Tesla: Musk dice che il fondo sovrano saudita finanzierà il buyout

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Mentre l'autorità di borsa indaga sui 'cinguettii' e un paio di azionisti ha fatto causa, Musk ha confermato indiscrezioni di stampa dicendo che il fondo sovrano saudita ha rastrellato una quota di quasi il 5% nel produttore di auto elettriche. 

L'irriverente Ceo ha inoltre spiegato perché in uno dei tweet aveva scritto che i fondi per realizzare il buyout ci sono ("Funding secured") e che "il supporto degli investitori è confermato". "Tornando indietro due anni fa", ha scritto nel blog post, "il fondo sovrano saudita mi ha contattato varie volte per rendere Tesla un gruppo privato". Stando a Musk, il primo incontro tra le due parti ci fu all'inizio del 2017; altri meeting sono seguiti nei 12 mesi successivi, nei quali i sauditi "hanno ribadito il loro interesse cercando di andare avanti con una transazione" con cui Tesla non sarebbe più un'azienda quotata. "Ovviamente, il fondo sovrano ha capitali più che sufficienti per eseguire una tale transazione", ha scritto Musk aggiungendo: "Recentemente, dopo l'acquisto da parte del fondo saudita di quasi il 5% di titoli Tesla sul mercato, ci ha contattato per un altro incontro. Quella riunione si è tenuta il 31 luglio". Durante il meeting, il managing director del fondo ha nuovamente espresso il suo sostegno per finanziare "in questo momento" un buyout di Tesla. "Da quel che ho capito da lui, non c'era bisogno di altre persone per prendere una decisione e che [i sauditi] erano impazienti di procedere. Ho lasciato quell'incontro del 31 luglio senza alcun dubbio sul fatto che un accordo con il fondo sovrano saudita potesse essere chiuso e che era solo questione di avviare l'iter". Ecco perché, su Twitter, il Ceo di Tesla aveva scritto "Funding secured".

Musk ha spiegato di "continuare ad avere discussioni con il fondo saudita" e con "altri investitori, cosa che ho sempre pianificato di fare visto che mi piacerebbe che Tesla continuasse ad avere una base ampia di investitori".

Il Ceo di Tesla prende di fatto tempo dicendo che "è appropriato completare queste discussioni prima di presentare una proposta dettagliata a un comitato indipendente". Intanto, ha detto Musk, i sauditi dopo il 7 agosto hanno nuovamente espresso il loro sostegno "soggetto a una due diligence" e hanno chiesto "dettagli addizionali su come l'azienda verrebbe delistata, inclusi i requisiti regolatori". Musk ha inoltre precisato che quello che lui ha in mente non è un leveraged buyout standard perché l'operazione sarà finanziata da titoli e non da debito. "Non credo che sarebbe saggio appesantire Tesla con un aumento significativo del debito", già superiore ai 10 miliardi di dollari.

Ecco perché, secondo lui, i 70 miliardi di dollari che secondo gli analisti sono necessari per ricomprare Tesla e delistarla indicano un valore "totalmente eccessivo" rispetto ai capitali secondo lui necessari. I 420 dollari ad azione offerti da Musk per ricomprare titoli Tesla "sarebbero pagati solo ai soci che non resteranno nell'azienda se diventa privata. La mia stima attuale è che circa due terzi dei titoli in mano agli attuali investitori verrebbero girati nella Tesla privata".

Rivendicando la corretta tempistica dei suoi tweet, Musk ha spiegato di avere contattato advisor "per studiare una gamma di potenziali opzioni". "Se e quando una proposta finale sarà presentata, un processo appropriato di valutazione sarà svolto da un comitato speciale del cda di Tesla, che credo sia già in via di formazione". Se il piano verrà approvato, la parola passerà ai regolatori e poi il piano stesso verrà presentato ai soci per un voto. 

Il Ceo di Tesla non ne ha parlato ma non è escluso che il Committee on Foreign Investment americano - quello che ha fatto saltare il takeover di Qualcomm da parte di Broadcom - indaghi sul buyout visto che tra i soci del gruppo figurano non solo i sauditi anche la cinese Tencent. Mentre montano i dubbi che Pif - già in difficoltà nel finanziare i suoi impegni attuali - sia pronto ad aumentare la sua quota in Tesla e che abbia i fondi per farlo, Morgan Stanley spiega che la quota di Musk nella sua società spaziale SpaceX potrebbe essere sfruttata per finanziare il buyout. SpaceX, fondata come Tesla da Musk, potrebbe investire direttamente nel produttore di auto elettriche come parte di una partner strategica. Secondo Morgan Stanley, che ha confermato il rating "equal-weight" con target price a 291 dollari, la quota del 54% di Musk in SpaceX vale oltre 15 miliardi.

