Tria tenta di rassicurare gli investitori: il sistema italiano è solido

Il ministro delle Finanze da Washington: debito pubblico "alto" ma "sostenibile". Non serve correzione della manovra. Lo spread dipende solo dalla fiducia, che "va conquistata"

Washington - Il debito pubblico? Alto ma "totalmente sostenibile", come in passato. Lo spread? Ancora "eccessivo" ma non giustificato dai fondamentali economici. La manovra? Il peggioramento dell'economia non ne implica una correzione. Le banche? Sono solide e non mettono a rischio "né l'Europa né il mondo". Sono questi i messaggi che Giovanni Tria ha lanciato da Washington agli investitori, americani e non.

Il ministro dell'Economia e delle Finanze italiano è giunto nella capitale americana per un discorso al Peterson Institute for International Economics e per poi vedere il capo dei consiglieri economici della Casa Bianca, Kevin Hassett, e il segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin. Ai presenti al think tank e ai funzionari dell'amministrazione Trump, Tria ha voluto portare un messaggio rassicurante. Anche perché sa che l'allargamento del differenziale dei rendimenti dei titoli di stato italiani con gli equivalenti tedeschi, il famoso e temuto spread, "dipende esclusivamente dalla fiducia", che "va conquistata".

Lui ha attribuito al "molto rumore" sull'Italia, sulla sua nuova coalizione di governo e sulle trattative con l'Europa relative alla Manovra "la ragione principale per cui i rendimenti dei titoli di stato italiani sono a livelli alti e ancora sembrano eccessivi". I fondamentali economici del Paese, ha continuato, non li giustificano. Tra l'altro, "la discesa dello spread rafforzerà la situazione patrimoniale delle banche, che sono già solide". Certo. "Il sistema bancario risente dell'economia reale". Per questo lui è arrivato a dire: "Speriamo di non entrare in recessione".

Difendendo la politica economica del governo Lega-M5S improntata "agli investimenti e alla coesione sociale", il ministro ha risposto a Mario Draghi, il governatore della Banca centrale europea che 24 ore prima aveva detto che un debito alto mette a rischio la sovranità di un Paese. "Sono d'accordo nei limiti in cui il denaro deve essere chiesto anche all'estero e attualmente il 30% viene dall'estero", ha spiegato. "Questo non significa che attualmente abbiamo rischi", ha aggiunto Tria sottolineando che "è da quasi 30 anni che il debito è alto ma abbiamo sempre dimostrato che è pienamente sostenibile. Non c'è nulla oggi che permette di dire che sia meno sostenibile che in passato. Ovviamente è un peso per l'economia italiana ma questo non significa che sia un rischio per l'Europa e per il mondo".

Dalla capitale americana, come aveva già fatto da Mosca, Tria ha dunque respinto la tesi del Fondo monetario internazionale che nell'aggiornamento al suo World Economic Outlook diffuso al World Economic Forum di Davos (Svizzera) aveva elencato l'Italia tra i rischi maggiori per la crescita mondiale. Del nostro Paese, l'istituto di Washington di cui domani Tria vedrà il numero due David Lipton aveva tagliato le stime di crescita in linea a quelle di Banca d'Italia.

Ai mercati Tria dice che l'Italia vuole "migliorare il clima degli investimenti" per garantire "la stabilità finanziaria e sociale". Perché "le basi della strategia del governo si fondano sull'inclusione sociale e gli investimenti". E il governo giallo-verde "vuole cambiare la Ue ma l'Italia vuole restare nella Ue e nell'euro".

Peterson Institute /PIIE - Jeremey Tripp
Altri Servizi

Wall Street, attesa per le minute della Fed

Dati: oggi in programma le vendite di case esistenti
AP

Per i Ceo d'America, garantire valore ai soci non è più la sola priorità

Più attenzione a consumatori, dipendenti, fornitori e comunità. Dimon: "Il sogno americano è vivo ma si sta logorando"
Wikimedia Commons

Creare ricchezza per i propri soci non è più la sola priorità per i Ceo d'America. La Business Roundtable, un gruppo di amministratori delegati delle principali aziende Usa, ha diffuso un comunicato offrendo una nuova definizione di "scopo di un'azienda". Invece che servire prima di tutto i propri azionisti massimizzando i profitti, la nuova idea di "corporation" prevede investimenti nei dipendenti, valore per i consumatori, una gestione etica delle relazioni con fornitori e sostegno alle comunità locali dove le aziende operano.

Kudlow: "Vogliamo un nuovo round di negoziati con la Cina. E non c'è nessuna recessione all'orizzonte"

Il consigliere economico della Casa Bianca rassicura sui colloqui con Pechino e sull'economia. Ma aveva pronunciato le stesse affermazioni nel 2007, poco prima della grande recessione
Gage Skidmore /Gage Skidmore

L'amministrazione statunitense vuole portare avanti i negoziati con la Cina per porre fine alla guerra commerciale tra i due Paesi (vissuta con molto nervosismo dai mercati). Lo ha dichiarato il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, in un'intervista alla trasmissione Fox News Sunday.

Toronto, la Silicon Valley canadese

Aumentano le società tech che investono nella quarta città nordamericana, attirati da costi inferiori e leggi sull'immigrazione migliori rispetto a quelle statunitensi
Ap

La Silicon Valley sta invadendo Toronto. Intel Corp. ha annunciato che costruirà un laboratorio, Uber Technologies aprirà un polo ingegneristico, Alphabet (Google) ha proposto la costruzione di un nuovo campus e Microsoft ha reso noto di voler aumentare la propria forza lavoro in città di oltre il 20 per cento. C'è cos" tanto fermento che la Silicon Valley Bank, che finanzia alcune delle maggiori società di venture-capital e startup al mondo, vi ha aperto un ufficio lo scorso marzo, dopo aver gestito per 19 anni gli affari canadesi da Seattle e Boston.

Governo Usa: detenzione "illimitata" per i bambini irregolari

Washington ha presentato le norme che dovrebbero sostituire l'accordo Flores, che negli ultimi 22 anni ha protetto i minorenni
AP

Il dipartimento per la Sicurezza nazionale ha presentato una nuova serie di norme per consentire la detenzione dei migranti bambini e delle loro famiglie, entrati irregolarmente negli Stati Uniti, a tempo illimitato. Le nuove norme metterebbero fine alle protezioni in vigore da oltre 20 anni, conosciute come 'l'accordo Flores'.

I ragazzi di Parkland presentano un piano per il controllo delle armi

L'obiettivo è influenzare il dibattito in vista delle elezioni e spingere i giovani ad andare a votare

March for Our Lives, il gruppo di attivisti che si è formato dopo la sparatoria di massa avvenuta lo scorso anno in una scuola di Parkland, in Florida, ha presentato oggi un piano per il controllo delle armi. Chiamato il "piano di pace per un'America più sicura", comprende proposte come la creazione di un registro nazionale, la messa al bando di armi d'assalto e di caricatori ad alta capacità, la creazione di un programma obbligatorio di riacquisto delle armi detenute dai civili da parte delle autorità e l'istituzione di un direttore nazionale per la prevenzione della violenza compiuta con armi da fuoco.

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP