Tillerson difende Trump: "Mai dubitato della sua salute mentale"

Il segretario di Stato americano ha parlato in un'intervista alla Cnn dopo le rivelazioni del libro “Fire and fury”
AP

Il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, non ha mai messo in dubbio la salute mentale e le capacità intellettive di Donald Trump. A dirlo è lo stesso ex amministratore delegato di Exxon Mobil in un’intervista esclusiva alla Cnn in cui ha commentato le rivelazioni esplosive del libro "Fire and Fury”, in cui il giornalista Michael Wolff parla della Casa Bianca nell'era di Trump e di come gran parte dell’entourage del presidente ritenga il tycoon "un idiota".

Tillerson, che già lo scorso anno si è trovato a smentire di aver definito il presidente americano un "deficiente", è stato intervistato dalla giornalista Elise Labott alla quale ha dichiarato: "Non ho mai messo in dubbio la sua salute mentale. Non ho ragioni per avere dubbi sulla sua salute mentale".

Sebbene il motivo dell’intervista fosse in realtà la politica estera, con particolare attenzione alla situazione con la Corea del Nord, le tensioni con la Russia e quelle con l’Iran, il segretario di Stato americano si è trovato a parlare per lo più del suo rapporto con Trump e di come il 45esimo presidente degli Stati Uniti abbia portato a Washington uno stile del tutto nuovo. "Il mio rapporto con il presidente è in fase di sviluppo", ha ammesso Tillerson che ha poi aggiunto di non averlo mai incontrato di persona prima che gli chiedesse di dirigere il Dipartimento di Stato.

"Non abbiamo un grande rapporto alle nostre spalle, proprio per questo stiamo conoscendoci, cercando di capirci a vicenda", ha detto ancora il segretario americano che ha poi aggiunto: "Ho dovuto imparare come lui riceve informazioni, come le elabora e come poi decide". D’altronde, anche per Tillerson, non c’è dubbio sul fatto che il nuovo inquilino della Casa Bianca "sia un presidente atipico e che per questo il popolo americano lo ha scelto”.

Nessuna critica in merito alle decisioni di Trump sulla politica estera, anzi, secondo il segretario di Stato Usa le azioni del presidente hanno portato gli Stati Uniti ad avere una posizione di maggiore forza rispetto a quella lasciata in eredità dal predecessore Barack Obama. "Il Dipartimento di Stato diventa più forte ogni giorno e ci aspettiamo un 2018 molto produttivo", ha spiegato ancora Tillerson che ha poi smentito le voci su una presunta richiesta di dimissioni nei suoi confronti: "Rimarrò qui per l’intero anno, non c’è dubbio".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.