Trimestrale Nike, lo 'swoosh' continuerà a crescere?

Dopo un 2016 non facile, il colosso statunitense può guardare con ottimismo al futuro
iStock

Nike pubblicherà martedì i risultati trimestrali, per cui gli analisti di Reuters attendono guadagni di 0,53 dollari ad azione e 8,47 miliardi di dollari di fatturato per il terzo trimestre fiscale; lo scorso anno, nello stesso periodo, Nike registrò guadagni di 0,55 dollari ad azione e 8,03 miliardi di fatturato. Lo scorso anno, Nike è stato il peggior titolo del Dow Jones Industrial Average, ma finora è stato uno dei migliori nel 2017; secondo gli analisti, la società di abbigliamento sportivo potrebbe continuare a crescere.

Nonostante la forte competizione di Under Armour e Adidas, il futuro sembra roseo per Nike, come dimostrato anche dal''Outperform rating' di Credit Suisse, che ha alzato il suo 'price target' da 60 a 67 dollari, ovvero in rialzo del 18% dal prezzo di chiusura di luned" a 56,67 dollari. Credit Suisse stima guadagni di 2,34 dollari ad azione nel 2017 e di 2,64 dollari nel 2018.

Gli esperti si aspettano una crescita annuale degli ordini futuri tra il 4 e il 5 per cento nel terzo trimestre, con un rialzo dell'1,4% in Nord America, dopo il dato negativo del trimestre precedente; in Cina, la crescita dovrebbe rimanere in doppia cifra, raggiungendo forse l'11%, con l'Europa occidentale a +5 per cento.

Nel secondo trimestre dell'esercizio fiscale, il colosso statunitense dell'abbigliamento sportivo ha riportato un utile netto pari a 785 milioni di dollari, in rialzo del 20% rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente. L'utile per azione si è attestato a 0,90 dollari, contro gli 0,86 dollari attesi dal mercato. I ricavi sono saliti del 4% a 7,7 miliardi di dollari, lievemente sotto i 7,8 miliardi stimati dagli analisti, ma senza l'effetto del cambio valutario sarebbero aumentati del 12 per cento.

Altri Servizi

Attacco a Manchester: il Regno Unito torna a condividere informazioni con gli Usa

Il premier Theresa May e il presidente americano Donald Trump ne hanno parlato in occasione del summit Nato
AP

L'irritazione forse non è ancora passata ma le autorità britanniche hanno ripreso a condividere informazioni con gli Usa riguardanti l'attacco terroristico avvenuto a Manchester lunedì 22 maggio.

Hillary Clinton contro le fake news. E paragona Trump a Nixon

L'ex candidata democratica ritorna a parlare in pubblico per la cerimonia di laurea della sua università. E attacca (senza mai citarlo direttamente) Donald Trump, chiedendo ai nuovi laureati di fare politica attivamente
AP

Hillary Clinton è tornata a parlare in pubblico, attaccando le fake news e il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, senza tuttavia nominarlo direttamente. L'ex candidata democratica alla presidenza ha tenuto un discorso al Wellesley College, l'università del Massachusetts dove si è laureata quasi 50 anni fa, nel corso della cerimonia di laurea di quest'anno accademico. "Vi state laureando in un momento in cui sta avvenendo un assalto totale alla verità e alla ragione. Basta connettersi per 10 secondi ai social media per venirne colpiti direttamente in faccia", ha detto Clinton.

Nyt: tra lusso e ricconi, Trump a Taormina "si sente a casa"

Una città dove "i mondi del presidente si scontreranno". E anche in Sicilia emergono i legami con la Russia

Dopo aver visitato città istituzionali e storiche, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, si trova ora a Taormina, una città che dovrebbe "farlo sentire a casa", vista "la sua reputazione come luogo di divertimenti, baciato dal sole, per i ricconi dai gusti superficiali che apprezzano il lusso". A scriverlo è il New York Times, che ha dedicato un articolo alla città siciliana, dove "i mondi di Trump si scontreranno".

