Tesla: cda diviso sul buyout sognato da Musk, analisti scettici

AP

L'irriverente Elon Musk riuscirà davvero a delistare la sua Tesla realizzando un buyout a debito piuttosto costoso? E' quello che si chiedono esperti e analisti all'indomani di una serie controversa di tweet in cui il fondatore e Ceo del produttore americano di auto elettriche ha annunciato che sta valutando se trasformare Tesla in un'azienda non più quotata acquistando le azioni in circolazione a 420 dollari, un'offerta che valuterebbe il gruppo 82 miliardi di dollari (debito incluso). Per ora una decisione finale non è stata presa ma Musk, ha poi detto ieri in un memo ai dipendenti, pensa che quella indicata sia la strada giusta da percorrere. Il cda del gruppo oggi ha ammesso che "la settimana scorsa" Musk ha iniziato a parlarne e che da allora il board "si è riunito varie volte e sta compiendo i passi appropriati per valutare" una simile mossa. Va notato tuttavia che sei sui nove membri del cda si sono sentiti in dovere di dire qualcosa. A non firmare la nota diffusa sono stati Musk, il fratello Kimbal e un venture capitalist. I dubbi del mercato su una simile operazione abbondano, visto che l'azienda ha un flusso di cassa negativo, non è redditizia (ma dovrebbe iniziare a esserlo dal trimestre in corso) e pur avendo finito il secondo trimestre con 2,2 miliardi di cash ha un debito di oltre 10 miliardi di dollari. C'è poi chi teme che l'autorità di borsa Usa, la Sec, possa accendere un faro sulle modalità scelte da Musk per comunicare le sue intenzioni.

Dove sono i fondi per finanziare il buyout?
A non convincere è quanto contenuto nel primo tweet di ieri di Musk. 'Funding secured', ha scritto il Ceo di Tesla suggerendo che ci sono i soldi per realizzare un buyout. Peccato che l'azienda non abbia detto da dove quei fondi arrivano e nessuno si è fatto avanti pubblicamente dicendo di sostenere il piano. Persino il cda su questo è stato vago. Secondo Colin Langan, analista di Ubs che consiglia di "vendere" il titolo Tesla, "svelare notizie di questa natura via Twitter è senza precedenti e potrebbe rappresentare una frode se Tesla non ha già i finanziamenti pronti". Secondo lui, un buyout "richiede la partecipazione di molte banche e investitori istituzionali e crediamo che se le discussioni per ottenere fondi ci fossero già state, ci sarebbe già stata una fuga di notizie".

John Murphy, di Bank of America Merrill Lynch, vede "almeno tre potenziali fonti di capitale" nei soci esistenti: il fondo sovrano saudita, che secondo l'FT ha una quota del 3-5%, il governo cinese e fondi di investimento. L'analista resta comunque scettico sul titolo, di cui ha un rating "underperform".

Stando alla stampa americana che ha sentito banche e fondi d'investimento, a nessuno risulta alcun piano per finanziare il buyout del produttore della Model S.

Chi sono gli investitori che sostengono l'operazione?
Un altro tweet di Musk è oggetto di dibattito: "Il supporto degli investitori è confermato. L'unica ragione per cui questa [operazione di buyout] non è certa è che dipende dal voto dei soci". Ryan Brinkman, analista di JP Morgan, ha fatto riferimento ai 'cinguettii' e al blog post successivo per dire che "per quanto questi sviluppi siano sorprendenti, e per quanto scarseggino i dettagli su chi dovrebbe fornire i finanziamenti necessari e a che termini, [quelle di Musk] sono dichiarazioni comunque affermative da parte di un Ceo di un'azienda quotata e in quanto tali dovrebbero essere prese seriamente". JP Morgan continua comunque a credere che, sulla base dei soli fondamentali, Tesla valga in borsa 195 dollari ma alla luce degli ultimi sviluppi il target price è stato alzato a 308 dollari, comunque sotto i 374 dollari a cui viende attualmente scambiato.

Un buyout con gli azionisti (retail) esistenti?
Montano i dubbi anche sul fatto che, stando a Musk, "i soci possono o vendere [i loro titoli] a 420 [dollari] o tenere le azioni" anche se l'azienda non sarà più quotata. Il Ceo di Tesla ha parlato della creazione di un fondo speciale che permetterebbe ai soci attuali - anche quelli retail - di restare tali. Toni Sacconaghi, analista di Bernstein, ha spiegato: "Non crediamo che ci sia un simile precedente" per questo lui vede solo il 15% di probabilità che il buyout si realizzerà.

