Trump all'attacco di uno dei leader del suo partito

Nel mirino del presidente, il senatore McConnell "reo" di non essere riuscito ad unire il Gop per abrogare e sostituire l'Obamacare. Il leader Usa verso la rottura con il Congresso a maggioranza repubblicana. Legislatore verso le dimissioni?

In circa 24 ore, Donald Trump ha attaccato tre volte uno dei leader chiave del suo stesso partito: il numero uno della maggioranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell. Come suo solito, lo ha fatto prima su Twitter e poi parlando alla stampa dal suo golf club nel New Jersey. Da là ha insinuato possibili dimissioni (forzate?) del legislatore.

Il presidente americano ha inviato tre 'cinguettii' contro il repubblicano del Kentucky, che giorni fa sembra avere insinuato che la scarsa esperienza politica di Trump lo abbia spinto a nutrire "aspettative eccessive" sulle legislazioni chiave da approvare al Congresso (interamente controllato dal Gop).

Ieri sera il leader Usa aveva twittato: "Il senatore Mitch McConnell ha detto che ho 'aspettative eccessive' ma io non lo credo. Dopo 7 anni [trascorsi] a sentire Abrogare & Sostituire [l'Obamacare, la riforma sanitaria voluta nel 2010 da Barack Obama], perché non è ancora stato fatto?".

Questa mattina Trump è tornato a inveire: "Ci credete che Mitch McConnell, che ha gridato Abrogare & Sostituire per 7 anni, non è riuscito a fare nulla? L'Obamacare va abrigata & sostituita!".

E poi ha aggiunto: "Mitch, torna a lavorare" per portare sulla sua scrivania per essere firmate disegni di legge per abrogare e sostituire l'Obamacare, per tagliare le tasse e per modernizzare le infrastrutture Usa. Si tratta delle principali promesse fatte in campagna elettorale. "Ce la puoi fare!", ha aggiunto in un terzo tweet.

Chiaramente, al presidente non è piaciuto il fatto che al Senato il Gop non sia riuscito a racimolare i voti necessari per eliminare una riforma sanitaria spesso definita da Trump "un disastro" e che il partito repubblicano promette di abrogare da appunto sette anni. I senatori repubblicani non sono riusciti nemmeno a trovare un consenso sulla sola abrogazione dell'Obamacare, una mossa comunque pericolosa dal punto di vista politico perché avrebbe rischiato di lasciare milioni di americani (anche quelli che hanno votato per Trump alle elezioni del novembre scorso) senza una copertura medica. L'inquilino della Casa Bianca lo sapeva bene, visto che ha sempre spinto per l'abrograzione e la sostituzione dell'Obamacare.

L'ultimo duello verbale con McConnell è il segno della frustrazione di Trump anche perché con il senatore il presidente è sempre andato d'accordo. Il leader del Senato si è speso per Trump spingendo per la conferma della nomina alla Corte Suprema di Neil M. Gorsuch, l'unico successo ad oggi ottenuto a Capitol Hill. E la moglie, Elaine  Chao, è stata nominata segretario ai Trasporti. Ma ora i rapporti sembrano essersi incrinati. Non a caso, a chi a chiesto a Trump se McConnell dovrebbe pensare a dimettersi, lui ha risposto: "Se non ottiene l'abrogazione e la sostituzione [dell'Obamcare], se non ottiene una riforma fiscale ossia tagli alle aliquote e se non ottiene una cosa che è molto facile da ottenere - progetti infrastrutturali - allora fatemi questa domanda di nuovo".

L'attacco al senatore dimostra la crescente tensione tra Trump e il Congresso, che non è riuscito a portare a casa nessuna vittoria da quando il 20 gennaio scorso il 45esimo presidente ha messo piede alla Casa Bianca. E le probabilità che riescano a farlo al ritorno dalla pausa estiva sono basse visto che avrà due questioni urgenti da risolvere: l'innalzamento al tetto al debito, senza il quale gli Usa rischiano un default, e l'approvazione dei fondi per finanziare il governo, che altrimenti rischierà una paralisi o "shutdown".

Altri Servizi

Trump, nuova strategia in Afghanistan per battere i terroristi

L'annuncio sarà dato in diretta tv. Il Pentagono ha già ricevuto l'approvazione per l'invio di altri 3.900 soldati

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha preso una decisione sulla nuova strategia da adottare in Afghanistan e la presenterà questa sera (alle 21, le 3 di domattina mattina in Italia) in un discorso in diretta televisiva dalla base militare di Fort Myer, a sud-ovest di Washington. Il nuovo piano, probabilmente, darà il via libera all'invio di migliaia di altri soldati statunitensi nel Paese invaso nel 2001.

Wall Street, preoccupa la situazione nella penisola coreana

Le esercitazioni annuali di Stati Uniti e Corea del Sud rischiano di aggravare le tensioni con il Nord
AP

Conto alla rovescia per l'eclissi totale di sole negli Stati Uniti

Tutti quello che c'è da sapere sul fenomeno astronomico più importante degli ultimi cento anni in America

Lunedì 21 agosto in un'ampia parte degli Stati Uniti, che va dall'Oregon fino alla South Carolina, sarà visibile un'eclissi totale di sole.

