Tillerson non esclude l'ipotesi di armi nucleari agli alleati in Asia

Come deterrente contro la Corea del Nord
AP

Gli Stati Uniti non solo valutano l'opzione militare contro la Corea del Nord, ma non escludono di fornire l'atomica ai loro alleati in Asia orientale. A dirlo è stato il segretario di Stato, Rex Tillerson, parlando con Fox News durante la visita alla zona demilitarizzata tra le due Coree.

Tillerson sta affrontando il suo primo tour in Asia: dopo essere stato in Giappone, è arrivato in Corea del Sud, da dove poi raggiungerà la Cina. Dopo aver detto che gli ultimi venti anni di politica statunitense per risolvere la questione nucleare nordcoreana sono stati "un fallimento" e dopo aver dichiarato che l'amministrazione Trump non esclude l'opzione militare, Tillerson si è rifiutato di escludere l'ipotesi di fornire armi nucleari agli alleati statunitensi nell'area, come deterrente. Alla domanda specifica su questa ipotesi, Tillerson ha risposto che "nulla è escluso dal tavolo". "Lasciatemi essere chiaro: la politica della pazienza strategica è finita" ha detto alla conferenza stampa con l'omologo sudcoreano, Yun Byung-se.

Il passaggio da Obama a Donald Trump, per quanto riguarda l'Asia orientale, registra quindi una svolta che sarà certamente foriera di conseguenze, soprattutto nelle relazioni con la Cina, principale alleato della Corea del Nord e considerata dagli Stati Uniti come la chiave di volta per imporre alla Corea del Nord uno stop alle sue ambizioni nucleari e missilistiche.

Questo nuovo approccio sarà certamente al centro dei colloqui che Tillerson avrà in Cina, il principale alleato della Corea del Nord. Per quanto Pechino non apprezzi l'atteggiamento del riottoso vicino e condanni i test nucleari e missilistici di Kim Jong Un, tuttavia rimane anche fredda all'ipotesi di un inasprimento ulteriore delle sanzioni nei confronti di Pyongyang.

L'eventuale caduta della dinastia dei Kim - della quale Kim Jong Un è il terzo esponente, dopo il fondatore Kim Il Sung e il padre dell'attuale leader Kim Jong Il - potrebbe avere conseguenze devastanti nella Penisola coreana che ricadrebbero anche in parte sulla Cina, interessata piuttosto a consolidare la stabilità alle sue porte di casa. Per questo motivo, Pechino continua a insistere sulla possibilità di ritornare al tavolo delle trattative con la Corea del Nord.

I negoziati a sei (le due Coree, Cina, Russia, Giappone e Stati Uniti), di cui la Cina era stata sponsor, si sono arenati nel 2009 e, da allora, non c'è stata volontà delle parti di tornare a parlarsi. La visita di Tillerson in Cina, in effetti, ha una certa importanza anche perché vuole preparare il terreno per un summit tra Donald Trump e il presidente cinese Xi Jinping, che dovrebbe tenersi il mese prossimo a Mar-a-Lago, l'esclusivo club della Florida che è anche residenza privata del presidente statunitenseamericano. I diplomatici impegnati a spianare la strada al summit, tuttavia, stanno avendo ancora difficoltà nell'affrontare alcuni temi, tra i quali quello più scabroso è, appunto, il dossier nordcoreano.

Altri Servizi

AmEx: utili e ricavi trimestrali in calo ma oltre le stime degli analisti

Il gruppo di carte di credito ha confermato l'outlook per il 2017

A causa di un balzo delle spese, American Express ha chiuso il primo trimestre dell'anno con utili e ricavi in calo su base annuale ma il gruppo ha comunque superato le stime degli analisti. Tra gennaio e marzo, il gruppo di carte di credito ha messo a segno utili netti per 1,2 miliardi di dollari, in calo del 13% rispetto a 1,4 miliardi di dollari dello stesso periodo del 2016. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono stati di 1,34 dollari, in ribasso da 1,45 dollari per azione dell'anno precedente ma oltre quota 1,25 dollari attesa del mercato.

Eataly allungherà la vita all'Ultima Cena di Leonardo da Vinci

Oscar Farinetti annuncia in diretta mondiale il finanziamento di un progetto che mira a proteggere il capolavoro leonardesco per altri cinquecento anni

Eataly contribuirà ad allungare di cinquecento anni la vita dell'Ultima cena di Leonardo da Vinci. Con una donazione di un milione di euro il colosso del gusto creato dal cuneese Oscar Farinetti finanzierà insieme al Ministero per i Beni e le Attività Culturali un nuovo sistema di filtrazione dell'aria che proteggerà la tenuta del capolavoro di Leonardo.

