Terrorismo, una cooperazione Washington - Mosca tra gli scenari possibili

L'attentato ai mercatini natalizi di Berlino, l'assassinio dell'ambasciatore russo ad Ankara. L'America si stringe vicino a Berlino; con la prossima presidenza Trump si aprono ora anche le ipotesi di una maggiore collaborazione con la Russia sul problema
iStock

Il terrorismo torna a fare paura. L’America ha espresso la propria vicinanza e il proprio cordoglio alla Germania per i morti di Berlino, ma gli Stati Uniti sanno di non essere affatto esenti da un tale rischio. Il timore è che un episodio simile possa verificarsi anche sul suolo americano, a New York ad esempio, dove la città si appresta a celebrare il natale e ad accogliere i numerosi turisti che la scelgono come meta delle proprie vacanze. Le misure di sicurezza sono ai massimi livelli soprattutto in luoghi simbolo come il Rockefeller Center, peraltro poco distante dall’area completamente blindata della Trump Tower, ma la folta presenza delle forze dell’ordine in questi luoghi simbolo non impedisce ad eventuali terroristi di attaccare zone più isolate, raggiungendo comunque il loro obbiettivo. Ed è proprio questa la paura.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

La giornata di ieri è stata segnata anche dall’assassinio dell’ambasciatore russo in Turchia, Andrey Karlov. Le immagini della sua morte, trasmesse in diretta dalla Cnn turca, sono tristemente note: “Noi moriamo ad Aleppo, tu muori qui. Allah è grande”, ha gridato Mevlut Mert Altintas, il suo assalitore, dopo avergli sparato alle spalle. Il ministero degli Esteri russo non ha tardato a definire il suo gesto come ‘un attentato terroristico’, un episodio che se da un lato rischia di minare i già fragili equilibri fra Ankara e il Cremlino, dall’altro potrebbe anche porre le basi per una maggior collaborazione fra Russia e Usa per risolvere questo problema. Il presidente eletto Donald Trump si è infatti più volte dichiarato disposto a lavorare con Mosca da questo punto di vista, e proprio questo potrebbe essere uno degli sviluppi più interessanti del 2017 nel contesto della politica estera e della 'lotta al terrore'.

Gli Stati Uniti hanno nel frattempo chiuso anche l’ultimo capitolo delle elezioni presidenziali 2016. Il Collegio elettorale ha infatti votato ufficialmente per l’elezione di Donald Trump come 45esimo presidente Usa, fugando le ipotesi tanto suggestive quanto irrealistiche della vigilia. Secondo alcuni opinionisti i grandi elettori - che votano in rappresentanza del risultato delle urne nel proprio stato, ma il cui voto di fatto non è vincolato - avrebbero infatti potuto modificare la propria preferenza, considerando ad esempio il vantaggio di Hillary Clinton nel voto popolare e le recenti rivelazioni di una possibile influenza russa sulla campagna. Questo scenario non ha preso corpo e la cerimonia d’insediamento si terrà dunque a Washington il 20 gennaio, giorno in cui Donald Trump si trasferirà alla Casa Bianca e prenderà posto dietro la scrivania nello studio ovale. Sarà proprio da li, forse, che deciderà di coordinare le forze Usa con il Cremlino per sconfiggere la piaga del terrorismo.


Canzone del giorno: Frank Sinatra - Silent Night

Altri Servizi

Alphabet: i conti tengono nonostante la fuga degli inserzionisti da YouTube

Utili in rialzo del 29% nel primo trimestre e ricavi in aumento del 22%. Il cost-per-clickè sceso del 21% sui siti Google
Shutterstock

Alphabet ha chiuso il suo primo trimestre fiscale con utili per 5,43 miliardi, in rialzo dai 4,2 miliardi dello stesso periodo del 2016 (+29%). Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono passati a 7,73 dollari da 6,02 dollari ma gli analisti si aspettavano quota 7,39 dollari. I ricavi sono aumentati del 22% a 24,75 miliardi, oltre le attese per 24,22 miliardi.