Mattis: "Trump ha deciso la nuova strategia in Afghanistan"

Il segretario alla Difesa ha poi detto che sarà il presidente ad annunciarla. Possibile un aumento fino a 5.000 unità dei soldati statunitensi nel Paese invaso nel 2001

Il presidente Donald Trump ha preso una decisione sull'Afghanistan. Lo ha annunciato il segretario alla Difesa statunitense, James Mattis, affermando che la nuova strategia ella Casa Bianca è stata messa a punto dopo una valutazione "sufficientemente rigorosa". "Il presidente ha deciso. Come ha detto, vuole essere colui che l'annuncerà al popolo americano" ha detto Mattis.

Uber, il prossimo Ceo potrebbe essere Immelt (General Electric)

Il nuovo amministratore delegato dovrà risollevare la società, dopo gli scandali degli ultimi mesi e la fuga di diversi top manager

Il presidente ed ex amministratore delegato di General Electric, Jeff Immelt, sarebbe diventato il principale candidato alla carica di amministratore delegato di Uber, secondo numerose fonti a conoscenza della questione. A scriverlo è il sito Recode.

Oro sopra i 1.300 dollari l'oncia, prima volta da novembre

Dal caos politico legato a Trump all'attacco terroristico a Barcellona. Ecco perché il rally potrebbe non essere finito

Per la prima volta dallo scorso novembre, l'oro ha raggiunto un valore di almeno 1.300 dollari all'oncia. Il contratto dicembre al Comex, divisione del New York Mercantile Exchange, si è spinto fino a 1.306,90 dollari l'oncia. La corsa del metallo prezioso, arrivata al terzo giorno consecutivo, è alimentata dall'avversione al rischio, con gli investitori preoccupati dal rischio che l'agenda pro-crescita e pro-business promessa da Donald Trump possa deragliare visto il caos politico esploso in Usa dopo i commenti controversi del presidente sulle violenze esplose sabato scorso a Charlottesville (Virginia). Quei commenti hanno portato allo sfaldamento di due forum economici voluti da Trump, che di fronte a un esodo di Ceo pare avere rinunciato alla creazione di uno dedicato alle infrastrutture.

Lo stratega Bannon fuori dalla Casa Bianca

L'annuncio è stato dato dalla portavoce del presidente Trump, dopo le voci sul licenziamento; secondo altre fonti, sarebbe stato lo stratega a dimettersi
AP

Steve Bannon lascia l'amministrazione Trump. Lo stratega del presidente, fondamentale in campagna elettorale, trascorrerà oggi il suo ultimo giorno di lavoro alla Casa Bianca. A comunicarlo, con una breve dichiarazione, è stata la portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders: "Il capo di gabinetto, John Kelly, e Steve Bannon hanno deciso di comune accordo che oggi sarà l'ultimo giorno di Steve. Siamo grati per il suo servizio e gli auguriamo il meglio".

La Silicon Valley vende l'antico sogno dell'immortalità

Il filosofo Metzinger ne parla sul Financial Times. Siamo di fronte a una religione senza dio che promettendo il futuro infinito vende i propri prodotti
AP

Sembra che negli ultimi anni le startup e i grandi colossi della Silicon Valley si stia concentrando su un unico tema: vendere il più grande e antico sogno dell'uomo, l'immortalità. Nel 2013 Google ha fondato Calico, che ha come scopo quello di portare l'umanità verso una vita più lunga e in salute. Altri, come Aubrey de Grey, si sono spinti ancora più in là: ha fondato infatti Strategies for Engineered Negligible Senescence, una startup che prevede di risolvere l'invecchiamento trattandolo come un problema ingegneristico. Proprio a Google invece lavora, Ray Kurzweil, che ha fissato per il 2045 l'anno della singolarità, quando potremo fondarci con le macchine e moltiplicare la nostra intelligenza in modo impensabile. Ne scrive sul Financial Times, Thomas Metzinger, filosofo tedesco che insegna alla Johannes Gutenberg University di Magonza, in Germania.

Nella corsa per accaparrarsi l'utility texana Oncor, la Berkshire Hathaway di Warren Buffett è stata battuta da Sempra Energy. Quest'ultima ha messo sul piatto 9,45 miliardi di dollari, più dei 9,3 miliardi inizialmente offerti e oltre i 9 miliardi proposti dal cosiddetto oracolo di Omaha. Buffett aveva chiarito la settimana scorsa che la sua offerta non sarebbe stata rivista al rialzo, un approccio tipico per un uomo noto nel rifiutare di farsi coinvolgere in guerre per accaparrarsi aziende. L'operazione complessiva vale 18,8 miliardi di dollari se si aggiungono oltre 9 miliardi di dollari di debito (quella di Buffett sarebbe arrivata a 18 miliardi).

Fca si unisce a Bmw e Intel per sviluppo guida autonoma

Il gruppo automobilistico italo americano ha firmato un memorandum of understanding con la rivale tedesca e Mobileye, controllata del produttore Usa di microprocessori
AP

Mentre il mercato continua a domandarsi se e quale gruppo cinese abbia fatto un'offerta per rilevare Fiat Chrysler Automobiles (Geely ha negato) e se ci sarano altri spin-off (Magneti Marelli?) dopo quello di Ferrari, il gruppo guidato da Sergio Marchionne continua a siglare intese per rafforzarsi nella tecnologia della guida autonoma. Se nel maggio 2016 Fca era diventata la prima azienda automobilistica a siglare un accordo non esclusivo con Google (Waymo), ora è il primo costruttore automobilistico ad unirsi alla tedesca Bmw e all'americana Intel per lo sviluppo di una piattaforma di guida autonoma all’avanguardia. I tre gruppi hanno infatti siglato un Memorandum of Understanding.