Terrorismo: Fbi indaga su mille "lupi solitari" in Usa

A ciò si aggiungono altre mille inchieste su sospetti terroristi. Lo ha detto Christopher Wray, il direttore della polizia federale americana

L'Fbi sta indagando in tutti gli Stati Uniti su mille "lupi solitari", persone che si sono radicalizzate spesso su internet e che potrebbero pianificare atti terroristici. A quelle mille inchieste - che al momento rappresentano la priorità anti-terrorismo numero uno della polizia federale statunitense - se ne aggiungono altre mille dedicate a sospetti "terroristi domestici" ossia potenzialmente pronti ad agire su suolo Usa. A fornire questi numeri è stato il direttore dell'Fbi, Christopher Wray.

Parlando ieri a una sottocomissione parlamentare Usa, Wray ha fatto riferimento ai dati sui "lupi solitari" dicendo che "non includono nemmeno le inchieste su al-Qaeda, quelle tradizionali relative all'Isis e le indagini sul terrorismo interno" agli Usa.

Il capo dell'Fbi ha spiegato che il lavoro è reso difficile dal fatto che "non ci sono tante cose che connettono queste persone", che in genere "scelgono target vulnerabili, usano armi facili da utilizzare" come dispositivi esplosivi, coltelli, pistole e vetture.

I numeri delle inchieste all'interno degli Usa confermano quanto detto lo scorso dicembre dallo stesso Wray durante un'altra testimonianza a Capitol Hill: "La buona notizia è che il califfato si sta sbriciolando, e questa è una cosa positiva per tutti noi. La cattiva notizia è che l'Isis sta incoraggiando alcune delle persone reclutate o potenzialmente reclutabili a stare dove si trovano e a commettere attacchi proprio sul territorio nazionale".

Nonostane le indagini citate dal direttore dell'Fbi abbiano raggiunto quota 2.000, i casi in cui gli Stati Uniti hanno perseguito estremisti islamici radicali sono stati pochissimi. Stando a un'analisi di Cnn, il numero di iscrizioni al registro degli indagati o di dichiarazioni di colpevolezza annunciate nel 2018 è stato pari solo a quattro. Si tratta, stando a Cnn, dei numeri più bassi da quando quattro anni fa Washington ha designato lo Stato Islamico come un'organizzazione terrorista straniera. Nel 2015 si era arrivati a 57, l'anno successivo a 34 e nel 2017 a 26. Non è da escludere che le incriminazioni fatte sia superiori ai dati accessibili al pubblico così come è possibile che il numero di arresti da inizio anno vada oltro l'unico annunciato. L'Fbi infatti non comunica l'arresto di un sospetto terrorista se sta ancora indagando su potenziali complici.

"Attualmente, l'Fbi vede l'Isis e gli estremisti estremi cresciuti nel loro Paese come la minaccia terroristica principale per gli Usa", disse Wray a dicembre. Gli ultimi dati da lui forniti confermano che la situazione non è cambiata.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle. 

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.