Fox News silura O'Reilly, accusato di molestie. Trump lo aveva difeso

La famiglia Murdoch prende le distanze dopo la fuga di inserzionisti. Il presidente Usa aveva detto che il conduttore è una "brava persona" che non ha fatto nulla di sbagliato

La peggior notizia di una carriera ultraventennale dentro Fox News ha raggiunto l'uomo di punta della rete televisiva statunitense mentre si trovava in Italia per un periodo di vacanza (forzata), durante la quale ha stretto la mano a Papa Francesco in Vaticano, approfittando dell'udienza generale. Il che aggiunge una zavorra di imbarazzo all'annunciata fine del regno catodico di Bill O’Reilly, travolto dalla fuga degli inserzionisti dopo le accuse di molestie sessuali ai danni di alcune donne. Allo scoppio dello scandalo l'anchorman aveva trovato l'appoggio del presidente Trump, che in un'intervista al New York Times aveva detto: "Credo che sia una persona che che conosco bene, è una brava persona". O’Reilly e Fox hanno patteggiato in almeno cinque casi, con un esborso di 13 milioni di dollari. Un circostanza rispetto alla quale il presidente Usa aveva espresso la sua perplessità: "Personalmente non credo avrebbe dovuto farlo - aveva dichiarato Trump -. Non credo che Bill abbia fatto qualcosa di sbagliato". L'impero mediatico che fa capo a Rupert Murdoch evidentemente la pensa diversamente.

Fmi: "progressi notevoli" nel sistema bancario Ue, ma redditività resta una sfida

La ripresa cicicla e la ristrutturazione dei modelli di business non bastano

Nel sistema bancario europeo sono stati fatti "progressi notevoli" negli ultimi anni e l'ottimismo su una ripresa ciclica nelle economie avanzate ha aiutato a spingere al rialzo i prezzi delle azioni delle banche Ue quotate. Tuttavia, serve fare di più per ridurre l'eccesso di banche nei Paesi con i problemi più grandi. E' quanto si legge nel Global Financial Stability Report (Gfsr), il rapporto redatto dal Fondo monetario internazionale nell'ambito dei lavori primaverili in corso a Washington.

Fmi: la stabilità finanziaria è migliorata, rischi da incertezze politiche

Volatilità in rialzo se Trump delude su fisco e infrastrutture. Possibile il riaccendersi delle preoccupazioni con alto debito e sfide strutturali del sistema bancario Ue

La stabilità finanziaria "ha continuato a migliorare" dallo scorso ottobre ma nuove minacce stanno emergendo da una incertezza "elevata" data dalla politica e delle decisioni dei governi nel mondo. Negli Stati Uniti si guarda all'amministrazione Trump; in Europa, alle elezioni previste in Francia e in Germania. E' quanto emerge dal Global Financial Stability Report (Gfsr), il rapporto redatto dal Fondo monetario internazionale nell'ambito dei lavori primaverili in corso a Washington.

Exxon Mobil chiede a Usa un'esenzione dalle sanzioni sulla Russia

Per poter continuare a lavorare nel Mar Nero, nell'Artico e in Siberia con Rosneft, colosso petrolifero di Mosca
Shutterstock

Exxon Mobil ha chiesto al dipartimento del Tesoro una esenzione dalle sanzioni stabilite dagli Stati Uniti nei confronti della Russia, per poter tornare a lavorare con la sua joint venture PAO Rosneft, colosso petrolifero legato al Cremlino. Lo scrive il Wall Street Journal citando fonti vicine alle due parti. Il rapporto tra Exxon e Rosneft era stato stabilito dall'allora amministratore delegato, Rex Tillerson, ora segretario di Stato americano.

Trump a Gentiloni, Europa forte è importante. In Libia nessun ruolo

Con Italia "amici e partner vitali". Sì a relazioni commerciali "equilibrate, reciproche, eque e a beneficio di ambo i Paesi". Il presidente del consiglio ribadisce impegno finanziario verso la Nato

Un'Europa forte "è importante per gli Stati Uniti", che in Libia non sembrano volere alcun ruolo se non quello di sconfiggere il terrorismo. Sono questi alcuni dei messaggi lanciati ieri da Donald Trump nella conferenza stampa congiunta con Paolo Gentiloni.

Resta la fiducia a Wall Street, attenzione rivolta anche alla Francia

Ottimismo per la riforma fiscale; gli investitori aspettano le presidenziali francesi
AP
AP

La crescita globale si sta rafforzando ma servono politiche di sostegno per mantenere lo slancio. Anche perché la produttività è al palo, da ben prima della crisi. E' questo il messaggio di Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo monetario internazionale, che dalla capitale americana rilancia il suo mantra: la storia insegna che il protezionismo non ha funzionato. E che è la tecnologia, non la globalizzazione, ad avere causato disuguaglianze. Nella sua Global Policy Agenda, la ricetta per "una economia globale più inclusiva e resiliente" pubblicata nell'ambito dei lavori primaverili dell'istituto di Washington, l'ex ministro francese delle Finanze sottolinea come "le prospettive di breve termine in molte economie avanzate stanno migliorando, con alcune di esse vicine alla piena occupazione. Eppure, un certo numero di economie avanzate sta operando al di sotto del potenziale con l'attività economica frenata dal peso del debito, da sistemi bancari deboli e dall'incertezza sulla crescita futura".

Usa, test post-Trump: i repubblicani rischiano in Georgia

Si vota per un seggio alla Camera che il Gop detiene dal 1979. Il malcontento per Trump potrebbe premiare il giovane democratico Ossoff
AP

Dopo la vittoria a fatica in Kansas, la scorsa settimana, i repubblicani statunitensi affrontano un altro test elettorale in Georgia, dove è in palio un posto alla Camera federale. Il giovane democratico Jon Ossoff, 30 anni, potrebbe ottenere un vittoria storica, visto che il seggio del sesto distretto della Georgia, per cui si vota, è in mano ai repubblicani dal 1979; si vota per eleggere il sostituto di Tom Price, che si è dimesso per diventare il segretario alla Salute del presidente Donald Trump.