E' normale che fondatori, executive e investitori istituzionali girino le loro partecipazioni in un fondo pensato per finanziare un leveraged buyout ma praticamente mai gli investitori individuali hanno avuto una tale chance. Stando a FactSet, solo il 12% degli investitori di Tesla è composto da individui; il 25% comprende insider di cui il 20% fa capo a Musk. Il resto del capitale è nelle mani di istituzioni come T. Rowe Price Associates (9,1%), Fidelity (8,2%), Baillie Gifford (7,7%) e la cinese Tencent Holdings (4,9%).

Anche Jeffrey Osborne, di Cowen, è scettico: "Un modello di leveraged buyout non funzionerebbe se gli investitori attuali dovessero restare come dice Musk". L'analista, che su Tesla a un rating "underperform", ha fatto notare che non è stato spiegato cosa succederebbe ai bond dell'azienda. Se restassero in circolazione, Musk sarebbe costretto allo scrutinio trimestrale che ambisce a evitare con un delisting del gruppo.

Chi potrebbe remare contro
A rendere meno probabile la realizzazione del piano controverso del Ceo di Tesla potrebbe essere la contrarietà dei soci. Il caso Dell insegna: nel 2013 il fondatore e socio Michael Dell riuscì, ma a fatica, a delistare il produttore di pc, poi quotato nuovamente come Dell Technologies. Destino diverso per il retail del lusso Nordstrom: i piani per un delisting dell'azienda sono falliti più volte.

A non piacere ai soci che decidono di vendere i loro titoli potrebbero essere le tasse che dovrebbero versare sul ricavato.

I soci inoltre potrebbero esigere di più dei 420 dollari ad azione promessi, una cifra secondo alcuni analisti buttata lì per caso e che secondo il popolo della rete richiama al 20 aprile, giorno in cui gli amanti della cannabis festeggiano. Ben Kallo, analista di Baird, è convinto che i 420 dollari non rappresentino un "premio adeguato" per una transazione di questo tipo e quindi "crediamo che i soci chiederanno di più, cosa che potrebbe spingere il titolo oltre i 420 dollari", specialmente se i trader ribassisti sono costretti a rivedere le loro posizioni. Per questo il target price fissato da Kallo è pari a 411 dollari.

Il rischio per Musk
Se il buyout non si realizzerà, i regolatori potrebbero sostenere che il Ceo di Tesla ha rilasciato commenti falsi risultanti in una manipolazione delle quotazioni. In genere, la Sec permette alle aziende quotate la diffusione di notizie via social media a patto che i soci siano stati avvertiti che simili canali possono essere usati in aggiunta ai documenti da depositare presso l'autorità. Tesla fece quell'avvertimento nel novembre 2013. Il destino del fatidico buyout non sta però nelle sole mani di Musk. La parola finale spetta al cda, che pare appunto diviso.

Una sola cosa è certa, a detta di Stephen Guilfoyle, che opera dal floor del Nyse. "Tutto quello che ieri Elon Musk ha fatto, oltre a comportarsi in modo assurdo, è forzare uno short squeeze", che si verifica quando i cosiddetti short seller (tanto criticati dal Ceo di Tesla) chiudono le loro scommesse sul ribasso di un titolo (che ieri è balzato dell'11%). Se qualcosa non succederà, "qualcuno sarà molto arrabbiato. Questo è davvero tutto quello che sappiamo". Le cause legali potrebbero fioccare. E il posto di Musk al vertice dell'azienda potrebbe essere in dubbio.

Altri Servizi

Mueller: nessuna collusione con la Russia. Trump esulta

Prove insufficienti per dimostrare il contrario ma il procuratore speciale non esclude che il presidente abbia ostacolato il corso della giustizia. E' il segretario alla Giustizia a determinare che non ha commesso alcun crimine

Tra la campagna di Donald Trump e la Russia non c'è stata collusione. E' questa la conclusione a cui è giunto Robert Mueller, il procuratore speciale che venerdì 22 marzo aveva concluso dopo 22 mesi la sua inchiesta sul cosiddetto Russiagate. Se lui non si è sentito di escludere che Trump abbia ostacolato il corso della giustizia, è stato il segretario della Giustizia ad avere deciso che su questo il 45esimo presidente non si è macchiato di alcun crimine. E così la Casa Bianca ha subito festeggiato sostenendo che il leader Usa è stato "totalmente" assolto. 

