Trump all'attacco di uno dei leader del suo partito

Nel mirino del presidente, il senatore McConnell "reo" di non essere riuscito ad unire il Gop per abrogare e sostituire l'Obamacare. Il leader Usa verso la rottura con il Congresso a maggioranza repubblicana. Legislatore verso le dimissioni?

In circa 24 ore, Donald Trump ha attaccato tre volte uno dei leader chiave del suo stesso partito: il numero uno della maggioranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell. Come suo solito, lo ha fatto prima su Twitter e poi parlando alla stampa dal suo golf club nel New Jersey. Da là ha insinuato possibili dimissioni (forzate?) del legislatore.

Il presidente americano ha inviato tre 'cinguettii' contro il repubblicano del Kentucky, che giorni fa sembra avere insinuato che la scarsa esperienza politica di Trump lo abbia spinto a nutrire "aspettative eccessive" sulle legislazioni chiave da approvare al Congresso (interamente controllato dal Gop).

Ieri sera il leader Usa aveva twittato: "Il senatore Mitch McConnell ha detto che ho 'aspettative eccessive' ma io non lo credo. Dopo 7 anni [trascorsi] a sentire Abrogare & Sostituire [l'Obamacare, la riforma sanitaria voluta nel 2010 da Barack Obama], perché non è ancora stato fatto?".

Questa mattina Trump è tornato a inveire: "Ci credete che Mitch McConnell, che ha gridato Abrogare & Sostituire per 7 anni, non è riuscito a fare nulla? L'Obamacare va abrigata & sostituita!".

E poi ha aggiunto: "Mitch, torna a lavorare" per portare sulla sua scrivania per essere firmate disegni di legge per abrogare e sostituire l'Obamacare, per tagliare le tasse e per modernizzare le infrastrutture Usa. Si tratta delle principali promesse fatte in campagna elettorale. "Ce la puoi fare!", ha aggiunto in un terzo tweet.

Chiaramente, al presidente non è piaciuto il fatto che al Senato il Gop non sia riuscito a racimolare i voti necessari per eliminare una riforma sanitaria spesso definita da Trump "un disastro" e che il partito repubblicano promette di abrogare da appunto sette anni. I senatori repubblicani non sono riusciti nemmeno a trovare un consenso sulla sola abrogazione dell'Obamacare, una mossa comunque pericolosa dal punto di vista politico perché avrebbe rischiato di lasciare milioni di americani (anche quelli che hanno votato per Trump alle elezioni del novembre scorso) senza una copertura medica. L'inquilino della Casa Bianca lo sapeva bene, visto che ha sempre spinto per l'abrograzione e la sostituzione dell'Obamacare.

L'ultimo duello verbale con McConnell è il segno della frustrazione di Trump anche perché con il senatore il presidente è sempre andato d'accordo. Il leader del Senato si è speso per Trump spingendo per la conferma della nomina alla Corte Suprema di Neil M. Gorsuch, l'unico successo ad oggi ottenuto a Capitol Hill. E la moglie, Elaine  Chao, è stata nominata segretario ai Trasporti. Ma ora i rapporti sembrano essersi incrinati. Non a caso, a chi a chiesto a Trump se McConnell dovrebbe pensare a dimettersi, lui ha risposto: "Se non ottiene l'abrogazione e la sostituzione [dell'Obamcare], se non ottiene una riforma fiscale ossia tagli alle aliquote e se non ottiene una cosa che è molto facile da ottenere - progetti infrastrutturali - allora fatemi questa domanda di nuovo".

L'attacco al senatore dimostra la crescente tensione tra Trump e il Congresso, che non è riuscito a portare a casa nessuna vittoria da quando il 20 gennaio scorso il 45esimo presidente ha messo piede alla Casa Bianca. E le probabilità che riescano a farlo al ritorno dalla pausa estiva sono basse visto che avrà due questioni urgenti da risolvere: l'innalzamento al tetto al debito, senza il quale gli Usa rischiano un default, e l'approvazione dei fondi per finanziare il governo, che altrimenti rischierà una paralisi o "shutdown".

Altri Servizi

Pirelli riparte da Alice nel Paese delle Meraviglie per tornare a farci sognare

Ventotto immagini di Tim Walker per raccontare la storia di Lewis Carroll solo con modelli, attori e artisti neri. Tronchetti Provera: “Vogliamo parlare di libertà di espressione e di libertà in ogni senso, portare questo messaggi"

In un momento difficile come quello presente, fatto di populismi, chiusura e discriminazioni, il Calendario Pirelli 2018 dà un messaggio fondamentale: ritornare a sognare, attraverso il viaggio in un mondo parallelo e distorto, quello de Le Avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll - una delle storie più surreali di sempre - in cui tutti i personaggi sono interpretati da modelli, attori e artisti neri.

Trump: Putin è sincero, nessuna interferenza nelle elezioni americane

Sull'Air Force One, il presidente Usa ha parlato con i reporter in viaggio con lui in Asia. La Cia non cambia posizione: Putin è colpevole. E poi tra i due spunta un accordo per la pace in Siria.
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha detto di credere che Vladimir Putin sia sincero nel suo ripetuto negare di aver cercato di interferire nelle elezioni presidenziali americane del 2016. Trump ha definito l'indagine indipendete guidata da Robert Mueller come politicamente motivata.