G7 unito per combattere il terrorismo

Il clima resta una questione aperta con gli Usa che ancora devono prendere una decisione sugli accordi di Parigi. Trump solleva venti di guerra commerciale con la Germania
Palazzo Chigi

Una determinazione comune contro il terrorismo, espressione della vicinanza al Regno Unito che lunedì 22 maggio è stato colpito dal peggiore attacco dal 2005. Ma sulle questioni commerciali si continua a lavorare e sul clima si resta in sospeso con gli Usa che ancora devono decidere se aderire o meno agli accordi di Parigi. Si è conclusa così la prima sessione del G7 di Taormina (Sicilia) presieduto dall'Italia. A detta del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, la discussione è stata "diretta e sincera" con punti di convergenza sulla crisi siriana, su quella libica e la Corea del Nord, nazione contro cui Usa e Giappone si preparano a imporre sanzioni più stringenti. Un po' di distrazione l'hanno causata gli strascichi di quanto detto alla vigilia dal presidente americano Donald Trump sulla Germania, cosa che solleva i venti di una guerra commerciale contro una nazione criticata per l'ennesima volta per il suo avanzo commerciale.

Zuckerberg ad Harvard torna a parlare di politica

Riceve la laurea dall'università che lo cacciò. Le "sfide dei nostri giorni"? Per il fondatore di Facebook è fondamentale combattere contro le derive autoritarie e il nazionalismo

Mark Zuckerberg ha le idee molto chiare su quali siano le "sfide dei nostri giorni": per il fondatore e amministratore delegato di Facebook è fondamentale combattere contro le derive autoritarie e il nazionalismo, nel tentativo di arrivare a una società più equa e connessa. Per la seconda volta in pochi mesi Zuckerberg ha descritto la sua agenda politica. Questa volta l'occasione è arrivata nel corso del suo discorso ad Harvard, dove ha ricevuto la laurea, dopo che era stato cacciato dall'università per aver creato il predecessore di Facebook, FaceMash.

G7, fonti dell'Eliseo: Macron rassicurerà Trump sull'accordo di Parigi

Il summit iniziato a Taormina; il presidente statunitense non ha ancora preso una decisione sull'intesa in difesa del clima
AP

Il presidente francese, Emmanuel Macron, "spiegherà a Donald Trump perché l'accordo di Parigi sul clima è così importante", "non solo per la lotta ai cambiamenti climatici ma anche per occupazione e sviluppo della società". È quanto hanno riferito fonti dell'Eliseo a margine del G7 di Taormina, a proposito delle discussioni tra i capi di Stato e di governo sul difficile tema ambientale.

G7, consigliere di Trump: "Ascolterà le posizioni europee sul clima"

In gioco c'è l'accordo di Parigi. Il presidente Usa non ha ancora deciso se rispettarlo o abbandonarlo
ap

"Credo che [il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump] sia incline a comprendere la posizione europea sul clima". Lo ha detto il direttore del Consiglio economico nazionale, Gary Cohn, a margine del G7 di Taormina, dove la questione dei cambiamenti climatici è uno dei dossier più delicati. "Il presidente vuole avere un dialogo aperto", ma "ci sono opinioni molto ferme su entrambi i fronti".

Rivisto al rialzo Pil Usa primo trimestre, bene investimenti e consumi

E' cresciuto dell'1,2%, contro lo 0,7%% della stima preliminare. Il dato è migliore alle previsioni degli analisti, che attendevano una revisione al rialzo e un'espansione dello 0,8%.
Shutterstock

L'economia americana è cresciuta nel primo trimestre a passo più sostenuto rispetto a quanto inizialmente anticipato. E' quanto emerge dalla lettura intermedia del dato diffuso dal dipartimento al Commercio americano, secondo cui il Pil è cresciuto dell'1,2%, contro lo 0,7%% della stima preliminare. Il dato è migliore alle previsioni degli analisti, che attendevano una revisione al rialzo e un'espansione dello 0,8%. Il Pil era salito del 2,1% nel quarto trimestre 2016.

Prosegue l'ottimismo a Wall Street

Ieri, chiusura record per lo S&P. Oggi giornata di trimestrali
AP