettendo di essere "veloce" , "al passo con i tempi" e le trasformazioni tecnologiche, convinta che "l'utile netto possa crescere anche oltre l'orizzonte del piano" (buona premessa per un costante aumento della cedola). Per dirla con Ferraris: all'orizzonte "non ci sono operazioni straordinarie, c'è del lavoro straordinario per realizzare questo piano".

Altri Servizi

Pelosi con Trump: "Non vi avvicinate a Huawei"

La speaker della Camera Usa avverte gli alleati: "Non mettete le vostre comunicazioni in mano a un governo autocratico che non condivide i nostri valori"
Ap

"Questa è la più insidiosa forma di aggressione, avere le comunicazioni, la 5G, dominate da un governo autocratico che non condivide i nostri valori". L'attacco è contro Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni accusato dagli Stati Uniti di essere al servizio del governo di Pechino per spiare l'Occidente, ma l'autore non è, come potrebbe sembrare, il presidente Donald Trump, bensì la democratica Nancy Pelosi, la speaker della Camera, che per una volta, almeno, è della stessa opinione della Casa Bianca.

Oltre mille procuratori americani hanno chiesto le dimissioni di William Barr

Il procuratore generale accusato insieme a Trump di "interferenze nell’amministrazione della Giustizia"
Wikipedia

Più di 1.100 ex procuratori e funzionari del Dipartimento di giustizia, tanto democratici quanto repubblicani, hanno chiesto al procuratore generale William Barr di dimettersi per come ha gestito il caso Stone. La richiesta è arrivata in una lettera aperta in cui sono state condannate "in modo energico le interferenze del presidente Trump e del procuratore generale Barr nell'amministrazione della Giustizia" americana.

Gli Usa valutano lo stop all'export in Cina di motori GE

In ballo c'è la concessione della licenza che permette alla CFM International, una joint venture tra GE e la francese Safran, di incrementare la fornitura alla Cina dei motori a reazione Leap 1C
General Electric

La Casa Bianca sta valutando lo stop alle esportazioni in Cina di motori per aerei prodotti dalla General Electric. A riportare la notizia è il Wall Street Journal secondo cui l’amministrazione Trump potrebbe rifiutare la concessione della licenza che permette alla CFM International, una joint venture tra GE e la francese Safran, di incrementare la fornitura alla Cina dei motori a reazione Leap 1C, utilizzati nello sviluppo del Comac C919: si tratta di un aereo di linea sviluppato dalla Commercial Aircraft Corporation of China, Ltd. (Comac ndr), l'azienda aerospaziale cinese di proprietà statale.

A Wall Street, fa paura il coronavirus

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
AP

Ci sono 607 miliardari negli Usa: solo 5 sono afroamericani

Business Insider analizza la lista di Forbes dei Paperoni d’America
AP

"Diventare miliardari in America non è facile per nessuno, ma lo è ancora di più se sei nero". A dirlo è Business Insider dopo aver analizzato la lista dei 607 Paperoni d’America stilata da Forbes e tra loro solo cinque sono afroamericani. E se qualcuno pensa che questa statistica sia casuale lo studio di consulenza McKinsey rivela esattamente l’opposto. Se nel 1992, il patrimonio netto medio delle famiglie bianche era superiore di 100 mila dollari rispetto a quello delle famiglie nere, nel 2016 è cresciuto di circa 50mila dollari superando i 150 mila dollari. Un divario economico tra bianchi e neri che evidenzia l’abisso di opportunità economiche che separa cittadini bianchi e cittadini neri.

Negli Stati Uniti è il Presidents' Day. Le priorità di Trump: "Dio, famiglia e Paese"

Il presidente Usa è stato ieri alla Daytona 500 del campionato Nascar: c'è da difendere la Florida, a novembre
Ap

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, è stato ieri in Florida per assistere alla Daytona 500, corsa del campionato Nascar, poi rinviata a oggi per il maltempo. Un appuntamento a cui non è voluto mancare per questioni elettorali: è consapevole dell'importanza della Florida, Stato che nel 2016 conquistò con un lieve margine e dove mantiene un tasso di approvazione del 49 per cento. I fan della Nascar, che sono diversi milioni, sono storicamente conservatori, secondo i sondaggi. "I sostenitori della Nascar non dimenticano mai che, a prescindere da chi vince la gara, quello che conta di più sono Dio, la famiglia e il Paese" ha detto Trump, davanti a un autodromo pieno. Tornato ieri sera a Washington, è stato tra gli ospiti del matrimonio del suo consigliere Stephen Miller, l'architetto delle sue politiche contro l'immigrazione.

Wall Street, l'attenzione resta sul coronavirus

Il presidente della Fed, Jerome Powell, atteso da un'altra giornata di testimonianza in Congresso
AP

Usa 2020, primarie in New Hampshire: sorpresa Klobuchar?

Salita al terzo posto nei sondaggi, da lei i 'delusi' di Biden
AP

Amy Klobuchar potrebbe essere la sorpresa delle primarie in New Hampshire, e non solo. La senatrice del Minnesota, sempre convincente nei dibattiti, sta cominciando a riempire i luoghi dei suoi comizi e molti analisti credono che possa togliere molti voti all'ex vicepresidente Joe Biden, in caduta libera in New Hampshire e superato per la prima volta dal senatore Bernie Sanders in un sondaggio nazionale. Potrebbe essere lei, insomma, la candidata dei moderati.

Usa 2020, caucus Iowa: Sanders chiederà il riconteggio

Assegnati 14 delegati a Buttigieg, 12 al senatore del Vermont
Ap

Lo staff elettorale del senatore statunitense Bernie Sanders ha detto che chiederà il 'riconteggio' dei voti ai caucus dell'Iowa, dopo che il partito democratico ha comunicato l'assegnazione dei delegati statali equivalenti (SDE) e del corrispondente numero di delegati alla convention nazionale. L'ex sindaco Pete Buttigieg ha ottenuto 14 delegati "impegnati" (a rispettare il voto popolare), mentre il senatore Bernie Sanders, che è stato il più votato, ne ha ottenuti 12. La senatrice Elizabeth Warren ne ha conquistati otto, l'ex vicepresidente Joe Biden sei e la senatrice Amy Klobuchar uno.

Usa 2020, Buttigieg risponde a Rush Limbaugh: "Amo mio marito e non prendo lezioni sulla famiglia"

Il candidato dem alla Casa Bianca replica alle affermazioni omofobe del commentatore radiofonico di destra
Wikipedia

Pete Buttigieg, candidato democratico alla Casa Bianca apertamente gay, ha replicato alle recenti affermazioni omofobe di Rush Limbaugh, commentatore radiofonico di destra, secondo cui l'America "non è pronta per avere un presidente gay". "Amo mio marito, sono fedele a mio marito. Sul palco solitamente ci abbracciamo e basta, ma lo amo moltissimo", ha detto l'ex sindaco di South Bend in un'intervista rilasciata a Dana Bash nel programma "State of the Union" sulla Cnn nella quale ha poi sottolineato: "Non prendo lezioni sui valori della famiglia da un presentatore radio conservatore".