Russiagate, spunta un presunto piano per consegnare Gulen a Erdogan

Il procuratore speciale Mueller indaga sull'eventuale ruolo di Flynn, ex consigliere di Trump

Le attenzioni del procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando negli Sati Uniti sulle possibili collusioni tra lo staff di Donald Trump e il Cremlino durante la scorsa campagna elettorale presidenziale, si sarebbero concentrate anche sul presunto piano di prelevare e consegnare alle autorità turche Fethullah Gulen, influente predicatore accusato dal presidente Recep Tayyip Erdogan di aver organizzato il tentato colpo di Stato dell'estate 2016, che avrebbe coinvolto l'ex consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Michael Flynn.

Russiagate, Papadopoulos avrebbe mentito per proteggere Trump

Lo rivela una fonte di Abc News. Intanto, ha un nome la "nipote di Putin" (che non lo è) citata dall'ex consigliere in alcune e-email

George Papadopoulos, l'ex consigliere di Donald Trump che si è dichiarato colpevole di aver mentito all'Fbi, avrebbe detto di non aver raccontato la verità sui suoi contatti russi per proteggere l'attuale presidente degli Stati Uniti. A sostenerlo è una fonte di Abc News, che ha dichiarato che Papadopoulos non voleva contraddire la Casa Bianca sui presunti rapporti tra lo staff di Trump ed esponenti del governo russo.

Pace in Medio Oriente, israeliani e palestinesi attendono il piano di Trump

Non si conosce nulla del progetto di Washington, a cui lavora un team di cinque persone. Netanyahu e Abu Mazen si aspettano di ricevere il piano degli Stati Uniti all'inizio del prossimo anno
iStock

Israeliani e palestinesi attendono il piano di pace che il presidente statunitense, Donald Trump, dovrebbe presentare all'inizio del prossimo anno. Un piano di cui ancora non si sa nulla, nemmeno se si baserà sulla creazione di uno Stato palestinese, concetto su cui si fonda la politica di Washington in Medio Oriente da 20 anni.

Una seconda ginnasta olimpionica denuncia gli abusi sessuali subiti

Aly Raisman, dopo McKayla Maroney, accusa l'ex medico della nazionale statunitense, Larry Nassar

Una seconda campionessa olimpica statunitense di ginnastica artistica, Aly Raisman, ha affermato di aver subito gli abusi sessuali commessi dal dottore della nazionale, Larry Nassar, già accusato da McKayla Maroney e da decine di altre donne. Maroney e Raisman erano due delle 'Fierce Five', la squadra che ha vinto l'oro ai Giochi di Londra, nel 2012.

Walt Disney: i conti deludono, annuncia nuova trilogia di Guerre Stellari

Ricavi sotto le stime. Pesa un forte calo della divisione cinematografica; si salva quella dei parchi e dei resort nonostante l'effetto negativo sulle attività in Florida dato dall'uragano Irma. No comment su trattative con 21st Century Fox
AP

Oltre a pubblicare una trimestrale con utili e ricavi deludenti, a mercati Usa ormai chiusi Walt Disney ha dovuto fare i conti con indiscrezioni secondo cui il suo canale sportivo Espn si prepara a un altro round di licenziamenti; stando a Sports Illustrated l'ultima tornata prevedrebbe l'uscita di oltre 100 persone entro il Giorno del Ringraziamento che quest'anno sarà il 23 novembre. Come fatto 24 ore prima da 21st Century Fox, anche Walt Disney non ha voluto commentare voci secondo cui il gruppo avrebbe negoziato l'acquisto di asset del colosso di Rupert Murdoch: "Ho una cattiva notizia: non accettiamo domande su questo argomento", ha detto il Ceo Robert A. Iger durante la call con gli analisti. Il top manager ha però annunciato una nuova trilogia di "Guerre Stellari"; per scriverla e dirigerla ha reclutato Rian Johnson, il regista di "Guerra Stellari: gli ultimi Jedi" in uscita a dicembre. Il gruppo ha detto che verranno introdotti nuovi personaggi "da angoli della galassia che la tradizione di Guerre Stellari non ha mai esplorato".

Ceo di AT&T: regolatori Usa non hanno mai chiesto vendita Cnn

Fonte del governo conferma: mai forzata una tale cessione. Washington preferirebbe che il deal saltasse
iStock

Il Ceo di AT&T, colosso americano delle telecomunicazioni che punta ad acquisire Time Warner, ha spiegato che nessun regolatore Usa gli ha mai chiesto di vendere Cnn come condizione per ottenere il via libera al merger da 85,4 miliardi di dollari. Sembra dargli ragione un funzionario del dipartimento di Giustizia, che alla Cnbc ha spiegato che il governo non sta cercando di ottenere la cessione dell'emittente; ciò contrasta con le indiscrezioni emerse ieri.

Riforma fiscale: Gop al Senato non taglia aliquota aziendale fino al 2019

Si tratta di un anno dopo il piano della Camera. L'approvazione della legislazione diventa complicata
Shutterstock

E' ufficiale: i repubblicani al Senato Usa hanno messo a punto una riforma fiscale che è molto diversa da quella presentata la settimana scorsa dai membri del Gop che siedono alla Camera.

Le Ivy League e il denaro nei paradisi fiscali

I Paradise Papers hanno rivelato un giro di miliardi off-shore per non pagare le tasse. E adesso il Congresso vuole iniziare a tassare anche le donazioni, dopo anni di opposizione da parte dei repubblicani
iStock

La proposta fatta la scorsa settimana dai repubblicani in Congresso ha sorpreso molti: imporre tasse sulle università dell'Ivy League. "Ma non ricordano, i repubblicani, che spesso le loro fortune sono iniziate proprio l"?", si sono detti alcuni.