Tesla: cda diviso sul buyout sognato da Musk, analisti scettici

AP

L'irriverente Elon Musk riuscirà davvero a delistare la sua Tesla realizzando un buyout a debito piuttosto costoso? E' quello che si chiedono esperti e analisti all'indomani di una serie controversa di tweet in cui il fondatore e Ceo del produttore americano di auto elettriche ha annunciato che sta valutando se trasformare Tesla in un'azienda non più quotata acquistando le azioni in circolazione a 420 dollari, un'offerta che valuterebbe il gruppo 82 miliardi di dollari (debito incluso). Per ora una decisione finale non è stata presa ma Musk, ha poi detto ieri in un memo ai dipendenti, pensa che quella indicata sia la strada giusta da percorrere. Il cda del gruppo oggi ha ammesso che "la settimana scorsa" Musk ha iniziato a parlarne e che da allora il board "si è riunito varie volte e sta compiendo i passi appropriati per valutare" una simile mossa. Va notato tuttavia che sei sui nove membri del cda si sono sentiti in dovere di dire qualcosa. A non firmare la nota diffusa sono stati Musk, il fratello Kimbal e un venture capitalist. I dubbi del mercato su una simile operazione abbondano, visto che l'azienda ha un flusso di cassa negativo, non è redditizia (ma dovrebbe iniziare a esserlo dal trimestre in corso) e pur avendo finito il secondo trimestre con 2,2 miliardi di cash ha un debito di oltre 10 miliardi di dollari. C'è poi chi teme che l'autorità di borsa Usa, la Sec, possa accendere un faro sulle modalità scelte da Musk per comunicare le sue intenzioni.

Dove sono i fondi per finanziare il buyout?
A non convincere è quanto contenuto nel primo tweet di ieri di Musk. 'Funding secured', ha scritto il Ceo di Tesla suggerendo che ci sono i soldi per realizzare un buyout. Peccato che l'azienda non abbia detto da dove quei fondi arrivano e nessuno si è fatto avanti pubblicamente dicendo di sostenere il piano. Persino il cda su questo è stato vago. Secondo Colin Langan, analista di Ubs che consiglia di "vendere" il titolo Tesla, "svelare notizie di questa natura via Twitter è senza precedenti e potrebbe rappresentare una frode se Tesla non ha già i finanziamenti pronti". Secondo lui, un buyout "richiede la partecipazione di molte banche e investitori istituzionali e crediamo che se le discussioni per ottenere fondi ci fossero già state, ci sarebbe già stata una fuga di notizie".

John Murphy, di Bank of America Merrill Lynch, vede "almeno tre potenziali fonti di capitale" nei soci esistenti: il fondo sovrano saudita, che secondo l'FT ha una quota del 3-5%, il governo cinese e fondi di investimento. L'analista resta comunque scettico sul titolo, di cui ha un rating "underperform".

Stando alla stampa americana che ha sentito banche e fondi d'investimento, a nessuno risulta alcun piano per finanziare il buyout del produttore della Model S.

Chi sono gli investitori che sostengono l'operazione?
Un altro tweet di Musk è oggetto di dibattito: "Il supporto degli investitori è confermato. L'unica ragione per cui questa [operazione di buyout] non è certa è che dipende dal voto dei soci". Ryan Brinkman, analista di JP Morgan, ha fatto riferimento ai 'cinguettii' e al blog post successivo per dire che "per quanto questi sviluppi siano sorprendenti, e per quanto scarseggino i dettagli su chi dovrebbe fornire i finanziamenti necessari e a che termini, [quelle di Musk] sono dichiarazioni comunque affermative da parte di un Ceo di un'azienda quotata e in quanto tali dovrebbero essere prese seriamente". JP Morgan continua comunque a credere che, sulla base dei soli fondamentali, Tesla valga in borsa 195 dollari ma alla luce degli ultimi sviluppi il target price è stato alzato a 308 dollari, comunque sotto i 374 dollari a cui viende attualmente scambiato.

Un buyout con gli azionisti (retail) esistenti?
Montano i dubbi anche sul fatto che, stando a Musk, "i soci possono o vendere [i loro titoli] a 420 [dollari] o tenere le azioni" anche se l'azienda non sarà più quotata. Il Ceo di Tesla ha parlato della creazione di un fondo speciale che permetterebbe ai soci attuali - anche quelli retail - di restare tali. Toni Sacconaghi, analista di Bernstein, ha spiegato: "Non crediamo che ci sia un simile precedente" per questo lui vede solo il 15% di probabilità che il buyout si realizzerà.

