Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

Trump sarà certamente il protagonista della settimana al Palazzo di Vetro, con il dibattito all'Assemblea generale che si aprirà martedì; lunedì, il presidente parteciperà a una riunione sul tema Global Call to Action on the World Drug Problem, ovvero la necessità di una cooperazione internazionale contro l'uso illegale di droghe. Martedì, come da tradizione, il presidente statunitense sarà il secondo a parlare all'Assemblea generale: lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord, ma un anno dopo i rapporti, almeno quelli con Pyongyang, sono migliorati.

Nel suo discorso, quest'anno, ci sarà di nuovo spazio per la sua politica 'Prima l'America' e, poi, per le questioni che più lo hanno interessato negli ultimi mesi, ovvero il commercio globale e la diffusione di armi chimiche e nucleari; su quest'ultimo tema, al centro delle accuse finirà l'Iran, dopo che Washington ha abbandonato l'accordo con Teheran e altre potenze mondiali ("il peggiore della Storia") sulla denuclearizzazione della Repubblica islamica. A proposito del suo discorso, Haley ha detto che il presidente vuole parlare di proteggere la sovranità statunitense, un tema nelle corde del consigliere Stephen Miller, l'architetto delle politiche antimigranti, che infatti è il principale autore del discorso che Trump pronuncerà.

Inoltre, l'Assemblea generale sarà l'occasione per dei colloqui bilaterali con il presidente sudcoreano, Moon Jae-in, con il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, con il presidente francese, Emmanuel Macron, con il premier giapponese Shinzo Abe, la premier britannica Theresa May e il presidente egiziano, Abdel Fattah al Sisi.

La riunione del Consiglio di sicurezza in programma mercoledì alle 10 (le 16 in Italia) era stata inizialmente dedicata solo all'Iran; poi, visti i dubbi e le proteste degli alleati che siedono al Consiglio, Washington ha deciso di allargare il tema alla non proliferazione delle armi di distruzione di massa, permettendo a Trump non solo di poter enfatizzare la minaccia portata da Teheran, ma anche le sue trattative con il leader nordcoreano, Kim Jong Un, assente a New York, per la denuclearizzazione della penisola coreana, che non hanno comunque prodotto finora risultati tangibili. Circa 130 capi di Stato e di governo saranno a New York per una settimana di discorsi e incontri su una vasta serie di temi, dal cambiamento climatico alla povertà. Tra gli assenti, spiccano la cancelliera tedesca, Angela Merkel, il presidente cinese, Xi Jinping, il presidente russo, Vladimir Putin, e il premier canadese Justin Trudeau.

Altri Servizi

R.Kelly si è consegnato alla polizia dopo le accuse di molestie

Nei confronti del cantante sono stati formulati dieci capi d’accusa per abusi. Il processo inizierà il prossimo 8 marzo
©Ap

Il rapper R. Kelly si è consegnato alla polizia di Chicago ed è stato arrestato dopo essere stato incriminato con dieci capi d'accusa per abusi sessuali su quattro donne. Tre delle presunte vittime, che lo hanno denunciato per episodi risalenti a diversi anni fa e che vanno dal 1998 al 2010, erano minorenni all'epoca fatti e avevano tra i 13 e i 16 anni.

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Nfl, scandalo a luci rosse sul proprietario dei New England Patriots

Robert Kraft incriminato per sfruttamento della prostituzione e traffico di esseri umani
©Ap

A meno di tre settimane dalla conquista del Super Bowl, il proprietario dei New England Patriots, Robert Kraft, è finito al centro di uno scandalo a luci rosse assieme a un’altra ventina di ricchi imprenditori americani. Il proprietario della franchigia del Massachusetts è stato infatti incriminato dalla polizia della Florida per "sfruttamento della prostituzione" e "traffico di esseri umani".

Trump attacca i 16 stati Usa che vogliono bloccare il suo muro

Hanno fatto causa: dichiarare l'emergenza nazionale per costruire il muro, come ha fatto il presidente, è inconstituzionale
White House

In una serie di tweet mattutini, il presidente americano ha attaccato i 16 stati americani che ieri hanno unito le forze chiedendo a un tribunale federale di impedire a Donald Trump di procedere con i suoi piani per costruire il muro tra gli Stati Uniti e il Messico. Venerdì scorso il leader statunitense aveva invocato l'emergenza nazionale al confine meridionale del Paese, mossa pensata per aggirare il Congresso e dirottare al muro fondi già destinati ad altri progetti.

Fed: tensioni commerciali e Brexit minacciano stabilità, outlook fiscale Italia "deteriorato"

Pubblicato il rapporto che anticipa la testimonianza semestrale al Congresso del governatore Powell

La Federal Reserve ha messo in guardia sui potenziali rischi che potrebbero intaccare la stabilità finanziaria internazionale: tra di essi la banca centrale americana cita "una frenata dell'economia globale, incertezze politiche, un intensificarsi delle tensioni commerciali e un aumento dello stress a cui sono sottoposte le economie dei mercati emergenti".

I fondi che Trump voleva usare per il muro non ci sono più

Più di un terzo è stato già speso; il Pentagono cerca alternative, ma servirà l'approvazione del Congresso
Ap

Usa, i fondi che Trump voleva usare per il muro non ci sono più Più di un terzo è stato già speso; il Pentagono cerca alternative New York, 22 feb - Più di un terzo dei fondi federali che il presidente statunitense, Donal Trump, vorrebbe reindirizzare per costruire nuovi muri al confine con il Messico, grazie all'emergenza nazionale dichiarata, non è più disponibile, perché già speso. Lo scrive il sito Roll Call.

Trump nomina Kelly Knight Craft ambasciatrice all'Onu


Dopo l’incarico in Canada prenderà il posto di Nikki Haley
©WikimediaCommons

Il Presidente americano Donald Trump ha scelto l'ambasciatrice in Canada, Kelly Knight Craft, come nuova rappresentante permanente all'Onu, al posto della dimissionaria Nikki Haley. Non si tratta in realtà di una prima scelta visto che la prima opzione del Tycoon era l’ex consigliera Dina Powell, che ha però rinunciato all’incarico, e la seconda, Heather Nauert, è stata costretta a ritirarsi dopo che si è scoperto che aveva assunto una babysitter giamaicana illegale.

Warren Buffett scrive agli azionisti: "Scarse prospettive per la caccia agli elefanti"


Pubblicata l’annuale lettera agli investitori dell’Oracolo di Omaha all'indomani del venerdì nero di Kraft che ha perso il 27,46% in borsa

L’Oracolo di Omaha, Warren Buffett, ha pubblicato la sua annuale lettera indirizzata agli azionisti di Berkshire Hathaway a distanza di poche ore da una delle giornate più nere per la sua conglomerata che venerdì ha perso 4 miliardi di dollari per via del crollo di Kraft Heinz in Borsa (-27% a Wall Street). Nel quarto trimestre del 2018, secondo il bilancio pubblicato nelle stesse ore della tanto attesa lettera, la sua holding ha bruciato un totale di 25,4 miliardi di dollari.

Warren Buffett scrive agli azionisti: "Scarse prospettive per la caccia agli elefanti"


Pubblicata l’annuale lettera agli investitori dell’Oracolo di Omaha all'indomani del venerdì nero di Kraft che ha perso il 27,46% in borsa

L’Oracolo di Omaha, Warren Buffett, ha pubblicato la sua annuale lettera indirizzata agli azionisti di Berkshire Hathaway a distanza di poche ore da una delle giornate più nere per la sua conglomerata che venerdì ha perso 4 miliardi di dollari per via del crollo di Kraft Heinz in Borsa (-27% a Wall Street). Nel quarto trimestre del 2018, secondo il bilancio pubblicato nelle stesse ore della tanto attesa lettera, la sua holding ha bruciato un totale di 25,4 miliardi di dollari.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.