Trump ai russi: Comey "un pazzo", senza di lui meno pressioni. Il Russiagate arriva alla Casa Bianca

Proprio poco dopo la partenza di Donald Trump per il suo primo viaggio all'estero da presidente americano, nuove indiscrezioni in salsa russa sono emerse. Più o meno contemporaneamente il New York Times e il Washington Post hanno diffuso notizie che alimentano un caos a Washington che due giorni prima aveva innervosito gli investitori a tal punto da provocare il peggiore sell-off a Wall Street da inizio anno. Nel primo caso, si apprende che Trump ha spiegato ai russi che il siluramento del direttore dell'Fbi faceva venire meno la pressione su di lui nell'ambito del Russiagate; nel secondo, il giornare rivela che l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sui possibili legami tra la campagna Trump e funzionari del Cremlino è arrivata fino alla Casa Bianca.

Trump ai russi: Comey un pazzo

Il giornale newyorchese ha scritto che durante il suo incontro alla Casa Bianca con il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, Trump disse che il licenziamento di James Comey (annunciato il giorno precedente, il 9 maggio) avrebbe alleviato "le forti pressioni" date dall'inchiesta dell'Fbi sulla Russia. Da un documento che riassume quell'incontro, il NY Times ha saputo che il leader Usa disse anche: "Ho appena licenziato il capo dell'Fbi. Era un pazzo, un vero incapace". E ancora: "Ho dovuto affrontare grandi pressioni a causa della Russia. Adesso non ci saranno più". Il resoconto della conversazione tra Trump e Lavrov, a cui era presente anche l'ambasciatore russo in Usa, rafforza l'idea che Trump abbia licenziato Comey non per la sua cattiva gestione del caso emailgate legato a Hillary Clinton (come formalmente spiegato) ma piuttosto per ostacolare il cosiddetto Russiagate.

Il documento della Casa Bianca che contiene le parole pronunciare da Trump fa riferimento a una serie di appunti presi nello Studio Ovale e circolati tra i funzionari presenti al meeting. Uno di loto ha letto al New York Times i virgolettati di Trump e un altro li ha confermati.

Il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, non ha contestato i virgolettati. In una nota ha detto che Comey aveva messo "una pressione non necessaria sulle capacità del presidente americano di portare avanti la sua diplomazia con la Russia su temi come la Siria, l'Ucraina e lo Stato islamico".

Spicer ha aggiunto che il vero problema è un altro: il fatto che ci sia qualcuno "in grado di far filtrare ai quotidiani notizie riservate interne all'amministrazione".

Un alto funzionario della Casa Bianca coinvolto in indagini sulla Russia

Secondo il Washingtpn Post, l'inchiesta sui possibili legami tra la campagna di Trump e i funzionari russi ha colpito un membro attuale della Casa Bianca. E' l'ultima prova di come il cosiddetto Russiagate stia raggiungendo i livelli più alti del governo in carica. Secondo le fonti del giornale, la persona nel mirino delle forze dell'ordine è un consigliere di alto livello vicino a Trump.

Il tutto succede mentre l'inchiesta sembra accelerare. Pare che il focus degli inquirenti sia su persone che hanno avuto un ruolo nell'amministrazione e nella campagna elettorale che ha garantito la vittoria inattesa del miliardario di New York ma che ora non ne fanno più parte. Tra questi si sa già che ci sono Michael Flynn, ex consigliere alla Sicurezza nazionale durato meno di un mese, e Paul Manafort, ex presidente della campagna di Trump. I funzionari ancora parte dell'amministrazione e che hanno riconosciuto di avere avuto contatti con colleghi russi sono il genero di Trump, Jared Kushner, il segretario alla Giustizia Jeff Sessions e quello di Stato Rex Tillerson.

Il fatto che il Russiagate stia per entrare in una nuova fase, fatta di interrogatori e rischieste di fornitura di documenti, non sta a significare che qualche incriminazione sia necessariamente all'orizzonte, precisa il Washington Post.

L'inchiesta dell'Fbi è volta a capire se e fino a che punto lo staff di Trump sia stato in contatto con uomini del Cremlino, che tipo di attività imprenditoriali ci sia stato con la Russia e se i russi abbiano facilitato in alcun modo l'intrusione, l'estate scorsa, nella rete informatica dell'organo che governa il partito democratico e nelle email di John Podesta, il presidente della campagna elettorale di Hillary Clinton.

Come detto in più occasioni da Trump e dal suo portavoce, la linea della Casa Bianca è chiara: non c'è stata alcuna collusione tra russi e la squadra di Trump. Solo un'inchiesta indipendente potrà dimostrarlo, sempre che non venga ostacolata.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta al primo viaggio all'estero di Trump

Il presidente degli Stati Uniti è arrivato in Israele, dopo la tappa in Arabia Saudita
AP

Russiagate: i repubblicani si allontanano da Trump

Nonostante non lo facciano ancora in modo esplicito si vedono i primi segnali di tensione. Al centro del malessere il tentativo del presidente di influenzare l'inchiesta sulla Russia

I repubblicani hanno preso ancor più le distanze dal presidente Donald Trump, a causa delle prove sempre più schiaccianti che potrebbe aver cercato di interferire nell'indagine federale sui rapporti tra l'intelligence russa e la sua campagna elettorale nelle elezioni del 2016.