E' normale che fondatori, executive e investitori istituzionali girino le loro partecipazioni in un fondo pensato per finanziare un leveraged buyout ma praticamente mai gli investitori individuali hanno avuto una tale chance. Stando a FactSet, solo il 12% degli investitori di Tesla è composto da individui; il 25% comprende insider di cui il 20% fa capo a Musk. Il resto del capitale è nelle mani di istituzioni come T. Rowe Price Associates (9,1%), Fidelity (8,2%), Baillie Gifford (7,7%) e la cinese Tencent Holdings (4,9%).

Anche Jeffrey Osborne, di Cowen, è scettico: "Un modello di leveraged buyout non funzionerebbe se gli investitori attuali dovessero restare come dice Musk". L'analista, che su Tesla a un rating "underperform", ha fatto notare che non è stato spiegato cosa succederebbe ai bond dell'azienda. Se restassero in circolazione, Musk sarebbe costretto allo scrutinio trimestrale che ambisce a evitare con un delisting del gruppo.

Chi potrebbe remare contro
A rendere meno probabile la realizzazione del piano controverso del Ceo di Tesla potrebbe essere la contrarietà dei soci. Il caso Dell insegna: nel 2013 il fondatore e socio Michael Dell riuscì, ma a fatica, a delistare il produttore di pc, poi quotato nuovamente come Dell Technologies. Destino diverso per il retail del lusso Nordstrom: i piani per un delisting dell'azienda sono falliti più volte.

A non piacere ai soci che decidono di vendere i loro titoli potrebbero essere le tasse che dovrebbero versare sul ricavato.

I soci inoltre potrebbero esigere di più dei 420 dollari ad azione promessi, una cifra secondo alcuni analisti buttata lì per caso e che secondo il popolo della rete richiama al 20 aprile, giorno in cui gli amanti della cannabis festeggiano. Ben Kallo, analista di Baird, è convinto che i 420 dollari non rappresentino un "premio adeguato" per una transazione di questo tipo e quindi "crediamo che i soci chiederanno di più, cosa che potrebbe spingere il titolo oltre i 420 dollari", specialmente se i trader ribassisti sono costretti a rivedere le loro posizioni. Per questo il target price fissato da Kallo è pari a 411 dollari.

Il rischio per Musk
Se il buyout non si realizzerà, i regolatori potrebbero sostenere che il Ceo di Tesla ha rilasciato commenti falsi risultanti in una manipolazione delle quotazioni. In genere, la Sec permette alle aziende quotate la diffusione di notizie via social media a patto che i soci siano stati avvertiti che simili canali possono essere usati in aggiunta ai documenti da depositare presso l'autorità. Tesla fece quell'avvertimento nel novembre 2013. Il destino del fatidico buyout non sta però nelle sole mani di Musk. La parola finale spetta al cda, che pare appunto diviso.

Una sola cosa è certa, a detta di Stephen Guilfoyle, che opera dal floor del Nyse. "Tutto quello che ieri Elon Musk ha fatto, oltre a comportarsi in modo assurdo, è forzare uno short squeeze", che si verifica quando i cosiddetti short seller (tanto criticati dal Ceo di Tesla) chiudono le loro scommesse sul ribasso di un titolo (che ieri è balzato dell'11%). Se qualcosa non succederà, "qualcuno sarà molto arrabbiato. Questo è davvero tutto quello che sappiamo". Le cause legali potrebbero fioccare. E il posto di Musk al vertice dell'azienda potrebbe essere in dubbio.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Gli Usa celebrano Martin Luther King (e Pence lo paragona a Trump)

Oggi è il giorno festivo dedicato al leader della lotta per i diritti civili, premio Nobel per la Pace, ucciso nel 1968

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.

L'attivismo di Elliott mette il turbo a eBay

Il fondo di Paul Singer chiede scorpori di attività per potenziare il valore del sito di aste online
iStock

EBay ha preso il volo a Wall Street, dove il titolo sale dell'8% a 33,5 dollari. A mettere il turbo al titolo del gruppo di aste online è l'attivismo di due investitori che puntano a scorporarne alcune attività per sprigionarne il valore.