Tesla: compensi del Ceo Musk legati a target ambiziosi

Il gruppo punta a una capitalizzazione di 650 miliardi di dollari
AP

Tesla ha rivisto il modo in cui calcola i compensi complessivi da elargire al suo amministratore delegato; essi saranno legati a target aziendali particolamente ambiziosi, come il raggiungimento di una capitalizzazione da 650 miliardi di dollari (un miraggio visto che attualmente il valore di mercato del produttore di auto elettriche è di 59,3 miliardi di dollari).

Il nuovo piano decennale - che deve ancora essere approvato dai soci e che è stato pensato su quello stabilito nel 2012 - prevede che i compensi futuri di Musk siano pagati interamente in stock option, esercitabili solo se l'azienda raggiunge determinati livelli di capitalizzazione e target finanziari legati a ricavi ed Ebitda. Musk riceverà opzioni equivalenti all'1% del flottante di Tesla per ognuno di quei target raggiunti. Nel peggiore dei casi, potrebbe restare con le tasche vuote.

Il piano di stock option decennale è in 12 tranche. Per esempio, una scatterebbe se Tesla raggiungesse una capitalizzazione di 100 miliardi di dollari, se i ricavi toccassero quota 20 miliardi (nel 2016 sono stati pari a 7 miliardi) e l'Ebitda arrivasse a 1,5 miliardi. Per ricevere il pacchetto completo di stock option, Tesla dovrebbe arrivare a valere in Borsa 650 miliardi di dollari.

Per Tesla, il raggiungimento di determinati target non dovrebbe essere difficile visto che il suo valore di mercato cresce da anni nonostante stime di produzione non centrate; ricavi ed Ebitda inoltre dovrebbero beneficiare del lancio del Model 3, la berlina pensata per il mercato di massa. La mossa è volta a tenere Musk al vertice di Tesla per anni anche se non esclude che possa lasciare ad altri la gestione giornaliera dell'azienda (diversamente del piano del 2012 che prevedeva che Musk restasse Ceo e che la capitalizzazione raggiungesse i 43,2 miliardi entro il 2022). E' l'azienda stessa ad avere spiegato la logica dell'iniziativa: "Questo garantisce che Elon continui a guidare il management di Tesla nel lungo termine e allo stesso tempo fornisce flessibità per avere un altro Ceo che risponda del suo operato a Elon a un certo punto nel futuro. Anche se al momento non c'è alcuna intenzione che questo succeda, la soluzione offre flessibilità mentre Tesla continua a crescere permettendo potenzialmente a Elon di focalizzarsi di più sui prodotti e le strategie che contano maggiormente per la crescita di lungo termine e la redditività di Tesla".

Musk, a capo anche di altre aziende come SpaceX, lo scorso maggio disse agli analisti che il raggiundimento di una capitalizzazione di 700 miliardi non è impossibile: "Potrei essere completamente delirante ma credo di vedere una strada chiara verso quel valore".

Tesla sale dello 0,45% a 343,13 dollari; da inizio anno aumentano del 14% e negli ultimi 12 mesi ha guadagnato il 42%.

Altri Servizi

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Ford riprende la produzione di pickup F-Series, lo stop peserà su utili Q2

Il gruppo ha confermato le guidance per l'intero esercizio

Ford sta per riprendere prima del previsto la produzione di uno dei suoi veicoli più popolari e redditizi parte della famiglia di pick-up truck F-Series. Lo stop c'era stato dopo un incendio che il 2 maggio aveva colpito un suo fornitore, Meridian Magnesium Products of America con sede in Michigan, causando una carenza di componentistica.

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock