Trump all'attacco di uno dei leader del suo partito

Nel mirino del presidente, il senatore McConnell "reo" di non essere riuscito ad unire il Gop per abrogare e sostituire l'Obamacare. Il leader Usa verso la rottura con il Congresso a maggioranza repubblicana. Legislatore verso le dimissioni?

In circa 24 ore, Donald Trump ha attaccato tre volte uno dei leader chiave del suo stesso partito: il numero uno della maggioranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell. Come suo solito, lo ha fatto prima su Twitter e poi parlando alla stampa dal suo golf club nel New Jersey. Da là ha insinuato possibili dimissioni (forzate?) del legislatore.

Il presidente americano ha inviato tre 'cinguettii' contro il repubblicano del Kentucky, che giorni fa sembra avere insinuato che la scarsa esperienza politica di Trump lo abbia spinto a nutrire "aspettative eccessive" sulle legislazioni chiave da approvare al Congresso (interamente controllato dal Gop).

Ieri sera il leader Usa aveva twittato: "Il senatore Mitch McConnell ha detto che ho 'aspettative eccessive' ma io non lo credo. Dopo 7 anni [trascorsi] a sentire Abrogare & Sostituire [l'Obamacare, la riforma sanitaria voluta nel 2010 da Barack Obama], perché non è ancora stato fatto?".

Questa mattina Trump è tornato a inveire: "Ci credete che Mitch McConnell, che ha gridato Abrogare & Sostituire per 7 anni, non è riuscito a fare nulla? L'Obamacare va abrigata & sostituita!".

E poi ha aggiunto: "Mitch, torna a lavorare" per portare sulla sua scrivania per essere firmate disegni di legge per abrogare e sostituire l'Obamacare, per tagliare le tasse e per modernizzare le infrastrutture Usa. Si tratta delle principali promesse fatte in campagna elettorale. "Ce la puoi fare!", ha aggiunto in un terzo tweet.

Chiaramente, al presidente non è piaciuto il fatto che al Senato il Gop non sia riuscito a racimolare i voti necessari per eliminare una riforma sanitaria spesso definita da Trump "un disastro" e che il partito repubblicano promette di abrogare da appunto sette anni. I senatori repubblicani non sono riusciti nemmeno a trovare un consenso sulla sola abrogazione dell'Obamacare, una mossa comunque pericolosa dal punto di vista politico perché avrebbe rischiato di lasciare milioni di americani (anche quelli che hanno votato per Trump alle elezioni del novembre scorso) senza una copertura medica. L'inquilino della Casa Bianca lo sapeva bene, visto che ha sempre spinto per l'abrograzione e la sostituzione dell'Obamacare.

L'ultimo duello verbale con McConnell è il segno della frustrazione di Trump anche perché con il senatore il presidente è sempre andato d'accordo. Il leader del Senato si è speso per Trump spingendo per la conferma della nomina alla Corte Suprema di Neil M. Gorsuch, l'unico successo ad oggi ottenuto a Capitol Hill. E la moglie, Elaine  Chao, è stata nominata segretario ai Trasporti. Ma ora i rapporti sembrano essersi incrinati. Non a caso, a chi a chiesto a Trump se McConnell dovrebbe pensare a dimettersi, lui ha risposto: "Se non ottiene l'abrogazione e la sostituzione [dell'Obamcare], se non ottiene una riforma fiscale ossia tagli alle aliquote e se non ottiene una cosa che è molto facile da ottenere - progetti infrastrutturali - allora fatemi questa domanda di nuovo".

L'attacco al senatore dimostra la crescente tensione tra Trump e il Congresso, che non è riuscito a portare a casa nessuna vittoria da quando il 20 gennaio scorso il 45esimo presidente ha messo piede alla Casa Bianca. E le probabilità che riescano a farlo al ritorno dalla pausa estiva sono basse visto che avrà due questioni urgenti da risolvere: l'innalzamento al tetto al debito, senza il quale gli Usa rischiano un default, e l'approvazione dei fondi per finanziare il governo, che altrimenti rischierà una paralisi o "shutdown".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento

Due settimane prima del suo insediamento alla Casa Bianca, il presidente Donald Trump ha avuto accesso a informazioni segrete dell'intelligence che provavano il coinvolgimento in prima persona di Vladimir Putin nelle ingerenze russe nelle scorse elezioni presidenziali. Lo scrive il New York Times, secondo cui dai documenti emergeva che il presidente russo "ordinò personalmente gli attacchi informatici per influenzare le elezioni americane". Trump si sarebbe "convinto con riluttanza", vedendo i documenti il 6 gennaio dello scorso anno, due settimane prima del giuramento, secondo le fonti presenti all'incontro alla Trump Tower tra l'allora presidente eletto e l'intelligence. Tra le prove mostrate a Trump, c'erano messaggi e e-mail di funzionari dell'intelligence militare russa. Inoltre, c'erano anche informazioni ottenute da una fonte top-secret vicina a Putin, da cui emergeva il piano del Cremlino per influenzare le elezioni.

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle. 

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock