Tesla: Musk dice che il fondo sovrano saudita finanzierà il buyout

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Mentre l'autorità di borsa indaga sui 'cinguettii' e un paio di azionisti ha fatto causa, Musk ha confermato indiscrezioni di stampa dicendo che il fondo sovrano saudita ha rastrellato una quota di quasi il 5% nel produttore di auto elettriche. 

L'irriverente Ceo ha inoltre spiegato perché in uno dei tweet aveva scritto che i fondi per realizzare il buyout ci sono ("Funding secured") e che "il supporto degli investitori è confermato". "Tornando indietro due anni fa", ha scritto nel blog post, "il fondo sovrano saudita mi ha contattato varie volte per rendere Tesla un gruppo privato". Stando a Musk, il primo incontro tra le due parti ci fu all'inizio del 2017; altri meeting sono seguiti nei 12 mesi successivi, nei quali i sauditi "hanno ribadito il loro interesse cercando di andare avanti con una transazione" con cui Tesla non sarebbe più un'azienda quotata. "Ovviamente, il fondo sovrano ha capitali più che sufficienti per eseguire una tale transazione", ha scritto Musk aggiungendo: "Recentemente, dopo l'acquisto da parte del fondo saudita di quasi il 5% di titoli Tesla sul mercato, ci ha contattato per un altro incontro. Quella riunione si è tenuta il 31 luglio". Durante il meeting, il managing director del fondo ha nuovamente espresso il suo sostegno per finanziare "in questo momento" un buyout di Tesla. "Da quel che ho capito da lui, non c'era bisogno di altre persone per prendere una decisione e che [i sauditi] erano impazienti di procedere. Ho lasciato quell'incontro del 31 luglio senza alcun dubbio sul fatto che un accordo con il fondo sovrano saudita potesse essere chiuso e che era solo questione di avviare l'iter". Ecco perché, su Twitter, il Ceo di Tesla aveva scritto "Funding secured".

Musk ha spiegato di "continuare ad avere discussioni con il fondo saudita" e con "altri investitori, cosa che ho sempre pianificato di fare visto che mi piacerebbe che Tesla continuasse ad avere una base ampia di investitori".

Il Ceo di Tesla prende di fatto tempo dicendo che "è appropriato completare queste discussioni prima di presentare una proposta dettagliata a un comitato indipendente". Intanto, ha detto Musk, i sauditi dopo il 7 agosto hanno nuovamente espresso il loro sostegno "soggetto a una due diligence" e hanno chiesto "dettagli addizionali su come l'azienda verrebbe delistata, inclusi i requisiti regolatori". Musk ha inoltre precisato che quello che lui ha in mente non è un leveraged buyout standard perché l'operazione sarà finanziata da titoli e non da debito. "Non credo che sarebbe saggio appesantire Tesla con un aumento significativo del debito", già superiore ai 10 miliardi di dollari.

Ecco perché, secondo lui, i 70 miliardi di dollari che secondo gli analisti sono necessari per ricomprare Tesla e delistarla indicano un valore "totalmente eccessivo" rispetto ai capitali secondo lui necessari. I 420 dollari ad azione offerti da Musk per ricomprare titoli Tesla "sarebbero pagati solo ai soci che non resteranno nell'azienda se diventa privata. La mia stima attuale è che circa due terzi dei titoli in mano agli attuali investitori verrebbero girati nella Tesla privata".

Rivendicando la corretta tempistica dei suoi tweet, Musk ha spiegato di avere contattato advisor "per studiare una gamma di potenziali opzioni". "Se e quando una proposta finale sarà presentata, un processo appropriato di valutazione sarà svolto da un comitato speciale del cda di Tesla, che credo sia già in via di formazione". Se il piano verrà approvato, la parola passerà ai regolatori e poi il piano stesso verrà presentato ai soci per un voto. 

Il Ceo di Tesla non ne ha parlato ma non è escluso che il Committee on Foreign Investment americano - quello che ha fatto saltare il takeover di Qualcomm da parte di Broadcom - indaghi sul buyout visto che tra i soci del gruppo figurano non solo i sauditi anche la cinese Tencent. Mentre montano i dubbi che Pif - già in difficoltà nel finanziare i suoi impegni attuali - sia pronto ad aumentare la sua quota in Tesla e che abbia i fondi per farlo, Morgan Stanley spiega che la quota di Musk nella sua società spaziale SpaceX potrebbe essere sfruttata per finanziare il buyout. SpaceX, fondata come Tesla da Musk, potrebbe investire direttamente nel produttore di auto elettriche come parte di una partner strategica. Secondo Morgan Stanley, che ha confermato il rating "equal-weight" con target price a 291 dollari, la quota del 54% di Musk in SpaceX vale oltre 15 miliardi.

Altri Servizi

Russiagate: cosa Mueller vuole capire con l'aiuto di Manafort

L'ex direttore della campagna Trump pronto a collaborare con il procuratore speciale

Non è chiaro se Paul Manafort sia in possesso di informazioni potenzialmente dannose per Donald Trump, ma il suo mea culpa e l'impegno a collaborare "pienamente" con gli inquirenti danno al procuratore speciale Robert Mueller un'ottima occasione per fargli domande chiave nell'ambito del Russiagate, l'inchiesta sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e il Cremlino.

Katrina e Florence, Dean e Harvey: storia dei nomi degli uragani

Prima erano usati i nomi dei santi, poi solo quelli femminili. Dal 1979, è in vigore una rotazione di nomi maschili e femminili; quando un uragano provoca morti e devastazioni, il suo nome viene depennato dalla lista

In principio furono quelli dei santi. Poi, si preferirono femminili. Ora, al contrario di quanto si pensi, si applica rigidamente l'alternanza di genere.

Trump invierà un sms a tutti i cellulari d'America, test per una "allerta presidenziale"

Il 20 settembre alle 20.18 italiane tutti i cellulari statunitensi riceveranno un messaggio. L'intento: testare un sistema da usare in caso di emergenze nazionali

Bannon difende Salvini e Orbán: si stanno riprendendo la sovranità dei loro Paesi

L'ex stratega di ultra destra di Donald Trump: cercano di rendere migliori le loro nazioni

Le piogge torrenziali di Florence inondano le Caroline

L'uragano si è indebolito a depressione tropicale ma le precipitazioni non si fermano. Raggiunti fino a 80 cm di pioggia. Strade impraticabili. Rischio frane. Almeno 13 morti
AP

Trump "probabilmente" annucia domani dazi per 200 miliardi di dollari contro la Cina

Sarebbero del 10% anziché del 25% ma potrebbero aumentare a seconda di come andranno le trattative con Pechino. Il vicepremier cinese a Washington il 27 e 28 settembre
Ap

Florence: almeno 11 morti e un milione di persone senza elettricità

Trump firma dichiarazione di disastro in North Carolina; visiterà le zone colpite la settimana prossima. Atteso fino a un metro di precipitazioni
ap

Onu: Italia pronta a difendere il suo agroalimentare

Il 27 settembre incontro di capi di stato e di governo su proposte dell'Organizzazione mondiale della sanità che rischiano di colpire il Made in Italy. Dieci giorni prima il premier Conte vede il d.g. dell'Oms
A24

Russiagate, Manafort collaborerà con Mueller

L'ex presidente della campagna elettorale di Trump eviterà il secondo processo, dopo aver già subito una condanna. La Casa Bianca si affretta a dire che "questo caso non ha nulla a che fare" con il presidente
AP