Trump ammette: "La Russia dietro gli attacchi hacker"

Prima conferenza stampa del presidente eletto dall'8 novembre. "Subito via l'Obamacare. Voglio il muro con il Messico. Sarò il più grande creatore di lavoro"

“Penso sia stata la Russia”. Dopo settimane di attacchi contro l'intelligence statunitense, accusata di voler delegittimare la sua vittoria alle elezioni presenziali, Donald Trump ha ammesso per la prima volta che Mosca avrebbe cercato di influire sull'esito del voto con i suoi attacchi informatici contro il partito democratico, salvo poi dire che forse è stato un altro Paese.

Nella conferenza stampa organizzata alla Trump Tower di New York, il presidente eletto ha negato qualsiasi rapporto con Mosca, ha assicurato che l'Obamacare sarà abrogato e sostituito immediatamente, che sarà il più grande creatore di posti di lavoro e che le aziende che lasciano gli Stati Uniti non la faranno franca.

L'argomento subito toccato è stato quello del rapporto pubblicato da BuzzFeed sui presunti legami tra il presidente eletto degli Stati Uniti e la Russia; rapporto consegnato alla fine dello scorso anno dal senatore repubblicano John McCain all'Fbi, su cui Trump è stato poi informato.

"Una cosa del genere non dovrebbe mai essere scritta o pubblicata” ha detto Trump, aggiungendo che forse quelle informazioni “sono state fornite dall'intelligence"; in un secondo momento, ha poi aggiunto: "Penso sia molto triste quando i rapporti dell'intelligence vengono fatti uscire [...] È illegale". "Il presidente Putin e la Russia hanno detto che quelle sono notizie false. Rispetto il fatto che lo abbia detto".

I giornalisti lo hanno spesso incalzato sui suoi presunti legami con Mosca. "Non ho debiti, non ho prestiti, non ho accordi, non ho pendenze con la Russia" ha detto Trump. Il miliardario ha poi detto che "la Russia non ha materiale compromettente su di me".

"Se a Putin piace Donald Trump, beh ragazzi questo è un asset, non un ostacolo, perché abbiamo un rapporto orribile con la Russia". "Pensate davvero che Hillary (Clinton) sarebbe stata più dura con Putin? Davvero ci credete?". "Migliori relazioni con la Russia saranno positive per gli Stati Uniti" ha aggiunto.

Altro tema centrale, gli attacchi informatici in campagna elettorale contro i democratici. "Forse gli attacchi informatici sono stati compiuti dalla Russia, ma credo anche da altri Paesi, altre persone". Ha poi detto che il Cremlino ha cercato di attaccare non solo il partito democratico, ma anche quello repubblicano, ma che non è riuscito a perforare le difese informatiche del suo partito.

"Le agenzie di intelligence sono vitali e molto molto importanti" ha detto Trump, aggiungendo che si aspetta di ricevere un ulteriore rapporto dalle agenzie di intelligence sugli attacchi informatici "entro 90 giorni", per vedere come "fermare questo nuovo fenomeno".

Trump ha parlato a lungo anche di economia. Le notizie che arrivano "sono positive". In particolare, Trump ha citato i progressi del settore automobilistico e ha parlato del fatto che varie aziende hanno annunciato piani di investimento negli Stati Uniti "e non in altri Paesi". "Ford ha annunciato di aver abbandonato il piano per la costruzione di una fabbrica in Messico e Fiat Chrysler ha fatto sapere che investirà in due fabbriche in Michigan". "Vorrei ringraziare Fca e Ford e spero che Gm seguirà la stessa strada. Spero che le aziende di molti settori seguiranno" il loro esempio, ha concluso.

La nuova amministrazione, ha poi aggiunto, si impegnerà a fondo per creare posti di lavoro e rilanciare l'economia. "Creeremo nuovi posti di lavoro, lo prometto. Sarò la persona che avrà creato più posti di lavoro che Dio abbia mai messo sulla faccia della Terra, mi impegnerò a fondo. Non vedo l'ora di cominciare".

Per evitare il rischio di possibili conflitti di interessi, il presidente eletto sposterà i suoi asset in un fondo, che sarà gestito dai suoi due figli più grandi. Inoltre, come ha spiegato lui stesso durante la prima conferenza stampa dall'elezione dello scorso novembre, abbandonerà la gestione della Trump Organization. "A Trump non dovrebbe essere chiesto di distruggere la società che ha creato" ha dichiarato Sheri Dillon, avvocato che ha seguito la questione.

L'avvocato ha inoltre spiegato che il presidente eletto taglierà i legami con la Trump Organization e non avrà un ruolo attivo nella sua gestione. Durante il periodo in cui sarà alla Casa Bianca, ci saranno "notevoli restrizioni su tutti i nuovi accordi immobiliari"; Dillo ha poi ricordato che il presidente ha già rinunciato a un accordo immobiliare da 2 miliardi di dollari a Dubai.

Durante il suo mandato "non saranno inoltre fatti accordi internazionali, mentre saranno consentiti accordi nazionali, sui quali però Trump non avrà voce in capitolo". In generale, una commissione etica esaminerà gli accordi della Trump Organization. Da notare che Trump, in quanto presidente, non è soggetto alle stesse leggi sui conflitti di interessi degli altri dipendenti federali, ma ha volontariamente deciso di istituire il fondo per evitare accuse di conflitti di interessi.

Trump ha detto di aver "incontrato una serie di aziende" in un'ottica volta "a migliorare la produttività" del Paese. "Se qualcuno vuole spostare altrove la propria azienda a me non interessa, purché sia all'interno dei confini degli Stati Uniti". "Voglio essere chiaro: non succederà", ha detto, facendo riferimento alla possibilità che aziende americane spostino la produzione all'estero e poi rivendano i prodotti negli Stati Uniti. "Saranno imposti dazi all'ingresso molto salati per quelle società che intendono andarsene e farla franca", ha precisato.

Al presidente eletto è stato poi chiesto della sua dichiarazione dei redditi. "Non la pubblico perché è ancora sottoposta a verifica. Le uniche persone a cui interessi la mia dichiarazione dei redditi sono i giornalisti. Ho vinto. Sono diventato presidente. Non saprete molto - ha detto - dalla mia dichiarazione dei redditi".

Altri argomenti toccati, l'Obamacare e il muro con il Messico. La riforma sanitaria di Barack Obama è "un disastro, sta implodendo" e per questo "la abrogheremo e la sostituiremo, allo stesso tempo". "Sarete molto orgogliosi" di quello che faremo dopo per la salute dei cittadini.

"Il Messico pagherà per la costruzione del muro" al confine con gli Stati Uniti, "in qualche modo". "Sarà forse con un rimborso, o attraverso una tassa, vedremo" ha detto. "Lo costruiremo, non voglio aspettare [...] Il vicepresidente Mike Pence sta guidando gli sforzi per l'approvazione finale" dei fondi da parte del Congresso. Trump ha poi detto di amare il Messico. "Non ce l'ho con loro per quello che è successo, per aver approfittato degli Stati Uniti. Quello che dico è che non dobbiamo più permettere che accada".

Trump ha poi reso noto che la scelta per il nuovo giudice della Corte Suprema avverrà entro due settimane dall'inaugurazione del 20 gennaio. Al momento, Trump ha una lista di 20 persone tra cui scegliere il sostituto di Antonin Scalia, morto a febbraio. "Abbiamo un grande gruppo di persone, prenderò una decisione probabilmente entro due settimane dal 20 gennaio".

Non sono mancati i momenti di tensione con i giornalisti. "Tu sei una notizia falsa" ha urlato Trump, rifiutandosi di rispondere alle domande di un reporter della Cnn, Jim Acosta. Trump si sarebbe arrabbiato dopo la diffusione dei dossier russi sul suo conto, sostenendo che a pubblicarli sono stati BuzzFeed e Cnn; la tv americana sostiene invece di non aver messo in rete i documenti.

In conclusione, il presidente eletto ha detto che la Russia, la Cina e gli altri Paesi "avranno molto più rispetto degli Stati Uniti quando sarò presidente". "La Russia avrà molto più rispetto per il nostro Paese [...] Ma non è solo la Russia. Ventidue milioni di account sono stati hackerati dalla Cina. E questo perché non abbiamo difese". "Tutti i Paesi – ha concluso - ci rispetteranno molto di più".

Altri Servizi

Il Calendario Pirelli 2017: Peter Lindbergh e l'emozione della bellezza

Durante la settimana della moda di New York, una serata per celebrare "The Cal" con il fotografo tedesco e Steve McCurry, Jessica Chastain, Fran Lebowitz e Derek Blasberg

Non c'è concetto che sia insieme più chiaro eppure più indefinibile della bellezza: non quella data da un'emozione e nemmeno quella interiore, ma la bellezza oggettiva. Che cos'è? Ha a che fare con l'armonia dei tratti del volto? Con l'equilibrio? Con la simmetria? Nessuno è davvero capace di dirlo, eppure resta un fatto: quando c'è, mette tutti d'accordo. Dall'antica Grecia a oggi, passando per ogni altra epoca, possono essere cambiati gli archetipi, le caratteristiche che ci fanno dire di un corpo "è bello", eppure c'è una cosa che non cambia mai: l'inevitabilità della bellezza. La chiarezza con cui, di epoca in epoca, di un viso o un corpo che è bello riusciamo a dire solo che è bello.

Il rischio di un'uscita dell'Italia dall'Eurozona "resta molto basso". Lo dice Moody's. In un rapporto pubblicato il 14 febbraio, l'agenzia di rating spiega tuttavia che nel nostro Paese "un sentimento anti-euro sta crescendo così come altrove nell'Area euro".

La Cina pronta a lavorare con Trump. E dalla stampa locale arrivano le prime lodi

Faccia a faccia Wang-Tillerson al vertice dei ministri degli Esteri a Bonn. Da un'analisti del Global Times, testata cinese dell'ala conservatrice del Partito comunista, emerge la soddisfazione di Pechino

La Cina è pronta a lavorare con l'amministrazione Trump. È quanto emerge dal primo faccia a faccia tra le due amministrazioni, che si sono incontrate alla riunione dei ministri degli Esteri del G20 a Bonn, in Germania.

Pence: "L'impegno degli Stati Uniti nella Nato è incrollabile, ma gli alleati facciano di più"

Il vicepresidente degli Stati Uniti è a Monaco di Baviera, dove è in corso la Conferenza per la Sicurezza. Washington vuole cercare un "nuovo terreno comune" con la Russia, ma Mosca deve rispettare gli accordi di Minsk

L'impegno degli Stati Uniti nella Nato è "incrollabile". L'ha detto oggi il vicepresidente statunitense, Mike Pence, parlando alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera, in Germania. Un discorso con cui l'ex governatore dell'Indiana ha voluto rassicurare gli alleati, dopo alcune dichiarazioni del presidente Donald Trump che sembravano poter mettere in discussione il ruolo di Washington.

Incontrare o non incontrare Trump? Il nuovo dubbio per i campioni dello sport

Sei giocatori dei New England Patriots hanno già detto che non andranno alla Casa Bianca. Il problema se lo stanno già ponendo all'Università del Connecticut, visto che la squadra di basket femminile potrebbe vincere il quinto titolo consecutivo
Il 44esimo presidente degli Usa, Barack Obama, riceve la canottiera delle Huskies e un pallone commemorativo

Un viaggio alla Casa Bianca, con la cerimoniale consegna di una maglia al presidente, è da tempo un riconoscimento per i campioni dello sport e delle squadre vincitrici di un campionato. Ma la frattura senza precedenti che si è creata negli Stati Uniti con l'elezione alla presidenza di Donald Trump ha stimolato una partecipazione di atleti e allenatori ai movimenti di protesta come non si vedeva dai tempi della guerra in Vietnam.

Azionario da record grazie a Trump ma i rialzi sono stati migliori con altri presidenti Usa

Nel primo mese con il miliardario alla Casa Bianca, Dj +4,02%: è la migliore performance dal 1945; S&P 500 +3,5%: rialzo maggiore dal 1997
AP

Donald Trump se ne vanta spesso: l'azionario americano è stato protagonista di un bel rialzo da quando è stato eletto. Gli indici hanno inanellato una serie di record con gli investitori che hanno scommesso su un taglio alle tasse, che ancora deve essere annunciato, e su uno stimolo fiscale che teoricamente permetterà all'economia Usa di crescere ancora di più. L'effetto Trump su Wall Street nel suo primo mese alla Casa Bianca lo ha misurato Dow Jones.

Il profumo di Ivanka Trump è al primo posto su Amazon

Dopo la decisione di Nordstrom di non vendere più i prodotti della figlia del presidente Usa, sono aumentati gli acquisti sul sito di e-commerce

Ivanka Trump Eau de Parfum, il profumo prodotto dalla figlia del presidente degli Stati Uniti, è il più venduto su Amazon da almeno tre giorni. Effetto della decisione della catena Nordstrom di non vendere più i vestiti e i profumi di Ivanka Trump nei suoi grandi magazzini di lusso. Altri prodotti Trump stanno ottenendo grande successo su Amazon, anche perché, come si legge in una recensione sul sito di e-commerce, "questo prodotto, prima, lo compravo da Nordstrom".

Trump vuole la Guardia nazionale contro gli immigrati irregolari? Non sarebbe il primo presidente Usa

Per l'Ap, ci sarebbe un piano senza precedenti per mobilitare 100.000 soldati. Esistono, comunque, dei precedenti con Bush figlio e Obama
iStock

Viaggio in Europa del vice Pence per rassicurare gli alleati

Ribadirà l'impegno degli Usa sulla Nato e l'importanza del rispetto da parte della Russia degli accordi di Minsk per la pace in Ucraina

Kraft offre 143 mld di dollari a Unilever, che rifiuta proposta d'acquisto

Il formaggio da spalmare Philadelphia e i biscotti Plasmon finirebbero sotto lo stesso tetto dei prodotti per il corpo Dove e delle minestre Knorr. Ostacoli antitrust e politici in vista. Buffett e 3G Capital pronti ad alzare l'offerta
Kraft