Trump, Opec e Fed: la settimana economica in arrivo

I principali appuntamenti di questa settimana
AP

Nella settimana in arrivo gli investitori guarderanno con la massima attenzione tre eventi: il viaggio del presidente americano in Medio Oriente e in Europa, le minute della Fed di mercoledì e infine l'incontro di giovedì a Vienna tra i Paesi Opec.

Nyt: le informazioni d'intelligence che Trump ha condiviso con i russi arrivavano da Israele

La rivelazione aggiunge potenzialmente ulteriori problemi all'episodio. McMaster difende il presidente con i giornalisti
Ap

Le informazioni d'intelligence che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha condiviso con i russi arrivavano da una fonte israeliana. A dirlo sono stati un ex e un attuale funzionario degli Stati Uniti, che lo hanno riferito al New York Times. Informazioni che, secondo la stampa statunitense, erano classificate, cioè segrete.

Fca punta a soluzione "giusta" del caso emissioni in Usa

Secondo Bloomberg, la Giustizia americana potrebbe fare causa al gruppo questa settimana se i negoziati non portassero a una soluzione. L'azienda: "Sarebbe controproducente". Un'analista: sarebbe uno sviluppo inatteso
AP

Una causa legale ancora non è stata depositata dal governo Usa e, salvo sorprese, non ci sono indicazioni che lo sarà a breve nei confronti di Fiat Chrysler Automobiles. C'è chi interpreta così, ridimensionandole, le indiscrezioni di Bloomberg che ieri hanno provocato un calo del 3,7% del titolo Fca nel dopo mercato a Wall Street, ampliando la flessione registrata nel corso della seduta (-3,11% a 10,59 dollari) in una giornata per altro in cui la Commissione europea aveva annunciato l'apertura di una procedura di infrazione contro l'Italia per il mancato adempimento degli obblighi derivanti dalla normativa Ue in materia di omologazione dei veicoli. Secondo Bloomberg, il dipartimento di Giustizia Usa già questa settimana potrebbe fare causa al gruppo guidato da Sergio Marchionne se - e solo se - dovessero fallire i negoziati da tempo in corso sulla violazione presunta delle leggi americane sulle emissioni. Fca punta a una soluzione "giusta" del caso.

Fca deposita richiesta di certificazione emissioni diesel in Usa

Mossa frutto di "collaborazione" tra Epa e Carb, autorità che a gennaio avevano accusato il gruppo di una possibile violazione delle leggi. Il gruppo conta di risolvere così le loro preoccupazioni e di aggiornare software di 104.000 auto finite nel mirino
Fca Us

Fiat Chrysler Automobiles ha fatto un passo concreto verso quella che spera sia una soluzione per archiviare le accuse di violazione delle leggi sulle emissioni avanzate all'inizio dell'anno dall'Agenzia per la protezione ambientale (Epa) e la California Air Resources Board (Carb) americane e riguardanti circa 104.000. Se ci riuscisse, eviterebbe anche una causa da parte del dipartimento di Giustizia, ipotesi che nei due giorni scorsi aveva pesato sul titolo.

Trump parla ai Paesi musulmani: uniamoci contro l'estremismo islamico

Il presidente americano dall'Arabia saudita pronuncia un discorso di speranza e di collaborazione tra gli Stati Uniti e il mondo islamico. Ma chiede maggiore azione per combattere l'estremismo e attacca l'Iran
AP

Donald Trump parla con grande lentezza, scandisce ogni singola parola. E inizia il suo discorso in Arabia Saudita ringraziando il padre di re Salman, Aziz, visto che grazie a lui è iniziato il rapporto di alleanza tra Washington e Riyadh. "Il nostro scopo è quello di creare una coalizione di nazioni che condividono l'obiettivo di fermare l'estremismo e di offrire ai nostri figli un futuro di speranza che faccia onore a Dio ... Ogni volta che un terrorista uccide una persona innocente e invoca il falso nome di Dio, dovrebbe essere un insulto a ogni persona di fede ", ha detto il presidente americano, parlando ai leader dei Paesi a maggioranza musulmana. 

Il design italiano sbarca in Usa con "Material Immaterial". Focus su creatività e investimenti

Gli Stati Uniti hanno dimostrato grande interesse a investire in nuove proposte nel settore dell’architettura. In questo campo, l'Italia è da sempre fucina di idee e progetti all’avanguardia.
America24

Celebrare la sinergia tra il mondo del design italiano e gli Stati Uniti: questo l'obiettivo dell’evento "Material Immaterial", organizzato dal periodico italiano di design "Interni" in collaborazione con il Consolato generale d'Italia a New York. Perché se gli Stati Uniti hanno dimostrato grande interesse a investire in nuove proposte nel settore dell’architettura, è anche vero che, in questo campo, l'Italia è da sempre fucina di idee e progetti all’avanguardia.

Riparare l’iPhone da sé? Apple è contraria

Il gruppo sta lottando contro una proposta di legge che obbligherebbe i produttori di dispositivi elettronici a rilasciare informazioni utili per la riparazione

Apple non vuole che i suoi consumatori possano essere liberi di aggiustare autonomamente i propri iPhone. Il gruppo tecnologico, così come aziende del calibro di J&J, Toyota e Verizon, stanno unendo le forze in attività di lobby per ostacolare una proposta di legge che le forzerebbe a rendere disponibili le informazioni utili per riparare dispositivi elettronici per conto proprio o con l’aiuto di parti terze.