Trono di spade, il modello matematico che predice chi vive e chi muore

Attraverso l’analisi delle interazioni tra i personaggi un ricercatore ha effettuato uno studio probabilistico sulla serie tv

Il successo planetario del Trono di Spade, la nota serie tv americana ideata da David Benioff D.B. Weiss e prodotta da Hbo arrivata alla sua settima stagione, è ormai certificato. Ovunque si possono scovare riferimenti al mondo immaginario dove la terra è divisa nei due continenti di Westeros ed Essos dove le varie casate sono in lotta per l'agognato trono di spade.

Ebbene il successo planetario di Game of Thrones ha portato la serie tv addirittura ad essere studiata dal punto di vista matematico per predire quale tra i 94 personaggi della saga vivrà e quale invece morirà. Come riporta Marketwatch, Milan Janosov, un dottorando di Budapest, ha creato una gigantesca banca dati che descrive e studia le interazioni tra i vari personaggi della serie televisiva durante le prime sei stagioni.

Janosov ha poi applicato il sistema del Machine Learning (o apprendimento automatico) per trovare la miglior correlazione tra tali interazioni e le morti avvenute nelle suddette stagioni ottenendo un affidabilità del 72%. Una percentuale non vicinissima alla perfezione, certo, ma va detto che questo tipo di studio è stato applicato ad una serie tv dove c’è un fattore d’imprevedibilità molto alto dato dalla capacità e dalla volontà di stupire degli sceneggiatori. D’altronde anche gli operatori di mercato sanno che modelli di analisi del genere hanno abilità limitate quanto subentrano fattori irrazionali.

In ogni caso le previsioni effettuate da Janosov e dal suo sistema non lasciano ben sperare i fan del Trono di Spade visto che due dei personaggi più amati hanno percentuali altissime di morire prima del gran finale. Danaerys Targaryen, la la regina dei draghi interpretata da Emilia Clarke, ha il 91% di probabilità di morire mentre quelle della giovane Arya Stark, interpretata a sua volta da Maisie Williams, sono dell’84%.

Tra i Lannister invece la perfida Cercei (Lena Headey) ha il 65% di possibilità di vivere, cosa che, se accadesse, segnerebbe una delle più grandi sorprese della storia delle serie Tv. Va detto però che uno dei motivi per cui il Trono di Spade ha così tanto successo è proprio la capacità di stupire con gli stravolgimenti repentini della propria trama nonché per il modo freddo di far morire personaggi popolari. Proprio per questo la morte di Khaleesi e Arya sarebbero in linea con il resto della storia.  

Altri Servizi

Katrina e Irene, Dean e Matthew: storia dei nomi degli uragani

Prima erano usati i nomi dei santi, poi solo quelli femminili. Dal 1979, è in vigore una rotazione di nomi maschili e femminili; quando un uragano provoca morti e devastazioni, il suo nome viene depennato dalla lista
Ap

In principio non fu né maschio, né femmina. Poi solo donna. Ora, al contrario di quanto si pensi, si applica rigidamente l'alternanza di genere.

Irma dopo Harvey: la peggior stagione degli uragani in 10 anni

Devastate le isole francesi nei Caraibi, l'uragano punta la Florida. Altri due uragani potrebbero seguire il percorso dei predecessori

Irma sarà il secondo maggior uragano a colpire gli Stati Uniti in un paio di settimane. Già con queste due tempeste devastanti, più due uragani di categoria 1, Katia e José, che ne stanno seguendo il percorso, la stagione degli uragani atlantici si presenta come la peggiore dell'ultimo decennio. L'ultima volta che due uragani di questa potenza toccarono gli Stati Uniti in rapida successione fu nel 2005, con Katrina e Rita che devastarono le coste del Golfo del Messico.

L'accordo Trump-democratici analizzato da Wall Street

Oggi il dato sulle richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione
AP

Cohn al posto di Yellen? Trump cambia idea

Secondo il Wsj, al presidente non sarebbero piaciute le critice del suo consigliere economico sui suoi commenti sulle violenze di Charlottesville
AP

Difficilmente Donald Trump nominerà Gary Cohn alla guida della Federal Reserve. Lo scrive il Wall Street Journal secondo cui il presidente americano è disposto a prendere in considerazione altri candidati per la poltrona che sarà ricoperta fino al prossimo febbraio da Janet Yellen. Il nome del consigliere economico della Casa Bianca era visto in pole position da quando, in una intervista del 25 luglio scorso, Trump aveva spiegato al giornale finanziario che stava valutando la promozione di Cohn al comando della banca centrale Usa oltre a una conferma della stessa Yellen. Le cose sono cambiate dopo la critica fatta dall'ex presidente di Goldman Sachs al leader Usa in merito alle violenze esplose il 12 agosto scorso a Charlottesville.

