Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

La Nfl e l'associazione dei giocatori del campionato di football americano hanno annunciato la sospensione delle nuove norme sull'inno nazionale, nel tentativo di negoziare e trovare una soluzione, evitando lo scontro in tribunale.

La Nflpa (National Football League Players Association) ha pubblicato un comunicato in cui ha parlato di "accordo" per "permettere che questo dialogo costruttivo vada avanti". "Il nostro comune obiettivo rimane quello di trovare una soluzione alla questione dell'inno". La sospensione delle regole è avvenuta dopo che è stato reso pubblico il primo regolamento di squadra per la nuova stagione, quello dei Miami Dolphins, che prevede la possibilità di sospensioni e multe per i giocatori che dovessero protestare in campo, durante l'inno, nel corso della stagione.

A fine maggio, la Nfl aveva annunciato di aver deciso di imporre ai giocatori in campo di seguire l'esecuzione dell'inno nazionale in piedi, lasciando la possibilità agli atleti contrari di restare negli spogliatoi. In caso di protesta in campo, previste sanzioni della Nfl nei confronti delle squadre. La decisione, presa senza consultare l'associazione dei giocatori, era stata accolta come una vittoria del presidente Donald Trump, che non a caso aveva commentato: "I proprietari delle squadre Nfl hanno fatto la cosa giusta". Dopo un anno di polemiche, alimentate da Trump, per la scelta di alcuni giocatori di seguire l'inno restando seduti o poggiando un ginocchio a terra, per protesta, la decisione della Nfl non ha fatto altro che scatenarne di nuove: l'associazione dei giocatori contesta la decisione della lega, che sarebbe contraria all'accordo collettivo e violerebbe i diritti degli atleti.

"Credo sia una buona cosa, non credo che le persone dovrebbero restare negli spogliatoi. Devi stare in piedi orgogliosamente per l'inno nazionale oppure non dovresti giocare, non dovresti essere lì, forse non dovresti nemmeno essere nel Paese. I proprietari della Nfl hanno fatto la cosa giusta" aveva detto Trump, durante un'intervista al programma 'Fox and Friends' su Fox News.

Prima dell'annuncio della 'tregua', l'Associated Press ha pubblicato il regolamento dei Miami Dolphins per la nuova stagione, che include la possibilità di sospendere fino a 4 partite e di multare i giocatori che dovessero protestare in campo. La proprietà dei Dolphins ha poi fatto sapere di essere "contenta della pausa" sul regolamento sull'inno "per trovare una soluzione" e di "non aver preso una decisione su quello che faremmo" in caso di proteste durante l'inno.

Lo stesso Trump è tornato sulla questione, su Twitter: "Il dibattito sull'inno è vivo e vegeto, ancora. Non posso crederci! Non è nel contratto che i giocatori debbano mettersi sull'attenti, con la mano sul cuore? Il Commissioner (il numero uno della lega, ndr) da 40 milioni di dollari deve ora prendere una decisione. Ti metti in ginocchio la prima volta, fuori dalla partita. Lo fai la seconda, fuori dalla stagione, senza paga!".

A dare inizio alla protesta silenziosa contro la brutalità della polizia, la diseguaglianza razziale e l'ingiustizia sociale fu, nel 2016, Colin Kaepernick, quarterback dei San Francisco 49ers; fu poi seguito da altri giocatori, finché la protesta non si diffuse tra oltre 200 atleti in un solo weekend, a causa delle critiche di Trump. Il presidente ha più volte attaccato duramente giocatori e squadre, a cui ha chiesto di licenziare i partecipanti alle proteste; Kaepernick, diventato famoso a livello mondiale per la sua protesta, è rimasto senza squadra al termine di quella stagione e ha fatto causa alla Nfl, sostenendo che le franchigie della lega si sarebbero messe d'accordo per non farlo più giocare.

Altri Servizi

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Shutdown: Pelosi blocca il discorso sullo stato dell'unione, Trump pensa a evento "alternativo"

Continua il duello tra la leader della maggioranza democratica al Congresso e il presidente americano
Ap

Il duello a colpi di lettere tra la speaker democratica alla Camera Usa e il presidente americano non sembra terminare. Nancy Pelosi ha nuovamente scritto a Donald Trump spiegando che non autorizzerà il discorso sullo stato dell'unione che lo stesso Trump vuole tenere il prossimo 29 gennaio.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni. Caracas taglia le relazioni diplomatiche con Washington
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati". Lui ha reagito tagliando le relazioni diplomatiche con Washington, che ha 72 ore di tempo per riportare a casa il suo personale nella nazione.

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Wall Street, rinnovato ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Il presidente Trump valuterebbe la rimozione dei dazi per agevolare i negoziati e calmare i mercati
iStock

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati