Trump 'apre' sul clima: "L'accordo di Parigi? Qualcosa potrebbe succedere"

Il presidente Usa in conferenza stampa con l'omologo francese, Macron. I due leader hanno discusso anche di terrorismo e commercio

"Qualcosa potrebbe succedere sull'accordo di Parigi, vedremo cosa succederà. Se succederà sarà fantastico. Altrimenti, andrà bene ugualmente". Cos" il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha risposto a una domanda sull'accordo sul clima di Parigi, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo francese, Emmanuel Macron, all'Eliseo, a Parigi, aprendo quindi a nuovi scenari, anche se non è chiaro quali potrebbero essere. Trump ha ribadito l'impegno degli Stati Uniti "a rimanere leader nella tutela dell'ambiente", ferme restando le divergenze con gli altri Paesi sulla strategia da seguire, come dimostrato dall'uscita degli Stati Uniti dall'accordo di Parigi. Poco prima, Macron aveva detto che lavorerà con Trump sul clima e che capisce le ragioni del presidente degli Stati Uniti, che vuole difendere l'occupazione e l'economia degli Stati Uniti. Parigi, ha detto Macron, resta "impegnata" nell'intesa di Parigi.

Per il resto, dopo aver iniziato il discorso ricordando che Stati Uniti e Francia sono "uniti per sempre dallo spirito della rivoluzione e dalla lotta per la libertà. La Francia è stato il nostro primo alleato", Trump ha parlato di terrorismo: "Affrontiamo nuove minacce da regimi malvagi e dai governi che li finanziano [...] Dobbiamo essere forti per difenderci dalle minacce che arrivano dall'esterno".

Gli Stati Uniti e la Francia "resteranno uniti contro i nemici dell'umanità", facendo fronte alla minaccia terroristica e combattendo regimi come quello in Corea del Nord, Siria e Iran, ha dichiarato Trump, che ha discusso di "misure per rafforzare la lotta contro il terrorismo" con Macron. Trump ha sottolineato che "le nazioni occidentali devono affrontare sfide" e lo faranno stando fianco a fianco, ferme restando le divergenze tra i vari Paesi. "Viviamo in un mondo complesso e dobbiamo tenerne conto" ha detto Trump. A proposito della liberazione di Mosul dall'Isis, ha detto: "Dobbiamo lavorare con l'Iraq per assicurare che la vittoria resti una vittoria, non come l'ultima volta".

Macron ha detto che la "destituzione di Bashar al-Assad non è un prerequisito" per le iniziative diplomatiche francesi a favore di una soluzione politica in Siria, ma ha tenuto a rimarcare che "non vogliamo che siano usate armi chimiche; in caso contrario, ci sarà rappresaglia diretta". Francia e Stati Uniti, ha proseguito, sono decise a perseguire "iniziative diplomatiche" per una "stabilità politica della Siria". "Vogliamo iniziare a creare un gruppo di contatto per intervenire in modo più efficace a sostegno delle Nazioni Unite, per poter costruire una roadmap politica dopo la guerra in Siria, dove sono indispensabili soluzioni politiche inclusive". Il gruppo di contatto comprenderà "i membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu e altre potenze regionali interessate dal conflitto, e ovviamente ci saranno i rappresentanti di Assad e quelli dell'opposizione".

Su Libia e Sahel c'è una "determinazione comune" a favore della stabilità, ha proseguito Macron, riferendo di una "visione congiunta e di una volontà di agire in modo chiaro per lottare contro le forme di destabilizzazione". In Libia, ha aggiunto Macron, "spero di portare avanti iniziative diplomatiche forti per la stabilità".

Poi, si è parlato di commercio: "Non siamo diventati grandi attraverso la regolamentazione" ha detto Trump, appoggiando la richiesta di Macron di avere "meno burocrazia". "Dobbiamo ottenere accordi commerciali reciproci e giusti" ha detto Trump.

Non poteva poi mancare la domanda sul Russiagate (ammesse solo quattro domande, dopo i discorsi dei due leader). Donald Trump Jr. è "un uomo fantastico", secondo il presidente statunitense. A proposito dell'incontro del figlio con un'avvocata russa, Natalia Veselnitskaya, ha detto che si è trattato di un incontro per ricevere informazioni e che la maggior parte delle persone vi avrebbe partecipato, confermando quindi quanto già detto sull'argomento. Trump ha poi detto che il figlio ha parlato con l'avvocata russa di adozioni e che la stampa ha costruito un caso sul nulla. "È un grande e giovane uomo, è una brava persona [...] Nulla è venuto fuori dall'incontro" ha aggiunto. Trump ha poi accusato l'amministrazione Obama, che ha permesso all'avvocata russa di essere negli Stati Uniti con un permesso speciale, come emerso oggi da un articolo di The Hill.

Infine, una domanda sui rapporti con la Cina. Il presidente cinese, Xi Jinping, è "un grande uomo", secondo Trump, ma Pechino "potrebbe fare di più" sulla Corea del Nord, che rappresenta una minaccia con i suoi propositi nucleari. Per quanto riguarda invece le questioni commerciali, Trump ha spiegato di "essere al lavoro su accordi commerciali con la Cina".

Altri Servizi

Congresso americano, raggiunto accordo su nuove sanzioni alla Russia

Si profila uno scontro con Trump la cui volontà è invece quella di incrementare le relazioni diplomatiche con Mosca
Ap

Continua il braccio di ferro tra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il Congresso americano. Al termine della settimana in cui la nuova amministrazione ha festeggiato i sei mesi di carica, Capitol Hill ha raggiunto un accordo bipartisan che rischia di portare allo scontro definitivo con il tycoon newyorchese.

Cinema, morto John Heard, il papà di "Mamma ho perso l’aereo"

L’attore 71enne è stato trovato in una stanza d’albergo a Palo Alto, in California

John Heard, attore americano noto soprattutto per aver interpretato il ruolo di Peter McCallister nella serie di film "Mammo ho perso l’aereo", è stato trovato morto in una stanza d’albergo di Palo Alto, in California. Heard, 71 anni, si stava riprendendo da un intervento chirurgico alla schiena al quale si era sottoposto pochi giorni fa allo Stanford University Medical Center, ospedale a pochi chilometri dallo stesso albergo dove è stato trovato.

Texas, dramma immigrazione. Trovati otto corpi in un camion

Tra i cadaveri anche quelli di due bambini. I corpi sono stati scoperti in un rimorchio fermo nel parcheggio del grande magazzino Walmart di San Antonio. Delle altre 30 persone, 20 sono in pericolo di vita

Otto persone, tra cui due bambini, sono state trovate morte all’interno del rimorchio di un camion parcheggiato nei pressi di un Walmart di San Antonio in Texas. Il bilancio, per ora provvisorio, di questo dramma dell’immigrazione clandestina conta altre 30 persone, di cui 20 in gravissime condizioni immediatamente trasportate negli ospedali della zona.

Simona Ferrari, dalla tv italiana ai documentari a New York: "Qui ci sono molte più opportunità"

Intervista con la regista e video editor di Milano, che ora vive a Brooklyn e lavora ad Harlem

Si potrebbe pensare che i cunicoli sotterranei di Parigi e la montagna El Capitan nel parco Yosemite in California in comune non abbiano niente. Si potrebbe, ma sarebbe un pensiero sbagliato, perché a legare questi due luoghi così diversi c’è una donna italiana di quarantun anni che vive a Brooklyn: Simona Ferrari.

Il primato di Trump: il consenso per un presidente Usa mai così basso nei primi 6 mesi

Il tasso di approvazione per il 45esimo presidente sceso fino al 35 per cento. Obama, Clinton e Ford non hanno mai raggiunto un livello così basso durante la loro permanenza alla Casa Bianca

A sei mesi dal suo insediamento, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ottenuto un primato davvero poco invidiabile: nessun inquilino della Casa Bianca aveva mai ricevuto un tasso di approvazione basso come il suo, a questo punto del mandato presidenziale. Axios ha messo in risalto anche altri due aspetti che dovrebbero far preoccupare il 45esimo presidente:

Sessions e l'ambasciatore russo parlarono di campagna elettorale e dei rapporti Usa-Russia

Lo scrive il Washington Post, citando intercettazioni d'intelligence basate sul resoconto di Kislyak ai suoi superiori. Trump: "Un'altra illegale fuga di notizie", questa volta sul segretario alla Giustizia, che avrebbe quindi mentito
Ap

L'ambasciatore russo a Washington ha detto ai suoi superiori a Mosca di aver discusso di temi riguardanti la campagna elettorale statunitense, compresi quelli di interesse russo, con Jeff Sessions, allora senatore repubblicano e membro dello staff di Donald Trump, oggi segretario alla Giustizia, nei loro colloqui durante la corsa presidenziale. Il nuovo scoop che fa gridare Trump, ancora una volta, contro le "fughe di notizie illegali", è del Washington Post, che cita fonti dell'ex e dell'attuale amministrazione statunitense.

Il messaggio degli Usa alla Cina: giù le mani dalle nostre aziende

La commissione sugli investimenti stranieri sta rallentando o bloccando vari takeover, preoccupata per gli effetti sulla sicurezza nazionale
AP

Gli Stati Uniti stanno rafforzando i controlli sugli accordi che trasferirebbero la proprietà di aziende nazionali a società cinesi, mettendo in dubbio il buon esito di takeover di alto profilo. La commissione sugli investimenti stranieri negli Stati Uniti (Cfius) avrebbe dichiarato che ci sono ostacoli significativi alla conclusione positiva dell'acquisto di MoneyGram International, società di pagamenti con base a Dallas, da parte di Ant Financial Services Group, controllata dal miliardario cinese Jack Ma, cofondatore di Alibaba Group, per 1,2 miliardi di dollari. A riferirlo sono alcune fonti del Wall Street Journal.

Russiagate, Trump Jr. e Manafort testimonieranno a porte chiuse

Accordo con la commissione Giustizia del Senato per un'udienza non aperta al pubblico. Nei prossimi giorni, anche Kushner atteso in Congresso, sempre in merito alle indagini sulle possibili collusioni con la Russia
AP

Il figlio del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump Jr., e l'ex manager della campagna elettorale, Paul Manafort, hanno raggiunto un accordo con la commissione Giustizia del Senato per testimoniare, la prossima settimana, a porte chiuse, prima di un'eventuale udienza pubblica. La testimonianza verterà sui presunti rapporti tra lo staff di Trump e le autorità russe, su cui sono in corso le indagini, e in particolar modo sull'ormai famoso incontro alla Trump Tower, nel giugno 2016, con alcuni cittadini russi con presunti legami con il Cremlino e l'intelligence russa.

Trump recluta un finanziere come direttore della comunicazione, il portavoce lascia

Il presidente Usa ha voluto Anthony Scaramucci, scelta fortemente criticata da Sean Spicer: un "onore" lavorare per il presidente e questo "Paese fantastico"

C'è tensione alla Casa Bianca, dove il presidente Donald Trump è sempre più frustrato su come il suo team ha gestito l'intensificarsi del Russiagate, l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali dello scorso novembre e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e funzionari russi. Nel giorno in cui è stata ufficializzata la nomina del nuovo direttore della comunicazione, un altro ex Goldman Sachs, il portavoce dell'amministrazione Trump ha lasciato. Dopo le indiscrezioni di stampa, è stato lo stesso Sean Spicer ha comunicare il suo addio su Twitter. 

Calcio: la lega italiana in roadshow fa tappa a New York

Presente anche James Pallotta, presidente della Roma: per lui "è questione di settimane per l’ok al nuovo stadio". Totti? Sarà parte della squadra "per sempre"

La lega calcio Serie A ha fatto tappa a New York nel suo roadshow. Si tratta di un’iniziativa pensata insieme all'advisor Infront Sports & Media (una controllata della conglomerata cinese Dalian Wanda Group), per incontrare i principali stakeholder e per spiegare le innovazioni stilistiche, editoriali e tecnologiche del massimo campionato italiano di calcio. Allo stesso modo, il roadshow rappresenta soprattutto un’occasione per gettare le basi in vista del lancio dell'asta dei diritti internazionali per il biennio 2018-2020. In questo caso, la principale novità è che non saranno più venduti in un solo pacchetto a un’unica agenzia nel mondo, ma saranno suddivisi a seconda dei paesi e delle aree di interesse.