Trump ai russi: Comey "un pazzo", senza di lui meno pressioni. Il Russiagate arriva alla Casa Bianca

Proprio poco dopo la partenza di Donald Trump per il suo primo viaggio all'estero da presidente americano, nuove indiscrezioni in salsa russa sono emerse. Più o meno contemporaneamente il New York Times e il Washington Post hanno diffuso notizie che alimentano un caos a Washington che due giorni prima aveva innervosito gli investitori a tal punto da provocare il peggiore sell-off a Wall Street da inizio anno. Nel primo caso, si apprende che Trump ha spiegato ai russi che il siluramento del direttore dell'Fbi faceva venire meno la pressione su di lui nell'ambito del Russiagate; nel secondo, il giornare rivela che l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sui possibili legami tra la campagna Trump e funzionari del Cremlino è arrivata fino alla Casa Bianca.

Trump ai russi: Comey un pazzo

Il giornale newyorchese ha scritto che durante il suo incontro alla Casa Bianca con il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, Trump disse che il licenziamento di James Comey (annunciato il giorno precedente, il 9 maggio) avrebbe alleviato "le forti pressioni" date dall'inchiesta dell'Fbi sulla Russia. Da un documento che riassume quell'incontro, il NY Times ha saputo che il leader Usa disse anche: "Ho appena licenziato il capo dell'Fbi. Era un pazzo, un vero incapace". E ancora: "Ho dovuto affrontare grandi pressioni a causa della Russia. Adesso non ci saranno più". Il resoconto della conversazione tra Trump e Lavrov, a cui era presente anche l'ambasciatore russo in Usa, rafforza l'idea che Trump abbia licenziato Comey non per la sua cattiva gestione del caso emailgate legato a Hillary Clinton (come formalmente spiegato) ma piuttosto per ostacolare il cosiddetto Russiagate.

Il documento della Casa Bianca che contiene le parole pronunciare da Trump fa riferimento a una serie di appunti presi nello Studio Ovale e circolati tra i funzionari presenti al meeting. Uno di loto ha letto al New York Times i virgolettati di Trump e un altro li ha confermati.

Il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, non ha contestato i virgolettati. In una nota ha detto che Comey aveva messo "una pressione non necessaria sulle capacità del presidente americano di portare avanti la sua diplomazia con la Russia su temi come la Siria, l'Ucraina e lo Stato islamico".

Spicer ha aggiunto che il vero problema è un altro: il fatto che ci sia qualcuno "in grado di far filtrare ai quotidiani notizie riservate interne all'amministrazione".

Un alto funzionario della Casa Bianca coinvolto in indagini sulla Russia

Secondo il Washingtpn Post, l'inchiesta sui possibili legami tra la campagna di Trump e i funzionari russi ha colpito un membro attuale della Casa Bianca. E' l'ultima prova di come il cosiddetto Russiagate stia raggiungendo i livelli più alti del governo in carica. Secondo le fonti del giornale, la persona nel mirino delle forze dell'ordine è un consigliere di alto livello vicino a Trump.

Il tutto succede mentre l'inchiesta sembra accelerare. Pare che il focus degli inquirenti sia su persone che hanno avuto un ruolo nell'amministrazione e nella campagna elettorale che ha garantito la vittoria inattesa del miliardario di New York ma che ora non ne fanno più parte. Tra questi si sa già che ci sono Michael Flynn, ex consigliere alla Sicurezza nazionale durato meno di un mese, e Paul Manafort, ex presidente della campagna di Trump. I funzionari ancora parte dell'amministrazione e che hanno riconosciuto di avere avuto contatti con colleghi russi sono il genero di Trump, Jared Kushner, il segretario alla Giustizia Jeff Sessions e quello di Stato Rex Tillerson.

Il fatto che il Russiagate stia per entrare in una nuova fase, fatta di interrogatori e rischieste di fornitura di documenti, non sta a significare che qualche incriminazione sia necessariamente all'orizzonte, precisa il Washington Post.

L'inchiesta dell'Fbi è volta a capire se e fino a che punto lo staff di Trump sia stato in contatto con uomini del Cremlino, che tipo di attività imprenditoriali ci sia stato con la Russia e se i russi abbiano facilitato in alcun modo l'intrusione, l'estate scorsa, nella rete informatica dell'organo che governa il partito democratico e nelle email di John Podesta, il presidente della campagna elettorale di Hillary Clinton.

Come detto in più occasioni da Trump e dal suo portavoce, la linea della Casa Bianca è chiara: non c'è stata alcuna collusione tra russi e la squadra di Trump. Solo un'inchiesta indipendente potrà dimostrarlo, sempre che non venga ostacolata.

Altri Servizi

"Hawaii sotto attacco missilistico. Cercate riparo". Il falso allarme scatena il caos nelle isole

Le "Hawaii sono sotto attacco missilistico. Cercate riparo immediato. Questa non è un'esercitazione". Questo messaggio è comparso sui cellulari degli americani, facendo immediatamente scattare l'allarme. Era un falso allarme

Banca centrale indonesiana contro bitcoin: rischio per la stabilità del sistema

L'istituto centrale già in passato non aveva riconosciuto le valute digitali come strumento legale di scambio, impedendo di fatto che potessero essere usate come forma di pagamento nel Paese asiatico.

Wsj accusa: 130.000 dollari a pornostar per silenzio su rapporti sessuali con Trump

Uno dei legali del presidente avrebbe predisposto il pagamento a Stephanie Clifford, il cui nome d'arte è Stormy Daniels. Si sarebbero conosciuti nel 2006, quando Trump era già sposato con Melania. La Casa Bianca smentisce.
AP

Trump gode di una salute eccellente (ma fa poco sport)

Lo ha fatto sapere la Casa Bianca, commentando il check up annuale a cui il presidente americano si è sottoposto all'ospedale militare Walter Reed.
AP

Troppi estremisti sui social: Facebook e Google al Senato Usa per spiegare cosa faranno

Nonostante le promesse e gli sforzi degli ultimi anni, sembra infatti che i colossi non riescano a eliminare queste posizioni radicali e radicalizzate dai loro siti.
iStock

Italia, Dbrs avverte: stabilità prossimo governo a rischio, non escluse nuove elezioni

L'agenzia canadese conferma il rating BBB (High) e l'outlook stabile. La ripresa continua. Debito pubblico e Npl ancora alti. Dalla chiamata alle urne del 4 marzo non si aspetta un vincitore. Ipotizza coalizione guidata da M5S

Usa: inflazione rafforzata a fine 2017, Fed verso rialzo tassi a marzo

Il rendimento del Treausry a due anni sopra il 2%, prima volta dal 2008. La banca centrale americana sarà più "falco" che "colomba"?

Trump lascia intatto (per ora) l'accordo sul nucleare, ultimatum ai partner Ue

Il presidente ha mantenuto il congelamento di sanzioni legate alla storica intesa raggiunta nel 2015 da Teheran e le principali potenze mondiali. Bruxelles ha 120 giorni per modificarla. Sanzionato capo magistratura iraniana

Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

Facebook annuncia cambiamenti al News Feed. Titolo giù del 5%

Più storie di amici e meno aziende e notizie. E si teme per la macchina pubblicitaria del colosso