Tesla: pressing su Musk, dove sono i soldi per il delisting?

Da Wall Street a Washington rimbalza la stessa domanda dopo i tweet controversi del Ceo. La Sec chiede chiarimenti. Moody's boccia i tweet del Ceo
AP

Tre giorni dopo i tweet controversi con cui Elon Musk, il Ceo di Tesla, ha detto di volere delistare l'azienda realizzando un buyout, una domanda continua a rimbalzare da Wall Street a Washington. Dove sono i soldi per realizzare una simile operazione? Dove troverà i 70 miliardi di dollari che gli servono per rendere il produttore di auto elettriche un gruppo non più quotato (e di cui lui ha una quota del 20%)?

Anche se ha scritto che i fondi ci sono ("Funding secured") e che "il supporto degli investitori è confermato", né lui né l'azienda hanno fornito dettagli. Nessuno si è fatto avanti pubblicamente per dire di essere parte della partita e tra le grandi istituzioni finanziarie non c'è persona che sembra essere all'occorrente di piani per finanziare l'operazione che per Musk rappresenta la soluzioni migliore per l'azienda (e per lui, visto che non sarebbe più costretto a rendere conto al mercato e agli analisti delle sue scelte).

Non è un caso che dopo il rally dell'11% del 7 agosto e il calo di ieri del 2,43%, il titolo Tesla perda oggi il 3,5% a 357,56 dollari, ben al di sotto dei 420 dollari a cui Musk comprerebbe i titoli in circolazione. Gli osservatori restano scettici così come sembra esserlo la Securities and Exchange Commission. Stando al Wall Street Journal, l'equivalente americano della Consob italiana ha chiesto se le affermazioni di Musk erano reali e perché un tale annuncio è stato fatto via Twitter e non depositando documenti presso l'autorità di borsa. Per Bloomberg, la Sec ora sta "intensificando" la sua analisi.

Intanto Moody's ha bocciato i controversi tweet di Musk. Stando all'agenzia di rating quei 'cinguettii' sono "negativi" per il profilo creditizio dell'azienda. Pur sottolineando che la generazione di cassa migliorerà nella seconda parte dell'anno e negli anni a venire con il miglioramento della produzione della Model 3 (la berlina pensata per il mercato di massa), Moody's ha spiegato che Tesla "avrà bisogno di accedere al mercato dei capitali per finanziare i suoi requisiti operativi" e ripagare le obbligazioni convertibili in scadenza il prossimo anno. Per il momento Moody's ha confermato i suoi rating con outlook negativo.

In borsa Tesla ha mandato in fumo i guadagni registrati il 7 agosto scorso. Il titolo del produttore di auto elettriche ha perso il 4,8% a 352,45 dollari, sotto i 356,82 dollari a cui viaggiava prima dei tweet di martedì e lontano dai 420 dollari che Musk pagherebbe per compiere il delisting. 

Una cosa è certa: il 7 agosto non è stata la prima volta in cui l'irriverente Ceo ha espresso il desiderio di rendere Tesla un gruppo non più quotato. Lo aveva fatto a novembre in una intervista su Rolling Stone ma allora si era limitato a dire: "Mi piacerebbe che Tesla diventasse un gruppo privato. Essere un'azienda quotata ci rende meno efficienti". Solo i grandi investitori e i fondi sovrani potrebbero realizzare il sogno di Musk. Forse il Ceo ha l'appoggio del Public Investment Fund saudita, che secondo l'FT ha una quota del 3-5%. Tuttavia, senza dettagli, nessuno è disposto a investite in un'azienda in perdita (ma che promette di diventare redditizia dal trimestre in corso), con oltre 10 miliardi di debiti e soprattutto con piani fumosi.

Altri Servizi

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Nel mondo, la gente ricomincia ad avere la fiducia che aveva nell'economia nazionale prima della grande recessione di dieci anni fa; notevoli, soprattutto, i miglioramenti registrati in Germania, Giappone, Russia e Stati Uniti, secondo l'ultimo studio del Pew Research Center. Nel complesso, però, non si può non sottolineare che continua a regnare un forte pessimismo per il futuro e che è molto diffusa la nostalgia per il passato, soprattutto in Europa.

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Dopo una battaglia di 21 mesi, Sky ha battuto 21st Century Fox nello scontro per l'acquisizione di Sky. Il più grande operatore via cavo degli Stati Uniti ha prevalso nell'asta in tre round imposta dalle autorità britanniche per concludere l'affare riguardante la pay-tv.

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

Dazi, la Cina cancella la ripresa dei negoziati commerciali con gli Usa

Washington e Pechino continuano a fronteggiarsi a colpi di imposte, ma la Cina "ha finito i proiettili". Colpire le aziende statunitensi nel Paese sarebbe un rischio troppo grande per la Repubblica popolare, che tiene aperta la porta a futuri colloqui
Ap

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap

Trump mette in dubbio le accuse di Ford, difende Kavanaugh e attacca la sinistra

Il presidente statunitense, piuttosto moderato nei commenti degli ultimi giorni, è 'esploso' venerdì mattina per difendere il giudice che ha nominato alla Corte Suprema
Ap