Trecento aziende italiane 'invadono' il Fancy Food a New York

Sono la principale presenza internazionale alla più importante fiera del food del Nord America

E’ l’Italia la grande protagonista del Summer Fancy Food Show del 2018, che aprirà il prossimo 30 giugno al 2 luglio al Javits Center di New York City alla presenza del presidente del Senato della Repubblica, Maria Teresa Alberti Casellati.

Alla fiera dedicata alle specialità alimentari e alle bevande, la più grande e importante del Nord America, il Padiglione Italiano si confermerà ancora una volta il più ampio dopo quello Usa: ospiterà oltre 300 aziende (equivalenti al 12% del totale degli espositori) che presenteranno l’intera gamma del Made in Italy agroalimentare sotto l'ombrello del claim "The Extraordinary Italian Taste".

Dopo il restyling dello scorso anno che ha visto rinnovato il layout degli stand, il Padiglione Italia si presenta con un design pensato per dare maggiore comfort a espositori e visitatori che troveranno gli spazi ancora più orientati al business.

E' prevista la seconda edizione dell’Italian Food Awards USA, premio dedicato alle eccellenze italiane che operano negli Usa e che fino al 2016 si era svolto in Europa; il premio è stato istituito dalla rivista Italianfood.net, in collaborazione con Universal Marketing e il sostegno di Specialty Food Association (Sfa) e l'agenzia ICE.

In questa edizione è prevista una nuova area della fiera: nel ‘River Pavilion’, cos" chiamato per la sua splendida vista sull’Hudson River, saranno allestite nove cucine a vista animate a rotazione da 36 aziende italiane, oltre a un Wine bar. Questo spazio, denominato “Experience the Extraordinary Italian Taste” sarà a ingresso limitato a una tipologia di visitatore altamente qualificato.

Phil Kafarakis, presidente della Specialty Food Association, ha dichiarato di non vedere l'ora "di ospitare più di 2.600 aziende che espongono oltre 200.000 specialità nel nostro Summer Fancy Food Show", che rappresenta 54 Paesi.

Maurizio Forte, direttore Agenzia Ice New York e coordinamento Usa, ha spiegato che "il Made in Italy agroalimentare, supportato dagli investimenti pubblici per la promozione, conferma la sua leadership negli Usa, primo mercato di destinazione extraeuropeo per il paniere italiano". Secondo i dati del dipartimento americano del Commercio, le esportazioni italiane del comparto nel 2017 hanno superato 4,8 miliardi di dollari con una variazione del 5,4% rispetto all’anno precedente. "Anche nei primi quattro mesi del 2018, con un incremento del 18,5% rispetto allo stesso periodo del 2017, l’Italia si conferma primo paese nell’export di vino, olio d’oliva, pasta, formaggi, aceto balsamico e acque minerali", ha confermato Forte.

"Siamo davvero orgogliosi del lavoro svolto, per queste 300 aziende" italiane, ha dichiarato Donato Cinelli, agente unico per l’Italia della Specialty Food Association e produttore dell’Italian Pavilion. "Oggi, gli Stati Uniti rappresentano veramente il luogo ideale per mettere in evidenza il valore e il lavoro delle aziende italiane; il nostro Made in Italy è parte integrante della cultura del bello, qualità da sempre apprezzata e ricercata dal pubblico americano".

L'Agenzia ICE partecipa in collaborazione con Federalimentare, Cibus, Tuttofood e Vinitaly, proseguendo la partnership con Specialty Food Association e Universal Marketing.

Altri Servizi

L’euforia del mercato azionario statunitense è razionale?

L'analisi di Didier Saint-Georges, managing director e membro del comitato investimenti di Carmignac
Carmignac

di Didier Saint-Georges*

Wall Street, attenzione rivolta ai dati macroeconomici

In programma i sussidi di disoccupazione, il superindice dell'economia e le vendite di case esistenti
iStock

A Wall Street piace la marijuana: performance 'stupefacente' di Tilray

Il titolo del produttore canadese arrivato a guadagnare fino al 94%. Dall'Ipo di luglio +1.100% circa. Il gruppo punta sul beverage e sul pharma

Tilray, produttore canadese di cannabis, ha appena archiviato una seduta sull'ottovolante a Wall Street, confermando una performance 'stupefacente' da quando il gruppo si è quotato sul Nasdaq il 19 luglio scorso. Da allora, quando debuttò il borsa a 17 dollari, l'azione che oggi ha raggiunto un record intraday a 300 dollari ha guadagnato oltre il 1.100%.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Facebook verificherà l'autenticità di video e foto

Attenzione non solo ad articoli e link. Ricorrerà a segnalazioni di utenti e tecnologia per individuare "nuovi formati visuali di disinformazione"

Continuano gli sforzi di Facebook volti a individuare i contenuti falsi che circolano sulla sua piattaforma. Con l'aiuto di persone e strumenti tecnologici, il social network verificherà l'autenticità di immagini e video testati.

Bitcoin: verso standard globali contro il riciclaggio, boom di mining illecito

La Financial Action Task Force punta a un quadro normativo uniforme. La Cyber Threat Alliance lancia l'allarme sulla generazione illegale di valite digitali

Sono sempre più vicini gli standard globali contro il riciclaggio di denaro realizzato attraverso criptovalute. La Financial Action Task Force (FATF) creata a questo proposito si riunirà a ottobre e c'è ottimismo affinché venga trovata un'intesa su una serie di standard. "E' essenziale che vengano fissati degli standard globali da usare in modo uniforme", ha dichiarato Marshall Billingslea, il presidente della FATF mentre la Cyber Threat Alliance pubblicava un rapporto secondo cui gli hacker stanno generando illegalmente Bitcoin, Monero e altre valute digitali attraverso uno strumento (Eternal Blue) sviluppato presumibilmente dalla National Security Agency per sfruttare falle di un software Microsoft.

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.

Wall Street non teme i nuovi dazi Usa contro la Cina

I mercati sembrano reagire bene alla nuova mossa del presidente Trump
iStock

Stretta di Trump sui rifugiati: solo 30.000 in Usa nel 2019

È il limite più basso dalla creazione del programma per i rifugiati nel 1980
AP

L'amministrazione statunitense ha deciso, per il prossimo anno fiscale, di abbassare a 30.000 il numero di rifugiati ammessi nel Paese. Lo ha annunciato ieri il segretario di Stato, Mike Pompeo. Si tratta del tetto più basso imposto al programma per i rifugiati dalla sua creazione nel 1980 e di una riduzione di un terzo dal limite di 45.000 rifugiati imposto dal presidente Donald Trump per l'anno attuale. Ad agosto, il New York Times aveva anticipato la scelta dell'amministrazione, scrivendo che in discussione c'era addirittura l'ipotesi di abbassare il limite a 25.000 rifugiati.

Sgarbo dei sauditi a Tesla: investono nella rivale Lucid Motors

Ironia vuole che la start-up californiana sia stata cofondata da un ex vicepresidente del gruppo di Elon Musk. Con il miliardo di dollari di Riad, punta a lanciare prima vettura elettrica nel 2020
Lucid Motors

Tesla soffre a Wall Street con un calo del 2% a 289,2362 dollari. A pesare sulle quotazioni non è solo "l'inferno" - così lo ha definito il Ceo Elon Musk - delle consegne (in ritardo) delle sue vetture ma anche e soprattutto il fatto che il fondo sovrano saudita abbia investito in un'azienda rivale ironicamente co-fondata nel 2007 da un ex vicepresidente e membro del cda di Tesla (Bernard Tse).