Toyota a Trump: investimento per 10 miliardi di dollari in Usa in 5 anni

E' quanto investito dal gruppo giapponese nella prima economia al mondo nell'ultimo quinquennio. L'azienda era stata criticata dal presidente eletto per volere produrre la Corolla in Messico

Detroit - Toyota investirà 10 miliardi di dollari negli Stati Uniti nei prossimi cinque anni. Lo ha detto il gruppo giapponese al salone dell'auto di Detroit; la cifra è simile a quanto investito negli ultimi cinque anni. L'annuncio è arrivato quattro giorni dopo le critiche lanciate dal presidente eletto Donald Trump, che ha minacciato l'azienda di imporre dazi doganali alti sulle vetture che produce in Messico e che importa in Usa. Nel mirino del miliardario newyorchese c'era il piano del gruppo (annunciato nel 2015 e con un valore di 1 miliardo di dollari) di costruire una nuova fabbrica in Messico dove produrre l'auto Corolla dal 2019.

Dal palco al Cobo Center, Akio Toyoda, presidente del più grande gruppo automobilistico al mondo, ha dato la notizia. In una email ad Afp, la portavoce Amanda Sawyer Roark ha spiegato che Toyota destinerà gran parte del nuovo investimento a migliorare gli impianti produttivi. "Questo investimento include anche il nostro nuovo quartiere generale a Plano e la ricerca nella robotica e nei veicoli autonomi".

Toyota non ha voluto specificare se gli investimenti porteranno alla creazione di nuovi posti di lavoro, un mantra chiave del 45esimo presidente Usa che ha ripetutamente preso di mira i produttori di auto come General Motors e Ford, che il 3 gennaio aveva annunciato l'abbandono del piano da 1,6 miliardi di dollari per la costruzione di una fabbrica nuova in Messico. Allora aveva detto che avrebbe invece investito 700 milioni in Usa; nello stesso giorno dell'annuncio di Toyota, a Detroit Ford ha comunicato il rilancio del Suv Ronco e del pickup Ranger: verranno prodotti nell'impianto di Wayne, in Michigan, dove ancora si verifica la produzione dell'auto compatta Focus, destinata ad essere trasferita in Messico in un impianto esistente.

Toyota, il gruppo auto più grande al mondo, dà lavoro a 40mila persone in Usa di cui 5mila assunte negli ultimi cinque anni. Al tweet minaccioso di Trump, Toyota aveva risposto dicendo di essere "parte del tessuto imprenditoriale americano da quasi 60 anni" e che "il volume di produzione o l'occupazione in Usa non caleranno come risultato del nuovo impianto a Guanajuato, Messico, annunciato nell'aprile 2015". Il gruppo si era detto "impaziente di collaborare con l'amministrazione Trump nel migliore interesse dei consumatori e del settore automobilistico". In Messico Toyota intende produrre 200.000 Corolla all'anno per il mercato nordamericano. La vettura dirà addio alla produzione a Cambridge (Ontario, Canada) ma non in Mississippi (Usa).

Altri Servizi

Wall Street, attesa per la Fed

Il Federal Open Market Committee della Federal Reserve inizia la sua riunione, che terminerà domani con un probabile annuncio di un rialzo dei tassi
AP

Diplomatica Usa contro Tillerson: "Mi dimetto e le suggerisco di fare lo stesso"

Elizabeth Shackelford: "Il nostro lavoro sminuito, lei non è un leader". Trump preferisce i militari ai diplomatici: al Pentagono la guida dei rapporti esteri, Tillerson criticato e messo ai margini
AP

Ha rassegnato le dimissioni e ha suggerito il segretario di Stato, Rex Tillerson, a seguire il suo esempio: Elizabeth Shackelford, apprezzata diplomatica e "astro nascente del dipartimento di Stato" (secondo la Cnn) ha inviato una lettera molto critica al suo capo, in cui ha scritto che, sotto la sua guida, l'influenza del dipartimento è notevolmente diminuita e il morale dello staff è crollato, anche per "la dolorosa mancanza di rispetto" mostrata dall'amministrazione Trump.

