Trump ai russi: Comey "un pazzo", senza di lui meno pressioni. Il Russiagate arriva alla Casa Bianca

Proprio poco dopo la partenza di Donald Trump per il suo primo viaggio all'estero da presidente americano, nuove indiscrezioni in salsa russa sono emerse. Più o meno contemporaneamente il New York Times e il Washington Post hanno diffuso notizie che alimentano un caos a Washington che due giorni prima aveva innervosito gli investitori a tal punto da provocare il peggiore sell-off a Wall Street da inizio anno. Nel primo caso, si apprende che Trump ha spiegato ai russi che il siluramento del direttore dell'Fbi faceva venire meno la pressione su di lui nell'ambito del Russiagate; nel secondo, il giornare rivela che l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sui possibili legami tra la campagna Trump e funzionari del Cremlino è arrivata fino alla Casa Bianca.

Trump ai russi: Comey un pazzo

Il giornale newyorchese ha scritto che durante il suo incontro alla Casa Bianca con il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, Trump disse che il licenziamento di James Comey (annunciato il giorno precedente, il 9 maggio) avrebbe alleviato "le forti pressioni" date dall'inchiesta dell'Fbi sulla Russia. Da un documento che riassume quell'incontro, il NY Times ha saputo che il leader Usa disse anche: "Ho appena licenziato il capo dell'Fbi. Era un pazzo, un vero incapace". E ancora: "Ho dovuto affrontare grandi pressioni a causa della Russia. Adesso non ci saranno più". Il resoconto della conversazione tra Trump e Lavrov, a cui era presente anche l'ambasciatore russo in Usa, rafforza l'idea che Trump abbia licenziato Comey non per la sua cattiva gestione del caso emailgate legato a Hillary Clinton (come formalmente spiegato) ma piuttosto per ostacolare il cosiddetto Russiagate.

Il documento della Casa Bianca che contiene le parole pronunciare da Trump fa riferimento a una serie di appunti presi nello Studio Ovale e circolati tra i funzionari presenti al meeting. Uno di loto ha letto al New York Times i virgolettati di Trump e un altro li ha confermati.

Il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, non ha contestato i virgolettati. In una nota ha detto che Comey aveva messo "una pressione non necessaria sulle capacità del presidente americano di portare avanti la sua diplomazia con la Russia su temi come la Siria, l'Ucraina e lo Stato islamico".

Spicer ha aggiunto che il vero problema è un altro: il fatto che ci sia qualcuno "in grado di far filtrare ai quotidiani notizie riservate interne all'amministrazione".

Un alto funzionario della Casa Bianca coinvolto in indagini sulla Russia

Secondo il Washingtpn Post, l'inchiesta sui possibili legami tra la campagna di Trump e i funzionari russi ha colpito un membro attuale della Casa Bianca. E' l'ultima prova di come il cosiddetto Russiagate stia raggiungendo i livelli più alti del governo in carica. Secondo le fonti del giornale, la persona nel mirino delle forze dell'ordine è un consigliere di alto livello vicino a Trump.

Il tutto succede mentre l'inchiesta sembra accelerare. Pare che il focus degli inquirenti sia su persone che hanno avuto un ruolo nell'amministrazione e nella campagna elettorale che ha garantito la vittoria inattesa del miliardario di New York ma che ora non ne fanno più parte. Tra questi si sa già che ci sono Michael Flynn, ex consigliere alla Sicurezza nazionale durato meno di un mese, e Paul Manafort, ex presidente della campagna di Trump. I funzionari ancora parte dell'amministrazione e che hanno riconosciuto di avere avuto contatti con colleghi russi sono il genero di Trump, Jared Kushner, il segretario alla Giustizia Jeff Sessions e quello di Stato Rex Tillerson.

Il fatto che il Russiagate stia per entrare in una nuova fase, fatta di interrogatori e rischieste di fornitura di documenti, non sta a significare che qualche incriminazione sia necessariamente all'orizzonte, precisa il Washington Post.

L'inchiesta dell'Fbi è volta a capire se e fino a che punto lo staff di Trump sia stato in contatto con uomini del Cremlino, che tipo di attività imprenditoriali ci sia stato con la Russia e se i russi abbiano facilitato in alcun modo l'intrusione, l'estate scorsa, nella rete informatica dell'organo che governa il partito democratico e nelle email di John Podesta, il presidente della campagna elettorale di Hillary Clinton.

Come detto in più occasioni da Trump e dal suo portavoce, la linea della Casa Bianca è chiara: non c'è stata alcuna collusione tra russi e la squadra di Trump. Solo un'inchiesta indipendente potrà dimostrarlo, sempre che non venga ostacolata.

Altri Servizi

La settimana economica negli Stati Uniti

Continua la stagione delle trimestrali, Trump parla di made in America, la riforma sanitaria resta ferma al Senato
AP

Donald Trump è sempre più debole. Gli scandali legati al Russiagate e il coinvolgimento di suo figlio Donald Jr. hanno fatto scendere la popolarità del presidente ai minimi toccando quota 36% rispetto al 42% di aprile, secondo un sondaggio nazionale svolto dal Washington Post e da Abc. Il 48% degli americani sostengono di "disapprovare fortemente" l'azione di Trump come presidente, un livello mai raggiunto dagli ex presidenti Bill Clinton e Barack Obama e toccato solo da George W. Bush nel suo secondo mandato.

La stanza del silenzio di New York

Uno spazio multifede all'interno della New York University. Gli studenti possono pregare, riflettere e meditare

Donald Trump torna all'attacco: i media distorcono la democrazia

Domenica mattina, in una serie di tweet, il presidente americano ha difeso suo figlio. E torna a prendersela con Hillary Clinton

Domenica mattina, dal suo campo da golf privato a Bedminster, in New Jersey, Donald Trump è torna a twittare contro i media, difedendo suo figlio Donald Jr., travolto dallo scandalo dell'incontro con l'avvocato vicino alla Russia che gli aveva promesso informazioni compromettenti su Hillary Clinton. "I MEDIA DISTORCONO LA DEMOCRAZIA", ha scritto il presidente americano. Trump ha preso di mira i media americani. "Hillary Clinton può avere illegalmente le domande di un dibattito & cancellare 33.000 email ma mio figlio Don è stato disprezzaro dai Fake News Media?".

Trump presenta la settimana del "Made in America"

Eventi e conferenze alla Casa Bianca anche se la maggior parte dei suoi marchi producono all'estero

Il presidente americano Donald Trump ha appena presentato la settimana "Made in America" alla Casa Bianca per promuovere prodotti realizzati negli Stati Uniti. Questo anche se la maggior parte della sue aziende producono all'estero. Seguendo le promesse fatte nel corso della campagna elettorale, l'amministrazione metterà in evidenza la produzione americana.

Studente americano condannato a 10 anni di carcere in Iran

Era scomparso l'estate scorsa. Secondo le autorità di Teheran è una spia americana. Lo studente, Xiyue Wang, si trovava in Iran per continuare la sua ricerca scientifica sulla dinastia Qajar

Uno studente americano dell'Università di Princeton è stato arrestato in Iran ed è stato condannato a 10 anni di carcere con l'accusa di essere una spia del governo americano. La mossa potrebbe incrinare ancora di più le relazioni tra i due Paesi, sempre più tese da quando Donald Trump è stato eletto presidente.

OpenGov, startup collegata a Kushner, ha contatti con la Casa Bianca

Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, l'amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.
AP

La startup OpenGov, legata alla famiglia Kushner, ha avuto accesso a una riunione alla Casa Bianca. Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, il suo amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.

Giro di vite in vista sull'immigrazione illegale, Trump studia norme più severe

Al vaglio la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione.
Immigration and Customs Enforcement

Nuovo giro di vite in vista negli Stati Uniti sull'immigrazione illegale. L'amministrazione Trump sta valutando la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione di alcuni immigrati senza regolare permesso di soggiorno.

Mercati finanziari più ottimisti, ma la fiducia non si traduce in una crescita reale

L'atteso "Trump bump" tarda ad arrivare e, secondo almeno una parte degli analisti, non ci sarà. La discrepanza tra rally di Wall Street e dati macro è sottolineata dalle indicazioni recenti.
AP

I mercati finanziari sono sempre più ottimisti, come dimostrano i recenti record di Wall Street, dove la volatilità è stata molto bassa nelle ultime settimane, ma la maggiore fiducia non si traduce in un'accelerazione della crescita economica. In buona sostanza, l'atteso "Trump bump" tarda ad arrivare e, secondo almeno una parte degli analisti, non ci sarà.

Raul Castro punta l'indice contro Trump: passi indietro dei rapporti diplomatici

Per il presidente cubano la nuova posizione americana rappresenta un inasprimento dell'embargo contro Cuba, in vigore dal 1962, ed è impregnata di "una retorica vecchia e ostile propria della Guerra Fredda".

Il presidente Donald Trump ha fatto marcia indietro nei rapporti con Cuba rispetto all'apertura del suo predecessore, Barack Obama, questo "è un passo indietro" delle relazioni diplomatiche tra Washington e L'Avana, riavviate due anni fa dopo mezzo secolo di gelo, ovvero dalla rivoluzione castrista del 1959.

Si infittisce la trama del Russiagate: lobbista russo all'incontro tra Donald Jr e legale Mosca

Rinat Akhmetshin è un cittadino russo naturalizzato statunitense che all'epoca stava facendo lobbying contro il Magnitsky Act, le sanzioni imposte dagli Usa alla Russia per combattere le violazioni dei diritti umani nel Paese.
AP

Un lobbista russo-americano, veterano dell'esercito sovietico, avrebbe partecipato all'incontro del giugno 2016 tra Donald Trump Jr., figlio maggiore del presidente degli Stati Uniti, e l'avvocatessa Natalia Veselnitskaya, organizzato da quest'ultima con la promessa di fornire a Trump Jr. materiale compromettente su Hillary Clinton.

Rinat Akhmetshin, questo il suo nome, è un cittadino russo naturalizzato statunitense che all'epoca stava facendo lobbying contro il Magnitsky Act, le sanzioni imposte dagli Usa alla Russia per combattere le violazioni dei diritti umani nel Paese.
Sentito dal Washington Post, Akhmetshin ha dichiarato di aver partecipato all'incontro insieme a diverse altre persone.