Altri Servizi

Wall Street, timori per la crescita cinese

L'economia di Pechino cresciuta del 6,2% nel secondo trimestre rispetto a un anno prima, il passo più lento in almeno 27 anni
AP


Migranti, Corte costituzionale del Guatemala blocca il possibile accordo con gli Usa

Washington vuole lasciare ai centroamericani i richiedenti asilo provenienti da El Salvador e Honduras
AP

La Corte costituzionale del Guatemala ha emesso un'ordinanza per impedire al presidente Jimmy Morales di firmare un controverso accordo sull'immigrazione con il presidente statunitense Donald Trump. L'accordo, se firmato, costringerebbe i migranti provenienti da El Salvador e Honduras a chiedere asilo in Guatemala, invece che negli Stati Uniti, il Paese dove vorrebbero dirigersi.

Blackout a New York, città al buio per tre ore

Colpita una parte di Manhattan, oltre 70 mila senza corrente elettrica. Traffico impazzito e diversi problemi ma nessun danno né feriti
Ap

Caos a New York per un blackout che sabato sera ha paralizzato una parte della città per almeno tre ore. Il problema, dovuto a un guasto alla rete elettrica, ha lasciato al buio oltre 70mila persone secondo quanto dichiarato da Con Edison, la società che gestisce i servizi di gas ed elettricità della città. La zona maggiormente colpita è stata quella del West Side, la parte di Manhattan a ovest di Central Park, dove il blackout è iniziato attorno alle sette di sabato sera.

Trump attacca le deputate progressiste: "Tornino nei Paesi corrotti da dove sono venute"

Nel mirino Ocasio-Cortez, le musulmane Ilhan Omar e Rashida Tlaib e l'afroamericana Ayanna Pressley

In un weekend particolarmente teso negli Stati Uniti, dopo il via libera di Donald Trump ai raid contro i migranti irregolari, il presidente americano si è scagliato contro un gruppo di parlamentari progressiste appartenenti ad alcune minoranze etniche sempre più influenti all'interno del Partito Democratico.

Usa-Iran, Trump uscì dall'accordo nucleare per "fare un dispetto a Obama"

Il Mail on Sunday ha pubblicato nuove rivelazioni dai messaggi dell'ex ambasciatore britannico a Washington Kim Darroch
AP

Continua a fuga di notizie che ha causato le dimissioni dell'ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Kim Darroch. Il The Mail on Sunday ha pubblicato nuovi messaggi relativi a un memo scritto dall’ambasciatore di Londra nel quale si dice che il presidente Donald Trump decise di uscire dall'accordo sul nucleare iraniano, nel maggio del 2018, "per fare un dispetto" al suo predecessore, Barack Obama, che lo aveva firmato nel 2015.

Dopo il governatore della Federal Reserve, anche il segretario americano al Tesoro fa pressione sul Congresso affinché alzi il tetto al debito per evitare che gli Stati Uniti si ritrovino da inizio settembre senza i fondi per finanziare le loro spese e onorare i propri impegni con i creditori.

Netflix perde "Friends", la celebre serie TV passa sul nuovo servizio Hbo Max

L'annuncio di WarnerMedia. Accordo quinquennale a partire dal 2020

Dopo "The Office", Netflix perde i diritti a trasmettere un'altra celebre serie Tv americana: "Friends". WarnerMedia (l'ex Time Warner rilevata da AT&T in una transazione da oltre 80 miliardi di dollari) ha comunicato che le avventure di Jennifer Aniston nei panni di Rachel Green e quelle degli altri cinque suoi amici verranno trasmesse su un nuovo servizio in streaming che verrà lanciato la prossima primavera e che si chiamerà HBO Max.

Scontro Usa-Francia sulla web tax: Trump minaccia dazi

La misura colpisce 30 aziende tra cui le americane Alphabet, Apple Amazon e Facebook ma anche gruppi cinesi, tedeschi, spagnoli e britannici
Ap

Gli Stati Uniti hanno aperto un'inchiesta sulla web tax approvata oggi dal Senato francese, che ha ignorato l'avvertimento arrivato ieri da Washington. Nel mirino c'è l'imposta pari al 3% per le aziende digitali con un fatturato globale di oltre 750 milioni di euro e uno di 25 milioni generato in Francia.

Wall Street ottimista dopo le parole di Powell

Il governatore della Fed ha fornito altri indizi che portano a un taglio dei tassi alla fine del mese
AP