Amazon: nel primo trimestre, utili e ricavi cresciuti più delle stime

La divisione di cloud computing continua a premiare. Svelate per la prima volta le vendite associate alla logistica. Nuovo record per il titolo del gruppo
AP

Amazon ha chiuso il primo trimestre del 2017 con utili saliti annualmente del 41% e ricavi in aumento del 23% superando le stime degli analisti.

Trump promette taglio tasse corporate al 15%, resta nodo coperture. Mnuchin: riforma storica

Si rispolvera la teoria che l'economista Arthur Laffer aveva delineato nel 1974: i tagli delle tasse si "pagheranno" da soli con la crescita economica innescata dalla riduzione fiscale.

La tanto attesa proposta di Donald Trump sulla riforma fiscale americana sarà presentata oggi, attorno alle 19.30 italiane. Qualche dettaglio, confermato per altro dal segretario al Tesoro Steven Mnuchin durante un evento a Washington, si sa già: il presidente proporrà un alleggerimento della tassazione dei profitti generati all'estero e una riduzione dell'aliquota corporate dal 35 al 15%, un taglio maggiore di quello al 28% ipotizzato, senza successo, da Barack Obama e di quello al 25% suggerito dai repubblicani nel 2014.

United: i bonus diventano legati all'esperienza dei passeggeri

Il Ceo non assumerà automaticamente il ruolo di presidente del cda nel 2018, come previsto. La compagnia aerea si riorganizza dopo le polemiche legate al passeggero prelevato violentemente da un aereo in overbooking
United

Bonus dei dipendenti legati all'esperienza dei passeggeri e niente promozione automatica dell'amministratore delegato. Sono queste le principali modifiche organizzative decise da United Airlines, la compagnia aerea travolta dalle polemiche dopo che la polizia aeroportuale di Chicago aveva prelevato di peso un passeggero da un aereo in overbooking della compagnia. Il risultato? L'uomo ultra sessantenne ha perso due denti, ha subito una concussione oltre a una frattura del naso. L'azienda ha rimborsato tutti i passeggeri di quel volo e ha dato il via a un'inchiesta interna.

Trump svela la "maggiore riforma fiscale dal 1986", ma mancano i dettagli

Proposto un taglio dell'aliquota aziendale al 15% dal 35%. Raddoppiato il livello di redditi non tassati per le famiglie. Eliminata la tassa di successione. Obiettivo: spingere crescita (per coprire le entrate che veranno a mancare)

Donald Trump l'ha definita "grandiosa". Il suo consigliere economico la considera "un'opportunità che capita una volta per generazione". Il segretario al Tesoro crede che sia un mezzo per portare ad almeno il 3% la crescita annua degli Stati Uniti alimentando l'occupazione e convincendo le aziende americane a rimpatriare "migliaia di miliardi di dollari" di utili parcheggiati all'estero. Ma la riforma fiscale presentata oggi dalla Casa Bianca come la "maggiore dal 1986" non ha stupito praticamente nessuno, nemmeno gli investitori che a Wall Street hanno fatto perdere slancio agli indici. Il motivo è semplice: il 45esimo presidente Usa vuole s" promuovere "uno dei maggiori tagli delle tasse nella storia Usa" ma i dettagli scarseggiano, anche su come coprire le entrate nelle casse del fisco che verrebbero a mancare.

Pagato dalla Russia, il Pentagono apre un'indagine su Flynn

Ha ricevuto denaro senza autorizzazione dell'esercito come generale in pensione. Si intensificano le polemiche sull'ex consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Trump, dimessosi dopo meno di un mese dal suo giuramento

Dal muro con il Messico alla riforma fiscale: i primi 100 giorni di Trump

Un periodo trascorso tra promesse, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni. Tra i momenti più importanti, il record del Dow Jones, la bocciatura della riforma sanitaria alla Camera, gli screzi con gli alleati della Nato, i missili lanciati in Siria

O'Sullivan a Trump: senza Europa, niente America Great Again

L'ambasciatore Ue negli Stati Uniti, da New York, critica il focus dell'amministrazione Usa sugli accordi bilaterali e sui deficit commerciali. Il presidente americano non è cheerleader dell'integrazione Ue ma ha bisogno di Vecchio Continente prospero