Wall Street corre con i tech guidati da Apple

Incertezze sui negoziati Usa-Cina. Si digeriscono i segnali misti giunti dalla Fed
iStock

Fca: Elkann aperto a un merger (FT)

Il produttore italo-americano di auto avrebbe avuto contatti non solo con la francese Peugeot ma anche con gruppi cinesi e coreani
Fca

Il presidente di Fiat Chrysler Automobiles, John Elkann, sarebbe disposto a riaprire il capitolo dei merger. L'erede della famiglia Agnelli, azionista principale del produttore italo-americano di auto, vorrebbe diluire la partecipazione di Exor, la cassaforte di famiglia, in Fca se il gruppo unirà le forze con un'azienda rivale. E' il Financial Times a scriverlo, due giorni dopo indiscrezioni del Wall Street Journal secondo cui all'inizio del 2019 il francese PSA Group, che controlla il marchio Peugeot, aveva contatto Fca per un merger che avrebbe creato un gruppo da 45 miliardi di di dollari; stando al Wsj, proprio gli Agnelli sarebbero stati contrari.

Shutterstock

A febbraio, il deficit di bilancio negli Stati Uniti ha raggiunto un record superando quello di sette anni fa. E' il risultato di un aumento delle spese federali e di un calo delle entrate garantite dalle tasse versate da persone e aziende. Ciò riflette la politica fiscale espansiva voluta dall'amministrazione Trump, che prima del Natale 2017 approvò la maggiore riforma fiscale (con taglio delle aliquote) dagli anni '80.

Apple punta sui servizi con video, notizie e carta di credito

Oprah Winfrey, Steven Spielberg, J.J. Abrams e Jennifer Aniston tra le personalità reclutate per produrre contenuti orginali

Quasi tre mesi dopo avere annunciato un raro taglio delle stime sui ricavi, colpa della debolezza del suo iPhone, Apple punta sui servizi. Dal Steve Jobs Theatre a Cupertino, in California, il Ceo Tim Cook ha lanciato un nuovo servizio di notizie, un nuovo sistema di pagamento con carta di credito, un servizio di abbonamento per videogiochi, una app per l'Apple TV e TV+, il tanto atteso servizio di video in streaming su abbonamento. Con contenuti originali, il colosso tech sfida Netflix, Amazon ma anche Walt Disney.

Levi Strauss torna in borsa e fa il botto

Per un giorno il Nyse fa uno strappo alla regola e consente l'uso dei jeans ai trader che popolano il floor del Nyse

Ritorno in borsa con il botto per Levi Strauss. Il titolo del produttore di jeans -  già quotato nel 1971 e poi delistato nel 1984 - ha iniziato gli scambi a 22,22 dollari, in rialzo del 30,7% sul prezzo di collocamento fissato il giorno precedente a 17 dollari. Già quello era stato un segnale della forte domanda degli investitori, visto che la forchetta precedentemente indicata era pari a 14-16 dollari. La sua prima giornata di scambi è finita in aumento di quasi il 32% a 22,41 dollari.

Russiagate: il rapporto di Mueller resta (almeno per ora) top secret

Trump stranamente silenzioso. I suoi supporter pronti a festeggiare l'assenza di nuove incriminazioni. I Dem premono per la pubblicazione del documento
Da sinistra, Robert Mueller e Adam Schiff AP

Non prima di domenica. Il contenuto del rapporto consegnato venerdì 22 marzo da Robert Mueller al segretario alla Giustizia resterà top secret almeno per un altro giorno.

Enron: dopo la truffa, l'ex Ceo lascia il carcere e ci riprova

Secondo fonti del Wall Street Journal, Jeffrey Skilling sta discutendo con ex colleghi una nuova impresa nel settore energetico
AP

Dopo oltre 12 anni di carcere, l'uomo al centro di uno dei più grandi scandali della storia aziendale americana intende tornare a mettere piede nel settore in cui è diventato simbolo di una bancarotta fraudolenta: quello energetico. L'ex Ceo di Enron, Jeffrey Skilling, ha lasciato la prigione dopo essere stato incriminato nel 2006 per frode, cospirazione e insider trading. E' sotto la sua guida che Enron è fallita nel giro di pochi mesi nel 2001 a causa di pratiche contabili tutt'altro che lecite che hanno messo fine alla società di revisione Arthur Andersen.