Travel Ban, la corte d’Appello di San Francisco lo boccia ancora

La decisione non ha però alcun effetto immediato visto l’intervento della Corte Suprema nelle scorse settimane

La Corte d’Appello del nono circuito di San Francisco ha bocciato la terza e ultima versione del "Travel Ban", il bando con cui Donald Trump ha imposto limiti di accesso negli Stati Uniti per i viaggiatori provenienti da sei paesi a maggioranza musulmana (Ciad, Iran, Libia, Somalia, Siria e Yemen) oltre a Corea del Nord e Venezuela.

Una decisione unanime, quella presa dai tre giudici, che non avrà però alcun effetto immediato visto l’intervento, a inizio mese, della Corte Suprema. Il più alto organo giudiziario americano ha infatti stabilito che il bando può essere pienamente applicato, a dispetto delle misure prese dalle giurisdizioni inferiori a cui sono comunque concessi procedimenti legali contro la misura.

Tornando alla decisione presa dalla corte d’appello californiana, la prima a bocciare tutte e tre le versioni del bando, nelle 71 pagine di sentenza si legge che il divieto di viaggio eccede l'autorità del presidente, definendolo "un provvedimento che scavalca vaste aree di leggi sull’immigrazione". Inoltre, le "sospensioni a tempo indeterminato del divieto, costituiscono una discriminazione di nazionalità nell'emissione dei visti di immigrazione”, hanno scritto sempre i tre giudici.

"Per la terza volta, siamo chiamati a valutare la legalità degli sforzi del presidente di impedire a oltre 150 milioni di cittadini di sei paesi a maggioranza musulmana di entrare negli Stati Uniti o di ottenere permessi di soggiorno per i quali sarebbero, in condizioni di normalità, qualificati", sostengono i tre giudici, tutti nominati dal presidente Bill Clinton. "Concludiamo che l'emissione del bando da parte del presidente supera ancora la portata della sua autorità delegata".  

Altri Servizi

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Caso Khashoggi: aumenta il pressing sull'Arabia Saudita, Trump chiede alla Turchia i file audio "se esistono"

Il presidente dice di non coprire Riad ma ne esalta gli acquisti di armi Usa. Pompeo difende l'inchiesta "completa" di Riad ma gli uomini parte del commando che avrebbe ucciso il giornalista sembrano vicinissimi a Mbs. Lagarde diserta la Davos nel deserto

Gli Stati Uniti non intendono coprire le eventuali responsabilità che l'Arabia Saudita ha nella scomparsa di Jamal Khashoggi, il giornalista saudita di cui si sono perse le tracce dal 2 ottobre scorso quando entrò nel consolato del suo Paese a Istanbul (Turchia). E' il presidente americano Donald Trump a dire che "niente affatto", lui non intende chiudere un occhio sul caso pur di salvare la relazione con un "alleato molto importante" che per altro è un "incredibile" acquirente di armi e "altre cose" americane.

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Caso Khashoggi: monta il pressing su Trump, che punta a salvare la relazione con il "tossico" Mbs

Così il senatore repubblicano Lindsey Graham ha definito il principe erede al trono dell'Arabia Saudita.

Google: i produttori di smartphone in Europa dovranno pagare per avere app del gruppo

La controllata di Alphabet passa a un modello di business a pagamento, conseguenza della multa Ue per abuso di posizione dominante con Android