Trono di spade, il modello matematico che predice chi vive e chi muore

Attraverso l’analisi delle interazioni tra i personaggi un ricercatore ha effettuato uno studio probabilistico sulla serie tv

Il successo planetario del Trono di Spade, la nota serie tv americana ideata da David Benioff D.B. Weiss e prodotta da Hbo arrivata alla sua settima stagione, è ormai certificato. Ovunque si possono scovare riferimenti al mondo immaginario dove la terra è divisa nei due continenti di Westeros ed Essos dove le varie casate sono in lotta per l'agognato trono di spade.

Ebbene il successo planetario di Game of Thrones ha portato la serie tv addirittura ad essere studiata dal punto di vista matematico per predire quale tra i 94 personaggi della saga vivrà e quale invece morirà. Come riporta Marketwatch, Milan Janosov, un dottorando di Budapest, ha creato una gigantesca banca dati che descrive e studia le interazioni tra i vari personaggi della serie televisiva durante le prime sei stagioni.

Janosov ha poi applicato il sistema del Machine Learning (o apprendimento automatico) per trovare la miglior correlazione tra tali interazioni e le morti avvenute nelle suddette stagioni ottenendo un affidabilità del 72%. Una percentuale non vicinissima alla perfezione, certo, ma va detto che questo tipo di studio è stato applicato ad una serie tv dove c’è un fattore d’imprevedibilità molto alto dato dalla capacità e dalla volontà di stupire degli sceneggiatori. D’altronde anche gli operatori di mercato sanno che modelli di analisi del genere hanno abilità limitate quanto subentrano fattori irrazionali.

In ogni caso le previsioni effettuate da Janosov e dal suo sistema non lasciano ben sperare i fan del Trono di Spade visto che due dei personaggi più amati hanno percentuali altissime di morire prima del gran finale. Danaerys Targaryen, la la regina dei draghi interpretata da Emilia Clarke, ha il 91% di probabilità di morire mentre quelle della giovane Arya Stark, interpretata a sua volta da Maisie Williams, sono dell’84%.

Tra i Lannister invece la perfida Cercei (Lena Headey) ha il 65% di possibilità di vivere, cosa che, se accadesse, segnerebbe una delle più grandi sorprese della storia delle serie Tv. Va detto però che uno dei motivi per cui il Trono di Spade ha così tanto successo è proprio la capacità di stupire con gli stravolgimenti repentini della propria trama nonché per il modo freddo di far morire personaggi popolari. Proprio per questo la morte di Khaleesi e Arya sarebbero in linea con il resto della storia.  

Altri Servizi

Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa
AP

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

G20: Schaeuble con Padoan, vietato compiacersi

Alla riunione di Washington, non si è discusso di commercio nonostante i negoziati sul Nafta e quelli legati alla Brexit

L'ultimo G20 presieduto dalla Germania ha ignorato il tema del commercio nonostante i negoziati in corso sul Nafta e sulla Brexit. Dalla riunione dei ministri delle Finanze e dei governatori delle bance centrali delle principali economie al mondo è invece stato lanciato un messaggio che ricalca esattamente quello del Fondo monetario internazionale: è vietato compiacersi di fronte a una ripresa dell'economia globale forte e generalizzata come non succedeva da un decennio.

Cottarelli (Fmi): riduzione Npl in Italia procede a "velocità adeguata"

Intervista all'uscente direttore esecutivo per il nostro Paese al Fondo, che si schiera dalla parte delle autorità italiane e contro la Bce. "Positiva" la ripresa dell'economia

I non-perfoming loan (Npl) delle banche italiane si stanno riducendo a una “velocità adeguata” che non giustifica l'urgenza sollevata dalla Banca centrale europea e dallo stesso Fondo monetario internazionale, che comunque riconosce i progressi fatti nel nostro Paese dove si aspetta per quest'anno una riduzione di Npl pari a 65 miliardi di euro inclusi i circa 18 miliardi da Unicredit, 26 miliardi da Mps dopo la sua ricapitalizzazione e altri da banche più piccole. Ne è convinto Carlo Cottarelli, direttore esecutivo per l’Italia al Fmi, che in un'intervista ad America24 ha detto che intende sollevare la questione in occasione della prossima visita a Washington di Daniele Nouy, presidente del Single Supervisory Mechanism, l’organo di supervisione bancaria della Bce.

Bank of America: utile sale e batte le stime, ma fatturato delude con il trading

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading.
AP

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading. 

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine del 2018, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.

Wall Street, occhi su trimestrali e Fmi

Attesi i conti di Wells Fargo e Bank of America
AP

Nbc: Trump vorrebbe decuplicare l'arsenale nucleare; il presidente nega

Dopo quell'incontro, Tillerson lo avrebbe definito un "imbecille". Il presidente vorrebbe che gli Stati Uniti, che hanno 4.000 testate nucleari, tornassero ad averne 32.000, come negli anni '60

Il presidente Donald Trump avrebbe detto di voler quasi decuplicare la quantità di armi nucleari a disposizione degli Stati Uniti. Lo sostiene la Nbc, che ha rivelato in esclusiva il presunto contenuto di un incontro con i vertici militari e politici avvenuto la scorsa estate, grazie a tre fonti, presenti al vertice.

Fendi

Perché in Italia esistono ancora così tanti monumenti di epoca fascista? A chiederselo è il New Yorker, in un articolo dal titolo secco e provocatorio firmato da Ruth Ben-Ghiat, docente di storia e studi italiani presso la New York University. Mentre in Usa continua il dibattito sui monumenti sudisti e sulle statue di Cristoforo Colombo, nel suo pezzo Ben-Ghiat esprime tutto il suo stupore non solo per il fatto che questi monumenti siano rimasti ma soprattutto perché sono ancora oggi ben visibili.

Google al lavoro per riportare servizi internet e cellulari a Porto Rico

La Federal Communication Commission, l'autorità americana delle telecomunicazioni, ha approvato la richiesta di Alphabet per fornire servizi di telefonia cellulare di emergenza nelle zone colpite da Maria.
AP

Google va in aiuto di Porto Rico, l'isola devastata dall'uragano Maria. La Federal Communication Commission, l'autorità americana delle telecomunicazioni, ha approvato la richiesta di Alphabet per fornire servizi di telefonia cellulare di emergenza nelle zone colpite per ovviare al fatto che l'83% della popolazione è attualmente senza servizio.