Trump ai russi: Comey "un pazzo", senza di lui meno pressioni. Il Russiagate arriva alla Casa Bianca

Proprio poco dopo la partenza di Donald Trump per il suo primo viaggio all'estero da presidente americano, nuove indiscrezioni in salsa russa sono emerse. Più o meno contemporaneamente il New York Times e il Washington Post hanno diffuso notizie che alimentano un caos a Washington che due giorni prima aveva innervosito gli investitori a tal punto da provocare il peggiore sell-off a Wall Street da inizio anno. Nel primo caso, si apprende che Trump ha spiegato ai russi che il siluramento del direttore dell'Fbi faceva venire meno la pressione su di lui nell'ambito del Russiagate; nel secondo, il giornare rivela che l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sui possibili legami tra la campagna Trump e funzionari del Cremlino è arrivata fino alla Casa Bianca.

Trump ai russi: Comey un pazzo

Il giornale newyorchese ha scritto che durante il suo incontro alla Casa Bianca con il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, Trump disse che il licenziamento di James Comey (annunciato il giorno precedente, il 9 maggio) avrebbe alleviato "le forti pressioni" date dall'inchiesta dell'Fbi sulla Russia. Da un documento che riassume quell'incontro, il NY Times ha saputo che il leader Usa disse anche: "Ho appena licenziato il capo dell'Fbi. Era un pazzo, un vero incapace". E ancora: "Ho dovuto affrontare grandi pressioni a causa della Russia. Adesso non ci saranno più". Il resoconto della conversazione tra Trump e Lavrov, a cui era presente anche l'ambasciatore russo in Usa, rafforza l'idea che Trump abbia licenziato Comey non per la sua cattiva gestione del caso emailgate legato a Hillary Clinton (come formalmente spiegato) ma piuttosto per ostacolare il cosiddetto Russiagate.

Il documento della Casa Bianca che contiene le parole pronunciare da Trump fa riferimento a una serie di appunti presi nello Studio Ovale e circolati tra i funzionari presenti al meeting. Uno di loto ha letto al New York Times i virgolettati di Trump e un altro li ha confermati.

Il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, non ha contestato i virgolettati. In una nota ha detto che Comey aveva messo "una pressione non necessaria sulle capacità del presidente americano di portare avanti la sua diplomazia con la Russia su temi come la Siria, l'Ucraina e lo Stato islamico".

Spicer ha aggiunto che il vero problema è un altro: il fatto che ci sia qualcuno "in grado di far filtrare ai quotidiani notizie riservate interne all'amministrazione".

Un alto funzionario della Casa Bianca coinvolto in indagini sulla Russia

Secondo il Washingtpn Post, l'inchiesta sui possibili legami tra la campagna di Trump e i funzionari russi ha colpito un membro attuale della Casa Bianca. E' l'ultima prova di come il cosiddetto Russiagate stia raggiungendo i livelli più alti del governo in carica. Secondo le fonti del giornale, la persona nel mirino delle forze dell'ordine è un consigliere di alto livello vicino a Trump.

Il tutto succede mentre l'inchiesta sembra accelerare. Pare che il focus degli inquirenti sia su persone che hanno avuto un ruolo nell'amministrazione e nella campagna elettorale che ha garantito la vittoria inattesa del miliardario di New York ma che ora non ne fanno più parte. Tra questi si sa già che ci sono Michael Flynn, ex consigliere alla Sicurezza nazionale durato meno di un mese, e Paul Manafort, ex presidente della campagna di Trump. I funzionari ancora parte dell'amministrazione e che hanno riconosciuto di avere avuto contatti con colleghi russi sono il genero di Trump, Jared Kushner, il segretario alla Giustizia Jeff Sessions e quello di Stato Rex Tillerson.

Il fatto che il Russiagate stia per entrare in una nuova fase, fatta di interrogatori e rischieste di fornitura di documenti, non sta a significare che qualche incriminazione sia necessariamente all'orizzonte, precisa il Washington Post.

L'inchiesta dell'Fbi è volta a capire se e fino a che punto lo staff di Trump sia stato in contatto con uomini del Cremlino, che tipo di attività imprenditoriali ci sia stato con la Russia e se i russi abbiano facilitato in alcun modo l'intrusione, l'estate scorsa, nella rete informatica dell'organo che governa il partito democratico e nelle email di John Podesta, il presidente della campagna elettorale di Hillary Clinton.

Come detto in più occasioni da Trump e dal suo portavoce, la linea della Casa Bianca è chiara: non c'è stata alcuna collusione tra russi e la squadra di Trump. Solo un'inchiesta indipendente potrà dimostrarlo, sempre che non venga ostacolata.

Altri Servizi

Irma rallenta e vira verso Tampa, ma Miami in pericolo. Il governatore Scott: rischio potenzialmente mortale

Complessivamente, secondo gli esperti, Irma potrebbe lasciarsi alle spalle danni per oltre 200 miliardi di dollari, di cui 135 miliardi solo in Florida. Circa 9 milioni di persone potrebbero restare senza energia elettrica. Coprifuoco a Miami.
Ap

Ray Dalio punta sulla Cina: Bridgewater studia creazione maxi fondo

Bridgewater già gestisce miliardi di dollari investiti fuori dal Paese della Muraglia da istituzioni cinesi e dal Governo di Pechino.

La pizzeria diventa scuola di formazione anche in streaming e sui social

In un momento che si conferma favorevole per i prodotti Made in Italy all'estero, non più solo un simbolo dell'italianità, ma sempre più spunto culturale e turistico. L'esempio di Keste Pizza a New York.
Keste Pizza

Sale bilancio vittime terremoto in Messico, prosegue ricerca superstiti

Il presidente Enrique Pena Nieto, che ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale, si è recato nelle zone terremotate dello stato di Oaxaca.
AP

Irma tocca terra a Cuba e marcia verso la Florida

Lo stato della Florida ha ordinato l'evacuazione di 5,6 milioni di persone mentre il potente uragano Irma minaccia la zona sudorientale Paese. Allarme anche in South Carolina e in Georgia.
White House

I resort di Trump sulla rotta dell'uragano Irma

Mar-a-Lago, la "Casa Bianca d'inverno", dovrebbe resistere ai forti venti grazie anche all'uso di pietra italiana nella sua costruzione. Altri tre club a rischio in Florida. Se subirà danni, il presidente potrà accedere a fondi federali

Florida, curatore della casa-museo di Hemingway si rifiuta di lasciare le Key West

Si trova sulle isole a sud di Miami dove l'uragano Irma dovrebbe arrivare entro domenica. la casa fu residenza dello scrittore dal 1931 al 1939

I nazionalisti bianchi d'America amano Bashar al Assad

Ha la stessa visione di società "in salute" e "omogenea" che hanno i nazisti negli Stati Uniti
iStock

Equifax: oltre la metà degli americani colpita dal mega attacco hacker

Sono 143 milioni. Lo Stato di New York avvia un'inchiesta sull'intrusione dei pirati informatici nell'agenzia di controllo dei crediti. Verso audizione in commissione parlamentare. Titolo soffre seduta peggiore da 18 anni
Shutterstock

Uragano Irma, il governatore della Florida: "Il tempo per scappare sta per finire"

Ripetuti appelli delle autorità a lasciare le zone a rischio. La Fema: "In Florida mai vista una tempesta così". Sarà il quinto uragano a colpire la Florida con venti oltre 241 km/h
Ap