Tim Cook in difesa della privacy degli utenti, dati siano cancellabili "on demand"

Il Ceo di Apple spinge per una legislazione in Usa che protegga i consumatori
iStock

Già favorevole a una legge federale per la protezione della privacy, il Ceo di Apple è favorevole a una legislazione che permetta ai consumatori di tenere traccia e cancellare "on demand" i dati che li riguardano. L'idea è stata scritta nero su bianco da Tim Cook in un editoriale sulla rivista Time. Secondo il numero uno del produttore di iPhone, "una legislazione federale sulla privacy che sia completa e significativa non dovrebbe solo mettere il consumatore nelle condizioni di controllare i propri dati ma anche di gettare luce sugli attori che trafficano i loro stessi dati da dietro le quinte...attualmente non c'è alcuno standard federale che protegga gli americani da queste pratiche".

Per questo, ha sostenuto Cook, la Federal Trade Commission (l'equivalente dell'AgCom italiana) dovrebbe "creare una clearinghouse per i broker di dati, obbligando questi ultimi a registrarsi e dando ai consumatori la possibilità di tenere traccia delle transazioni con cui i loro dati sono stati venduti e il potere di cancellare i dati stessi che li riguardano on demand, liberamente, facilmente e online, una volta per tutte".

La proposta di Cook segue il pressing sui giganti tech e dei social media esercitato dai legislatori Usa, che hanno chiamato a testimoniare i rispettivi leader tra cui Mark Zuckerberg (Facebook) e Jack Dorsey (Twitter).

Secondo Cook, che in passato ha criticato Zuckerberg per i vari scandali sulla gestioni dei dati culminati lo scorso marzo con il caso Cambridge Analytica, ha scritto: "La tecnologia ha il potenziale di continuare a cambiare il mondo in meglio ma non raggiungerà mai quel potenziale senza la piena fiducia della gente che la usa". Lo scorso ottobre, parlando da Bruxelles, Cook aveva paragonato la raccolta e vendita di dati degli utenti come un "complesso industriale" e aveva sostenuto che le informazioni personali sono "usate come armi contro di noi con una efficienza militare".

Altri Servizi

Per il secondo giorno di fila la Federal Reserve intende iniettare 75 miliardi di dollari in un angolo cruciale del sistema finanziario, quello cosiddetto "money market". Lo farà oggi, dalle 14.15 alle 14.30 italiane, all'indomani del primo intervento di tale portata dal 2008.

iStock

Le tensioni commerciali tra Usa e Cina, la perdita di Amazon come cliente e costi in aumento per le spedizioni su strada hanno pesato sui conti di FedEx, che ha deluso gli analisi e ha tagliato l'outlook per l'intero esercizio fiscale. Il titolo FedEx è arrivato a perdere il 13% a 160,21 dollari nell'after-hours ieri a Wall Street dopo una seduta finita in ribasso dello 0,16% a 173,3 dollari.

Wall Street, pesano le tensioni in Medio Oriente

L'aumento del prezzo del petrolio, dopo gli attacchi contro gli impianti sauditi, fa temere il rallentamento dell'economia mondiale
AP

Nuove accuse contro il giudice Kavanaugh, i Dem: "Impeachment"

I candidati alla presidenza contro il giudice della Corte Suprema, la cui nomina è stata confermata lo scorso anno nonostante le accuse di tentato stupro e molestie sessuali
Ap

I candidati democratici alla presidenza statunitense chiedono l'impeachment o indagini approfondite su Brett Kavanaugh, giudice della Corte Suprema, dopo le nuove accuse di molestie sessuali contro di lui emerse nei giorni scorsi grazie al New York Times.

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, che domani comunicherà le sue decisioni sul taglio dei tassi
AP

Ex funzionari Usa: spionaggio israeliano contro Trump

Lo scrive Politico. Non ci sarebbero state conseguenze per l'alleato
Ap

Israele avrebbe piazzato dei dispositivi vicino alla Casa Bianca e in altri luoghi sensibili di Washington per spiare l'amministrazione Trump, secondo tre ex funzionari statunitensi a conoscenza della questione, che hanno parlato con Politico. Negli ultimi due anni, il governo statunitense è arrivato alla conclusione che Israele sarebbe il probabile autore del posizionamento di diversi dispositivi di sorveglianza delle comunicazioni telefoniche, ma al contrario di quanto avvenuto in altri casi di spionaggio scoperti su suolo statunitense, l'amministrazione Trump non ha attaccato quella israeliana e non ci sono state conseguenze per l'alleato, secondo una delle fonti. 

Sciopero Gm, interviene Trump (che sta con i lavoratori)

Lo scrive Politico. Il presidente vuole un accordo che comprenda la riapertura della fabbrica di Lordstown
AP

La Casa Bianca interviene nello scontro tra General Motors e sindacato. Secondo due fonti di Politico, l'amministrazione statunitense sta cercando di portare le due parti a un accordo che comprenda la riapertura della fabbrica di Lordstown, in Ohio, che Gm ha chiuso a marzo e che il sindacato e il presidente Donald Trump vogliono sia riaperta.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino ha sospeso i dazi su 16 categorie di prodotti
AP

Wall Street, indici vicini ai record

Allentamento tensioni Usa-Cina e stimoli Bce spingono i mercati
AP