Tom Hanks e Meryl Streep nel nuovo film sui "Pentagon Papers" diretto da Spielberg

La pellicola è intitolata "The Post". Racconta il ruolo del direttore del Washington Post nel pubblicare documenti top secret legati alla guerra in Vietnam

L'ultima volta che Ben Bradlee è stato impersonato sul grande schermo era il 1976, e la pellicola era una pietra miliare del cinema americano come "Tutti gli uomini del presidente". Lì, a vestire i panni del leggendario giornalista statunitense scomparso nel 2014 e direttore del Washington Post dal 1968 al 1991, era stato Jason Robards. Adesso a cimentarsi nello stesso ruolo sarà Tom Hanks, nella nuova pellicola che Steven Spielberg ha accettato di dirigere; è centrata sulla vicenda dei "Pentagon Papers" e della battaglia del prestigioso giornale americano per ottenerne la pubblicazione nel 1971. Nel cast c'è anche Maryl Streep, nei panni di Katharine Graham, l'allora editore del quotidiano di famiglia (ceduto per 250 milioni di dollari nell'ottobre 2013 a Jeff Bezos, l'uomo a capo del colosso americano del commercio elettronico Amazon).

"Mia nonna sarebbe stata felice che la scelta sia caduta su Meryl Streep", ha detto la nipote di Graham, Katharine Weymouth. Hanks, invece, è stato amico personale di Bradlee. Il film, sceneggiato da Liz Hannah, verrà prodotto dalla Pascal Pictures.

"Un cast da sogno", lo ha definito la vedova di Bradlee, Sally Queen, che fu una giornalista del giornale della capitale americana. Secondo lei, la tempistica è "perfetta" per un film come "The Post", questo il titolo del film stando alle indiscrezioni di Deadline. In un momento in cui le tensioni tra la Casa Bianca, la stampa e Hollywood occupano le cronache quasi ogni giorno, Spielberg ha deciso di cimentarsi su uno dei filoni più fortunati del cinema americano, quello del "Quarto potere" immortalato dall'opera magistarle di Orson Welles nel 1941.

Il progetto cinematogragico di Spielberg torna a indagare una delle storiche battaglie di Bradlee per la libertà d'informazione, quella di pubblicare i "Pentagon Papers" (l'altra fece esplodere il caso Watergate): una serie di studi in 47 volumi commissionati nel 1967 dal dipartimento della Difesa e riguardanti il coinvolgimento degli Usa in Vietnam a partire dal 1945. Quegli studi contenevano anche rivelazioni sulle atrocità - tra cui omicidi di massa di civili - commesse dalle forze americane durante la guerra. A diffonderne il contenuto prima al New York Times nel 1971, poco dopo bloccato dalla Casa Bianca, e poi al Washington Post, fu l'analista di RAND Corporation Daniel Ellsberg, originariamente a favore della guerra ma poi sempre più convinto che la tragedia vietnamita dovesse servire da lezione. Il 17 giugno del 1971 il Washington Post decise di pubblicare una storia sui Pentagon Papers nonostante un giudice federale avesse già bloccato il NY Times. Tredici giorni dopo, in una decisione storica, la Corte Suprmea decise che il governo Usa non aveva alcun diritto a limitare il lavoro dei due giornali.

I "Pentagon Papers" sono stati declassificati nel giugno 2011.

 

Altri Servizi

Come aprire una filiale italiana negli Stati Uniti

Una nuova rubrica per parlare delle opportunità per gli imprenditori italiani di investire in America
Il luna park di Coney Island a New York è stato realizzato dalla società vicentina Antonio Zamperla S.p.A. AP

I rapporti commerciali ed economici sono un pilastro fondamentale nelle relazioni tra Stati Uniti e Italia. In questa nuova rubrica, How to do Business in the US, ci occuperemo di descrivere le varie fasi di apertura di una filiale italiana in territorio americano e parleremo delle enormi opportunità che gli imprenditori italiani possono cogliere decidendo di investire negli Stati Uniti d’America.

Pyongyang apre agli Usa: "pronti a dialogare alle giuste condizioni"

Lo ha detto Choe Son-hui, direttore generale dell'Ufficio sui rapporti con gli Usa del ministero degli Esteri di Pyongyang

La Corea del Nord apre agli Stati Uniti definendosi pronta ad avere colloqui con l’amministrazione di Donald Trump ma solo "alle giuste condizioni". A riportarlo è l’agenzia di stampa sudcoreana, Yonhap, che ha seguito Choe Son-Hui, direttore della divisione "America del Nord" del ministero degli Esteri di Pyongyang, nel suo viaggio da Oslo a Pechino.

