Terrorismo: Fbi indaga su mille "lupi solitari" in Usa

A ciò si aggiungono altre mille inchieste su sospetti terroristi. Lo ha detto Christopher Wray, il direttore della polizia federale americana

L'Fbi sta indagando in tutti gli Stati Uniti su mille "lupi solitari", persone che si sono radicalizzate spesso su internet e che potrebbero pianificare atti terroristici. A quelle mille inchieste - che al momento rappresentano la priorità anti-terrorismo numero uno della polizia federale statunitense - se ne aggiungono altre mille dedicate a sospetti "terroristi domestici" ossia potenzialmente pronti ad agire su suolo Usa. A fornire questi numeri è stato il direttore dell'Fbi, Christopher Wray.

Parlando ieri a una sottocomissione parlamentare Usa, Wray ha fatto riferimento ai dati sui "lupi solitari" dicendo che "non includono nemmeno le inchieste su al-Qaeda, quelle tradizionali relative all'Isis e le indagini sul terrorismo interno" agli Usa.

Il capo dell'Fbi ha spiegato che il lavoro è reso difficile dal fatto che "non ci sono tante cose che connettono queste persone", che in genere "scelgono target vulnerabili, usano armi facili da utilizzare" come dispositivi esplosivi, coltelli, pistole e vetture.

I numeri delle inchieste all'interno degli Usa confermano quanto detto lo scorso dicembre dallo stesso Wray durante un'altra testimonianza a Capitol Hill: "La buona notizia è che il califfato si sta sbriciolando, e questa è una cosa positiva per tutti noi. La cattiva notizia è che l'Isis sta incoraggiando alcune delle persone reclutate o potenzialmente reclutabili a stare dove si trovano e a commettere attacchi proprio sul territorio nazionale".

Nonostane le indagini citate dal direttore dell'Fbi abbiano raggiunto quota 2.000, i casi in cui gli Stati Uniti hanno perseguito estremisti islamici radicali sono stati pochissimi. Stando a un'analisi di Cnn, il numero di iscrizioni al registro degli indagati o di dichiarazioni di colpevolezza annunciate nel 2018 è stato pari solo a quattro. Si tratta, stando a Cnn, dei numeri più bassi da quando quattro anni fa Washington ha designato lo Stato Islamico come un'organizzazione terrorista straniera. Nel 2015 si era arrivati a 57, l'anno successivo a 34 e nel 2017 a 26. Non è da escludere che le incriminazioni fatte sia superiori ai dati accessibili al pubblico così come è possibile che il numero di arresti da inizio anno vada oltro l'unico annunciato. L'Fbi infatti non comunica l'arresto di un sospetto terrorista se sta ancora indagando su potenziali complici.

"Attualmente, l'Fbi vede l'Isis e gli estremisti estremi cresciuti nel loro Paese come la minaccia terroristica principale per gli Usa", disse Wray a dicembre. Gli ultimi dati da lui forniti confermano che la situazione non è cambiata.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Russiagate, Media Usa: il viceministro della Giustizia si dimette prima di essere licenziato

Rosenstein ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca
AP

Il vicesegretario alla Giustizia statunitense, Rod Rosenstein, avrebbe presentato verbalmente le proprie dimissioni al capo di gabinetto, John Kelly, prima di essere licenziato dal presidente Donald Trump. Lo rivela Axios, citando una fonte a conoscenza dei fatti. "Si aspetta di essere licenziato" e, per questo, ha intenzione di dimettersi, ha aggiunto la fonte.

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Nel mondo, la gente ricomincia ad avere la fiducia che aveva nell'economia nazionale prima della grande recessione di dieci anni fa; notevoli, soprattutto, i miglioramenti registrati in Germania, Giappone, Russia e Stati Uniti, secondo l'ultimo studio del Pew Research Center. Nel complesso, però, non si può non sottolineare che continua a regnare un forte pessimismo per il futuro e che è molto diffusa la nostalgia per il passato, soprattutto in Europa.

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Le accuse contro il giudice Brett Kavanaugh sono "totalmente politiche". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, parlando dell'uomo da lui nominato per la Corte Suprema, accusato di tentato stupro da una donna e ora anche di molestie da un'altra donna.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

L'idea del governo è di "fare una manovra per favorire la crescita del Paese" mantenendo "una traiettoria discendente del debito". Ne è convinto il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, escludendo che siano "mai state sollevate minacce al ministero dell'Economia" e chiedendo alla Ue un maggiore impegno sia in tema di migranti sia di Libia.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Dopo una battaglia di 21 mesi, Sky ha battuto 21st Century Fox nello scontro per l'acquisizione di Sky. Il più grande operatore via cavo degli Stati Uniti ha prevalso nell'asta in tre round imposta dalle autorità britanniche per concludere l'affare riguardante la pay-tv.

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap