Trump accontenta i produttori di auto, indebolirà le regole sulle emissioni

Oggi annunciati i primi cambiamenti, ma i singoli Stati potranno mantenere norme più dure

Gli Stati Uniti riesamineranno gli standard sulle emissioni delle automobili imposti dall'amministrazione Obama. Lo ha annunciato il presidente Donald Trump: "Cancelleremo quella azione esecutiva" firmata da Obama, in modo che l'agenzia per la protezione ambientale (Epa) possa riaprire la revisione sugli standard per le emissioni di gas serra approvata dalla precedente amministrazione, durante la transizione; una decisione presa da Obama con 14 mesi di anticipo, relativa agli anni 2022-2025, proprio per intralciare il tentativo di Trump di allentare le regole.

"Qualsiasi regola proteggerà i vostri posti di lavoro e le vostre fabbriche" ha detto il presidente, parlando ai lavoratori in un impianto del Michigan. "È un questione molto importante per me". I limiti voluti dalla precedente amministrazione prevedono che le case automobilistiche producano veicoli con un'autonomia di 54,5 miglia al gallone (87,70 chilometri per 3,78 litri) entro il 2025. Standard che "minacciano i livelli futuri di produzione, mettendo centinaia di migliaia, se non un milione, di posti di lavoro a rischio", secondo i produttori.

Trump ha ascoltato le richieste dei produttori, che gli avevano inviato una lettera per chiedere di allentare gli standard di efficienza nei consumi; le preoccupazioni di General Motors, Ford, Fiat Chrysler e delle altre principali case automobilistiche erano già state elencate durante l'incontro con Trump avvenuto a gennaio.

Trump, però, lascerà in piedi il diritto della California e di altri Stati di applicare norme più dure all'interno dei loro confini, mettendo da parte, al momento, la battaglia sul clima contro gli Stati a guida democratica. Il tentativo di smantellare le regole volute da Obama proseguirà poi nei prossimi giorni, quando Trump dovrebbe firmare un ordine esecutivo per ridurre le regole sulle emissioni delle centrali elettriche a carbone e annunciare formalmente l'intenzione di ridurre il budget dell'Epa di oltre il 25 per cento.

Un funzionario della Casa Bianca ha spiegato ai giornalisti statunitensi che l'amministrazione "passerà un altro anno a guardare i dati, in modo che nel 2018 si possano adottare standard (sulle emissioni, ndr) che siano tecnologicamente ed economicamente sostenibili, permettendo all'industria dell'auto di crescere e creare posti di lavoro. Questo è molto importante per il presidente".

Altri Servizi

Trump svela la "maggiore riforma fiscale dal 1986", ma mancano i dettagli

Proposto un taglio dell'aliquota aziendale al 15% dal 35%. Raddoppiato il livello di redditi non tassati per le famiglie. Eliminata la tassa di successione. Obiettivo: spingere crescita (per coprire le entrate che veranno a mancare)

Donald Trump l'ha definita "grandiosa". Il suo consigliere economico la considera "un'opportunità che capita una volta per generazione". Il segretario al Tesoro crede che sia un mezzo per portare ad almeno il 3% la crescita annua degli Stati Uniti alimentando l'occupazione e convincendo le aziende americane a rimpatriare "migliaia di miliardi di dollari" di utili parcheggiati all'estero. Ma la riforma fiscale presentata oggi dalla Casa Bianca come la "maggiore dal 1986" non ha stupito praticamente nessuno, nemmeno gli investitori che a Wall Street hanno fatto perdere slancio agli indici. Il motivo è semplice: il 45esimo presidente Usa vuole s" promuovere "uno dei maggiori tagli delle tasse nella storia Usa" ma i dettagli scarseggiano, anche su come coprire le entrate nelle casse del fisco che verrebbero a mancare.

Pagato dalla Russia, il Pentagono apre un'indagine su Flynn

Ha ricevuto denaro senza autorizzazione dell'esercito come generale in pensione. Si intensificano le polemiche sull'ex consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Trump, dimessosi dopo meno di un mese dal suo giuramento

Il Pentagono Usa ha aperto un'indagine interna volta a verificare possibili violazioni della legge da parte di Michael Flynn, l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale di Donald Trump. Nel mirino ci sono pagamenti ricevuti per le sue attività di consulenza e lobbying in Russia e in Turchia svolte dopo aver lasciato l'esercito. Lo si apprende da documenti resi pubblici da membri democratici del Congresso.

Come sfuggire al traffico? Elon Musk sogna tunnel sotterranei high-tech

Il numero uno di Tesla e SpaceX si dedica a un nuovo progetto con la sua Boring Company. Per lui le auto volanti - che Uber vuole testare entro tre anni - non saranno una soluzione

Cento giorni di Trump: tutte le proteste contro il presidente

Donne, immigrati, scienziati: ecco chi ha manifestato contro il 45esimo inquilino della Casa Bianca
AP

Exxon e Chevron danno segni di ripresa, i conti battono le stime

Nel primo caso, profitti più che raddoppiati. Nel secondo, il gruppo è tornato in utile grazie a una ripresa dei prezzi del petrolio

Economia Usa cresciuta al passo più lento dal 2014 nel primo trimestre

Le spese dei consumatori aumentate al ritmo più basso dal quarto trimestre del 2009. Come farà Trump ha raggiungere una crescita annua di almeno il 3% come promesso?
Shutterstock

Primi 100 giorni di Trump, sfuma l'obiettivo di riformare la sanità

Manca il consenso in Aula, i repubblicani devono rimandare il voto. Resta in vigore, per ora, l'Obamacare
Ap

Trump: "Possibile un enorme, enorme conflitto" con la Corea del Nord

Il presidente statunitense intervistato dall'agenzia Reuters in occasione dei suoi primi cento giorni alla Casa Bianca. "Pensavo sarebbe stato più facile, ho più lavoro di prima. Mi manca la mia vecchia vita"

Wall Street, il Pil Usa delude

Dopo una partenza in positivo, il Nasdaq vira in calo unendosi a Dj e S&P 500
AP

Alphabet: i conti tengono nonostante la fuga degli inserzionisti da YouTube

Utili in rialzo del 29% nel primo trimestre e ricavi in aumento del 22%. Il cost-per-clickè sceso del 21% sui siti Google
Shutterstock