Textalyzer, l'etilometro degli sms, allo studio a NY

Una proposta di legge nello Stato permetterebbe ai poliziotti di usare un dispositivo utile per capire se gli smartphone sono stati usati durante la guida

"Tanto non mi beccano". È questo ciò che pensano molte persone che usano il cellulare mentre sono al volante: un agente di polizia come potrebbe accorgersi che il guidatore da lui fermato poco prima aveva in mano uno smartphone? In caso di incidente, in particolare, le forze dell’ordine arrivano solo in un secondo momento. Quindi diventa complicato dimostrare che il dispositivo era stato fonte di distrazione.

Per ovviare a questi problemi una proposta di legge a cui stanno lavorando i legislatori dello Stato di New York propone di utilizzare una sorta di tablet, definito "Textalyzer", che permette di controllare a posteriori i cellulari delle persone alla guida fermate per controlli. E' l'equivalente dell'etilometro ma per gli sms. Con questo metodo i poliziotti possono accedere ai dati dal telefono del guidatore e verificare esattamente in che momento il cellulare è stato utilizzato e quali app erano attive. Cos" facendo potranno capire se la legge che impedisce l'uso di smartphone alla guida è stata o meno violata. In pratica, gli agenti di polizia potranno risalire a tutti i click fatti.

In merito alla proposta non sono mancate le proteste: Rashida Richardson, della New York Civil Liberties Union, ha dichiarato che un provvedimento come questo potrebbe essere lesivo non solo della privacy ma anche delle libertà personali. Nei cellulari, infatti, sono contenuti molti dati personali degli utenti. Lo Stato di New York, però, non è il solo ad aver pensato a una soluzione di questo tipo: anche in Tennesee e New Jersey è al vaglio una proposta simile.

L'anno scorso negli Stati Uniti c'è stato un aumento del 6% degli incidenti e questo sembra avere spinto i legislatori a cercare una soluzione. Secondo uno studio condotto dal Toluna Group su oltre 2000 persone, inoltre, l'83% degli intervistati ha dichiarato di essere consapevole che la guida comporta problemi di sicurezza, ma non ha cambiato le proprie abitudini: continua a guidare troppo velocemente, a fare uso di alcol prima di mettersi al volante e a usare il cellulare.

Altri Servizi
Ap

La popolarità di Donald Trump è in forte calo e il presidente sarebbe sconfitto nelle elezioni del 2020 da uno qualsiasi dei quattro principali candidati democratici. È il risultato dell'ultimo sondaggio condotto da Fox News.

La diplomazia straniera si prepara a un'altra vittoria di Trump

Scottate dall'esito delle elezioni del 2016, le ambasciate si aspettano il secondo mandato del presidente: una previsione che sta già influenzando rapporti e negoziati con Washington
Ap

Scottati dall'imprevista vittoria di Donald Trump nel 2016, i diplomatici stranieri non vogliono commettere lo stesso errore: per questo, si stanno già preparando per la vittoria del presidente statunitense alle elezioni del prossimo anno. L'opinione che Trump vincerà ancora, emersa dalle conversazioni dei giornalisti di Politico con una ventina di diplomatici stranieri, funzionari internazionali e analisti, è molto diffusa.

Kudlow: "Vogliamo un nuovo round di negoziati con la Cina. E non c'è nessuna recessione all'orizzonte"

Il consigliere economico della Casa Bianca rassicura sui colloqui con Pechino e sull'economia. Ma aveva pronunciato le stesse affermazioni nel 2007, poco prima della grande recessione
Gage Skidmore /Gage Skidmore

L'amministrazione statunitense vuole portare avanti i negoziati con la Cina per porre fine alla guerra commerciale tra i due Paesi (vissuta con molto nervosismo dai mercati). Lo ha dichiarato il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, in un'intervista alla trasmissione Fox News Sunday.

Toronto, la Silicon Valley canadese

Aumentano le società tech che investono nella quarta città nordamericana, attirati da costi inferiori e leggi sull'immigrazione migliori rispetto a quelle statunitensi
Ap

La Silicon Valley sta invadendo Toronto. Intel Corp. ha annunciato che costruirà un laboratorio, Uber Technologies aprirà un polo ingegneristico, Alphabet (Google) ha proposto la costruzione di un nuovo campus e Microsoft ha reso noto di voler aumentare la propria forza lavoro in città di oltre il 20 per cento. C'è cos" tanto fermento che la Silicon Valley Bank, che finanzia alcune delle maggiori società di venture-capital e startup al mondo, vi ha aperto un ufficio lo scorso marzo, dopo aver gestito per 19 anni gli affari canadesi da Seattle e Boston.

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP

Il Dipartimento del Commercio statunitense dovrebbe estendere di 90 giorni il permesso concesso a Huawei Technologies di acquistare forniture dagli Stati Uniti in modo da garantire l'assistenza ai suoi clienti americani, il funzionamento delle reti di telecomunicazione, in particolare nelle zone rurali, e gli aggiornamenti dei software. Lo riporta l'agenzia Reuters, che ricorda che la "licenza provvisoria" è in scadenza luned" prossimo.

Lamborghini

Automobili Lamborghini si è presentata all'edizione 2019 della Monterey Car Week all'insegna dei record. Alla kermesse automobilistica - dove ogni anno a metà agosto da 69 anni vanno in scena lusso, glamour e tante auto esclusive - la casa automobilistica di Sant’Agata Bolognese ha festeggiato quello che il suo Ceo e presidente ha definito un "anno dei record".

La Fda rilancia la lotta per mettere immagini choc sui pacchetti di sigarette

L'agenzia federale perse la battaglia legale contro le multinazionali nel 2012

 New York, 16 ago - La Fda, l'agenzia federale statunitense che regolamenta i prodotti alimentari, farmaceutici e del tabacco, ha deciso di rilanciare la sua battaglia per l'introduzione di nuovi avvisi grafici sui pacchetti di sigarette per scoraggiare i fumatori. Lo scrive l'Associated Press.

Wall Street, segnali di recessione

Si è invertita la curva dei rendimenti dei titoli di Stato Usa a 2 e 10 anni
AP