Tom Hanks e Meryl Streep nel nuovo film sui "Pentagon Papers" diretto da Spielberg

La pellicola è intitolata "The Post". Racconta il ruolo del direttore del Washington Post nel pubblicare documenti top secret legati alla guerra in Vietnam

L'ultima volta che Ben Bradlee è stato impersonato sul grande schermo era il 1976, e la pellicola era una pietra miliare del cinema americano come "Tutti gli uomini del presidente". Lì, a vestire i panni del leggendario giornalista statunitense scomparso nel 2014 e direttore del Washington Post dal 1968 al 1991, era stato Jason Robards. Adesso a cimentarsi nello stesso ruolo sarà Tom Hanks, nella nuova pellicola che Steven Spielberg ha accettato di dirigere; è centrata sulla vicenda dei "Pentagon Papers" e della battaglia del prestigioso giornale americano per ottenerne la pubblicazione nel 1971. Nel cast c'è anche Maryl Streep, nei panni di Katharine Graham, l'allora editore del quotidiano di famiglia (ceduto per 250 milioni di dollari nell'ottobre 2013 a Jeff Bezos, l'uomo a capo del colosso americano del commercio elettronico Amazon).

"Mia nonna sarebbe stata felice che la scelta sia caduta su Meryl Streep", ha detto la nipote di Graham, Katharine Weymouth. Hanks, invece, è stato amico personale di Bradlee. Il film, sceneggiato da Liz Hannah, verrà prodotto dalla Pascal Pictures.

"Un cast da sogno", lo ha definito la vedova di Bradlee, Sally Queen, che fu una giornalista del giornale della capitale americana. Secondo lei, la tempistica è "perfetta" per un film come "The Post", questo il titolo del film stando alle indiscrezioni di Deadline. In un momento in cui le tensioni tra la Casa Bianca, la stampa e Hollywood occupano le cronache quasi ogni giorno, Spielberg ha deciso di cimentarsi su uno dei filoni più fortunati del cinema americano, quello del "Quarto potere" immortalato dall'opera magistarle di Orson Welles nel 1941.

Il progetto cinematogragico di Spielberg torna a indagare una delle storiche battaglie di Bradlee per la libertà d'informazione, quella di pubblicare i "Pentagon Papers" (l'altra fece esplodere il caso Watergate): una serie di studi in 47 volumi commissionati nel 1967 dal dipartimento della Difesa e riguardanti il coinvolgimento degli Usa in Vietnam a partire dal 1945. Quegli studi contenevano anche rivelazioni sulle atrocità - tra cui omicidi di massa di civili - commesse dalle forze americane durante la guerra. A diffonderne il contenuto prima al New York Times nel 1971, poco dopo bloccato dalla Casa Bianca, e poi al Washington Post, fu l'analista di RAND Corporation Daniel Ellsberg, originariamente a favore della guerra ma poi sempre più convinto che la tragedia vietnamita dovesse servire da lezione. Il 17 giugno del 1971 il Washington Post decise di pubblicare una storia sui Pentagon Papers nonostante un giudice federale avesse già bloccato il NY Times. Tredici giorni dopo, in una decisione storica, la Corte Suprmea decise che il governo Usa non aveva alcun diritto a limitare il lavoro dei due giornali.

I "Pentagon Papers" sono stati declassificati nel giugno 2011.

 

Altri Servizi

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha incontrato i suoi massimi consiglieri per valutare un possibile accordo con i talebani, che potrebbe permettere agli Stati Uniti di mettere fine alla loro presenza in Afghanistan. All'incontro hanno partecipato, tra gli altri, il vicepresidente Mike Pence, il segretario di Stato, Mike Pompeo, la direttrice della Cia, Gina Haspel, e il consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton. In un tweet dopo l'incontro, che si è tenuto nel suo golf club in New Jersey, Trump ha scritto che gli Stati Uniti "stanno cercando di fare un accordo, se possibile".

BlackRock diventerà socio di maggioranza nel proprietario di Sport Illustrated

Si tratta di Authentic Brands, che controlla anche i diritti legati a Marilyn Monroe e Muhammad Ali

Il più grane asset manager al mondo scommette sul private equity. BlackRock sta per prendere la quota di controllo di Authentic Brands, gruppo con sede a New York che ha le licenze di 50 marchi tra l'intrattenimento e il lifestyle che generano ogni anno 9,3 miliardi di dollari. 

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP

Il Dipartimento del Commercio statunitense dovrebbe estendere di 90 giorni il permesso concesso a Huawei Technologies di acquistare forniture dagli Stati Uniti in modo da garantire l'assistenza ai suoi clienti americani, il funzionamento delle reti di telecomunicazione, in particolare nelle zone rurali, e gli aggiornamenti dei software. Lo riporta l'agenzia Reuters, che ricorda che la "licenza provvisoria" è in scadenza luned" prossimo.

Cbs e Viacom tornano a sposarsi

Nasce ViacomCBS, un gruppo con rivavi di oltre 28 miliardi di dollari

Cbs e Viacom hanno deciso di tornare a sposarsi creando un colosso dell'intrattenimento con ricavi di oltre 28 miliardi di dollari. Lo hanno annunciato in una nota congiunta le due aziende. Il gruppo che nasce dalla fusione si chiamerà ViacomCBS.

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

Per il re del "Big Short", proteste Hong Kong una minaccia per economia globale

Steve Eisman teme che possano diventare un "cigno nero"

Le proteste a Hong Kong potrebbero mettere a repentaglio un qualsiasi accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina e potrebbero pesare sull'economia globale. Per questo, quelle proteste sono la principale preoccupazione per Steve Eisman, l'investitore reso celebre anche fuori dagli ambienti di Wall Street grazie al film "The Big short".

Wall Street, pesano le tensioni internazionali

Dalla guerra commerciale tra Usa e Cina alle proteste a Hong Kong
AP

Hong Kong, la Cina accusa gli Usa di fomentare il caos

Pechino biasima soprattutto Pelosi e McConnell

Gli Stati Uniti fomentano il caos a Hong Kong. L'accusa è stata formulata dalla portavoce del ministero degli Esteri cinese, secondo cui ci sono "prove evidenti" del coinvolgimento di Washington nelle proteste. La portavoce Hua Chunying ha commentato: "Gli Stati Uniti hanno negato in molte occasioni il loro coinvolgimento nelle violenze in corso a Hong Kong. I commenti di alcuni membri del Congresso - il riferimento è alla speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, e al leader della maggioranza repubblicana in Senato, Mitch McConnell, ndr - hanno fornito al mondo nuove ed evidenti prove del coinvolgimento" degli Stati Uniti.

Ap

La popolarità di Donald Trump è in forte calo e il presidente sarebbe sconfitto nelle elezioni del 2020 da uno qualsiasi dei quattro principali candidati democratici. È il risultato dell'ultimo sondaggio condotto da Fox News.