Apple compra Shazam, la app per riconoscere le canzoni

Il valore della transazione non è stato svelato

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme: Apple acquista Shazam, la app per riconoscere le canzoni.

Esplosione a NY, l'attentatore voleva vendicare attacchi contro l'Isis

Negli Stati Uniti da sette anni, il 27enne Akayed Ullah si è ispirato agli atti di terrorismo contro i mercati di Natale in Europa
AP

Irritabile. Arrabiato. Scontento. Viene descritto così il 27enne originario del Bangladesh che voleva farsi saltare in aria vicino a uno degli hub di trasporto più trafficati di New York City

Molestie sessuali, monta il pressing su Trump affinché si dimetta

Quattro donne chiedono al Congresso di indagare. Quattro senatori vogliono che il presidente Usa lasci il suo incarico come fatto da politici travolti da accuse simili

Su Donald Trump monta la pressione affinché si dimetta sulla scia delle accuse di molestie sessuali lanciate contro di lui da oltre una decina di donne. Ad esercitarla sono quattro senatori, tre democratici e un indipendente, convinti che il 45esimo presidente americano si debba fare da parte come hanno fatto già tre legislatori, a loro volta travolti da accuse simili. Si tratta del senatore Al Franken e del deputato John Conyers, entrambe democratici, e del deputato repubblicano Trent Franks.

Fed verso la terza stretta del 2017. Yellen se ne va a pieni voti

Atteso un rialzo dei tassi di 25 punti base all'1,25-1,5%. Sondaggio Wsj: il 60% degli economisti dà al governatore uscente il giudizio migliore, più del 34% del predecessore Bernanke a fine mandato
AP

Gli investitori non hanno dubbi: domani la Federal Reserve alzerà i tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. La banca centrale americana, per un paio di mesi guidata ancora da Janet Yellen, ha segnalato una tale mossa in più occasioni. E' da un anno che dice che nell'anno in corso avrebbe compiuto tre aumenti del costo del denaro; inoltre, nei verbali della riunione del 31 ottobre e 1 novembre scorsi, diffusi il 22 novembre scorso, emerse che i membri del braccio di politica monetaria dell'istituto centrale si aspettavano una stretta "nel breve termine".

Giovedì l'amministrazione Trump eliminerà la net neutrality

Per il presidente dell'Fcc ferma l'innovazione. La Silicon Valley si schiera contro, mentre i grandi gruppi di telecomunicazione festeggiano. Ecco che così la neutralità della rete

Questa settimana l'amministrazione Trump si prepara a eliminare le regole sulla net neutrality volute da Barack Obama. Gioved" la Federal Communications Commission (FCC), guidata dal repubblicano Ajit Pai, voterà per togliere i provvedimenti approvati nel 2015 che garantiscono un accesso paritario alla rete, vietando alle aziende di telecomunicazioni che forniscono i servizi internet di creare una rete a due velocità, dando un accesso privilegiato ai colossi disposti a pagare di più e rallentando i piccoli gruppi e le startup.

New York, tentato attacco terroristico: uomo prova a farsi esplodere in stazione

Il nome dell'attentatore è Akayed Ullah, 27 anni; gravemente ferito, è stato arrestato. Ha fatto scoppiare un ordigno rudimentale poco prima delle 7:20, in un tunnel della fermata della metropolitana

Un consueto inizio di settimana si è trasformato, per molti newyorkesi, in quello che il governatore Andrew Cuomo ha definito "uno dei nostri peggiori incubi": un attentato nella metropolitana che, per fortuna, non ha avuto le conseguenze gravi che "si potevano temere inizialmente". "Questa è New York" ha ricordato il governatore, aggiungendo che la città è "un obiettivo per chi lotta contro la democrazia e la libertà. Chiunque oggi può andare su internet e costruire ordigni artigianali e dobbiamo convivere con questa realtà".

iStock

Exxon Mobil cede al pressing degli investitori, che da tempo chiedono più trasparenza sugli effetti del cambiamento climatico e delle rispettive regolamentazioni sulle attività del colosso petrolifero americano.

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

Una divisione di Caterpillar ha ammesso di avere truffato clienti facendo manutenzione inutile sui loro vagoni ferroviari.