Trump ha rivelato informazioni classificate alla Russia (WP)

Nel corso del suo incontro di settimana scorsa con il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov. I documenti sono stati forniti da un alleato molto stretto e sono relativi alla lotta all'Isis. Adesso c'è un rischio di crisi all'interno dell'alleanza
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha rivelato informazioni classificate al ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, e all'ambasciatore russo in America, nel corso del colloquio avuto la scorsa settimana alla Casa Bianca. Lo scrive il Washington Post che cita attuali ed ex funzionari del governo Usa. Secondo il quotidiano di Washington le rivelazioni di Trump metterebbero a repentaglio una fonte di intelligence fondamentale per la lotta contro lo Stato islamico.

Accordo commerciale con la Cina. Trump è stato "battuto" da Pechino?

Il presidente americano sin dalla sua candidatura aveva detto che avrebbe "battuto" la Cina. Ma secondo alcuni osservatori, in realtà, l'intesa annunciata la settimana scorsa racconta un'altra storia. Quella di una sconfitta
AP

Dal momento in cui annunciò quasi due anni fa la sua candidatura alle presidenziali, Donald Trump ha detto di volersi impegnate per iniziare un percorso che avrebbe portato gli Stati Uniti in una posizione vincente nei rapporti commerciali con la Cina.

Christie’s vende orologio Cartier di Jackie Kennedy

Il valore dell’orologio della vedova del 35esimo presidente americano è stimato tra i 60.000 e i 120.000 dollari. C'è anche un quadro realizzato dall'ex first lady mai visto dal pubblico
Christie's

La casa d’aste Christie’s di New York ha annunciato la vendita di un orologio Cartier in oro 18 carati appartenuto a Jacqueline Kennedy Onassis. L’oggetto, che verrà presentato ai potenziali acquirenti il 21 giugno prossimo, rappresenta il fiore all’occhiello dell’annuale vendita intitolata New York Rare Watches and American Icons e organizzata da Christie’s. Il valore dell’orologio della vedova del 35esimo presidente americano è stimato tra i 60.000 e i 120.000 dollari.

Macy's: i conti deludono, continua a soffrire debolezza settore retail

Nei punti vendita aperti da almeno un anno le vendite sono scese per il nono trimestre di fila e più delle attese degli analisti
Macy's

I grandi magazzini Macy's continuano a soffrire la debolezza che ormai da tempo caratterizza il settore retail, colpa non solo del cambiamento delle abitutidi di consumo (gli acquisti online stanno prendendo sempre più piede) ma anche di un dollaro forte che riduce il potere d'acquisto dei turisti. Il titolo è arrivato a perdere nel pre-mercato il 12% all'indomani di una seduta finita a quota 29,34 dollari.

Un attacco hacker mondiale ha colpito decine di paesi con un virus rubato all'Nsa

Quasi 100 nazioni tra cui Italia, Regno Unito, Russia, India e Cina, ma arrivano denunce anche dal sud America e dall'Africa
Shutterstock

Un cyber attacco mondiale di proporzioni enormi è stato messo a segno grazie ad un’arma rubata alla National Security Agency (Nsa) americana. Sono infatti oltre 45.000 gli attacchi informatici messi a segno venerdì in quasi 100 Paesi, tra cui Italia, Regno Unito, Spagna, Russia, India, Cina, Ucraina, Taiwan, Egitto ma anche sud America e altri paesi africani.

La metro di New York lancia una campagna per far sedere mamme incinte

La Metropolitan Transportation Authority distribuisce spille che invitano i passeggeri a cedere il posto

È un problema comune per le donne incinte che ogni giorno prendono la metro a New York: non sempre gli altri passeggeri si offrono di alzarsi e cedere loro il posto. Per venire in loro aiuto, la Metropolitan Transportation Authority (MTA) di New York ha comunicato l’intenzione di distribuire spille con la scritta “Baby on board” ("Bebè a bordo"), che le future mamme potranno indossare quando si spostano con i mezzi pubblici.

21st Century Fox: gli scandali sessuali non intaccano i conti

Svelati però patteggiamenti per 10 milioni di dollari nel primo trimestre del 2017. I ricavi trimestrali hanno deluso. Gruppo fiducioso di chiudere la scalata della britannica Sky entro la fine dell'anno
iStock

Gli scandali di molestie sessuali nel canale Fox News che hanno portato all'uscita prima dell'ex Ceo Rger Ailes e poi del presentatore Bill O’Reilly e del co-presidente Bill Shine non sembrano avere avuto un impatto negativo sui conti dei primi tre mesi del 2017 della controllante 21st Century Fox. Il colosso dell'intrattenimento ha però rivelato in un documento depositato presso l'autorità di borsa Usa patteggiamenti per 10 milioni di dollari raggiunti nel trimestre, che si è chiuso con vendite deludenti. Separatamente, il gruppo nato nel 2013 dallo split in due della vecchia News Corp (a quella nuova fanno capo soltanto le attività editoriali con prodotti come il Wall Street Journal) è "fiducioso" di chiudere entro la fine dell'anno la scalata al 100% della britannica Sky.