Facebook: 100mila dollari di inserzioni legate alla Russia

Il gruppo ha condiviso risultati indagine con autorità Usa

Il Russiagate sembra non spegnersi. Mentre il procuratore speciale Robert Mueller continua a indagare sulla interferenza di Mosca nelle elezioni presidenziali Usa dello scorso anno, Facebook ha detto di avere scoperto circa 470 account non autentici gestiti "probabilmente" dalla Russia e associati a inserzioni pubblicitarie per 100.000 dollari che avevano l'intento di creare scompiglio durante la campagna elettorale. E' quanto emerso da un'indagine interna voluta dal gruppo guidato da Mark Zuckerberg, che ha chiuso gli account in violazione dei suoi termini d'uso.

Fed: il vicepresidente Fischer dà le dimissioni. E avverte Trump

Ha scritto al presidente comunicando la sua decisione e ricordandogli che con i requisiti stringenti imposti dopo la crisi del 2008 il sistema finanziario è più solido. Yellen: gli sono grata, ci mancherà. Istituto centrale verso una rivoluzione
Wikimedia Commons

Intorno al 13 ottobre prossimo, Stanley Fischer non sarà più il vicepresidente della Federal Reserve né membro del suo Board. Lo ha annunciato lui stesso dando le sue dimissioni per motivi personali. Intende stare più vicino alla moglie. Il mandato all'interno del Board della banca centrale del 73enne nominato da Barack Obama il 28 maggio 2014 doveva scadere il 31 gennaio 2020. Il suo mandato da braccio destro di Janet Yellen sarebbe scaduto il 12 giugno 2018. Quello della prima donna alla guida della Fed finirà nel febbraio del prossimo anno. Questo significa che nell'istituto forse più importante al mondo si preannuncia un giro di poltrone non indifferente che chiama in causa la Casa Bianca (le nomine passato dal suo inquilino).

Mondiali in Russia, possibile Siria-Usa nello spareggio qualificazione

Necessario, per gli asiatici, battere prima l'Australia in un doppio confronto, mentre i nordamericani dovrebbero concludere al quarto posto il girone della Concacaf
Ap

È un'ipotesi che continua a farsi spazio, turno dopo turno, ed è la più suggestiva che si possa immaginare per una partita di calcio: Stati Uniti e Siria potrebbero contendersi la qualificazione ai prossimi Mondiali. E se a questo si aggiunge che la Coppa del Mondo si terrà in Russia, il quadro politico-calcistico è davvero completo. Il potenziale narrativo sarebbe senza precedenti, alla luce di una guerra civile che dura da oltre sei anni e che ha coinvolto anche Washington e Mosca, divise sui crimini, e sulla sorte, del presidente Bashar al-Assad, ma faticosamente unite nella lotta contro l'Isis. Come unita, ora, appare la nazionale siriana: alcuni giocatori vi avevano rinunciato in opposizione al presidente, ma sono poi tornati per "dare gioia alla nostra gente", come ha spiegato l'attaccante Omar Al Soma, che ha realizzato l'ultimo gol, quello per il decisivo pareggio contro l'Iran (altro incrocio significativo per il conflitto siriano).

Gli Houston Rockets venduti per la cifra record di 2,2 miliardi di dollari

La franchigia texana, che ha vinto due titoli negli anni '90, è stata acquistata dal magnate Fertitta
Ap

Il magnate dei casinò e della ristorazione Tillman Fertitta ha comprato gli Houston Rockets, squadra di Nba, il campionato professionistico di basket in Nordamerica, per la cifra record di 2,2 miliardi di dollari. A riportare i termini dell'intesa è Fox Business, che cita diverse fonti.

Wall Street digerisce il Beige Book

L'economia Usa ha continuato ad espandersi. Preoccupazione per il settore auto
AP

L'uragano Irma si rafforza, Porto Rico e Florida a rischio catastrofe

Il presidente Donald Trump ha dichiarato lo stato di emergenza nel territorio e nello Stato americani e nelle Isole Vergini statunitensi. Colpiti i Caraibi

Nel caso di Harvey, l'uragano che colpì il Texas venerdì 25 agosto, Donald Trump aveva aspettato. Ma in vista di Irma, l'uragano che sembra essere il più potente mai formatosi nell'Atlantico, il presidente americano ha agito con prontezza. Ieri nella serata americana ha dichiarato lo stato di emergenza nello Stato della Florida, nel territorio statunitense di Porto Rico e nelle isole Vergini americane. Così facendo ha sprigionato fondi federali essenziali per garantire assistenza. Intanto l'esercito ha ordinato l'evacazune di oltre cinque mila persone tra soldati, personale e rispettive famiglie alla base aerea a Key West, in Florida.