Gli elettori di Trump: "Dica all'Onu che l'America viene prima"

I sostenitori del presidente vogliono che mantenga le promesse fatte in campagna elettorale e che riduca gli interventi all'estero. "Basta essere i poliziotti del mondo, pensiamo a noi".

Vogliono che cancelli l'accordo dell'era Obama sul nucleare iraniano, che riporti a casa i militari statunitensi, che smetta di spendere soldi per aiutare gli altri Paesi. In altre parole, i sostenitori di Donald Trump vogliono sentirgli dire, ai leader mondiali riuniti a New York per l'apertura dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, che "l'America viene prima", come ripeteva lo slogan dell'attuale presidente degli Stati Uniti in campagna elettorale.

"Non possiamo essere i poliziotti del mondo solo perché succede qualcosa di brutto e dobbiamo salvare chi è nei guai" ha commentato Tim Jones, ex speaker della Camera del Missouri e conduttore di uno show radiofonico settimanale, molto seguito dai conservatori, parlando con il sito di McClatchy.

Sulla Corea del Nord, che sarà uno dei temi principali della settimana e sicuramente il più urgente da affrontare, gli elettori di Trump vogliono che assuma una posizione più dura, ma allo stesso tempo che inviti il resto della comunità internazionale ad assumersi le sue responsabilità per fermare lo sviluppo missilistico e nucleare di Pyongyang, che minaccia gli Stati Uniti e i loro alleati asiatici. "Mi piacerebbe che andasse alle Nazioni Unite e convincesse altri Paesi a condannare la Corea del Nord e a essere più duri nei suoi confronti" ha commentato un camionista di Dallas, Brian Bledsoe, che è stato un delegato alla scorsa convention repubblicana in Texas, nel processo che ha poi portato alla nomina ufficiale, come candidato del partito, di Trump.

"Abbiamo molta influenza e dobbiamo usarla con le altre nazioni. Dobbiamo essere più fermi sulle nostre convinzioni e usare la nostra influenza" ha dichiarato Robert Clark, ex muratore ed ex marine di Columbia, in South Carolina. "Vorrei che dicesse, senza mezzi termini, che non tollereremo più l'inattività e la ridicolaggine delle Nazioni Unite" ha detto Jerry Rovner, capitano della Marina in pensione, a sua volta di Columbia e delegato alla convention repubblicana dello scorso anno. "Con i soldi che spendiamo, potremmo probabilmente sistemare le persone danneggiate dagli uragani". Gli Stati Uniti, ricorda il sito di McClatchy, sono il principale finanziatore delle Nazioni Unite, con oltre 500 milioni di dollari per il budget dell'organizzazione, senza contare le spese straordinarie.

A una campagna elettorale incentrata sul nazionalismo, non sono seguiti i fatti, secondo alcuni elettori. "Trump aveva detto di volere ridurre gli interventi in politica estera, ha fatto campagna contro le politiche dell'establishment" ha detto Brian Darling, che ha lavorato a Capitol Hill prima di fondare una propria società di affari pubblici e lobbying. "Voglio sentir dire al presidente le cose che diceva in campagna elettorale e per cui ho votato, non voglio una prosecuzione delle politiche fallimentari del passato".

"È davvero necessario spendere due miliardi di dollari in aiuti esteri al Paese xyz quando dobbiamo spendere soldi per gli aiuti alla Florida dopo le alluvioni?" ha commentato un ex consigliere di Trump. Molti sostenitori del presidente sono rimasti sorpresi dalla sua decisione di aumentare il numero di soldati in Afghanistan, rompendo la promessa elettorale di porre fine all'intervento militare più lungo nella storia della nazione, dopo aver già espresso le proprie critiche per l'attacco in Siria, in seguito al presunto uso di armi chimiche contro la popolazione da parte delle forze militari del presidente Bashar al-Assad. "È ora di mettere fine all'interventismo americano. Gli Stati Uniti devono cominciare a concentrarsi sui loro interessi, non su ogni nicchia e fessura del mondo" ha detto John Glaser, direttore degli studi di politica estera del Cato Institute.

Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Brexit: Blankfein (Goldman) pensa a Francoforte

Il Ceo della banca Usa dice in un tweet che trascorrerà più tempo nella capitale finanziaria tedesca. Messaggio diretto al premier britannico Theresa May?
AP

Con un semplice tweet, il Ceo di Goldman Sachs ha ventilato l'ipotesi di un trasferimento di gran parte delle attività della banca di Wall Street da Londra a Francoforte. Sarebbe l'effetto provocato dalla Brexit.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Fitch: luci e ombre sull'Italia, ripresa in corso ma rischi politici all'orizzone

L'agenzia lascia il rating a "BBB" con outlook "stabile". Debito pubblico e npl alti. Crescita lenta: nel 2019 il Pil italiano sarà ancora il 4% al di sotto del livello 2007

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Fed: il Wsj fa il tifo per i falchi, il prossimo governatore sia Taylor o Warsh

In un editoriale, il giornale chiede al presidente Donald Trump una "voce fresca" al vertice della banca centrale Usa
Kevin Warsh AP

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft