Trump ammette: "La Russia dietro gli attacchi hacker"

Prima conferenza stampa del presidente eletto dall'8 novembre. "Subito via l'Obamacare. Voglio il muro con il Messico. Sarò il più grande creatore di lavoro"

“Penso sia stata la Russia”. Dopo settimane di attacchi contro l'intelligence statunitense, accusata di voler delegittimare la sua vittoria alle elezioni presenziali, Donald Trump ha ammesso per la prima volta che Mosca avrebbe cercato di influire sull'esito del voto con i suoi attacchi informatici contro il partito democratico, salvo poi dire che forse è stato un altro Paese.

Nella conferenza stampa organizzata alla Trump Tower di New York, il presidente eletto ha negato qualsiasi rapporto con Mosca, ha assicurato che l'Obamacare sarà abrogato e sostituito immediatamente, che sarà il più grande creatore di posti di lavoro e che le aziende che lasciano gli Stati Uniti non la faranno franca.

L'argomento subito toccato è stato quello del rapporto pubblicato da BuzzFeed sui presunti legami tra il presidente eletto degli Stati Uniti e la Russia; rapporto consegnato alla fine dello scorso anno dal senatore repubblicano John McCain all'Fbi, su cui Trump è stato poi informato.

"Una cosa del genere non dovrebbe mai essere scritta o pubblicata” ha detto Trump, aggiungendo che forse quelle informazioni “sono state fornite dall'intelligence"; in un secondo momento, ha poi aggiunto: "Penso sia molto triste quando i rapporti dell'intelligence vengono fatti uscire [...] È illegale". "Il presidente Putin e la Russia hanno detto che quelle sono notizie false. Rispetto il fatto che lo abbia detto".

I giornalisti lo hanno spesso incalzato sui suoi presunti legami con Mosca. "Non ho debiti, non ho prestiti, non ho accordi, non ho pendenze con la Russia" ha detto Trump. Il miliardario ha poi detto che "la Russia non ha materiale compromettente su di me".

"Se a Putin piace Donald Trump, beh ragazzi questo è un asset, non un ostacolo, perché abbiamo un rapporto orribile con la Russia". "Pensate davvero che Hillary (Clinton) sarebbe stata più dura con Putin? Davvero ci credete?". "Migliori relazioni con la Russia saranno positive per gli Stati Uniti" ha aggiunto.

Altro tema centrale, gli attacchi informatici in campagna elettorale contro i democratici. "Forse gli attacchi informatici sono stati compiuti dalla Russia, ma credo anche da altri Paesi, altre persone". Ha poi detto che il Cremlino ha cercato di attaccare non solo il partito democratico, ma anche quello repubblicano, ma che non è riuscito a perforare le difese informatiche del suo partito.

"Le agenzie di intelligence sono vitali e molto molto importanti" ha detto Trump, aggiungendo che si aspetta di ricevere un ulteriore rapporto dalle agenzie di intelligence sugli attacchi informatici "entro 90 giorni", per vedere come "fermare questo nuovo fenomeno".

Trump ha parlato a lungo anche di economia. Le notizie che arrivano "sono positive". In particolare, Trump ha citato i progressi del settore automobilistico e ha parlato del fatto che varie aziende hanno annunciato piani di investimento negli Stati Uniti "e non in altri Paesi". "Ford ha annunciato di aver abbandonato il piano per la costruzione di una fabbrica in Messico e Fiat Chrysler ha fatto sapere che investirà in due fabbriche in Michigan". "Vorrei ringraziare Fca e Ford e spero che Gm seguirà la stessa strada. Spero che le aziende di molti settori seguiranno" il loro esempio, ha concluso.

La nuova amministrazione, ha poi aggiunto, si impegnerà a fondo per creare posti di lavoro e rilanciare l'economia. "Creeremo nuovi posti di lavoro, lo prometto. Sarò la persona che avrà creato più posti di lavoro che Dio abbia mai messo sulla faccia della Terra, mi impegnerò a fondo. Non vedo l'ora di cominciare".

Per evitare il rischio di possibili conflitti di interessi, il presidente eletto sposterà i suoi asset in un fondo, che sarà gestito dai suoi due figli più grandi. Inoltre, come ha spiegato lui stesso durante la prima conferenza stampa dall'elezione dello scorso novembre, abbandonerà la gestione della Trump Organization. "A Trump non dovrebbe essere chiesto di distruggere la società che ha creato" ha dichiarato Sheri Dillon, avvocato che ha seguito la questione.

L'avvocato ha inoltre spiegato che il presidente eletto taglierà i legami con la Trump Organization e non avrà un ruolo attivo nella sua gestione. Durante il periodo in cui sarà alla Casa Bianca, ci saranno "notevoli restrizioni su tutti i nuovi accordi immobiliari"; Dillo ha poi ricordato che il presidente ha già rinunciato a un accordo immobiliare da 2 miliardi di dollari a Dubai.

Durante il suo mandato "non saranno inoltre fatti accordi internazionali, mentre saranno consentiti accordi nazionali, sui quali però Trump non avrà voce in capitolo". In generale, una commissione etica esaminerà gli accordi della Trump Organization. Da notare che Trump, in quanto presidente, non è soggetto alle stesse leggi sui conflitti di interessi degli altri dipendenti federali, ma ha volontariamente deciso di istituire il fondo per evitare accuse di conflitti di interessi.

Trump ha detto di aver "incontrato una serie di aziende" in un'ottica volta "a migliorare la produttività" del Paese. "Se qualcuno vuole spostare altrove la propria azienda a me non interessa, purché sia all'interno dei confini degli Stati Uniti". "Voglio essere chiaro: non succederà", ha detto, facendo riferimento alla possibilità che aziende americane spostino la produzione all'estero e poi rivendano i prodotti negli Stati Uniti. "Saranno imposti dazi all'ingresso molto salati per quelle società che intendono andarsene e farla franca", ha precisato.

Al presidente eletto è stato poi chiesto della sua dichiarazione dei redditi. "Non la pubblico perché è ancora sottoposta a verifica. Le uniche persone a cui interessi la mia dichiarazione dei redditi sono i giornalisti. Ho vinto. Sono diventato presidente. Non saprete molto - ha detto - dalla mia dichiarazione dei redditi".

Altri argomenti toccati, l'Obamacare e il muro con il Messico. La riforma sanitaria di Barack Obama è "un disastro, sta implodendo" e per questo "la abrogheremo e la sostituiremo, allo stesso tempo". "Sarete molto orgogliosi" di quello che faremo dopo per la salute dei cittadini.

"Il Messico pagherà per la costruzione del muro" al confine con gli Stati Uniti, "in qualche modo". "Sarà forse con un rimborso, o attraverso una tassa, vedremo" ha detto. "Lo costruiremo, non voglio aspettare [...] Il vicepresidente Mike Pence sta guidando gli sforzi per l'approvazione finale" dei fondi da parte del Congresso. Trump ha poi detto di amare il Messico. "Non ce l'ho con loro per quello che è successo, per aver approfittato degli Stati Uniti. Quello che dico è che non dobbiamo più permettere che accada".

Trump ha poi reso noto che la scelta per il nuovo giudice della Corte Suprema avverrà entro due settimane dall'inaugurazione del 20 gennaio. Al momento, Trump ha una lista di 20 persone tra cui scegliere il sostituto di Antonin Scalia, morto a febbraio. "Abbiamo un grande gruppo di persone, prenderò una decisione probabilmente entro due settimane dal 20 gennaio".

Non sono mancati i momenti di tensione con i giornalisti. "Tu sei una notizia falsa" ha urlato Trump, rifiutandosi di rispondere alle domande di un reporter della Cnn, Jim Acosta. Trump si sarebbe arrabbiato dopo la diffusione dei dossier russi sul suo conto, sostenendo che a pubblicarli sono stati BuzzFeed e Cnn; la tv americana sostiene invece di non aver messo in rete i documenti.

In conclusione, il presidente eletto ha detto che la Russia, la Cina e gli altri Paesi "avranno molto più rispetto degli Stati Uniti quando sarò presidente". "La Russia avrà molto più rispetto per il nostro Paese [...] Ma non è solo la Russia. Ventidue milioni di account sono stati hackerati dalla Cina. E questo perché non abbiamo difese". "Tutti i Paesi – ha concluso - ci rispetteranno molto di più".

Altri Servizi

Esplosione a NY, l'attentatore voleva vendicare attacchi contro l'Isis

Negli Stati Uniti da sette anni, il 27enne Akayed Ullah si è ispirato agli atti di terrorismo contro i mercati di Natale in Europa
AP

Irritabile. Arrabiato. Scontento. Viene descritto così il 27enne originario del Bangladesh che voleva farsi saltare in aria vicino a uno degli hub di trasporto più trafficati di New York City

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%
AP

I repubblicani della Camera e del Senato hanno raggiunto un accordo su un testo congiunto per la controversa riforma fiscale voluta dal presidente americano Donald Trump, che, tra le altre cose, riduce l'aliquota per le imprese dal 35 al 21%. A rendere possibile l'accordo, un testo da 500 pagine e 1.500 miliardi di dollari, è stato il via libera di due senatori che finora avevano espresso riserve, Marco Rubio e Bob Corker. Il testo prevede anche l'abolizione del cosiddetto "individual mandate", ovvero l'obbligo di assicurazione sanitaria per tutti previsto dall'Obamacare.

Diplomatica Usa contro Tillerson: "Mi dimetto e le suggerisco di fare lo stesso"

Elizabeth Shackelford: "Il nostro lavoro sminuito, lei non è un leader". Trump preferisce i militari ai diplomatici: al Pentagono la guida dei rapporti esteri, Tillerson criticato e messo ai margini
AP

Ha rassegnato le dimissioni e ha suggerito il segretario di Stato, Rex Tillerson, a seguire il suo esempio: Elizabeth Shackelford, apprezzata diplomatica e "astro nascente del dipartimento di Stato" (secondo la Cnn) ha inviato una lettera molto critica al suo capo, in cui ha scritto che, sotto la sua guida, l'influenza del dipartimento è notevolmente diminuita e il morale dello staff è crollato, anche per "la dolorosa mancanza di rispetto" mostrata dall'amministrazione Trump.

Lo chef Mario Batali accusato di molestie sessuali

Si prende una pausa dai suoi ristoranti e da Eataly USA. Abc gli toglie la conduzione di "The Chew". Food Network ha sospeso il rilancio della trasmissione "Molto Mario"
America24

Dopo Hollywood, la Silicon Valley e Capitol Hill anche il mondo della ristorazione è stato colpito dallo scandalo di molestie sessuali. Quattro donne hanno accusato Mario Batali, uno degli chef più celebri di New York; famoso per i suoi capelli rossi e le Crocs arancioni ai piedi, è il cuoco che ha cucinato l'ultima cena di stato alla Casa Bianca dell'era Obama, quella che aveva come ospite d'onore l'ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Ed è uno dei soci di minoranza di Eataly USA, la mecca americana del cibo Made in Italy. Al di fuori degli Stati Uniti, il nome del 51enne Batali non è associato a quello della controllante Eataly, gruppo italiano fondato da Oscar Farinetti (che ne è l'azionista di maggioranza). Il cuoco non ha mai ricoperto alcun ruolo operativo nella galassia Eataly.

Apple compra Shazam, la app per riconoscere le canzoni

Il valore della transazione non è stato svelato

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme: Apple acquista Shazam, la app per riconoscere le canzoni.

Elezioni in Alabama: vince il candidato democratico, sconfitta per Trump

Doug Jones ha avuto la meglio su Roy Moore, che aveva il sostegno del presidente Usa nonostante sia stato accusato di molestie sessuali. Al Senato la maggioranza del Gop si assottiglia
AP

In uno Stato fortemente repubblicano, l'Alabama, un candidato democratico ha vinto le elezioni speciali pensate per eleggere il senatore che andrà a sostituire al Congresso Usa il posto lasciato vuoto da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia. E' la prima volta dal 1992 che un democratico è stato eletto al Senato dallo Stato del Sud.

Usa Today attacca Trump: "Inadatto a pulire i bagni" di Obama

Ma anche a lucidare le scarpe di George W Bush. Per il quotidiano, il presidente ha un carattere "straordinariamente terribile" che ha fatto insinuazioni sessiste fuori luogo

Donald Trump si è sentito più volte dire che era inadatto alla presidenza degli Stati Uniti. Durante la campagna elettorale dello scorso anno, sia il presidente americano Barack Obama sia la candidata democratica alle elezioni Hillary Clinton lo avevano ripetuto in tutte le salse. Oltre un anno dopo la vittoria shock del miliardario di New York, è un quotidiano ampiamente diffuso in Usa a rispolverare quel concetto ma in termini decisamente pesanti.

iStock

Exxon Mobil cede al pressing degli investitori, che da tempo chiedono più trasparenza sugli effetti del cambiamento climatico e delle rispettive regolamentazioni sulle attività del colosso petrolifero americano.

Riforma fiscale: democratici chiedono al Gop posticipo del voto finale

Vogliono che si aspetti l'arrivo al Senato di Doug Jones, che ha vinto alle elezione speciali in Alabama

Forti di una inattesa vittoria alle elezioni speciali di ieri in Alabama, una duplice sconfitta per Donald Trump, i democratici premono affinché il voto finale sulla riforma fiscale messa a punto dai repubblicani che controllano il Congresso sia posticipato. La minoranza a Capitol Hill vuole che si aspetti l'insediamento di Doug Jones, il candidato democratico che ha sconfitto Roy Moore nel cosiddetto Yellowhammer State aggiudicandosi il seggio al Senato Usa lasciato libero da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia.